Alcune considerazioni sul circuito del Vamo V2 e misurazioni sul suo circuito 3


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 11367 volte.

In questi ultimi 5 giorni ho usato massivamente la mia Vamo Box, sempre a passeggio, utilizzando le NCR verdi da 3100 mah e le AW 18350 IMR usate in serie.

Mi sono accorto che, purtroppo, con due 18350 effettivamente spinge di più.

Dico purtroppo perché era mia intenzione sfruttarla per usare una sola batteria dato che ho diverse NCR verdi e per il mio tipo di svapo forse il circuito alla lunga è un pò “corto”, nel senso che gli manca un qualcosa per essere perfetto. Problema che con due 18350 non sussiste.
E’ vero anche il fatto che io HO usato le NCR e, probabilmente, con 1 AW 18650 seria da 2000 mah forse rende bene lo stesso, è da provare.

In particolare se l’atom è da 2 ohm la singola batteria riesce a soddisfare, ma se l’atom è da 2.3-2.4 ohm in sù nel mio caso servono per forza di cose 2×18350.

Però a conti fatti considerando che tutto il BB costa solo 40 € diciamo che il circuito vale quel che costa.
Se poi uno non è esigente e svapa bene sui 10w allora il circuito è perfetto.

Riguardo la costanza di utilizzo, con 2×18350 non si avvertono cali, io sia con 2×18350 che con 1×18650 svapavo circa 4 ml (cioè fin dove lo squonk è efficace) e poi cambiavo, ma con le 18650 forse nell’andare in avanti, dopo i 3 ml, un leggero calo di avverte, niente di grave, ma si avverte.

Anche con le modalità 1 e 2 (dove 2 è RMS) non mi è parso di constatare differenze sulla resa dello svapo, forse la modalità 1 nel complesso è un pelo + agressiva a parità di watt o voltaggio, ma mi riserve di valutare questo aspetto più avanti.

Comunque ho provato a fare delle misurazioni, cosi per scrupolo.
Mentre con la modalità RMS non riesco a misurare valori “intelligenti”, con la modalità 1 con il mio tester riesco a leggere bene i voltaggi in uscita sotto carico e quindi mi sono messo a fare due misure, tanto per fare.
Ci tengo a precisare che non dispongo di attrezzi professionali e per assurdo le mie misure potrebbero lasciare il tempo che trovano.
Devo però dire che i numeri hanno un pò confermato i miei sospetti, ossia che 2×18350 fanno spingere il circuito in miglior modo e posso cosi anche svapare bene con atom da 2.5 ohm in più.

Queste misure sono infatti fatte con il medesimo atom, da 2.8 ohm.

Nei valori sotto:
valore impostato (o in watt, o in volts) > valore misurato con tester e atom sotto carico

2×18350 AW IMR – batterie cariche al 100% (8,3v)
modalità 1:
12w > 5.6 volts (11.2 watt effettivi)
5.6v > 5.6 volts

2×18350 AW IMR – batterie un pò scariche (7,4v)
modalità 1:
12w > 5.6 volts (11.2 watt effettivi)
5.6v > 5.6 volts
13w > 5.8 volts (12 watt effettivi)
14w > 6.1 volts (13.2 watt effettivi)
15w > 6.4 volts (14.6 watt effettivi)

1×18350 AW IMR – batteria carica al 100% (4.2v)
modalità 1:
12w > 5.4 volts (10.4 watt effettivi)
13w > 5.4 volts
5.6v > 5.4 volts

1×18350 AW IMR – batteria un pò scarica (3.7v)
modalità 1:
12w > 4.9 volts (8.5 watt effettivi)
5.6v > 5.1 volts
13w > 4.9 volts

1×18650 NCR verde 3100 mah – batteria carica al 100% (4.2v)
modalità 1:
12w > 5.4 volts (10.4 watt effettivi)
13w > 5.6 volts (11.2 watt effettivi)
14w > 5.6 volts
15w > 5.6 volts
5.6v > 5.6 volts

Più avanti se avrò tempo e voglia rifarò le misurazioni con un atom da 2.0 ohm, per avere conferma che i 12w circa si fanno bene con atom di questo valore resistivo.

Edit.

Ho appena fatto delle misurazioni con atom da 1.7 ohm.

1×18650 NCR verde 3100 mah – batteria carica al 100% (4.2v)
modalità 1:
12w > 4.5 volts (11.9 watt effettivi)
13w > 4.7 volts (12.9 watt effettivi)
14w > 4.8 volts (13.5 watt effettivi)
15w > 4.8 volts

1×18650 NCR verde 3100 mah – batteria a 3.8v
modalità 1:
12w > 4.5 volts (11.9 watt effettivi)
13w > 4.5 volts (11.9 watt effettivi)

Come si vede a batteria carica spinge bene, poi man mano che si scarica la potenza massima erogabile … cala 🙂


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


3 commenti su “Alcune considerazioni sul circuito del Vamo V2 e misurazioni sul suo circuito

  • Avatar
    contegeorge

    in ogni caso mi paiono valori dignitosi ed accettabili e comunque pare sia un circuito nettamente superiore a quello montato sul lavatube (V1 o V2 che sia).

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Sicuramente lo è 🙂
      Però devo anche dire che il lava V2 non l’ho mai provato 🙂

      Diciamo che con una singola 18650 in modalità 1 spinge abbastanza, ma non è costante, dopo 3 ml cala.
      Mentre con 2×18350 in modalità 2 è costante e notevole e ti fa superare i 4 ml di autonomia.
      Con 2×18350 in modalità 1 è fin troppo rabbioso e cattivo !

I commenti sono chiusi.