AW vs IMR Efest: 10 a zero (l’importanza delle batterie) 8


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 9391 volte.

Nei giorni scorsi ho avuto modo di fare un bel confrondo diretto tra batterie AW18350 e IMR18350 (marchiate efest come da foto sotto) nella mia boxmod spinta dal circuito deswadj3.

A dire il vero non era mia intenzione fare alcun confronto, mi sono semplicemente limitato ad usare le IMR al posto delle AW senza dare alcun peso alle prestazioni che sarebbero potute essere diverse.

Ed invece è iniziato una specie di calvario a cui apparentemente non riuscivo a dare spiegazione.

Nonostante il voltaggio impostato e l’effettivo sotto carico fosse il medesimo, a parità di atom con le IMR c’era qualcosa che non andava.
Le prestazioni erano diverse, il friggere stesso dell’atom era diverso, diciamo più “moscio” e sbiadito.

E aumentando il voltaggio le cose non miglioravano, assolutamente. Anzi andavo verso un bruciacchiato nella resa.

Onestamente nella mia ignoranza credevo che con un circuito di mezzo alla fine fosse lui a dosare ampere e voltaggio e alla fine giungesse lo stesso output all’atom ma non è cosi purtroppo.

Rimessa dentro una coppia di AW ecco che la box torna a spingere come dovrebbe, con una resa appagante e soddisfacente.

Evidentemente il deswadj3 vuole solo batterie serie per funzionare bene, premesso che nell’altra box con 2×18650 NCR non ho mai avuto questo tipo di problemi, ma si parla di altri amperaggi in ingresso.

A conferma di quanto scritto ho provato a ripetere l’esperimento nel Vinci con atom appositamente creato da 3.8 ohm e batterie cariche al 100% e la differenza, ahimé, è fin troppo evidente.
Le AW ti spaccano la gola, le IMR (almeno le 3 coppie che ho io, marchiate efest)

Quindi anche se costano la metà (le Efest) le sconsiglio vivamente !

Come durata non ho riscontrato differenze importanti, ma è proprio la resa che è diversa.

Le proverò anche sul Provari, per verificare se anche il circuito del miglior BB elettronico in circolazione soffre con queste Efest oppure se l’elettronica in questo caso restituisce un output decente.

Le AW:

Le IMR Efest:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


8 commenti su “AW vs IMR Efest: 10 a zero (l’importanza delle batterie)

  • Avatar
    2slow4u

    Michele, la qualita’ della batteria e’ importantissima anche quando c’e’ un elettronica di mezzo.
    Lo spunto e la capacita’ di erogazione per quanto possibile “costante”, sono caratteristiche su cui l’elettronica conta, se vengono meno, il risultato sara’ inevitabilmente deludente.
    L’elettronica, se ben fatta, puo’ metterci una pezza, ma fino a un certo punto, perche’ questa puo’ solo lavorare sul fronte “regolazione”, ma il vero “current source” resta la batteria.
    E piu’ questa si avvicina al modello teorico ideale, meglio e’.

  • Avatar
    spiid76

    salve ,, ho comprato una aw 18350 rossa per il mio zmax telescopico
    la posso caricare con il carica batteria standard che mi e’ stato dato con il BB ??
    quanto deve segnare nello schermino dello zmax prima di toglierla??
    ho capito che non e’ protetta quindi quando sul caricabatteria si accende la luce verde la devo togliere subito??? altrimenti che succede la terza guerra mondiale???LOL??
    oggi appena arrivata lo messa senza caricarla segnava 3,7 dopo un po lo schermo dello zmax si e’ spento ,ma funzionava lo stesso ,comunque lo tolta e ora e’ sotto carica ,
    grazie sempre e’ scusate le troppe domande

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      nei charger sarebbe bene non lasciarle a nottate 🙂
      se ce la lasci un’ora non muore nessuno, tutta la notte se non è un charger serio io non ce la lascerei.

      E cmq puoi caricarla con quel charger che hai, nessun problema 🙂

  • Avatar
    spiid76

    perfetto grazie ,,quanto deve segnare sullo schermo del BB prima di toglierla ?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Il tuo bb protegge le batterie, quando sono scariche te lo dice 🙂
      Quindi non preoccuparti.
      Cmq sotto ai 3.0v non si deve mai andare ma vedrai che stacca prima.

I commenti sono chiusi.