La batteria ha fatto Boom !!! La Legge di Ohm e gli ampere: misurazioni reali e piccolo video. 45


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 68677 volte.

Patrick-V-Vapor-Digest-Debris

Nei giorni scorsi durante una manifestazione di vapers (VapeBlast 2.0 Expo) che facevano una sorta di gara di produzione di vapore è esploso un big battery ma, per fortuna, non si è fatto male nessuno.

Qua trovate qualche informazione e altre fotografie.

Le notizie sono un pò frammentate e da quello che ho capito anche grazie alle notizie riportate nei vari forum sembra che:
– il tizio stesse usando come BB un Copper Mutant 26650 clone con un tasto modificato da lui;
– il tizio stesse usando una batteria di scarsa qualità (cinese) o comunque non ICR e quindi non idonea per il sub-ohm;
(questa l’aggiungo io)
– il tizio stesse cercando di emulare i filippini che si vedono sul tubo senza avere la minima idea dei rischi che stava correndo senza conoscere a fondo ciò che stava facendo.

Non sò se sia vero o meno che ci fosse di mezzo un clone ma di sicuro se la cosa verrà confermata sarà una bella scusa per puntare il dito contro i cloni mettendo da parte il vero colpevole, ossia la stupidità che solo l’ignoranza può causare.

Usare un tubo 26650 (ventiseiseiecinquanta, mica micio micio bao bao !) con una batteria low cost cinese è un pò come comprare una Ferrari e metterci l’impianto a metano con un serbatoio in plastica. E’ da idioti. Anzi, da pezzenti.

Sulle batterie, cari lettori, non si scherza. Non si deve scherzare sulle batterie dei nostri device perché ne va della nostra sicurezza.
E non ci si deve scherzare soprattutto quando si va a lavorare, in meccanico, su resistenze molto basse.

Perchè ?

Perché quando si lavora con resistenze molto basse aumenta essenzialmente la richiesta di corrente alla batteria.
Se la batteria è buona ed è in grado di darci la corrente che chiediamo nessun problema ma se, per assurdo, non ci riesce e non è protetta surriscalda. Con le conseguenze del caso.
Quasi tutte le batterie con amperaggi di scarica “elevati” NON sono protette proprio perché possano dare la massima potenza e quindi se la batteria non è protetta dobbiamo tutelarci con il nostro know how per evitare di farci del male.

Facciamo un esempio concreto, scomodiamo il signor Ohm e la sua mitica legge: I = V / R
La corrente è uguale al voltaggio (sotto carico) diviso la resistenza.

Facciamo alcuni esempi:

1) big battery meccanico con 18650 e atom con resistenza da 1.5 ohm.
A batteria carica riesco ad ottenere circa 3.9v effettivi sotto carico avrò: I = 3.9 / 1.5 = 2.5 ampere circa (10w circa).

2) big battery meccanico con 18650 e atom con resistenza da 1.0 ohm.
A batteria carica che riesco ad ottenere circa 3.8v effettivi sotto carico avrò: I = 3.8 / 1.0 = 3.8 ampere circa (14w circa).

3) big battery meccanico con 18650 e atom con resistenza da 0.50 ohm.
A batteria carica che riesco ad ottenere circa 3.5v effettivi sotto carico avrò: I = 3.5 / 0.5 = 7 ampere circa (24w circa).

4) big battery meccanico con 18650 e atom con resistenza da 0.30 ohm.
A batteria carica che riesco ad ottenere circa 3.4v effettivi sotto carico avrò: I = 3.4 / 0.30 = 12 ampere circa (40w circa).

5) big battery meccanico con 18650 e atom con resistenza da 0.15 ohm.
A batteria carica che riesco ad ottenere circa 3.2v effettivi sotto carico avrò: I = 3.2 / 0.15 = 22 ampere circa (65w circa).

I watt, ricordo, si calcolano con la formula: W = V x V / R. Chiaramente volts sotto carico, effettivi (NON TEORICI !).
I volts indicati nei 5 casi sotto carico sono frutto di misurazioni reali, eseguite con Atmizoo LAB.

Come vedete sopra più si cala con la resistenza e chiaramente più si cala con i volts effettivi sotto carico ma allo stesso tempo cresce, in maniera direi esponenziale, la richiesta di ampere alla batteria.

I volts sotto carico effettivi dipendono, essenzialmente, da quando è in ordine il nostro BB, dalla qualità dei contatti e non per ultimo dalla batteria che stiamo usando.

Come facciamo a calcolare quanti ampere la nostra batteria è in grado di offrirci ?

E’ molto semplice.
Ogni produttore serio (aw, sony, panasonic, samsung) ha online delle belle schede tecniche dove è possibile leggere il “discarge rate” della batteria stessa.
Conoscendo il discarge rate (il fattore C) e conoscendo l’amperaggio della batteria è possibile calcolarsi da soli gli Ampere massimi di scarica.
Ma se questo non fosse possibile, i produttori seri comunque specificano due valori, solitamente:
– la corrente massima di scarica continua (oltre al discarge rate);
– la corrente massima di scarica per TOT secondi.

Se prendiamo per esempio le CGR18650CH 4C 2250 mah allora per queste batterie la corrente di scarica massima è 9 ampere, dato da 2250 x 4.
Questo è il calcolo teorico di riferimento, molto semplice direi !

In pratica una CGR18650CH 4C 2250 mah sarebbe possibile usarla in sicurezza nei casi 1, 2 e 3 ma sarebbe rischioso usarle nel caso 4. Sarebbe da pazzi usarle nel caso 5.

Se invece prendiamo una Samsung INR1865025R 10C 2500 mah dunque avremo 25 Ampere di scarica massima, potremmo usarla con sicurezza anche nel caso 4 ma saremmo comunque troppo vicini al limite nel caso 5.

Ora qualcuno dirà: 0.125 ohm ?!?!?!?
Beh si, se guardate in giro scoprirete che in diversi si dilettano con queste resistenze che nascono da triple o quadruple coils ovviamente.

Non si sa bene il nostro collega vaper kamikaze quale batteria possa aver utilizzato però se prendiamo di riferimento queste di Fasttech.net possiamo notare dalle specifiche:
– 20C
– 3400 mah
– 68A di scarica.

Insomma queste batterie hanno un limite bello alto.

Ma purtroppo le 26650 le vendono anche da 8000A o 10000A e spesso non essendo IMR ed essendo fatte per torce LED sono semplicemente 1C e quindi danno 8A o 10A al massimo in scarica. Se il tipo ha preso una di queste e l’ha messa in una situazione tipo la 5 dunque potremmo dire che mal voluto non è mai troppo.

E’ vero, diciamocelo, che tutti questi youtuber fanno campagna di sensibilizzazione ma purtroppo, e questa è solo la mia opinione, credo che in tanti sottovalutano la reale pericolosità delle batterie e per questo ho deciso di scrivere questo articolo, arricchendolo con qualche informazione che possa aiutare chiunque a farsi un paio di calcoli giusto per capire se siete in sicurezza oppure no.

Concludo quest’articolo con alcuni consigli:
– usate solo batterie di comprovata qualità acquistate solo presso shop autorizzati: lasciate perdere, per le batterie, ebay, fasttech, alibaba e menate varie (la vita è la vostra);
– lasciate perdere il sub-ohm estremo: una resistenza in sub-ohm da 0.7 ohm è ampiamente più che sufficiente per produrre nuvole di vapore e per pratica uno svapo piuttosto performante;
– tenete i vostri tubi sempre in ordine: non disdegnate mai uno smontaggio completo ogni tanto mirato a constatare lo stato di usura delle varie parti;
– preferite BB con molla: perché la molla in caso di corto si ritrae e vi para il culetto, i magneti no;
– prima di avviare il vostro atomizzatore sopra ad un bb meccanico abbiate sempre la premura di pre-testarlo (specialmente le prime volte che non lo conoscete) in un sistema elettronico perché l’elettronica rileva i corti e vi salva la molla del BB. A tal proposito ricordo che il mio Ithaka originale di Imeo (il famoso modder greco) era in corto circuito appena comprato a causa di una bava (vedi articolo relativo con foto) nel pin;
– se usate dei cloni, che siano dei cloni fatti bene: magari prima di usarli smontateli bene, verificare che il pulsante ritorna bene e tutte queste robe;
– ma soprattutto, sappiate quello che state facendo: ponetevi delle domande e cercate di capire se in quella specifica situazioni siete “padroni” e comandate oppure se vi state avventurando in qualcosa che non vi è completamente chiaro;
– non improvvisate mod (modifiche) nei vostri big battery: lasciateli come sono, se non vi piacciono … rivendeteli;
– se durante l’utilizzo sentite che il BB scalda troppo (che scaldi un pelo è assolutamente normale) fermatevi !

Perché vedete …
se fate un corto circuito in un kayfun e lo montate sopra un Provari lui vi da E8 e finisce li.
se fate un corto circuito in un kayfun e lo montate sopra ad un bb meccanico e vi si attiva in tasca potrebbe anche finire male per la vostra coscia.

Non volendo vi ho dato un altro consiglio spassionato: mai mettere i nostri device meccanici nelle tasche dei pantaloni.
E’ un ulteriore prevenzione: prevenire, anche grazie alla conoscenza, è meglio che curare.

Aggiornamento del 22/08/2014

Ho aggiornato le misurazioni dei punti 4) e 5).
Adesso sono tutte misurazioni reali. Devo dire che avevo stimato valori molto vero-simili.
In pratica ho fatto 2 resistenze, una di circa 0.30-0.35 ohm, l’altra circa di 0.15-0.20 ohm. Misurazioni di resistenza fatte prima e dopo la prova, per vedere se cambiava e siccome ballava in questo range ve l’ho segnalato.

Piccolo video:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


45 commenti su “La batteria ha fatto Boom !!! La Legge di Ohm e gli ampere: misurazioni reali e piccolo video.

  • Patybello

    Articolo molto interessante e soprattutto esaustivo, bravo Michele. Hai praticamente elencato tutti i motivi per la quale io con i meccanici non sono mai andato d’accordo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sulla carta si, staccano se superi i 7A quindi dovrebbero tutelarti.

      • esigice

        Allora vai con i fusibili, si sa mai, anche se con gli ohm sto sempre abbastanza alto

  • su-iddanoesu

    E’ una vita che la penso allo stesso modo, ma ormai si e’ scatenata una gara a chi fa i nuvoloni piu’ voluminosi grazie alle informazioni errate di troppi professorini che da tre giorni e mezzo svapano…. Speriamo che si torni al puro piacere di svapare e basta, ma ne dubito.

  • gandalf2000

    Bellissimo articolo Miché. A me interesserebbe approfondire il discorso della tensione effettiva. I valori che hai ipotizzato nei 5 casi sono più o meno reali? A batteria pienamente carica e a pari condizioni del BB? Insomma perche questa differenza di tensione nei 5 esempi, solo a causa della minore resistenza? Scusa se la domanda va oltre al messaggio che giustamente vuoi lanciare con questo articolo, solo mi rendo conto che ne so ancora poco e mi pareva il caso di approfondire se ti va.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Fino a 0.5 ohm sono valori reali che, decimo di volt in +, decimo di volt in -, ho avuto modo di misurare via via nel tempo facendo delle prove.
      Ho considerato però valori mediani, perché non tutti i BB rendono in modo identico sotto carico.

      Mentre per la 0.250 e la 0.125 ho stimato ma almeno la 0.250 sarei curioso di misurarla ma non credo si vada troppo lontano, anzi forse potrei essere stato troppo generoso.

  • pico

    Ciao Michele,
    volendo sintetizzare in estremo…possiamo dire che “soprattutto se usiamo BB meccanici ..stiamo attenti a non far scaldare troppo le batterie” ?

    Ti dico questo perchè uso esclusivamente un meccanico (epipe Limelights)…con batterie 18350 o AW o Efest Purple…con resistenza intorno a 1-1.2 ohm….(su igo-s o a7 mini)
    …ogni tanto, quando la sfrutto un pò di più, sento la batteria “tiepida”…ed in quel caso mi fermo un’attimo per farla riprendere (magari anche sfilandola dalla pipa).

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si, è giusto stare attenti alla temp delle batterie, senza dubbio ! 🙂

  • Stefano M.

    Ciao Michele, bell’articolo….io ho lavorato per molti anni con batterie ricaricabili, passando dalle Ni-Cd alle Ni-Mh per poi arrivare alle Li-Ion e Li-Po e per finire alle LiFePO4 che sono le celle usate anche per trazione elettrica, queste ultime sono molto sicure anche perchè sono celle che non esplodono anche se vanno in corto.
    Per la mia esperienza ti posso dire, come hai affermato te, che le celle di qualità difficilmente esplodono anche perchè hanno dei sistemi di sicurezza (piccole valvole di sfiato normalmente sul polo positivo) che evitano l’esplosione, per questo posso affermare che dobbiamo usare batterie di qualità ( Panasonic, Samsung ecc.) e controllare sempre, COSA IMPORTANTISSIMA, che ci siano presenti i fori di areazione sul BB..
    Con questo voglio dire anche di non fossilizzarci troppo su queste sporadiche esplosioni, ricordando che sono successe anche su telefonini, I-pad, ecc. e di considerare che su migliaia di celle vendute possono esserci delle celle difettose.

    Saluti

    Stefano M.

  • Svappatore
    Svappatore

    ottima guida !
    Michele una resistenza fatta male ,e che non fa bene contantatto con i vari poli puo causare problemi alla batteria, tipo esplosioni ecc?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      In linea di massima no.
      Chiaramente se dovesse causare un corto circuito il discorso è ben diverso !

  • ROBY289

    Ottime argomentazioni Michele , più chiaro di cosí…..
    La nostra sicurezza è primaria rispetto ha sperimentazioni di sub ohm che penso siano inutili per la qualità dello svago.

  • leomars71

    Ciao Michele ti faccio i complimenti per i tuoi post che sono molto esaustivi nella descrizione di un qualsiasi argomento che interessa la sigaretta elettronica, detto questo , ti volevo chiedere un consiglio su l’acquisto delle batterie per una Katomod Meccanica con batteria 18500; tieni presente che userò resistenze 1/1,5 ohm. Io avevo pensato di acquistare le panasonic 18500 2000mah 2C/4A di scarica continua ma sinceramente sono un po’ care. Tu cosa mi consiglieresti in alternativa?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Le NCR non vanno bene in uso meccanico purtroppo 🙁

      Ti suggerisco le Efest Purple, ottimo rapporto qualità prezzo o se hai da spendere le solite AW (ma originali).

  • tritex

    Ciao Michele,
    sono iscritto al blog da qualche mese, ma e’ tanto che seguo le tue recenzioni anche su Youtube, prima di tutto ti faccio i miei complimenti per il Blog che risulta essere preciso e di facile navigazione e porta tanta chiarezza su argomenti a volte ostici sulle E-cig.
    Ebbene andiamo al dunque sempre per restare in tema di …esplosioni…..
    Quanto rischi sto correndo io che ho levato il circuito di protezione ad una Efest (protetta) per farcela entrare nel tubo del Smoktech SID?
    Scusa l’ignoranza posseggo questo tipo di Big Battery da solo un mese,sono sempre andato avanti di Ego!Da quello che ho letto in giro per la rete con una Big Battery elettronica si e’ parzialmente coperti da rischi…..o sto rischiando???

    P.S.
    Ora ho capito perché la farmacista di Tressa (quella mora con gli occhiali) non si e’ meravigliata piu’ di tanto quando gli ho chiesto Glicole e Glicerolo sapeva gia’ a che mi serviva!…..ci eri gia’ passato tu!
    Anch’io abito a Tressa.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Tritex, guarda io il circuito di protezione non lo rimuoverei dalla batteria perché se fatto bene in teoria non corri nessun rischio ma se fatto male potresti comunque comprometterla. Insomma è una cosa che in genere si sconsiglia di fare ma che poi gli smanettoni fanno comunque.
      Chiaramente con un BB elettronico in caso di corti o roba del genere l’elettronica ti protegge, ma fino ad un certo punto però perché se ti va in corto il tubo è vero che il circuito non eroga però c’è pur sempre una remota possibilità che il tutto possa surriscaldare pericolosamente.
      Insomma per 5-6 € di batteria io non rischierei.

      P.S. Ue compaesano !!! La mora mi conosce per le siringhe eheheh !

  • tritex

    sicuramente siringhe con aghi molto grossi…..

    per quanto riguarda le batterie le ho gia’ ordinate…..quella la spedisco alla stazione ecologica di Monteroni insieme ad altre batterie ….

  • lucareale

    mi trovo in viaggio ed ho dimenticato tutta la borsetta con i ricambi …… :O Geeeeeenio …. Giro nel pomeriggio mezza Bologna e trovo solo i caaasso di franchising aperti e desolati !!!
    quindi pur di non uscire domattina a comprare tobacco che ormai neanche mi sfizia più mi trovo a dover rigenerare questa universal coil della Kanger con il famigerato e mai provato cotone (biologico degli amici integralisti che mi ospitano) …

    apri e pulisci perdendo di misura il filo resistivo sono scesi gli ohm mi trovo ad aver rigenerato con risultato di 1.4 ed ho con me l mvp che è 2600mAh (corrente massima in uscita 3A) , calcolando dovrei trovarmi in sicurezza limite . imposto i 10W tenendo i 3.9V o sto facendo una stupidata ?

    scrivo più che altro per non sentirmi solo nel volermi rasicurare 😀 😀 😀
    Ti ringrazio dell’ articolo che è andato a pennello per questo caso essendo ancora alle “prime” armi .
    saluti Luca

    p.s.: non trovo chissà che meraviglia nel degustare l aroma con il cotone, meno hit e meno aroma . per ciò che leggevo sembrava chissà che doveva essere .

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      No dai se la resistenza si irrora bene non rischi nulla, senti comunque bene se non pesca, il cotone è molto progressivo, non stecca all’improvviso.
      Il cotone è solo comodo, non pensare, infatti, che sia migliore della wick nella sua resa.

      • lucareale

        ti ringrazio della immediata risposta. continuavo a logorare i tuoi video!! gran lavoro di appassionato davvero .

        io soprattutto mi facevo problemi riguardo ad ohm, amper volt e watt 🙂
        di questa sicurezza soprattutto .

        al momento mi interessa poter continuare a svapare fino a martedì senza troppi problemi !

          • lucareale

            non si finisce mai di ringraziarti del tuo lavoro e disponibilità !

            da un anno che pensavo alla rigenerazione
            e finalmente trovando il tuo blog ho fatto il passo successivo 🙂

  • frank@m

    SALVE
    CHE COSA SIGNIFICA CHE QUANDO SPINGO IL PULSANTE DELLA BATTERIA PER DARE CORRENTE PRIMA DI SENTIRE IL FRIGGERE SI SENTE COME DEI COLPI DEGLI SPARI NON SO SPIEGARMI BENE ,CIOE’ SEMBRA CHE SCOPPIETTA ,MA SOLO ALL’ INIZIO,POI FRIGGE NORMALE

    GRAZIE

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ il liquido sopra la resistenza, è normale. Alcune coil (specie le micro) lo fanno, tranquillo.

  • frank@m

    CERCO DI SPIEGARMI MEGLIO ;SI SENTE IL NORMELE RUMORE DEL FRIGGERE E SCOPPIETTA ANCHE
    MA TIRA BENE PERO’,NON CAPISCO QUELLO SCOPPIETTIO
    SCUSA ,MA NON SO SE SONO CHIARO

    GRAZIE

  • frank@m

    POI SCUSA UN’ALTRA DOMANDA

    LA DIFFERENZA TRA BATTERIE= IMR-ICR-NCR,INFINE SULLE EFEST 3400 QUELLE DI COLORE NERO NON C’E’ NESSUNA DI QUESTE SIGLE MA SOLO SULLE 3400 SULLE ALTRE SI

    GRAZIE E SCUSA

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      La efest 3400 mah dovrebbe essere una IMR, ma non sono sicuro al 100%.
      Le batterie che usiamo noi sono quasi tutte celle IMR.
      Prima si usavano pure le ICR.
      NCR è una sigla di batteria, NON riguarda la chimica della cella.
      Se fai una ricerca con google trovi varie discussioni dove viene spiegata la differenza tra batterie IMR e ICR.

  • frank@m

    salve
    come mai non mi rispondi?
    dovrei fare qualcosa in particolare?
    scusa

    saluti

  • devil

    @frank
    non scrivere in maiuscolo, è come se gridassi,a qualcuno può non piacere
    ciao

  • Akita

    Ciao, sono aeromodellista da 25 anni… e le batterie le uso per i modelli elettrici.
    Usiamo Lipo dai 500 mAh a…. 5000 mAh… che permettono scariche da 25 e oltre C…
    Io uso spesso batterie sui 3000 mAh che sottopongo a scariche (in volo) intorno ai 40/60 Ampere… per svariati minuti.
    E le batterie non fanno una piega…
    Esse iniziano a gonfiarsi solo in due casi, quando sono “stanche”… oppure se sottoposte a scarica sotto la soglia dei 3,7 v. E credetemi… le tolgo da modello che fatico a tenerle in mano da tanto sono calde, e non utilizziamo, per sicurezza, nessun tipo di protezione, sono nude e crude.

    Quindi se sono esplose io credo sia solo imputabile ad un corto circuito nel sistema.
    Solo in quel caso ho visto fare la fiammata…. oppure in caso di utilizzo di caricabatterie non adeguati o inefficienti.

  • monica
    monica

    Ciao Michele, colgo l’ occasione di questo articolo per scrivere il mio primo commento/richiesta consiglio per evitare appunto che mi accada l’ incidente di Tizio. È gia diverse volte che preparo la coil per il kayfun 4 clone tobeco e dopo le opportune misurazione ohm mi preparo allo svapo… Ma dopo alcuni tiri, o alcune ore, o addirittura un paio di giorni improvvisamente la resistenza non funziona più, fortunatemente montato su un Itaste svd mi legge 0ohm altrimenti avrei fatto la fine di Tizio. Avrei bisogno di un cosiglio per evitare tutto questo visto che ho anche un meccanico ma non mi sono ancora permessa a montare un rigenerabile. Aggiungo che ogni volta che mi capita smonto il Kayfun, e la resistenza è li al suo posto perfettamente attaccata e senza apparenti danni, la smuovo un po con un cacciavite o addirittura cambio il cotone e riparte. Spero ci possa essere soluzione, un saluto e a presto!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      mmm però costi mi sa che è un problema del Kayfun, da capire quale però.
      Andrebbe smontato tutto e ricontrollato.
      Quando ti fa cosi provi a montarlo su un altro device ?

      • monica
        monica

        Si, ma il problema sussiste. Inoltre ieri per la prima volta mi è accaduta una cosa simile anche sul Magma sempre Tobeco, quando metto il drip in metallo.

          • monica
            monica

            Ho controllato e non tocca sulla coil, almeno direttamente, ma tocca su una vite che era rimasta piú alta, quindi per il Magma problema risolto. Per il kayfun invece? Oggi lo smonto, in particolare cosa dovrei controllare,?

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              Che sia pulito, ma devi smontare anche la base completamente perché il liquido è una bestiaccia, entra ovunque e se non usi il device diventa prima marmellata poi quasi solidifica.
              Anche la molla bisogna capire se va la giusta pressione o se si è afflosciata. Insomma revisione completa.

                • monica
                  monica

                  Ciao Michele, smontato e ripulito tutto, questa volta ho messo una dual coil e per il momento va tutto bene, anche se credo non fosse colpa del liquido ‘ristagnato’ in quanto era abbastanza pulito e senza icrostazioni… Cmq via per il momento incrociamo le dita . Anche se mi sarebbe piaciuto capire veramente il motivo. Ti ringrazio tanto per i consigli, a presto

                  • mc0676 L'autore dell'articolo

                    Ottimo !
                    Sai a volte le cause si trovano nei problemi più semplici, quindi lo sporco è una causa + che plausibile 🙂

  • Alfonsvapo

    Salve a tutti, che dire bel 3ad ,infatti anche io ho visto quessti Alien Wire fare ste cose esibizionistiche, ma alla fine non servono per sbapare (ci vorrebbero 2 pneumatici di tir al posto dei polmoni), e del pericolo che si corre se il tutto non è bilanciato.Se siete amanti del fumo esagerato basta comprare un po di salsiccia ed accendere una bella brace….hai voglia del fumo che si fa……:)

  • 67Dade
    67Dade

    Un’altro bell’articolo ma mi ha messo un pò di ansia nel tuo esempio “scomodiamo il signor Ohm ” parli di box meccaniche , è valido anche per box come la Istick 40 .
    Sono parametri interessanti e per chi è all’inizio non friggere tutto è importante.. poi ci manca solo il “Booomm” .

    Ciao Grazie

I commenti sono chiusi.