Cafè Giotti, un altro nettare di Valtopina 6


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 6146 volte.

Guardate bene questa foto e memorizzatevi la boccetta, perché difficilmente la troverete in giro, PURTROPPO.

Ieri sera, per cambiare e per non far prendere la polvere al Provari Mini ho pensato di prendere la boccetta del Caffè Giotti che mi era rimasta (pochissimi ml) e farmi 30 ml di liquido da svapare.

Oggi l’ho avviato e me lo sto svapando, in un carto-tank con un Boge LR 2.0 ohm (2.3 effettivi, a 4.8v).

Questo aroma è qualcosa di indescrivibile, allo svapo ricorda le migliori noti del caffé e non scherzo se vi dico che verrebbe la voglia di stappare la boccetta e di berlo, per quanto è buono.

Sarà che da buon senese sono abituato ad un ottimo caffè e per questo sono innamorato del caffé ma questo, il Caffè Giotti, è qualcosa di spaziale.

E’ intenso, cremoso e molto profondo. Avrei tanto voluto metterlo in una boccetta e svaparlo nella box, ma purtroppo è molto forte come aroma e il rischio di sentirne dei retrogusti tra boccetta e tazza della box è elevato e per questo ho preferito evitare perché ovviamente mixato ad altri aromi può anche non resistuire qualcosa di positivo.

Come vedete è scaduto da un paio di mesi ma in teoria è sempre buono. In pratica è eccellente. 😀


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


6 commenti su “Cafè Giotti, un altro nettare di Valtopina

  • b-effe

    Ciao Michele, non vorrei dire un’eresia
    ma gli aromi che ha a catalogo liquidrefill (liquirizia x certo) e se non sbaglio anche il caffé sono proprio quelli di giotti.

    Splendidi ma che purtroppo non riesco ad usare sui rigenerabili 🙁

    dopo un giorno devo cambiare la resistenza per i troppi residui, comunque una libidine 🙂

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sei sicuro ?
      Posso comprare sicuro ? LOL
      Perché di caffé ne ho provati almeno altri 3, ma lasciamo perdere. L’intensità del Giotti è notevole veramente, come piace a me.
      Cmq mi hai messo la pulce, è da provare sicuramente.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Confermo che questo tipo di aroma dimezza la vita dell’atom o del cartom 😀
      Penso sia normale.

  • roger58

    gli ho dato la caccia per un mese a quel caffe’ ma nulla 🙁 non si trova
    provero’ quello di refill ma ho i miei dubbi 🙂

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      No, però alcuni sostengono che il caffé che vende liquidrefill sia lo stesso.
      Non ho avuto ancora modo di provare, ma lo farò prima o dopo.

I commenti sono chiusi.