Cartomizzatori a mesh … dual coils (by Smok) 12


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5158 volte.

Ho acquistato anche i dual coils perché avevo letto qua e la che in single coil fanno pena mentre i dual coil no.

Ho quindi avviato un’esemplare (ne avevo presi 2) e l’ho messo nel mio tank, seguendo le varie procedure.

Ebbene, resistenza rilevata a 1.5 ohm, voltaggio di svapata utile a 3.4v: se provavo a salire (Provari) ecco che dopo 2-3 tiri arrivava la steccata.

Qualità dello svapo scarsa, vapore prodotto comunque abbastanza ma poca resa aromatica hit e quant’altro.

Ho quindi deciso di provare l’altro esemplare, allargando i fori. Purtroppo durante le operazioni di allargamento dei fori con la vite e il martello la ceramica interna è andata in frantumi e quindi non ho potuto provarlo.

Probabilmente sono stato sfigato, ma se una cosa è certa quella è che per ora gli unici cartomizzatori che terrò in casa sono quelli con la lanetta, E’ POCO ma è abbastanza sicuro.

Ci tengo a precisare che con i single coils avevo usato il liquido “fatto in casa” con la base inawera (45/45/10) mentre in questo caso ho usato il Venice di Ovale quindi non c’è neanche la variabile “liquido”.

Il primo esemplare l’ho smontato e vi allego un pò di foto, come notate ci sono diverse parti che potrebbero fare comodo per gli esperimenti 😀

IMG_20130721_212318

IMG_20130721_212405

IMG_20130721_212440

IMG_20130721_212553

IMG_20130721_212649

In effetti se guardate bene le foto capite che da questo cartom se ne può ricavare, senza aggiungere nient’altro (giusto un pò di wick e filo resistivo) una sorta di ARB/Killer 705 da usarsi o in sistemi bottom feeder o all’interno di un cartom.

Poi vi farò vedere come fare.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


12 commenti su “Cartomizzatori a mesh … dual coils (by Smok)

  • chiatto

    Ciao e complimenti per tutte le info che ci dai.
    Sono molto interessato alla tua ultima considerazione, volevo ricavare da un vecchio cartom e da una ceramica del phantom una sorta di diver o atom da immersione in tank, ma mi sono fermato subito…non so smontare il cartom senza distruggerlo 😀
    C’è qualche tecnica particolare per separare il tubo forato dal connettore?

    grazie.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao !
      Qui dal minuto 2:

      se avviti il tuo cartom ad un provari o qualcosa di robusto è meglio. Poi fletti piano piano e vedrai che si sgancia.
      Poi dall’interno spingi con qualcosa per sfilare il contenuto.

      Poi farò un video 🙂

      • chiatto

        Siccome parli di BB robusto ho escluso subito l’unico che ho il vamo che è tutto fuorchè robusto 😀
        mi sono buttato su una vecchia ego che non funziona più molto bene e sono riuscito a…
        sfilare la guaina di gomma dalla batteria LOL
        Si vede che non sono capace 😀

  • alexx3c

    Però michè, per forza si è ditrutto, che ti aspettavi con un chiodo e un martello? DI ripararlo? Hihihi..

  • ares

    Ciao michele posso kiederti un consiglio? Sto svapando da circa 2 settimane l agr tank con i boge all inizio tuttok ma poi nn capisco perchè il tiro diventa sempre piu duro,sapresti dirmi da cosa puo dipendere?proprio nn lo capisco….ho provato e riprovato a svitare il pin sotto pre far passare piu aria ma nulla d fatto.puo essere ke piu si svapa e piu diventi duro x le incrostazioni sulla resistenza? Ma io nn credo ti prego dammi un consiglio!!!!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ cosi 🙂
      E’ perfettamente normale 🙂
      Aumenta l’incrostazione e si riduce il passaggio dell’aria.

  • ares

    Quindi va semplicemente sostituito?oppure dryburn ammesso ke si possa fare

  • Danilson

    cavolo bella l’idea del simil-arb .. una spece di tubetto 510 ceramico rigenerabile

    quando mi decidero a farmi la mia box ultra lowcost sarà il mio atom bf! 😀

  • Arnaldo Zanchi

    Ciao Michele se non erro l’autunno scorso avevi già provato i dual coil della smok quando avevi recensito il JFK tank di omegavape e se non ricordo male avevi avuto problemi di stomaco….errare humanum est perseverare autem diabolicum

I commenti sono chiusi.