Circuiti step down, il deswadj3 che se la gioca con il circuito del Grand VV 2


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 10278 volte.

In quasi tre giorni di utilizzo del Grand VV sono giunto alla conclusione che il circuito usato in essa è un gran bel circuito e funziona bene.
Ma non mi ha stupito.

Devo però avvisare che quello che avevo era un prototipo, era vissuto e stra-usato da diversi vapers.
Non so quanto questo possa influire, però è giusto farlo presente.

In particolare, facendo un confronto serrato con la mia box e deswadj3 (2×18350) l’appagamento allo svapo è pressoché il medesimo.
Se devo essere sincero, essendo il circuito del Grand VV quello del Buzzer Pro che (pare) è stato fatto appositamente per noi “vapers”, pensavo che avesse qualcosa in più come resa allo svapo e invece una volta impostato il medesimo voltaggio sotto carico differenze non ce ne sono.

Anzi, qualche piccola differenza c’è.

1) Carico effettivo.
Con il deswadj3 almeno nei wattaggi che uso io una volta impostato il voltaggio senza atom quando si mette l’atom, questo viene mantenuto. PBusardo avrebbe detto che quello che dice lo fa. ASD.
Con il Reo Grand VV c’è sempre una perdita di 0.1v-0.2v da considerare.
Non è un problema, per carità, è solo per dovere di cronaca. Nell’uso pratica basta girare la rotella 2 gradi in più.

2) Gestione batterie.
Il deswadj3 pari wattaggio ha minimo minimo 1 ml di autonomia in più, se può fare più effetto si parla di almeno di un 20-25% di autonomia in più. Non è poco.
Ma non solo, il deswadj3 quando non ce la fa più crolla, si siede. Si avverte molto bene. E’ ora di cambiare batterie.
Il Reo Grand VV no, riesce a darti quello che vuoi fino a che le batterie, scaricate più del dovuto, sono da cestinare.
E’ forse questa la grossa critica da muovere al circuito del Grand VV che forse poteva essere ottimizzato per leggere l’input almeno in sommatoria delle batterie.
Alcuni sostengono che sarebbe stato inutile perchè le batterie si scaricano diversamente. E’ vero ma aggiungo meglio che niente forse era …
Ma cmq ora so che a mezza boccetta circa si devono cambiare le batterie.

Il confronto ripeto che viene effettuato con la mia box artiginale, realizzata con cavetteria in rame di un certo spessore e saldature fatte a modo.
Lo specifico perché magari qualcuno dispone di altra box (magari artiginale) con “microcavetteria” in rame e saldature da falegname (dalle mie parti si usa dire questo quando una saldatura è fatta con i piedi, cioè male) e la sua box al confronto con un Grand VV prende paga in lungo e largo come resa.

Ma tutto sommato il circuito del Grand VV fa il suo mestiere, è un buon circuito. Tant’è che ho deciso di prenderne uno e se poi non mi soddisferà, pazienza, lo rivenderò.

Sono anche curioso di avere il booster up di Ciro di nuovo tra le mani per poter estendere a lui il confronto.
Secondo me sarà della partita anche lui, dato che avendolo già provato sò di cosa è capace.

Quindi riassumento, rimarrò con:
– il Grand VV;
– il Vinci per uso meccanico;
– il Provari Normale;
– Beta con deswadj3 (o Alfa, non me lo ricordo ! LOL);
– Alfa con il booster di Ciro (o Beta vedi sopra !).

Si nota una prevalenza di sistemi BF ?

La comodino box, ossia la PBB con 2×18650 ho deciso di destinarla a miglior vita e quindi l’ho rottamata, ho estirpato i componenti che mi potevano riservire e l’ho demolita.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


2 commenti su “Circuiti step down, il deswadj3 che se la gioca con il circuito del Grand VV

  • microchip

    Un circuito una box, per fortuna non ne fai anche una questione di forme altrimenti ti sveneresti. Povera comodino non so se troverei il coraggio di demolire una mia creatura.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ma si dai alla fine son 4 pezzi di legno incollati che mi occupano solo spazio 🙂

I commenti sono chiusi.