Costruirsi un voltmetro 12


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 7460 volte.

Negli ultimi tempi si è fatto un gran parlare sul fatto se convenga o meno costruirsi un voltmetro.
Il voltmetro è un gingillo che messo sopra al vostro big battery con o senza atom è in grado di dirvi il voltaggio in uscita.
E’ utile ?
Si. Anzi No.
Dipende !

Non solo, non tutti i tipi di erogazione possono essere letti.

Per esempio:
– il provari viene letto;
– il DNA viene letto;
– il Kick NON viene letto;
– il Semovar viene letto;
– la twist viene letta;
– Saphira non viene letta
etc etc etc

Insomma certi tipi di erogazione non sono proprio leggibili.

Ad ogni modo se ne trovano in giro sui 20 € già fatti e volendo uno può costruirsene uno in casa … grosso modo cosi:

IMG_20131101_221503

Chiaramente per realizzarlo servono una serie di componenti, quelli che vedete in questo foto:

IMG_20131101_221823

E in particolare:
– un voltmetro 0-99v: come questo (a 3 € spedito); se ne trovate altri, assicuratevi che abbiamo 2 soli fili di collegamento e non tre;
– un connettore maschio 510 (si può rubarne uno ad un CE2 o ad un cartom);
– un connettore femmina 510 (quelli usate per le box mod);
– un tubetto di metallo (dei cartom) o di plastica (dei CE2);
– un vecchio (o nuovo, fate voi) DC Tank;
– del filo di adeguata sezione;
– un saldatore a stagno, lo stagno etc etc.

Non penso serva fare un tutorial video a riguardo perché è davvero semplice !

Il tubetto di metallo o di plastica lo dovrete tagliare in modo da ottenere 2 pezzettini lunghi circa 7-8 mm dove andrete ad incastrata i 2 connettori e che quindi si fisseranno nel DC Tank proprio come fa un cartom. Chiaramente potrete anche metterci della colla, tanto non è che dovrete smontarlo dopo.

Per i collegamenti, niente di più semplice !

I pin centrali dei 2 connettori dovranno essere collegati insieme e collegati a sua volta al positivo del voltmetro.

Le due masse (il corpo esterno) dei 2 connettori dovranno essere collegati insieme e collegati a sua volta al negativo del voltmetro.

Dovrete (per consiglio) sigillare il pin del connettore femmina superiore, in modo che non potrà entrare liquido dentro al tank.

Serve un DC Tank per cartom da 45 mm e il circuito del voltmetro potrete accorciarlo in lunghezza poiché ha 2 asole per 2 vitine che a noi non servono e che si possono tagliare o limare.

Chiaramente alla fine vi renderete conto che quasi quasi comprandolo vi sarebbe costato meno. Personalmente me ne sono fatti 2 cosi per puro divertimento. Se avete pezzi di recapero in casa tanto vale la pena farsene uno, altrimenti se dovete comprare tutto il gioco non vale assolutamente la candela !

Buon divertimento !


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


12 commenti su “Costruirsi un voltmetro

  • Avatar
    antonioFNC

    appena letto avevo tutti i componenti in casa e me ne sono fatto 1 al volo grazie mike

  • Avatar
    microchip

    a comperare tutti i pezzi non conviene, se ci si limita al solo voltmetro e recuperando il resto dei pezzi allora si. un vecchio cartom, un attacco ego recuperato da una batteria finita e un pezzo di tubo qualsiasi anche una siringona, Non sarà figo ma per l’uso saltuario che serve questo accessorio è più che sufficente

  • crysdgt
    crysdgt

    Io ho tutto il materiale eccetto il circuito, a breve lo ordino però ne prendo uno in italia anche se costa più del doppio,circa 8/9 euro compresa spedizione, ma solo perchè non mi va di aspettare Natale per averlo,con il vantaggio che se c’è qualche problema(difetti,non funziona ecc..)posso risolvere facilmente col venditore che è qui in italia.

    • crysdgt
      crysdgt

      Dimenticavo…..
      Miky vedi che il link del circuito che hai postato è quello a 3 fili quindi qualcuno si potrebbe sbagliare e prenderlo
      sbagliando.

      • Avatar
        mc0676 L'autore dell'articolo

        grazie hai ragione ! il bello è che l’ho pure ricontrollato ! 🙁

  • Avatar
    creedrob

    bello con il tank in aluminio, io non pensai a mettere un pezzo di tubo di cartom anche nella femmina, infatti ci sguazzava e ho riempito tutto di colla a caldo, sei sempre un GURU 🙂

  • Avatar
    baciocco

    bello veramente, io o fatto quasi la stessa cosa ma senza display ,devo attaccare il tester ai morsetti che ho fatto
    l’unica cosa positiva e che posso misurare anche l’amperaggio oppure posso attaccare l’oscilloscopio per vedere l’onda del pwm “l’oscilloscopio e il dso nano quad lo trovate a prezzi sotto i 100 euri questo a quattro canali ce anche a due canali costa molto meno e sono portatili grandi come un iphon.
    comunque michele vorrei sapere cosa non sei capace di fare sai usare il tornio ti intendi abbastanza di atomizzatori …. ah ah adesso fai anche elettronica cosa ti manca per clonare il provari

  • Avatar
    Manuel78

    Ciao Michele ma quel voltmetro utilizzando solo il + e – lo posso utilizzare per controllare lo stato di carica delle batterie?

  • Avatar
    Manuel78

    Scusa Michele se ti rompo in giro trovo solo quelli a tre fili che hanno bisogno di alimentazione volendo usarlo come indicatore di carica posso utilizzarlo es. con una 18350 18490 per controllare la carica e alimentarlo con quella allo stesso tempo o non vanno bene?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      dovresti poterlo usare lo stesso, però non ci metto le mani sul fuoco

I commenti sono chiusi.