Da oggi un si svapa più ni’bbussé ! 6


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4946 volte.

Leggendo qua e là nel web dello svapo ho letto molte opinioni discordanti in merito a questo articolo.

Sigarette elettroniche vietate sui bus cittadini

Sono considerate “oggetti che per qualsiasi ragione possono essere molesti”
Sigarette elettroniche vietate sui bus cittadini. Lo fa sapere l’Asp agli utenti del trasporto pubblico. In una nota si precisa che “sugli autobus non è consentito l’uso delle sigarette elettroniche perché considerate oggetti che per qualsiasi ragione possono essere molesti. In caso di violazione saranno applicate sanzioni.

Embé ?

Non riesco proprio a capire perché alcuni trovano scandaloso questo articolo.

Io lo trovo molto corretto e anche il divieto mi pare appropriato.

Per molesto s’intende un qualcosa che disturba.

Ora, mentre voi siete seduti ni’bbussé (nel Bus) vi arriva uno accanto, tira fuori una box e con un Cisco a 12w inizia a ridurre del 50% la visibilità tra i vostri occhi e il vostro Tablet che state leggendo in attesa di arrivare a lavoro.

Ora: non vi girerebbero un pò i coglioni se questo succedesse ?

In questo caso lo svapatore al vostro fianco vi sta “molestando” di fatto. E se proprio non è molestare, di sicuro è disturbare.

Certamente è maleducazione allo stato puro.

Insomma, come ho già scritto altre volte questo genere di divieti è lecito e giusto.

Alcuni coltivano l’esig come fattore “modaiolo” e qualche coglione crede pure a questi “geni” e cosi al pari dell’iPhone che viene esibito agli amici ecco che ni’bbussé questi coglioni esibiscono l’esig per fare gli sboroni, rompendo le scatole, anzi le palle, agli altri.

Comunque sempre d’educazione mancata nell’infanzia si tratta !

Noi fumatori elettronici abbiano UN SOLO modo per essere lasciati in pace: continuare a comportarci come ci comportavamo con la sigaretta analogica, ossia da EMARGINATI, in disparte, senza rompere le scatole agli altri.

Perché se iniziano a “mescolarci” troppo non solo romperemo le scatole a chi non fuma né svapa, ma anche i fumatori, non potendo fumare, non saranno d’accordo sul fatto che noi svapiamo !

Consideriamoci fortunati che non puzziamo e non danneggiamo il nostro corpo ma NON abusiamo, ne va per il nostro quieto vivere in società.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


6 commenti su “Da oggi un si svapa più ni’bbussé !

  • Avatar
    morik632

    E’ sacrosanto quanto hai detto!!!
    Conosco qualcuno che ha la pretesa di svapare al cinema…

  • Avatar
    valerio92

    Up-rovo assolutamente , personalmente più faccio fumo e più mi piace … proprio per questo sarebbe ridicolo fumare in luoghi publici, soprattutto se affolati.

  • Avatar
    Arnaldo Zanchi

    Hai ragione Michele dobbiamo continuare a comportarci da emarginati o meglio portare rispetto per chi può avere disturbo dal fumo o dal vapore dello svapo. Io è da un mese circa che per svapare cambio stanza in modo da non infastidire moglie e figlie.

  • Avatar
    Ferdinando

    Michele, stimo spesso le tue tesi fuori dal coro.
    Ma in questo caso non sono d’accordo.
    Non mi piace che tu accetti, quasi orgogliosamente, di essere trattato
    come emarginato, solo per il fatto di essere utilizzatore ecig.
    Quando si é in pubblico, ci sono molte azioni altrui che possono infastidire, così come molte nostre azioni possono infastidire altri.
    Rientra sotto il concetto generico di “buona educazione” evitare
    quegli atteggiamenti che possono infastidire altri, ma un divieto
    legale é un’altra cosa, e non si dovrebbe varare a cuor leggero.
    Per esemplificare banalmente, molti sono infastiditi dalla puzza
    che alcuni individui emettono sui mezzi pubblici, ma non c’e
    alcun divieto per chi puzza di salire sui mezzi pubblici,
    e neppure nessuno é autorizzato a dire chicchessia:
    “scenda dal bus !! lei puzza”
    E’ buona educazione evitare di puzzare, ma non ci sono divieti.
    Per le sigarette “analogiche” trattasi di diversa materia.
    In quel caso è in gioco la salute pubblica, non il semplice fastidio
    olfattivo o visivo.

  • Avatar
    doncamillo

    basso profilo … rispetta le regole della comune convivenza e nessuno ti creerà problemi … io almeno faccio così.

I commenti sono chiusi.