ECCCOOOOOO !!! Adesso so perché sono ingrassato !!! 16


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 2296 volte.

maiale-prato

La fonte è qua:

Ehi voi svapatori !!!

Voi che da quando avete smesso di fumare e avete iniziato a svapare ecco che non siete mai riusciti a spiegarvi perché siete ingrassati !

Ebbene si, la sigaretta elettronica fa ingrassare !

Tutta colpa dei metalli pesanti !

Speriamo che i produttori di liquidi in futuro si orientino verso leghe leggere, come l’alluminio !

Metalli pesanti nelle sigarette elettroniche.

Guariniello apre una nuova inchiesta
Il settimanale dei consumatori “Il Salvagente” ha fatto analizzare dall’Università Federico II di Napoli il liquido contenuto in sei diversi campioni di e-cig. I risultati sono allarmanti: trovati piombo, camdio, cromo e arsenico. Il procuratore di Torino, che da tempo indaga sul prodotto, apre un ulteriore fascicolo di indagine

TAG sigaretta elettronica, e-cig, il Salvagente, Università Federico II Napoli, Raffaele Guariniello ROMA – Piombo, cadmio, cromo e arsenico. Sono solo alcuni dei metalli pesanti, tossici o peggio cancerogeni, presenti nei sei liquidi per sigarette elettroniche che il settimanale il Salvagente ha fatto analizzare dal dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II di Napoli e che denuncia in un ampio dossier sul settimanale da oggi in edicola.

“I valori sembrerebbero molto elevati, in special modo per il campione Louisville, nel quale la concentrazione di arsenico sarebbe più elevata di quella ammessa per l’acqua potabile. Valuteremo attentamente”, spiega al giornale dei consumatori Raffaele Guariniello, il procuratore di Torino che da tempo indaga sulle sigarette elettroniche e sui relativi liquidi di ricarica e che, a seguito delle analisi, ha aperto un nuovo fascicolo di indagine.

Senza verifiche. Al di là delle concentrazioni rilevate, la cosa preoccapante – sottolinea il Salvagente – è che in assenza di una normativa di riferimento, che stabilisca le sostanze ammesse e i relativi limiti, nelle ricariche può finire di tutto. Il settimanale ha rinvenuto la presenza di metalli pesanti, ma chi ci rassicura che, cercandole, in questi liquidi si possano trovare altre sostanze e magari in concentrazioni più elevate?

Una situazione fuori controllo. Oltre a una regolamentazione di settore, mancano anche i controlli, evidenzia ancora il Salvagente. Non solo. Senza una valutazione del rischio, nessuno può stabilire gli effetti di una, seppur minima, quantità di arsenico o piombo assorbita dal corpo umano per inalazione. Esistono infatti dei limiti precisi alla concentrazione e le relative dosi giornaliere ammissibili per i metalli pesanti nei cibi, nelle acque e perfino negli aromi alimentari, dove queste sostanze vengono assorbite dal corpo umano per via orale. Per le sigarette elettroniche invece non esistono limiti normativi ai metalli pesanti, sostanze che in questo caso vengono assorbite per inalazione e per le quali, in assenza di studi e verifiche, nessuno può misurare se e come si modifica il loro tasso di tossicità.

I rischi potenziali. Ma quali rischi rappresentano i metalli pesanti per la salute umana? Ce lo spiega il professor Alberto Ritieni, docente di Chimica degli alimenti alla Federico II di Napoli, che ha condotto per il giornale dei consumatori le analisi sui campioni di liquidi: “I metalli pesanti sono da sempre al centro dell’attenzione perché rappresentano un serio pericolo e sono legati a un rischio per una serie di patologie anche piuttosto gravi. Sono considerati degli indicatori dell’inquinamento ambientale e la normativa prevede limiti alla loro concentrazione nelle acque, nei cibi e nell’aria. La tendenza è procedere verso le riduzione della presenza di metalli come il piombo, l’arsenico, il cadmio e via elencando”.

La risposta dei produttori. I produttori di e-cig contattati dal Salvagente non sottovalutano il problema e, stando alle risposte fornite al settimanale, monitorano la presenza dei metalli pesanti e chiedono “urgentemente una regolamentazione” che disciplini direttamente la produzione dei liquidi per e-cig. Il gestore del sito mondosvapo.com, dove è possibile acquistare on line diversi tipi di ricariche, ha fatto di più: ha sospeso la vendita del Louisville e di tutti i prodotti want2vape Vapenstein, in attesa che il produttore statunitense fornisca chiarimenti rispetto ai valori riscontrati nelle analisi.

Tornando un attimo seri, il problema pare riguardi il liquido Want2Vape Vapenstenin Blend Louisville, nel quale è stata trovata una concentrazione pari a 113,74 mcg/10 ml di Arsenico, mentre tutti gli altri liquidi analizzati si assestavano su quantità inferiori a 0.50 mcg/10 ml.

Si parla di microgrammi per 10 ml.

Uffi, io quel liquido non l’ho mai sopportato e ne avrò svapato tipo 2 ml, insomma devo riporre le mie speranze di aver trovato la causa del mio ingrassamento. Mannaggia.

Questo è quello che ho scritto in giro …

Il mgc è 0,000001 (un milionesimo di grammo).
Bene hanno trovato 113 mgc in 10 ml di liquido.
Questi articoli servono per farci 2 sane risate sopra.
Hanno dovuto alzare il confronto sui 10 ml (anziché 1) altrimenti venivano dei numeri talmente piccini che la gente gli prendeva un infarto dalle risate.

Loro hanno trovato:
0.000120 gr di Arsenico in 10 ml di liquido.
Ossia
0.000012 gr in 1 ml di liquido.

Da wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Arsenico

L’asernico ha un dosaggio letale pari a 70-100 mg.
Bene, in 10 ml di quel liquido ci sono 0.113 mg di arsenico.

Ossia lo 0.1% della dose letale.

Ecco come si gonfiano le notizie.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.

0

16 commenti su “ECCCOOOOOO !!! Adesso so perché sono ingrassato !!!

  • Avatar
    manzoo

    Grande Michele!
    Competente, razionale, simpatico. Il tuo blog è (per me) un punto di riferimento.
    Continua così.

  • Avatar
    roby74ohms

    io che ho messo su qualche kiletto con lasagne ai funghi, gnocco fritto, peperone ripieno, gnocchetti di zucca, ect… rientro negli studi ????

  • Avatar
    fabcalabria

    Ragazzi quindi secondo voi i liquidi sono tranquilli ..?perche anch io ho sentito la notizia e non vi nascondo che la paura si fa sentire…si ritorna alle vecchie siga o si puo svapare tranquilli secondo voi?? 😀

  • Avatar
    viro

    ARSENICO??? wow! Finalmente posso realizzare la mia vendetta! Domani, novello Borgia, lego il mio peggior nemico alle sedia e lo uccido facendogli svapare un intero Boge… ihihihi… Diabbolico sono!

  • Avatar
    Doctor J

    mi sono perso qualcosa … ?
    stasera al tg1 hanno intervistato uno di quelli che hanno fatto le analisi… ad un certo punto ha detto che addirittura uno dei 6 campioni aveva una percentuale di non ricordo cosa superiore a quella dell’acqua potabile … ???
    cazzo ma non si può più nemmeno bere acqua allora ? :D:D:D
    no comment
    P.S.
    mic lunedi sono a siena con i pupi a vedere gara4 della finale di basket … :D:D:D

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Vero, superiore all’acqua è vero 🙂
      Però di acqua ne bevi 1 litro e mezzo al giorno, di liquido ne svapi 4-5 ml 🙂

      In bocca al lupo !
      😀

  • Avatar
    lucai67

    …se acchiappo l’amerikano che ha usato l’acqua di Viterbo per allungare il liquido, così qui da noi hanno pure trovato la scusa che “fa effetto”…
    Ho passato ieri a spiegare a tutto il consesso d’amici che mi guarda da dietro una sigaretta che, se il procuratore adattasse le stesse considerazioni al fumo da tabacco, ne verrebbe fuori immediatamente la galera a vita per chiunque girasse con tre sigarette in tasca.
    Ma…l’unico studio sulla tossicità condotto in maniera oggettiva e biologicamente corretta, no? Quello non merita una giornalata?
    Io svapo, felice.
    …e quasi quasi fra oggi e domattina mi rifaccio un giretto da Inawera…non si sa mai che qualche astuto arrivi entro il mese a far sequestrare ogni cosa…

  • Avatar
    Fabioeur

    C’è da dire qualcosa sull’operato dei giornalisti che molto spesso scrivono cazzate giusto per scrivere senza informarsi bene. Cercano gli scop, è il loro mestiere, ci sono quelli seri e quelli meno seri.
    Poi ci sarebbe anche una certa battaglia tra sigaretta ed e-cig…………….

  • Avatar
    MarcelloR

    E’ stato forte quando Filippo Facci (che tra le altre cose era al Genova Vapefest) nella trasmissione TG5 Puntonotte del 13/6 commentando i contenuti di metalli pesanti delle esig ha detto (non ricordo le parole esatte, ma il senso era questo): «Sono gli stessi dell’acqua del rubinetto di casa… che la normativa ci consente di bere»

  • Avatar
    lucky4

    Dunque,udite udite:
    io da febbraio 2013(precisamente dal giorno 12,non fumo + una sigaretta)sono calato di più di tre Kg.

    La causa,secondo me,è l’effetto anoresizzante della nicotina dei liquidi(me ne pippo circa 3 cc./die,e pure al 18 mg,/ml)combinato con un aumento del vigore fisico o, se vogliamo,la frenesia provocata dalla”droga”.

    Non sparino c.z.te!
    Casomai si dovrebbe indagare sulle remore all’uso dell’e-sig di ben nota provenienza.

    Ciao.

I commenti sono chiusi.