Eleaf iStick TC40w ! Un altro piccolo passo verso la perfezione. – Agg. x2 Anche se … 200


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 57131 volte.

Il titolo non lascia spazio all’immaginazione e un pò come quando comprai la iStick 20w anche questa volta sono rimasto piacevolmente impressionato da questa piccolina di Eleaf che, per quanto mi riguarda, sta lavorando veramente bene, nella giusta direzione.

L’ho presa da SOSmoke.it e l’ho pagata 39 €, un prezzo tutto sommato giusto e ragionevole. Considerate che per comprare il solo DNA40 di Evolv dovete cacciare fuori altri 10 € e in italia almeno non bastano.

Cos’è l’iStick TC40w ?
E’ una piccola box battery in grado di erogare fino a 40w e che dispone del controllo di temperatura.
Potrete quindi usarla in modalità power come la iStick 20w oppure attivare il controllo di temperatura e svapare serenamente.
Ha una batteria integrata da 2600 mah (contro i 2200 di iStick 20w e 30w) e questo aspetto è forse quello che farà storcere il naso a molti di voi anche se personalmente non lo ritengo un grosso problema perché se si dispone di un charger di rete da 1500 mah in caso di emergenza sarà sufficiente attaccarla per 20 minuti per avere ore di autonomia senza preoccupazione.

L’attacco 510 finalmente è un attacco fatto molto bene. E’ acciaio e il pin centrale è flottante.
Il pulsante di attivazione è tondo (anziché quadrato) anche se rispetto alla 20w è sensibilmente più duro da attivare ma niente di preoccupante.

Controllo temperatura
Se si usa in modalità controllo di temperatura la resistenza dovrà essere al minimo 0.05 ohm (ottimo !) e il suo funzionamento grosso modo è quello della Evic VT. In pratica la box erogherà sempre 40w all’inizio ma poi in funzione della temperatura impostata andrà a rimodulare l’erogazione per non farvi prendere la staccata.
L’intervento è rapido e tempestivo e il controllo sembra funzionare decisamente bene.
Questo sistema che personalmente non ho trovato entusiasmante (e tutt’ora devo ancora farci amicizia perbene) immagino che sarà la tendenza del futuro ma non sarebbe male se al pari di DNA40 (o Snow Wolf 200w) si potessero anche “regolare” i watt a piacimento in modo da DECIDERE a nostro piacimento quale spunto iniziale utilizzare. In questo modo lei spunta sempre forte, non c’è dubbio.
E’ questa l’unica critica che muovo all’iStick 40w ma badate bene non è difetto, è una caratteristica. E sono sicuro che la maggior parte dei vaper apprezzerà questo aspetto. Probabilmente anche chi ha il DNA40 inizierà a tenerlo impostato fisso a 40w …
La temperatura si può impostare in F e C con i medesimi limiti che si trovano in altri device analoghi.

Modalità Power
In questo caso la resistenza dovrà essere almeno 0.15 ohm (anche questo, ottimo !) e devo dire che per ora l’ho provata veramente poco in questa modalità.
Posso solo dire che lo spunto è similare a quello dell’iStick 20w.

Consumi
Posso solo dire che con limite temperatura impostato a 420 F e resistenza (ni200) da 0.13 ohm su kayfun lite plus riesco a svapare circa 5 ml quindi direi che l’autonomia della batteria è sufficiente.
I watt erogati effettivi dopo lo spunto iniziale fanno una forbice da 10w a 15w, per info.

Qualche scatto …

20150716_112536

20150716_112544

20150716_112555

20150716_112601

20150716_112614

20150716_112619

Prime impressioni
Non serve neanche parlare di prime impressioni forse perché tanto avete già capito il tono dell’articolo.
Sono rimasto molto contento di questo acquisto e anche se ce l’ho da appena 48 ore vi posso suggerire caldamente di acquistarla perché è davvero un ottimo device.
Il vostro problema è la batteria ? Compratene due allora, semplice ! Spendereste comunque la metà rispetto al comprare un unico kayfun v4 originale …

Il video arriverà, forse, la prox week.

Devo dire che è questa la giusta piega che lo svapo dovrebbe prendere. Mi piace. Device leggeri, costruiti con criterio, affidabili e ben funzionanti. Complimenti alla Eleaf, davvero.

Qualche altro scatto:

DSC_5017

DSC_5018

DSC_5019

DSC_5020

DSC_5021

DSC_5022

DSC_5023

DSC_5449

DSC_5458

Aggiornamento del 26/07/2015 – Agg. x1 Video Recensione

Ecco la video recensione.
L’Istick TC40w è promossa.
Il controllo di temperatura fa il suo lavoro e l’autonomia è interessante.
Nel complesso è fatta molto bene. Insomma un bell’oggetto per davvero.

Aggiornamento del 02/10/2015 – Agg. x2 Anche se …

Torno a parlarvi della mitica Istick TC40 per scrivere una cosa che è tanto che volevo scrivere ma poi non lo facevo.
La mia Istick TC40 per ora continua a funzionare benone, forse l’unica cosa è l’autonomia che usandola in TC e sparando sempre più alto possibile fa si che l’autonomia ne paghi le conseguenze.
Ma a parte questo quello che volevo segnalare è che il limite di temperatura dell’Istick non è lo stesso ad esempio del DNA40.
Mi spiego meglio: se io imposto 400F sull’uno e sull’altro dunque l’Istick TC40 mi renderà un vapore più freddo, insomma taglierà prima.
Questo di fatto si traduce in un dover usare un limite di temperatura più alto rispetto al DNA40 per avere gli stessi risultati.
Ho avuto modo di verificare questa cosa con svariati atomizzatori e ne sono abbastanza convinto.
In pratica la lettura della temperatura non è precisa, ma il controllo bene o male funziona.
La mia era la primissima batch prodotta, non escludo che le ultime versioni non abbiano questo comportamento.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


200 commenti su “Eleaf iStick TC40w ! Un altro piccolo passo verso la perfezione. – Agg. x2 Anche se …

  • Yiteo

    Io aspetterò ancora, non so se moda o altro ma lo spunto iniziale proprio non mi piace, provato con la Evic e non mi va giù a 30W figuriamoci a 40W.
    Il TC a passeggio attenderà ancora ;).
    Grazie come sempre!

  • playjamb88

    ciao Michele sono in procinto di prendere questa piccolina perché ho la 20 e la 50 e sono molto contento di questi prodotti, però ho un dubbio che mi assale e che faccio fatica a capire, ho un kayfun Light plus e un expromizer che vorrei utilizzare con il TC ma nn capisco proprio quale filo utilizzare, spessore e spire da fare per provare a fare resistenze basse e quindi utilizzare il TC

  • frik

    ciao michele posso usare il controllo della temperatura usando una resistenza normale con filo 0,25, 0,28, e ribbon 0,30 a 1,6 1,7 ohm?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      No 🙂
      Il TP funge solo con resistenze fatte con nickel NI200 o filo in titanio (per quei device che supportano il titanio).

  • Riccardo

    Ciao Michele,oggi mi è arrivata l’istick 40 w,ma ho notato che nella confezione c’è un inserto per un atomizzatore,logicamente l’atomizzatore non c’è.Volevo chiederti se ti è capitato anche a te??? Ciao grazie.Riccardo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si è normale, ci sono diverse varianti, con e senza: cavo usb, adattatore di rete, atom.

  • Riccardo

    Ok grazie,ultima cosa che vorrei chiederti,stò usando sull’istick 40w,il kayfun 4 infinite,con resistenmza da 1.10,ma appena imposto il controllo di temp. l’istick ritorna a watt,forse perchè stò usando una resistenza a kantal, e non nikel?????

    • Yiteo

      Mi permettono, va usato il ni200, con il kanthal il TC non funziona.
      Michele l’ha scritto sopra in risposta alla prima domanda ;).

  • Riccardo

    Scusami Michele,ma che vuol dire che ci sono diverse varianti??? Sai perché, nella confezione che mi e arrivata, è molto strana, c’è il cavo usb logicamente c’è listick 40, ma quello che mi ha stranizzato, che c’è un inserto per un atomizzatore, e questo è vuoto, ho visto delle recensioni su YouTube, che a quanto pare la confezione arriva, con un atomizzatore.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      quello è un adattatore 510>ego e come ti ho detto il prezzo è diverso a seconda dell’allestimento.

  • dsa

    Ciao Michele. È il mio primo post, ma ti seguo da tempo.
    Posso dire che grazie al tuo blog, ai tuoi consigli ho smesso definitivamente di fumare da quasi un anno.
    Grazie a te sono passato velocemente ai rigenerabili, poi al dripping, poi di recente al bottom feeder.
    Insomma prima del post vero e proprio ci tenevo a ringraziarti per il tuo lavoro.

    Confermo le impressioni sulla istick 40, c’è l’ho da una settimana e il ct funziona davvero bene, quasi meglio del dna40…
    Una domanda, sto cercando di far funzionare col tc un taifun gt2 originale. Vapore tanto, hit non male, ma ahimè poco aroma.
    Che consigli puoi darmi rispetto a tipo di coil, posizione della stessa (alta? Bassa?) quantità di cotone? Tipo di rigenerazione? (Ora ho una bullo coil, ni200 da 0,14, 2,5 mm, con cotone che passa giusto dritto nella coil e poi direttamente nelle asole)

    Ancora grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Tipo di rigenerazione non saprei, sei nei valori che io ritengo “perfetti”. L’unica è giocare con la temperatura, hai provato ad abbassare il limite per vedere che succede ?

      • dsa

        Ultima domanda sulla posizione della coil. Immagino valga per tutti i rigenerabili… Coil vicina alll’uscita dell’aria significa più aroma o meno?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Non vale per tutti gli atom la stessa regola, dipende dal diametro del foro da cui esce l’aria che arriva alla coil.
          Più è grande + devi stare lontano e viceversa questo per permettere al flusso d’aria di espandere e avvolgere quanta più coil possibile.
          Inoltre considera che più avvicini la coil al foro e più di fatto contrasti il tiro ma, secondo me, ottieni un effetto negativo sulla resa aromatica.

  • Contevlad

    Ciao Michele, la mia fa un ticchettio a display acceso avvertibile solo appoggiando l’ orecchio alla box. Lo fa anche la tua per caso? O devo preoccuparmi?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io non riesco a sentirlo … vince il friggio della coil 🙂

      • Contevlad

        No intendevo senza schiacciare il pulsante di attivazione, però me lo fa solo a display acceso, quando si spegne la smette.
        Un po’ tipo mettere il kick con polarità invertita.
        Non capisco se devo restituirla o no perchè la box sembra che vada benone…

            • prag

              Ciao, io non mi preoccuperei! Anche la mia lo fa, però riesco a sentirlo solo di notte quando non c’è nessun rumore… Dico di non preoccuparti perché ho notato che è un ticchettio perfettamente sincronizzato con i secondi di un orologio, probabilmente serve all’istick per calcolare i secondi in pressione del pulsante! Parere mio ovviamente… Però almeno siamo in 2!! Michele, prova anche tu ad ascoltare quando c’è assoluto silenzio con l’orecchio sul fianco della box!

  • Riccardo

    Ciao Michele,posso usare per il controllo della temperatura,un nickel nl 200 dello 0,40? Ciao e grazie.Riccardo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      in teoria si in pratica no perché dovresti fare 20 spire per arrivare ad almeno 0.05 ohm

  • Riccardo

    Ciao Michele,quindi al posto dello 0,40, con uno 0,30 come andrei? Ciao e sempre grazie per i tuoi consigli.

  • Ilario

    ciao michele, ti volevo rendere partecipe di alcuni strani comportamenti che mi sta mostrando l’istick 40w.. premetto che il mio metro di paragone è una esquared di lost vape con dna40 originale.. Le stesse identiche coil con ni200 sui due dispositivi, mi danno risultati estremamente diversi.. sul dna40, 40w 400F e svapo da dio.. sull’istick allo stesso settaggio in pratica non fa vapore.. devo impostare una temperatura di almeno 100F più alta per avere un risultato paragonabile, ma anche li, ogni tanto mi “pulsa” l’erogazione.. ovviamente prima di spostare l’atom da un device all’altro lo faccio raffreddare.. e inoltre mi sembra che la resistenza oscilli un po’ troppo sull’istick.. all’inizio la regge uguale, ma poi mi si abbassa di 0,01 o 0,02 (nonostante io usi l’atomizer lock).. spero tu mi possa illuminare! (magari hai letto in giro di problemi simili)

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Tra mio DNA40 (prima batch) e TC40w su 4 rigenerazioni in 3 atom diversi ho riscontrato solo per due atom uno 0.01 ohm in più sulla istick.
      Ma il funzionamento è molto similare, al massimo devo impostare una differenza di 20F in meno sulla TC40w ma non ho notato grosse differenze :).

      • Francesco 54

        Carissimo Michele,
        mi scuso se mi stessi inserendo in modo errato – nel caso mi dirai come fare le prossime volte – ma ho bisogno del tuo e vs aiuto.

        Circa l’Eleaf Istick 40W.
        E’ a tuo avviso consigliabile acquistare questa versione, rispetto all’ultima da 30W da te accuratamente recensita? Perché come saprai e come spesso accade, poco dopo la tua recensione, uscì poi il modello con l’attacco migliorato e il piattello ampliato, di modo chè gli atom non sbordavano più.

        Nell’intento di crescere e passare ai sistemi rigenerabili (ho mano e confidenza con la minuteria elettronica), sono tornato da qualche tempo a nutrirmi dalle preziose informazioni dal tuo blog (di cui ti sono grato). Tra le tante recensioni, ho apprezzato molto sia i Russian (il 2.0, ma a onor del vero, mi è più simpatico il 91%) che i Kayfun Lite Plus.
        Ho così concluso per una mia prima scelta che rimetto volentieri al tuo consiglio:
        – Un paio di Kayfun Lite Plus originali, [ho sbirciato anche la versione di Hepro e Tobeco quella col Kit nano o bell cap, ma tu l’hai bocciata se non erro] oppure, un KayLP e un Russian 91%.
        – Le wick da 2,5, il Kanthalam da 0,20, nonché lo stand (by Michele) x Svapiamo (anche se mi aveva sempre attratto quello che usi te nei video), e che vorrei subito ordinare.

        Intanto che mi vado a studiare le tue pagine sui liquidi, ti invio un carissimo saluto, ringraziando te e tutti gli amici del blog, che vorranno aiutarmi a orientarmi al meglio.
        Francesco

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Basta uno di kay originale 🙂
          Per l’istick 40w puoi andare tranquillo, almeno questa versione si porta dietro molto del know how maturato con le precedenti però sai com’è … non è fuori dal mondo che domani esce la tc 50w ma non ci penserei sopra.
          Io prenderei però anche del ni200 nickel per il controllo temperatura e del muji perché sfrutti il kayfun anche con il cotone. Ad esempio con liquidi tabaccosi io continuo a preferire la wick al cotone ma con fruttati o dolci va benissimo anche il cotone.
          Il khantal prendilo ok, ma anche 0.28 che fa molto comodo per il cotone. Per la wick ok lo 0.20 ma anche un niCR da 0.22-0.24 non sarebbe male averlo perché + gentile con la wick rispetto al khantal.

          • Francesco 54

            Grazie infinite Michele per la prontezza e la nitidezza delle tue indicazioni.E’ una cosa molto confortante. Procedo e poi vi farò sapere.

      • Francesco 54

        Mi ero dimenticato di dire che provengo da una prima esperienza con sistemi Ego C ed Elipse di Ovale a voltaggio fisso e coi loro liquidi.

        Circa le BBattery Eleaf, dovrei prenderne un paio. A maggior ragione vorrei un consiglio per partire col piede giusto.

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          il passo in avanti vai tranquillo che sarà enorme se provi un itick tc40w con un kayfun lite plus ben rigenerato 🙂

          • Francesco 54

            Scusa Michele, controlla tu stesso, ma sosmoke proporne 2 tipi della stessa Tstick tc40,il che mi lascia perplesso:

            1. Istick kit tc 40w con controllo della temperatura. Cita: Il controllo della temperatura consente una migliore e più sicura restituzione di sapori.
            codice prodotto 1991V271

            2.iStick TC 40W 2600 mAh MOD Battery Eleaf SOLO BOX codice prodotto 2104V177, e di cui ne rimangono solo 2.

            quale prendo?

              • Francesco 54

                Michele dove mi rivolgo x i fili resistivi, le wick e gli accessori necessari? Grazie.

                • mc0676 L'autore dell'articolo

                  in tutti gli shop.
                  Io però solitamente compro da zivipf.de.

                  • Francesco 54

                    Grazie. Perché x i fili resistivi mi sperdevo. Una volta che la batteria interna dell’Eleaf tc 40w.sara’ andata, si potrà sostituire?

                    • mc0676 L'autore dell'articolo

                      penso di si, come alcuni fanno con le altre istick

                  • Francesco 54

                    Caro Michele, oggi sono entrato in uno shop fisico, vicino a dove abito, e ho intanto trovato del NiCr da 0,22. Chiaccherando col gestore, mi ha detto che a suo avviso il Kayfun 4 (ha il clone Tobeco, che se ho ben capito, costerebbe sui 35) è più avanzato e più pratico a gestire e caricare rispetto al KLP. Resto comunque dell’avviso, se sei d’accordo, che uno KLP Svoemesto, valga la pena di prenderlo. Vedo che tu hai provato vari cloni, tra cui ti spicca in positivo il clone Hepro. Mi incuriosiva anche un sistema più piccolo e leggero da passeggio e così mi stavo orientando tra il Nautilus Aspire e il Kanger Genitank. Sai se è migliorato qualcosa dal tempo delle le tue recensioni su questi? Mi ha fatto anche provare un sistema Ego One, che mi stava simpatico solo x l’atom piccolo e leggero e ti dirò, abbastanza appagante a mio gusto. Bene. La scimmia mi ha colpito come vedi. Quando hai tempo e voglia, non vedo l’ora di sentir la tua. Intanto studio volentieri i tuoi video, che sono per me i più istruttivi e piacevoli. Un caro saluto.

                    • mc0676 L'autore dell'articolo

                      Genitank e nautilus è da un pò che non li riprovo, non lo so se li hanno migliorati o meno.
                      Il kay v4 è un ottimo device ma è peso e ha poca capienza, di sicuro è + pratico del kayfun lite plus.
                      Ma ad un amico che non vuole giramenti di scatole gli consiglio il klp e non il v4.

      • Ilario

        ho rifatto la res una decina di volte.. finalmente ho trovato la quadratura del cerchio! almeno nel mio caso, funziona in modo comparabile al dna40 solo dagli 0,15Ω in su! sta cosa è un po’ strana comunque..
        un’altra cosa che ho notato è che da 100% a 50% di carica residua ci faccio tipo 4ml, da 50% a 0% se faccio 1ml è anche tanto.. sarà la mia istick fallata?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          per l’indicatore batteria è come la mia, tranquillo
          per l’altra cosa non saprei !

          • Francesco 54

            Non so perchè da ieri si incolonnano le parole a due a due, facendo una buffa strisciata in verticale lunghissima, e con tre righe verticali sulla sinistra. Mah! Provo da qui, sperando che la grafica si ricomponga.
            Grazie Michele per la tua risposta, ma sopratutto per quel senso che sai trasmettere, di un amico paziente che aiuta sempre i principianti a trovare la propria strada. Il KLP originale c’è su diversi shop (Svoemesto, Svoemesto italia, svapobar e altri)e quindi procedo con l’acquisto. Cercavo poi, un ulteriore, valido ma, più leggero buon device da passeggio. Per quello ti avevo fatto alcuni nomi. Alla luce della mia incompetenza, perfino gli atom ego one o questo qui di cui ti mando il Link: http://www.eleafworld.com/product/detail.php/gs-tank-atomizer.html
            A presto.
            Francesco.

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              Grazie 🙂
              Codesto mai provato ma cosi a naso dovrebbe essere tranquillo, cioè con tiro normale e non apertissimo per tiro di polmone.

  • Riccardo Foti

    PRESA!!!!!!
    Grazie Michele! non mi ferma più nessuno! Nichel e Mesh!……spero in una promozione da mezza SVApippetta a SVApatore 🙂

  • Riccardo

    Ciao Michele,scusami ma approfitto sempre della tua pazienza,per fare una coil da 1,02 con nl200 0,30 con tondino da 2,5 quante spire dovrò fare? Grazie sempre.Ciao Riccardo

  • Riccardo

    Sono sicuro che ti sei fatto una grandissima risata,e mi fà tanto piacere,puttroppo io sono ignorante in materia,sicuramente ho sbagliato,e volevo solo sapere per la resistenza di 0,1,02.ciao e scusami!!!!!!!!!!!!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh 🙂
      con lo 0.30 ni200 se fai 10 spire su 2.5 mm dovresti andare a cadere sui 0.08-0.10 ohm circa, quindi ok per la istick tc 40w che vuole resistente con ni200 a partire da 0.05 ohm

      • Riccardo

        Scusami Michele ma come mai quando monto la coil,e la provo mi scrive no atomizer???? Non ci stò capendo più niente!!!!!!!!!!!! é già la quarta coil che faccio ma l’istick non la legge!!!!! Maaahhhhhh!!!!!

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          se l’atom è ok è colpa dell’itick ma per esserne sicuro dovresti verificare che l’atom funge in un’altra box

  • Riccardo

    é puttroppo ho nuovamente toppato volevo dire da 0,12 ohm!!!!!!!!!!!!!!!

  • Riccardo

    L’atom è ok,è un kayfun 4 expro,comunque adesso provo con un kayfun 4 infinite.spero di risolvere il problema,credimi ho già fatto fuori almeno 2,mt di nl200!!!!!

    • Riccardo

      Ciao Michele,problema risolto,funziona tutto alla perfezione,peccato solo che non si possono regolare i watt con il controllo temperatura,tu sai se in commercio c’è qualche boxbattery con controllo temperatura,e che nello stesso tempo si possono regolare i watt? Ciao e grazie sempre.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      l’evic vt non ha la regolazione dei watt con il tp, o meglio puoi regolarli solo da 30 a 60.

  • Riccardo

    Ciao Michele,vorrei provare il delta 2 con il controllo temperatura, avrei pensato,un nl 200 dello 0,30 con tondino di 3,0 o anche di 2,5 ma quante spire devo fare? Tu cosa mi consigli? Ciao e grazie sempre.

  • Riccardo

    Ok grazie,perchè sinceramente ho già provato con 10 spire con nl 200 e misura 2.5 e l’istick funziona,ma dopo pochi tiri va in protezione temperatura,come mai? Sicuramente sbaglierò su qualcosa ma con il kayfun 4 clone dopo svariate prove è andato alla grande!!!!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ normale che ti dica “temperature protected” perché l’istick eroga 40w sempre e comunque e appena deve calare i 40w perché il tuo atom non regge per esempio 40w a 400F o 200C ecco che ti dice “temperature protected”.
      Quindi è normale. Non è che si sta offendendo, ti sta dicendo che sta regolando la temperatura del resto è un device con controllo temperatura !

  • Riccardo

    ok grazie, adesso ho capito,quindi quando non eroga vapore devo scendere di temperatura, es. se imposto a 200C e non eroga più,dovrei scendere a 180C? Perchè praticamente,dopo qualche tiro a 200C, anche se poi scendo di temperatura l’istick và sempre in protezione,quindi o sicuramente sono io che sbaglio,o è una cosa strana!!!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      non è una cosa strana, funziona cosi e c’è poco altro da aggiungere
      regoli la temperatura a cui vuoi svapare e lei regola i watt

  • Riccardo

    Ok grazie,infatti adesso ho terminato di rigenerare i delta 2 e và abbastanza bene.Grazie Michele e scusami sempre per il disturbo!!!! Ciao una buona serata (ps. puttroppo sono come una piattola ti ridisturberò tante altre volte!!!!) Solo tu puoi dare in questo campo dei buoni e ottimi consigli!!!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Tanto tra 1 week chiudo il blog per ferie LOL 😀

        • Francesco 54

          Consegnate stamani da Sosmoke(in un lampo), le 2 Istick TC40W. Belle, non c’è che dire però, pesucchiano!
          Certo che la 30W ultima versione, quanto a “device da passeggio” è forse più adatta.
          Nel manualetto di istruzioni, l’italiano manca, quindi dovrò pazientare un pò, perche anche nei principi di funzionamento mi sembra differisca dal modello 30w.
          Il KLP arriverà tra qualche giorno.
          Potresti consigliarmi un paio di validi atomizzatori più piccoli e leggeri,da aggiungere oltre al KLP?

          • mc0676 L'autore dell'articolo

            Guarda tra i Joye cosa c’è, tipo il Delta II 🙂

      • Francesco 54

        Comincio a sentirmelo meglio in mano questo Istick TC 40W.
        Meglio che patisca il tirocinio necessario al novizio. E’ tutto un mondo da scoprire. Se non fosse poi per i limiti di budget, ci sarebbe da divertirsi e imparare un mondo. Decisamente gran bei giocattoli.Quante cose da scoprire… le resistenze, gli ohm, i voltaggi, e questo tipo di tiraggio e via via finchè non trovi il tuo gusto preferito. Eh già perchè ora dovrò risperimentare da capo anche coi liquidi. Meno male che tu di cose ne hai pubblicate. … Senti, riusciremo a resistere secondo te, durante le tue vacanze? Si dai. Farò un pò di pasticci, sicuro, ma pazienza. Ti auguro delle vacanze meravigliose, in un posto splendido. Hai una valigetta apposta per tutto l’armamentario da svapo, vero? E un bel Toscano riserva in vacanza, ci starebbe!!! :-)).

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Grazie 🙂
          In realtà ho proprio bisogno di staccare “mentalmente” da tutto questo anche perché mi devo dedicare al nuovo mega giocattolone 😀

      • Francesco 54

        Ciao e Buongiorno a tutti.
        Quali sono e dove acquistare (se è il caso) i cloni riusciti meglio x KayfunLP-V2 e x il Kayfun Nano Kit?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Il nano kit dove ti pare, è uguale sempre e comunque.
          Per il KLP-v2 andrei su tobeco o su ehpro.
          Non sono perfettissimi ma funzionano bene.

          • Francesco 54

            Domani mi arriva il KLP (2014) di SVM.
            E oggi ho ordinato il Delta II Joye.

            Testine RBA ne basta una o meglio 2?
            Grazie Michele x il tuo video.
            Io li guardo e prendo appunti.
            Sto per ordinare anche un KLP-V2 (Hepro) e quasi quasi, di kit nano(fossimo in due a fumare)ne prenderei 2. Da Svapo ora sono a 8€.

            Il kayfun LP versione 2014 e KLP V2 sono la stessa cosa o differiscono?

            Prendo anche la tua base da Svapiamo, qualche resistenza da zivipf e dovrei esser pronto a rigenerare.
            (Mi attraggono molto anche i kanger piccolini, evod, genitank e similari) Magari più in là, dopo un pò di scuola.
            Grazie per la tua pazienza.

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              Di testine rba una ti basta però sono molto minghelline, con due diciamo che sei più tranquillo ma anche comodo perché la rigeneri e la tieni li e cosi quando devi rifare la res la rimonti già rigenerata e via.
              Per il klv la prima versione non aveva regolazione dell’aria, le altre ce l’avevano assieme a dei piccoli quasi irriconoscibili miglioramenti.

              • Francesco 54

                Grazie Michele. Ma i KLP 2014 originale SVM ce l’ha la regolazione dell’aria? Speriamo.!!!

          • Francesco 54

            Un ultima pazienza!!
            Giacchè x ciascuno esistono diverse misure, ho dubbi sui fili resistivi x i sistemi che ho? (KLP 2014 e v2 /Joye.Delta 2-RBA/Eleaf GS Tank Mi scriveresti x gentilezza i diametri giusti da prendere per:
            1. ni200 nickel (?)
            2. niCR (0,22 e 0,24?)
            3. khantal (0,20 e 0,28?)

            Ne ho visti anche in titanio(?)

            Ho capito che:
            – ni200 è più adatto x il controllo temperatura. (Cioè se uso Listick in modalità TC?)
            – che il khantal 028 è meglio x il corone
            – che il niCR è + gentile con le wick.
            Grazie Michele.

  • Francesco 54

    Intanto che aspetto i sistemi in arrivo, e per la voglia di svapare un pò con le Istick (gli unici atom ovale che ho, stanno alle Istick come il cacio sul cocomero)e poi anche per averne uno di scorta.oggi mi sono preso in uno shop di Massa, vicino a casa mia, un semplice Kanger Evod Mega. Forse era meglio quello con la regolazione dell’aria, ma dato gli ordini in corso, ho voluto risparmiare. Le caratteristiche : Resistenza v 2 Heads doppia bobina (stoppino invisibile)/ Resistenze intercambiabili / Coils/510 Drip Tip Rimovibile /Connettore 510/Resistenza: 1.5 ohm (testa inclusa). (In verità segna 1,61)
    Tensione consigliata: 3.7V – 4.5V / 8,5 W – 12,6W (con resistenza in dotazione)
    Capacità serbatoio: 2,5 mL / Wick: Invisible
    Materiale Serbatoio: Pyrex vetro avvolto in acciaio inox /Tipo filettatura: 510 maschio.
    Devo ammettere che mi sto svapando un (per me) gustosissimo “pera ubriaca” di “GOL DROP” a 6 di nicotina. a 9 watt – 3,91v e …Kiribbio, a confronto con le ego-c, già così, mamma mia che goduria!!. Non faccio certo i nuvoloni, ma l’aroma e molto buono come anche l’hit, direi che è dignitoso. Ti dirò: son contento di questo umile inizio.

    Ora: Al negozio dicono di no, ma io spero tanto che queste resistenze si possono rigenerare, e funzionar meglio di quelle di serie. Se no, che Kanger è? :-))

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ti han detto di no, che non sono rigenerabili. Ovvio, altrimenti cosa vendono loro ?
      Le head sono le stesse di tanti altri kanger, cerca nel blog e guarda le foto e poi guarda i miei tutorial, già tutto scritto e documentato.

      • Francesco 54

        Caro Michele, ho capito una cosa. Lo svapo (a questi livelli), come anche nelle cose più vere, non è proprio faccenda per “pigroni”.
        Così,seguendo il tuo consiglio, mi sono allacciato le cinture e ho digitato nel tuo/nostro blog: “Rigenerare Kanger”. Ed’è apparso un universo tutto da esplorare! Bisogna non essere tirchi(dentro), e provare, sbagliare e riprovare. Però, grazie a Michele, i nostri rischi si abbassano vertiginosamente. La mia modesta spesa al negozio per il Kanger Evod Mega – e comunque doppia rispetto agli e-shop on line – è valsa la pena se non altro perchè mi ha portato a cercare sui tuoi tutorial dove ho tutto da imparare: un valido investimento solo per questo. CON TANTA TANTA GRATITUDINE. Francesco.

      • Francesco 54

        Scusa ma è Urgente. Scusa Michele. Avevo ordinato su svapobar il KLP originale Svoemesto. Mi è arrivato adesso col corriere, dentro una busta di plastica floscia, un piccolo parallelepipedo bianco in cartoncino (di 8,5 x 2,5 cm) con la scritta Kayfun Lite [plus] su un lato, la foto dell’atom con su scritto The difference e il logo SM, e sempre buttata nella bustona, una bustina di plastica trasparente con dentro $ oring grandi, una piccola e piu cicciottella e 2 piccolissime, insieme a 4 viti (2 più grandi e due minute e un piccolo grano) e stop.
        Niente scatola SVM, niente cacciavitino, niente bugiardino, nient’altro. Che faccio?
        Ma è regolare? Non lo apro in attesa della tua. E al limite, lo rendo.
        Meno male che mi è arrivato anche il IIDelta e il GS Tank (il piccolino di Ismoka). Ma la loro confezione al confronto al Kayfun è Gran Lusso Super. E infine: La mia versione diceva KLP 2014. Ma esiste anche la V2 in originale? Quale è la versione giusta da prendere?

      • Francesco 54

        Mi rispondo io, per intanto. 🙂
        Ho chiamato da Svapobar e mi hanno detto che Svoemesto dalla Germania I Kayfun li manda così. Incastrati precisi (quasi a stento) in uno scarno scatolino. Nient’altro.
        Devo alla cortesia di Svapobar la bustina con dentro le vitine e le oring. Se no neanche quelle. Che tirchi sti tedeschi.!!!
        Circa la versione, ho capito, ho quella giusta.
        Sti principianti,(cioè io) che casino che fanno!!!

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Meglio cosi 🙂
          Alcuni modder hanno dei packaging che fanno ridere, è dato di fatto, purtroppo.

  • Riccardo

    Michele,scusami, ultima domanda, ho fatto 13 spire con 0,25 nl 200 su tondino di 2,5, come atom stò utilizzando un kayfun expro, ma sia l’istick 40w che l’atom mi riscaldano abbastanza,è normale sono a 180 Ni-C°?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Se svapi compulsivo si, è normale.
      Se fai 4-5 tiri e lo fai riposare non lo fa.

  • Riccardo

    Infatti,condivido alla grande!!!! con dsa,anche se io sono uno dei primi,che rompe sempre le scatole a Michele!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Francesco 54

      Mi associo per la pazienza di Michele. Però riflettendo…Ve lo immaginate uno come Michele, che ha una famiglia e un’attività – credo normale – e che gira ore per gli shop, fisici o digitali, e prova e roprova i componenti prima per sè, li smonta, li lava sempre, rigenera le resistenze facendo anche vari tentativi finpo a trovare il modo migliore, e poi apre il blog e giù a scriverci nel dettaglio minuto, e via con le foto, tante, e veramente di qualità, e come non bastasse, come se fosse scontato, ma non lo è affatto, ci regala un video che non lesina proprio su nulla, e che sinceramente non ha confronto nell’etere. E poi ci siamo noi che lo succhiamo per benino … bè, secondo me questa non è semplice pazienza (che già non sarebbe poco), è qualcosa di più in su, di meglio ancora, e che forse un pò ci sfugge. Però ragazzi, che bell’esempio, che dignità. E che fortuna per tutti noi. Buone svapate a tutti e sopratutto, felici meritate vacanze a Michele. francesco.

  • andrea_SI
    andrea_SI

    A proposito di vacanze, Michele, mi piacerebbe davvero sapere cosa metti nel kit-svapo per una vacanza di media durata, così per curiosità!
    Dai, è un’idea, il kit ideale svapovacanziero! (anche se ovviamente le scelte sono personalissime, potrebbe essere uno spunto per molti!)

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Un istick e un kayfun lite plus e una box bottom feeder 🙂

  • istazzo

    ottima recensione come al solito,
    condivido completamente le considerazioni sul TC in generale, aggiungo una persona come me agli inizi viene aiutata molto nel capire quando una coil è da cambiare e/o è fatta male senza prendere steccate

  • Riccardo

    Ciao Michele,vorrei un consiglio,dopo che ho acquistato, l’istick 40 w, ho visto la Zero sx 60 watt control. temp. infinite, cosa ne pensi??? La conosci? Ciao grazie, e buona serata.

  • 2slow4u

    Michele, in modalita’ power, questa istick come si comporta?…ha anche lei uno spunto brutale come la evic-vt, che proprio per questo motivo ho restituito immediatamente sulla fronte al venditore, o si comporta come un normale variwatt?
    Il TC al momento mi interessa relativamente…

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      L’ho usata poco in modalità power su kayfun ma ero a 12.4w mi pare con res da 1.50 ohm e non ho avvertito erogazione brutale della potenza. Purtroppo altro al momento non so dirti.
      Però se non usi il TP puoi optare per la versione 30w che adesso crollerà come prezzo.

  • Riccardo

    Ciao Michele,ultima domanda,ho appena finito di vedere il tuo video suul’istik 40 w, ho visto che le spire della coil le distanzi un pochino con il ni 200, ma se io faccio una coil con ni 200 e spire attaccate,l’istick lavora male?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si mormora che tutti i device con controllo di temperatura non digeriscono le microcoil con il ni200.
      Io qualche prova (ad ora pochissime) l’ho fatta e secondo me funziona lo stesso la coil ma va preparata a modo. Nel dubbio non fare microcoils.

  • Alfonsvapo

    Salve a tutti. sono nuovo di questo forum, e ne sono onorato di far parte soprattutto per la grande passione e professionalità di Michele. Praticamente ho quasi visto tutti i suoi video su you tube, ed alcuni anche se molto lunghi non stancano comunque. Sviolinata per Michele? Si e merita pure una chitarrata ed altro :). Molto bravo e i suoi video sono molto curati, e penso siano le migliori recensioni che si fanno in Italia per quanto concerne lo svapo.Definirei Michele come un ingegnere dello svapo, molto tecnico e precisissimo.
    Dpo tutta questa disserzione volevo fare una domanda sulla Istick 40 presa da pochi giorni insieme ad un K4 Tobeco per la verità non malaccio, e volevo sapere se è possibile modificarla sta box con una batteria la migliore possibile o lasciarla cosi come è?
    Io svapo anche con un MT3s e sinceramente tutta questa differenza di vapo kol K4 non la vedo…la butto qua e mi scuso perchè sono un neofita, ho l’impressione che tutti questi atm rigenerabili siano + per uno scopo hobbistico che per una reale differenza di svapo. Salutoni

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      L’istick puoi farci ben poco, puoi cambiare cella 18650 ma non pensare di trovare in giro tanto di meglio come celle da montarci.
      Per il Kay v4 vs Mt3s beh un pò di differenza c’è. Se entrambi li setti al top vedrai che il Kay v4 ti permette molto di più.
      Ciò non toglie che se non hai pretese svapi di lusso pure con l’MT3s.

      • Alfonsvapo

        Grazie per la risposta Michele, in effetti hai ragione la svapata cambia.Forese prendero un altra 40 o forse 30 che rende anche di + se ben moddata. Il tc lascia il tempo che trova nel senso che ti regoli bene i watt svapi bene e senza problema, poi io ho iniziato a rigenerare col kanthal quindi non la posso manco usare.Poi col K$ ok per il setting , ma non vedo cosa ci sarebbe da settare nel Mt3s,metti la head quando si usura e basta, nel senso che non ha regolazioni.Con sto kayfun 4 svapo bene ma non capisco come riuscite a fare tutto sto fumo nei video lol, a me fuma un po di + rispetto all mt3s ma sti buvoloni esagerati non li vedo…liquido? il solito 50 e 50 un po d acqua e Red Astaire :).
        Detto tra noi cmq io fumo 2 analogiche al giorno, quindi non sono purissimo (la colpa è della mia compagna che mixa troppo le 2 cose, e vengo trascinato alla fine dei 2 pasti quotidiani).Dopo un tank del k4 la stick 40 è gia a meta carica, mo 2 so le cose o mi debbo calmare o debbo pigliare come fonte una batteria per auto…e forse solo cosi riesco a fare tutto il giorno:))))))))))))).

  • giax

    Ciao Michele, ho un problema con la istick 40 che non riesco a risolvere. La uso con il kayfun v4 Ehpro e filo Ni200. Ogni volta che faccio una pausa e riprendo a scappare mi richiede sempre se la Cgil è nuova oppure no. Io credevo che questo messaggio apparisse solo quando svito il kayfun. Premetto che ho,provato 2 kayfun e 2 istick 40 e il problema persiste. Grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao,
      blocca la resistenza dopo averla letta a freddo tenendo premuto fire e potenza UP. Ti esce il lucchetto accanto al valore in ohm.
      Oh mi raccomando, ricordati di premere la solita combinazione quando cambi atom o coil !

  • gigetto

    Michele per provare il TC coi rigenerabili ho preso un pò di Nores 236 nichel, rispetto a quello da 25 indicatomi da te cambia solo la purezza, posso provare lo stesso o rischio di falsare le letture del TC?

  • Daniele Stefani

    a questo punto mi rivolgo a te perché credo tu abbia una grande esperienza. volevo opinioni riguardo istck pioneer e evic con controllo di temperatura. quale mi consigli di acquistare? la userei molto anche senza TC.
    grazie mille

      • Alfonsvapo

        Bhe vista in recensioni, non saprei presumo comunque che collecandoci sopra un paio di casse dovrebbe rendere al meglio 🙂

  • Francesco

    Ciao Michele,
    mi riaggancio da qui per fare il punto di dove sono e chiederti consiglio.
    Dopo un pò di smanettamenti e prove varie con oggetti x me sbagliati, ma necessari ad acquisire il proprio Know How, mi sono attualmente stabilizzato con
    1. KLP originale Svm e KLPV2 by Ehpro(secondo me di eccellente fattura).
    2. Aspire Triton (rigenerabile con il kit RTA System, ma già buono con le sue Head)
    3. Delta II Joye, (con RBA rigenerabile)ma che è attualmente nel cassetto, non perchè non mi piace, ma per fare pratica un poco per volta.
    – Circa i liquidi. Avevo iniziato con degli organici che sono buoni, ma cari. Così ho preso delle basi Avoria 50/50 e 65/35 a nico6 e vari Aromi Capella e F.A., guanti, siringhe e boccette varie, e sto cercando i miei gusti sia come tabacco, che dolce, che fruttato. Ci vuole pazienza e tempo, ma spero di orientarmici man mano. E Forse mi sarebbe di aiuto un semplice atom x il dripping, x assaggiare come sono gli aromi, prima di farne troppi ml che poi magari non piacciono.

    Domanda:
    ho scoperto che facendo la resistenza al KLP con fili piccoli 0,22/0,25, si annerisce presto sia la resistenza che la wick. Lo svapo è ancora buono, ma si generano facilmente incrostazioni nere, con briciole che si sfogliano se vai a togliere la resistenza per cambiarla. Ma se uso un filo più grosso tipo 0,32 o giù di lì, a parità di tempo di uso, resta bello pulito, sia il cotone, che la wick che le spire di filo. Magari si annerirà anche quello, ma mi pare duri ben di più.
    Dunque, anche per motivi di maggior sicurezza, non conviene usare fili di maggior diametro? Sbaglio qualcosa?
    Riguardo allo svapo col Triton, almeno per me, è molto buono perchè dà la soddsfazione del KLP ma -non saprei come dirlo – con una “fragranza” e un pizzico di intensità generale più appagante. Come si aprisse un poco di più la sensazione dello svapo. Tuttavia, come sai, tutto può variare da un soggetto a un altro. Sarei comunque contento di sapere la tua anche su codesto Atom. Hai modo di provarlo?. O te ne spedisco uno io e poi me lo rimandi? Se vai su svapostore, trovi un’ampia descrizione, così ti rendi conto. E’ un atom molto arioso, ma a me piace usarlo con la regolazione dell’aria piuttosto chiusa e rende benissimo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao scusa il ritardo, mi ero perso il tuo commento.
      Per il discorso del filo dipende dalla superficie di contatto: essendo lo 0.32 più largo ha una superficie maggiore di contatto con il cotone e quindi una “miglior” carburazione. Se tu potessi provare il kanthal “D” flat ti renderesti conto di come il processo è ancora più lento.

      Per il triton l’ho visto e sembra molto simile al Delta della joye e vedendo le asole ti credo che possa offrire un tiro anche contrastato. Ti ringrazio per l’offerta di prova ma è un periodaccio nel senso che ho diversa roba da provare ma mi manca il tempo fisico, casomai più avanti :).

  • Stefano M.

    Michele ciao, mi è arrivata questa meraviglia e confermo quanto hai detto, semplicemente fantastica, ero titubante per il discorso dello spunto ma non è per niente invadente, a me funziona benissimo al pari del DNA..chiaramente in modalità CT.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Bene, mi fa piacere.
      E’ tutt’oggi la mia compagna per lo svapo a passeggio con il kay sopra e CT attivo, ovviamente.

  • xxxfabioxxx

    Ciao michele il nickel ni200 è per il controllo della temperatura per box predisposte e esclusivamente per sub-ohm a quanto o capito che a me francamente non interessa per che mi piacciono resistenze minimo ma proprio minimo da 2 ohm e arrivo anche a 4 ohm ;
    ma questo qui invece a cosa serve ?

    http://www.zivipf.com/epages/63862298.sf/de_DE/?ObjectPath=/Shops/63862298/Products/%22Keramik%20Docht%203.0×40%22/SubProducts/%22Keramik%20Docht%203.0×40-6%22

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Un tempo sembrava si potesse usare fai conto tipo al posto della mesh 🙂

  • xxxfabioxxx

    Michele, bisognerebbe che facessi un tutorial passo passo su come INCERAMICARE a modo il taifun gt,
    su fasttech avevo preso l’ithaka ma aveva il pin del positivo storto, ho tentato di addirizzarlo e appena l’ho toccato si è rotto, poi ha un tiro troppo chiuso…anche se il 14 settembre ne è uscito un nuovo modello con 2 asole per l’aria e sembra che ci sia un gommino per tenere in posizione il pin del positivo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Su esigforum l’ha fatto Angelox, c’è un 3d a riguardo.
      Io non l’ho mai fatto e non saprei cosa dirti a riguardo mi spiace !

  • su-iddanoesu

    Oggi mi è arrivata da fasttech. ..un solo piccolo problema senza tc, regolato a 1 w o più, spara sempre 40 w. Praticamente anche se sul display cambia, l’erogazione è stabile a 40 w.

  • Maxxxxy

    Ciao Michele, volevo condividere con te due parole riguardo questo oggettino che ormai ce l’ho da un mesetto e credo di poter dire la mia ;).
    Allora la box funziona molto bene, io la posso confrontare con l’SVD elettronico di qualche tempo fa e vari altri meccanici e devo dire che come erogazione li batte tutti.
    Lavorando in vari-Watt funziona ottimamente, con su il mio fidato kayfun lite plus con res kanthal 1.3ohm a 20Watt fissi è perfetto, nessuna incertezza e nessuna variazione strana nell’erogazione.
    Lavorando in TC le cose cambiano completamente, ho notato anche io quello che hai detto tu negli ultimi commenti, ovvero che a pari temperatura con altre box (la confronto con la ego one tc di un amico) genera vapore più freddo, quindi mi tocca salire un pò di più, però (!!) c’è una grossa differenza di funzionamento al cambio di atom / res, ti spiego. Inizialmente ho tentato di usare il kayfun in TC facendomi le resistenze in Ni200 per conto mio, ma non ne sono mai riuscito a farne una soddisfacente, nonostante prendessi tutte gli accorgimenti del caso, o veniva troppo bassa, o non generava fumo, o dovevo sforare i 300° per farla funzionare a dovere, per questo mi sono preso il suo atom: il Gs-Tank. Questo atom non ha la possibilità nativa di rifare la res, per questo ho iniziato con le sue in Ni200 da 0.15 ohm: queste resistenze (per il momento ne ho usate 4) funzionano molto bene all’inizio per poi degradarsi molto rapidamente andando a dover alzare la temperatura dell’istick troppo, ma NON tutte sono così, per esempio quella che ho adesso sta a 240° fissa da 3 giorni senza problemi!!
    Prima ti dicevo delle differenze di erogazione in base alla res, ebbene questo tank ha la possibilità nativa di montare anche le res normali da 1,5ohm per usarlo in variwatt, queste res a differenze di quelle in ni200 sono apribili quindi mi sono divertito a rigenerarle in verticale. Allora, appena fatte, per circa le prime 1-2 ore non posso superare i 200° pena ustioni e non sto scherzando, temperature altissime anche se impostate basse, poi, passate le prime orette, riuscivo a salire fino a 220°/230° fissi. Ora, con queste res, confrontandolo sempre con il kit joyeteck del mio amico, le temperature impostate e rilavate in bocca sembravano essere molto simili, molto di più che con tutti gli altri sistemi, perchè??? Le resistenze le ho fatte con Ni200 da 0.30, per circa 0.13/0.16 ohm di media quindi con valori molto simili alle originali….
    Purtroppo però (c’è sempre un però 😉 )non riesco ad usarle per più di un giorno perchè si chiudono subito e fanno “effetto cannuccia” ;).

    Concludendo e mi scuso per il post prolisso, posso comunque dire che sono soddisfatto dell’acquisto, anche solo usarla in VW è molto valida, in TC invece è un po più suscettibile a quello che gli si monta sopra, ma in linea di massima per quello che costa, è ottima 🙂

    ps: mi sbaglio oppure usi il Ni200 in VW? Leggendo sui forum dicono che è sconsigliatissimo pena il deterioramento istantaneo del filo…

    Ciao
    Massimo

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Massimo,
      bene o male ogni sistema è una storia a sé.
      Il Kay a wick farlo andare con qualunque sistema TC è una chimera perché il filo non aderisce perfetto sulla wick come nel cotone e perché la wick non è capillare come il cotone: sommando le cose ne esce che i TC tendono a castrare decisamente troppo le rigenerazioni a cotone.
      Il kay per esempio se rigenerato a modo a cotone sui 15-16w con TC lo usi bene senza alcun problema.
      Francamente il perché alcuni atom con Istick tc40 funzionano diversamente e altri in modo similari rispetto ad altre box non lo so. Ad esempio ho su il Magoo moddato con ni200 e l’ho alternato su SX350J e Istick tc40w e ti assicuro che posso usare i medesimi limiti, ma se monto un kayfun sull’istick devo salire di almeno 40 F. Boh !
      Il ni200 in VW se l’ho usato è stato per cazzeggio, non per routine 😉

      • su-iddanoesu

        Io lo sto usando sull’istick clone il Ni200 in vw e sinceramente non vedo il deterioramento che dice Maxxxxy

        • Maxxxxy

          ma guarda, non ti so dire, ma per come ne parlavano, sembrava che si dovesse aprire l’inferno ed uscire il diavolo dal filo in nickel se usato in variwatt 😀 😀 😀
          Anche a me è sembrata un pò una cazzata, forse è dovuta al fatto che in VW non riesci a limitarlo e si potrebbe scaldare troppo più del dovuto e o rompersi o rovinarsi 😉

          • su-iddanoesu

            Io svapo dai 9 ai 14 w, non di più. Con l’istituzione in tc spunta a 40….il vapore lo trovo bollente e la res si scalda troppo comunque anche a 200 gradi c. In vw lo impostato a 10,5 w….non scalda come in tc e non vedo perché si dovrebbe deteriorare prima.Anzi.

      • Maxxxxy

        L’idea che mi sono fatto riguardo il kayfun è che per come è costruito probabilmente “limita” o ritarda la lettura della temperatura sulla box, per questo bisogna alzarla di più che con altri….

        Comunque continuo ad essere dell’idea che per quanto mi stanno piacendo questi sistemi di svapo anche con il cambio di tirata tutta aperta rispetto a quella molto contrastata che usavo prima, sono per lo più giocattolini 😉

  • Riccardo

    Ciao Michele,ha un pò che non ci sentiamo!!! Volevo chiederti un consiglio,posseggo già da quando è uscita la 40w,e sinceramente mi trovo molto bene,ho deciso di acquistarne un’altra su questo sito (sempre dietro tuo consiglio) https://www.fasttech.com/products/3099/10011027/2641900-authentic-eleaf-istick-40w-2600mah-temperature Pensi che sia un clone????? Ciao a presto e sempre grazie. Riccardo.

  • Riccardo

    Ciao Michele,come sicuramente hai visto,è uscita anche la 60w.Cosa ne pensi?????

  • gigetto

    Penso che il limite di queste I-stick sia la qualità della cella, con celle migliori la concorrenza non avrebbe di che concorrere…

  • Filomeno

    Riguardando le foto della recensione ora che la possiedo da un paio di mesi ho notato alcuni dettagli.
    Premetto che l’ho acquistata da Fasttech, SKU 2642000 colore silver, venduta come originale
    Ebbene, nella parte sopra al posto del numero di serie ho la scritta Eleaf mentre nella parte sotto non c’è nessun numero ma solo il simbolo CE con il cestino.
    Strano perchè di solito FT non mente quando scrive authentic. Comunque funziona bene, non mi posso lamentare, ma non ho avuto modo di provare la funzione TC

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Anche alcune “originali” vendute da shop italiani sono come la tua.
      Evidentemente Eleaf ha prodotto in stabilimenti o con caratteristiche diverse.

    • Maxxxxy

      ma hai verificato l’autenticità della box usando il codice a barre che trovi sulla scatola? La mia sopra ha il numero di serie e sotto il simbolo CE mentre la marca ed il modello stanno sui lati in basso, l’ho verificata tramite il codice ed è autentica 😉

      • Filomeno

        La scatola era in cartoncino leggero, vedi foto su FT, ma non ricordo di avere visto numeri da grattare; per ritrovarla dovrei ravanare in uno scatolone di cartacce dell’ufficio, un lavoro ingrato. C’era un manualetto 9×5, quello l’ho conservato.
        Questa che ho preso è solo istick senza cavo e adattatore ego.
        p.s. ho appena letto questo su FT:
        Please note: The security code sticker that is used to identify if the product is authentic from Eleaf was removed by FastTech in purpose.

  • slavyk

    Ciao, Michele, vi ringrazio per tutte le vostre recensioni che ho letto e guardato circa due anni. Ora voglio raccontarvi un piccolo trucco legato iStick 40W TC …
    Con la batteria off, premuto per 20 secondi il UP (o DOWN su alcuni modelli più recenti). Avrete una grande sorpresa … Il titanio è supportato da iStick!
    Tutto il meglio!
    P.S. Spiacente, ho usato google translate dal rumeno, in italiano

  • Riccardo

    Ciao e scusami Michele, ultima cosa che vorrei chiederti, tra le due eleaf istick 60w tc e evic vtc 60w, quale mi consigli? Grazie ciao Riccardo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Considera che sono “cugine”, la mamma è la stessa. Quindi va solo a gusto estetico.
      A me piace di più la vtc …

  • e-gut
    e-gut

    Ciao Michele, perdonami, sono tentato ad acquistare un Box Battery.
    La scelta è tra l’iStick TC40W e il Joyetech eVic VTC Mini.
    Esteticamente il secondo lo preferisco. Mi piace il fatto che abbia il firmware upgradabile
    e che probabilmente possa avere un utilizzo più longevo, visto che la batteria è sostituibile.
    Però temo che sia decisamente più pesante come device da passeggio.
    Tu cosa consiglieresti? Ti ringrazio moltissimo!

        • e-gut
          e-gut

          Mi è arrivato ieri e sono molto soddisfatto!
          Stavo pensando alle rigenerazioni delle testine del suo atom Ego One Mega.
          Sul tubo ne ho viste diverse e in nessuna adottano tecnica res-nores
          (pur avendo tappino di silicone).
          Secondo il tuo parere è giusto quello che fanno?
          Grazie Michele e scusa se ti disturbo sempre
          ma io mi fido veramente solo di te.
          Il tuo contributo è fondamentale!

          • mc0676 L'autore dell'articolo

            Non è solo giusto, è logico 🙂

            Si, ci vuole il nores.

  • monica
    monica

    Ciao Michele, io ho un problema con questo gioiellino, (e un problema simile con Invader mini)) praticamente non legge più le Resistenze e rimane fisso su 0,38ohm con qualsiasi atom e addirittura anche senza, e non eroga potenza in nessun modo, ho cercato in rete un RCS un reset code ma niente, mi rimane aprirla e staccare il filo alimentazione? Aiuto sono senza speranze e senza batterie . Grazie a presto

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      ahimè è un problema che ha colpito diversa gente … circuito andato 🙁

      • monica
        monica

        Ma quindi posso chiedere una sostituzione? La casa produttrice ne è al corrente? Perché se è un problema che ha colpito MOLTI, perché nessuno ne parla nelle recensioni? Scusa ma mi girano un po’ le scatole visto che l ho usata un mese….

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Prova a chiedere.
          Il punto è che non ha afflitto tutti.
          La mia è ancora sana.
          Se mi si fosse rotta lo avrei scritto, figurati.

          Un amico ne ha prese 2, una da Dario l’altra da Teknosvapo (dove io) e sono morte entrambe !
          Chissà forse dipende anche da usi particolari, non saprei davvero.
          Una di quelle due è morta praticamente subito.

          • iceold
            iceold

            ciao ragazzi,anch’io stesso problema.Sei sicuro Michele che sia partito il circuito? sai se per caso c’è un aggiornamento software in rete,magari è propio quello.cakkio 20 gg la mia e non mi ricordo più dove cakkio l’ho presa….e se l’aprissi…..aiutooooooo

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              L’unica cosa che puoi tentare è aprirla e staccare la batteria dopodiché immergerla in bagno con alcool isopropilico …
              Magari è entrato del liquido e da i numeri.
              PS Io l’ho fatto, ma non è servito a niente.

  • frik

    Ciao michele ho appena visto questo video e ho fatto la mia prima resistenza con ni 200 anche se cerco di farmelo piacere il cotone mi rendo conto che non è per me allora mi è venuto un dubbio e a chi posso chiedere se non a te ma si può fare una resistenza con ni200 a wick? grazie del tuo aiuto a presto ti seguo sempre con ammirazione

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Puoi provare, ma ne rimarrai deluso perché la capacità di wick di trasportare liquido è molto + bassa rispetto al cotone e il controllo temp interverrà spesso. Poi dipende dai watt, indubbiamente.

  • beppe7x

    Ciao Michele, anch’io ho la piccola.
    Sapevi che può funzionare anche in Ti!?
    Per attivare la funzione bisogna spegnere la batteria e poi tenere premuti i tasti “su” + “power” per 25 secondi, fino a che visualizzeremo sullo schermino “Ti on”.
    Fatto questo ci apparirà tra le impostazioni di lettura (tenendo premuto il tasto centrale ) scorrendo da VW a Ni a Ti.
    Leggendo su internet dicono che funzioni bene, io non avendo filo al titanio non posso esprimermi in merito, ho comunque pensato bene di farlo presente.

  • Paki

    Buongiorno Michele,
    complimenti per il sito e le recensioni.
    Ho una Eleaf istick 40w e uso l’atomizzatore Eleaf GS Air BDC.
    Non sono esperte come te ma so già che l’atomizzat. non è proprio adatto. L’acquisto l’ho effettuato come prova per provare la batteria e anche perchè ho letto molte recensioni negative su Eleaf GS Tank TC 0 che sarebbe quello consigliato per l’ istick 40w.
    Vorrei chiederti se è possibile fare una recensione sui tipo di atomizzatori adatti per l’ istick 40 con i pro e i contro sia da un punto di vista qualitativo che economico.

    Io attualmente sono in fase di analisi dei seguenti atomizzatori:

    Eleaf Lemo Atomizzatore Rigenerabile 26,90 €
    Eleaf GS-Tank Atomizzatore 15,90 €
    Eleaf Ijust2 Atomizzatore 12,90 €
    Eleaf GS Air 2 da 14mm Atomizzatore 8,90 €

    Adesso non sto usando il TC perchè il mio atmatizz. non me lo permette e anche perchè vorrei abituarmi al nuovo modo di svapare visto il mio passaggio da batteria ego a istick 40w, in seguito cercherò di entrare nel mondo del TC….

    So ti porre delle questiono molto basilari ma spero che con il vostro aiuto acquisire conoscenze per poi aiutare chi come me inizia a a diventare più esperto o meno ignorante nel settore dello svapo.

    Un saluti a tutti gli utenti di esigblog.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh ! Guarda mi dispiace ma purtroppo non conosco codesti atomizzatori 🙁 e non li ho mai provati, giusto il Lemo tempo fa ho provato.
      Ma te tiri di polmone o di bocca ?

  • Paki

    Ciao Michele,
    io preferisco il tiro di bocca o di guancia perchè mi lascia l’aroma del liquidi nella bocca,
    adesso sto utilizzando l’atomizzatore Eleaf GS Air BDC tra gli 8 e 11 w, il tiro di bocca non è male ma vorrei acquistare Eleaf GS Tank TC per utilizzare al meglio la batteria ma penso che questo atomizzatore sia più adatto per il tiro di polmone.
    Cosa mi consigli?
    Grazie in anticipo.
    Saluti da Paki.

    • Paki

      Ciao,
      volevo chiarirmi sulla preferenza dei tiri, per le mie umili conoscenze credo ci siano 2 differenze:
      1) tiro di polmoni, si aspira direttamente giù nei polmoni;
      2) tiro di bocca o di guancia, si aspira trattenendo in bocca prima di mandare giù nei polmoni.
      Vi chiedo cortesemente di correggere le mie definizioni se sono errate.

      Saluti a esigblog.

      • mc0676 L'autore dell'articolo

        Esatto, nel caso 1) inoltre si svapa a wattaggi importanti (minimo sindacale 30w) nell’altro anche 12-13w possono bastare.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Beh si vedendo le foto (non lo possiedo) il GS tank direi che è decisamente da polmone.
      Per il tiro di bocca ci sono svariate opzioni.
      Vuoi rigenerare o vuoi le testine pronte ?
      Nel primo caso c’è un bel ventaglio di scelta (Tilemahos, Calix, Phenomenon, Kayfun …) nell’altro la scelta diciamo che è meno ampia e c’è meno spazio per la fantasia.

  • Paki

    Ciao,
    non sono ancora esperto al punto di generare, preferirei testine pronte.
    Cosa mi consigliate?
    Saluti da Paki.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ahi, non uso quel tipo di tank 🙁
      L’unico che monta anche testine Ni200 per TC che conosco e che funziona bene è il Delta II della Joyetech.

      • Maxxxxy

        scusate se mi intrometto, se posso consigliarti lascia stare il Gs Tank, io l’ho usato qualche tempo ed oltre al fatto che è piccolo e carino e che ha le resistenze già fatte, non vale granchè….
        Io mi sono trovato abbastanza bene con l’Ego One Mega, ha testine di ricambio già fatte sia per tc che normale e volendo le puoi anche rigenerare, come tirata la puoi regolare con la ghiera dell’aria, anche se è principalmente da polmone, diciamo che dal basso della mia esperienza può essere un buon compromesso per iniziare 😉
        Ciao

        • Paki

          bene, ho confrontato i prezzi e ho trovato la Joyetech Ego One 2.5 mla 14,5 euro poco più della gs tank a 13,7 euro.
          Procedo con l’acquisto?
          Un saluto a tutti.

          • mc0676 L'autore dell'articolo

            Vai vai, l’ego one è molto simile al delta 2, siamo li.

            • Paki

              Si lo so,
              quello che sto per scegliere credo abbia le stesse caratteristiche con il serbatoi da 2.5 mla .
              Coil di ricambio tra le due diverse tipologie: da 1 ohm e in sub ohm da 0,5 ohm:
              E’ come penso?

              • Maxxxxy

                lo sai qual’è il problema? Se vai di tiro aperto, ovvero polmonare, 2,5ml ti durano una mattinata, poi dipende sempre da quanto fumi, ma io che non mi considero uno svapatore esagerato, un tank da 4ml del “mega” mi durava a mala pena una giornata piena.. Per il resto si, sembrerebbe lo stesso ma più piccolo e con meno capacità, ora a te la scelta 😉

                • Paki

                  giusto, io preferisco cambiare gusto durante la giornata e 2,5ml bastano e avanzano soprattutto in questa fase di sperimentazione.
                  Allora tutti d’accordo, procedo ?

                  • Paki

                    Ciao,
                    ho provato la Joyetech Ego One 2.5 mla , eccezionale veramente!!
                    Svapata calda e morbida, un’altro mondo rispetto la Eleaf GS Air BDC .
                    Uso le coil con il cotone, a breve vorrei provare la coil al titanio per svapare a TC e sfruttare al meglio la istick 40 w.
                    Grazie a tutti per i preziosi consigli.
                    Un saluti a tutti di esigblog.

                    • Paki

                      Gentili utenti di esigblog,
                      vi ringrazio nuovamente per i consigli dati e sono qui a chiedervi nuovamente un consiglio, vorrei acquistare un’altro atomizzatore PER LA MIA ISTICK 40W e sono in fase di analisi di questi due:
                      1) JOYTECH TRON S;
                      2) ASPIRE NAUTILUS BDC TANK 5ML .

                      Secondo voi quale tra i due è meglio?
                      P.S. Il mio tiro sta diventando sempre più di polmone che di guancia grazie al Joyetech Ego One 2.5 mla.
                      In attesa di un vostro consiglio vi mando i miei cordiali saluti.
                      Paki.

                    • Maxxxxy

                      Ti potrei dire un buon bellus o zephyrus v2 della ud ma attendi anche pareri dei più esperti 😉

  • basicallyrob

    Ciao Michele, innanzitutto complimenti per la guida,
    ho appena comprato una istick tc40w con un gs-tank ma ho subito riscontrato alcuni problemi e chiedo a te che sei il piu esperto.
    La resistenza è letta a 0.16ohm, In modalità W la siga funziona tranquillamente ma se passo in modalità temperatura qualunque temperatura setto sul display mi rimani bloccata a temp protection. Come mai?

    Grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Che testina è ? Ni200 ? E funziona ?
      L’istick tc40w eroga sempre 40w in TC e se non riesce ad erogare 40w esce la scritta.
      Per assurdo potrebbe essere perfettamente normale.

I commenti sono chiusi.