Emendamento 11.230 passato, STOP alla pubblicizzazione delle sigarette elettroniche. ERA ORA. 10


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 2724 volte.

bocciato-spot-tv-primo-paddy-power-scommesse

Mi dispiace per chi faceva e fa pubblicità “intelligenti” ma il sapere che dal 1° Gennaio non vedrò mai più pubblicità demenziali e idiote come quella li del duc-azzo … il principino insomma e del sesso … mi fa piacere. E’ inammissibile che passino in TV quelle robe li !

La tassazione al 58%, l’equiparazione al tabacco (distribuzione) e le peggiori cose tutte confermate purtroppo.

Tra l’altro la pubblicità genera moda e per questo, poiché pur sempre una dipendenza è, personalmente sono favorevole allo stop delle pubblicità.
L’unica pubblicità che dovrebbe passare secondo me è quella del Ministero della Salute, un messaggio generico, senza brand né nulla dove si informa che l’elettronica è meno dannosa dell’analogica.

Allora in questo caso sarei favorevole.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


10 commenti su “Emendamento 11.230 passato, STOP alla pubblicizzazione delle sigarette elettroniche. ERA ORA.

  • Avatar
    alexx3c

    Ma nemmeno quella del ministero.. Finchè c’è la nicotina in mezzo rimane una dipendenza. È come se si potesse andare in moto senza casco a senza limiti 180km all’ora, poi si decide che il casco diventa obbligatorio, ma si puó comunque andare a 180..qui il vero problema non è andare in moto senza casco o senza limiti sia giusto, ma dare la possibilitá di andare in pista quando ne ho voglia(ovvero svapare senza nicotina senza tante leggi e balzelli) Sbaglio? Io sarei per le pubblicitá di ogni genere, ma con assenza di nicotina, dato che rimarrebbero solo dei vaporizzatori di aromi. Cosí uno per smettere di fumare si paga un pó di tasse, poi dopo un mesetto passi senza nico e svapi quanto vuoi..altrimenti si travisa la vera missione delle sigarette elettroniche, e diventa un hobby o una droga o entrambi.

    Devo andare anche o.t. Volevo sapere se è quando riprenderá il gda per il clone del chalice?
    Grazie mc.

  • Avatar
    alexx3c

    Purtroppo ragazzi, fumiamo o svapiamo in questo caso una droga, che dalla sua invenzione è sempre stata monopolio di stato, insieme all’alcool..

  • Avatar
    marco.c

    mah….. per me non e’ un problema …. sono dell’idea che la sigaretta elettronica deve essere un passo in dietro per chi si devasta col tabacco…. ma non un passo avanti per chi non fuma!!! quindi non mi sono mai permesso ne di svapare al bar ne di svapare a casa dei clienti in cui vado per lavoro …. il mio p.v sta nel furgone dove era il posto in cui mi fumavo 1 pacco e mezzo di marlboro durante gli spostamenti e solo a sedere sul divano la sera mi gusto il vapore assumendo quella nicotina che pian piano sto riducendo a zero …. per poi finire a considerare la svapata come un buon bicchiere di wisky ma con molti meno effetti collaterali … insomma un si po’ fa’ a meno di tutto . Mi ha fatto comunque schifo, come il monopolio e’ corso subito ai ripari, e mi ha fatto capire che della nostra salute non glie’ ne frega un tubo, ma gli frega solo dei soldi, quindi ora sono consapevole del fatto che a mio figlio solo io posso insegnare di non fumare…. e comunque un domani non mi meraviglierei che il fatto di essere ex fumatori lo scriveranno sulle tessere sanitarie e metteranno un’aliquota sull’irpef solo per continuare a fotterti i soldi che non gli dai piu’…. spero sinceramente di non avergli dato un’idea ….

    • Avatar
      alexx3c

      Che allo stato non gliene importi una beata mazza della nostra salute era una cosa saputa. Tanto piú quando la gente usa cose che fanno male di cui si puó fare tranquillamente a meno, come l’alcol e il tabacco(e quindi cerca di limitare l’uso come puó). Anche perchè lo stato a volte ci rimane fregato.. ( vedi i tossicodipendenti che dopo aver fatto quello che volevano ora chiedono allo stato una cura gratuita per la propria dipendenza)
      Con questo non giustifico assolutamente lo stato, anzi, io sono dell’idea: vuoi bere? Fatti il moonshine in cantina.
      Vuoi fumare? Prenditi il tabacco e lavoralo. Vuoi drogarti? Vai in piazza dal primo push..
      Unica cosa per cui mi gira le scatole, è di non trovare la nicotina pura al mercato illegale, altrimenti sarei giá a posto.. Male per male, almeno mi gestisco come voglio.
      Alla fine di tutta sta pappardella sensa senso, l’unica cosa che penso fermamente è che tassare il materiale per svapare aromi sia sbagliato. Tassare la nicotina ad alti livelli sia regolare.

  • Avatar
    AlexEVO

    Michele guarda che gli emendamenti riguardanti la tassazione sigaretta elettronica (art. 11.223) non sono stati approvati nella seduta di oggi… inoltre ci sono diverse proposte di modifiche alla legge, si parla di tassazione del 50% solo sui liquidi o di una tantum a mg di nicotina.

    Sulla pubblicità non sono d’accordo, le sigarette tradizionali sono oramai radicate nella società odierna tanto da non avere bisogno di essere pubblicizzate, la sigaretta elettronica è un vizio, ma è anche una variante decisamente più salutare del fumo tradizionale… perchè il divieto di comunicarlo?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Si quelli nuovi non sono passati, ma da quello che ho letto tassazione al 58% e le altre robe si, cosi ho letto (scritto da venditori “interessati”).

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Per la pubblicità sarei d’accordo come scritto a farla pubblicizzare dal Ministero della Salute … per evitare di vedere quelle pubblicità assurde come quelle del principino.

      Informazione OK, disinformazione no però.

      Inoltre pubblicità è moda. E purtroppo in alcune parti l’esig è diventata anche oggetto di moda e di tutto abbiamo bisogno tranne che di questo.

  • Avatar
    lucky4

    Ma si:’sto c@… di nicotina!
    E che ce la siamo sposata?

    Sostanza banale,sintetica,la trovi in capo al mondo,a due soldi e te la portano pure su,che stai in accappatoio e non puoi scendere.

    Serve solo per non soffrirne la mancanza,come quando dovevamo uscire di notte con la tessera sanitaria,incrociando gruppi di adolescenti che si facevano le canne.

    Scarichiamola a.t.a.(any time at all).
    Che al mondo si trova di meglio!

  • Avatar
    Gioxx

    Quindi cosa succederà? I liquidi possiamo ancora prenderli all’estero ? Questo vomitevole provvedimento colpirà i distributori o anche i poveri cristi come noi? Sempre più schifato da questo stato composto da incompetenti e mi fermo qui per non rischiare una denuncia.

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Per l’online non dovrebbe cambiare niente se non ho capito male.

I commenti sono chiusi.