Evod BCC v2, testiamolo, recensiamolo, rigeneriamolo. E rimandiamolo a settembre ! 35


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 10417 volte.

Oggi sono arrivati gli Evod BCC v2.
Li ho preso assieme ad un amico su ego2.pl.
Era prevedibile che prima o poi sarebbero giunti alla versione 2 e c’è voluto un anno o quasi per arrivarci.

Queste sono le differenze rispetto alla versione 1:
– sono più lunghi di circa 7-8 mm;
– tip intercambiabile (ci si può mettere qualunque tip 510);
– capienza invariata (circa 1.5 ml);
– nuova head in stile ProTank v3, con finestra asole maggiorata, pin superiore molto lungo, nuovo pin inferiore e nuova guarnizione interna;
– testine da 1.5 ohm di serie.

Costa poco meno di 6 euro e chiaramente ero curioso di provarlo.

La head non l’ho ancora smontata, quindi non so se sia dual coils o single coil.

Si carica allo stesso modo. Come il v1 presenta 3 fori nella base per cui chi ritiene (io) che 3 siano troppi almeno 1 andrà coperto con del nastro.

Qualche foto:

DSC_0223

DSC_0224

DSC_0225

DSC_0226

DSC_0227

DSC_0228

DSC_0229

DSC_0230

Prime impressioni

Dopo un pieno …
Il tiro confermo che è un pelino troppo arioso, quindi un foro è da tappare.
La produzione di vapore è buona, mentre la resa aromatica al momento non è di alto livello ma appena sufficiente, vedremo se con l’uso migliorerà o meno.
L’hit c’è ma non è eccezionale.
La temperatura del vapore è buona, non è tiepido.
Insomma grosso modo cosi a primo impatto sembrerebbe un pelo “sottotono” rispetto alla versione 1, facendo il confronto head di serie con head di serie.

Il problema, semmai, è che la resistenza è troppo bassa.
Con la ego-twist, per esempio, oltre i 3.6-3.7 non posso andare (nel senso che anche se metto 4.8v comunque oltre i 3.6-3.7 non eroga) e per poterlo svapare a 10w l’ho dovuto mettere sull’hammond BB con il DNA30D.
Io avrei optato per delle head da almeno 1.8 ohm, in modo che anche le ego varivolts sarebbero riuscite a “tirare” la resistenza a qualche watt in più poiché il giusto voltaggio sembra essere intorno ai 4.1-4.2v.
Poi, chiaramente, c’è chi si troverà bene anche a 8 watt.

Mi faccio i canonici 25-30 ml poi recensiamo.

Aggiornamento del 15/03/2014

Sono al 5° tank.
Tra il secondo ed il terzo tank ho dovuto asciugare sotto al tip perché si era accumulata un bel pò di condensa e iniziava a rompere con il tipico glo glo.
Lo sto ancora usando nell’Hammond BB, a 10w.
Per ora posso dire che:
– si alimenta bene e beve come una spugna;
– l’hit cosi come la produzione di vapore sono buoni;
– la resa aromatica pur migliorando con l’uso è appena sufficiente.

Continuo.

Aggiornamento del 26/03/2014

Rieccoci a parlare di Evod BCC.
Me la sono presa comoda, lo ammetto.
Farò la recensione appena possibile ma il verdetto parla chiaro: rimandato a settembre.

Con la testina da 1.5 ohm:

Parliamo dei difetti di questo sistema:
– lo hanno allungato rispetto al V1 di 7-8 mm;
– lo hanno appesantito rispetto al V1;
– la capienza è sensibilmente (roba di decimi di ml) diminuita e la V1 di certo non brillava per capienza;
– la resistenza è troppo bassa: 1.5 ohm e dual coils non pagano ahimé, serve qualcosa di potente (un BB ?) per farlo andare in modo decente perché con una ego-twist o una ego normale non si riesce a tirare fuori le potenzialità della dual coil;
– la resa aromatica non è a livello della V1, probabilmente per via del dual coils;
– durata limitata della resistenza, stimata in circa 20 ml.

Parliamo dei pregi di questo sistema:
– si può montare il tip che ci pare;
– fattura di alto livello;
– hit buono;
– accumulo di condensa meno fastidioso rispetto alla V1 ma pur presente;
– produzione di vapore buona.

Con la testina da 2.0 ohm:

Tutto come la 1.5 ohm fatto eccezione il fatto che una twist riesce a spingerla, quindi si recapera hit e produzione di vapore, tuttavia la resa aromatica non è ancora convincente.
Il problema è che la resa aromatica veramente è scarsa all’inizio. Poi migliora sensibilmente ma non arriva mai ad essere “buona” come le head single coils.

Inoltre in dual coils consuma tantissimo e la capienza è quella che è.

Secondo me …
Potrebbe molto migliorare con una resistenza “single coil” da 1.8 ohm, in pratica come la v1.
Ripongo la mia fiducia sul T3D anche se so già che si porterà dietro gli stessi difetti eccezion fatta per la capienza.

Lo consiglio ?
Ni.
Solo se siete in grado di rigenerarlo.
Se poi volete provarlo a tutti i costi, prendete le head da 2.0 ohm.

Rigenerazione.

Per la rigenerazione vi consiglio:
– 3 wick da 2.0 mm (2 mm veri !) oppure 3 wick da 2.5 mm di cui una dimezzata in spessore oppure 2 wick da 3 mm (3 mm veri !);
– 5 spire di khantal A1 da 0.20 (res finale da 2.2 ohm circa);
– non resistivo (sempre e comunque);
– single coil !

In questo modo avrete un’ottima resa aromatica, un buon hit e una buona produzione di vapore.
Il vapore non sarà caldissimo come con la dual coil ma personalmente non lo ritengo un grosso problema.

Il video recensione e rigenerazione.
La rigenerazione va bene anche per Pro Tank v3, le head sono le stesse.

Concludo l’articolo con due foto.

La dual coils da 1.5 ohm, dopo una 20ina di ml svapati.
Come vedete la res sotto è stata fatta con i piedi.

IMG_20140326_174139

La dual coils da 2.0 ohm mai usata. Fatta veramente molto ma molto bene.
PS Anche l’altra da 2.0 ohm che ho provato e testato era fatta cosi, cosi per info.

IMG_20140326_171555


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


35 commenti su “Evod BCC v2, testiamolo, recensiamolo, rigeneriamolo. E rimandiamolo a settembre !

  • alex77

    Grazie delle info Michele,io ho il primo il BCC V1 ed è l’unico atomizzatore che non riuscivo a fare andare con tutti i tipi di Wick,e lo stavo buttando nel secchio,poi ho fatto l’ultima prova ad rigenerarlo con il cotone,adesso è straordinariamente buono anzi ottimo sotto tutti i punti di vista,me lo sto godendo alla grande a tal punto di mettere da parte il Kayfun LP ,anche l’hit è notevole invece prima era al quanto irrisorio!!

  • sampom

    La descrizione prodotto dice essere Dual Coli. E sembra vedersi anche dalle tue due penultime foto. Volevo prenderne un paio anche io… prova a rigenerarlo e dicci se migliora e vale la pena 🙂

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si è dual coil vero ho dato una sbirciatina 😀

  • danrevella

    chiedo scusa per il disturbo, avrei un quesito relativo alla rigenerazione in generale:
    -) uso dei res.no.res già fatti in quanto non mi sento di annodare e/o saldare elettronicamente con un resjoiner in quanto a causa del mio tremolio alle mani ho paura di fare solo danni…. 🙁
    -) pertanto prendo il mio filo res.no.res già pronto e lo avvolgo intorno alla wick.
    -) mi capita quasi sempre che per terminare l’operazione di avvolgimento una piccola sezione di filo NON resistivo si avvolga attorno alla wick…. E’ un errore? E’ forse preferibile lasciare piuttosto una piccola sezione di resistivo NON avvolto alla wick? Ma poi questo pezzetto “vagante” di resistivo che finisce magari sulla ceramica ade es. del Magoo, può creare problemi?
    -) quale scelta mi consigli di fare per l’avvolgimento?
    Grazie mille per la tua cortesia e professionalità.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non ti preoccupare per il no res avvolto, è meglio una spira di no res che 3 mm di resistenza non avvolta.
      Per l’avvolgimento la cosa migliore è infilare uno spillo nella wick e poi avvolgerla con la giusta pressione.
      In alternativa va bene anche avvolgere il tutto prima in una punta del trapano del diametro giusto dopodiché si infila la wick.
      Per esempio io la wick di 2.5 mm la infilo in una resistenza avvolta su punta da 1.75 mm ma non sempre questa proporzione è corretta.
      Il consiglio è andare in ferramenta e spendere 10 € per prendere:
      – 1 punta da 1.50
      – “” da 1.75
      – “” da 2.00
      – “” da 2.25
      – “” da 2.5.

  • frik

    Ciao michele come sempre una bella videorecensione ben dettagliata anche io sono prokanger mi linkeresti lo shop che vende il jioiner?
    Grazie ciao.

  • diogene

    Cia Michele ! per quanto riguarda la rigenerazione del pro tank 3 in single coil, tempo fa, avevi suggerito 2 wick da 3 mm. Pensi sia una soluzione ancora valida? o meglio con le 2 wick da 2,5 mm + un altra mezza come hai fatto vedere nel video?

    Grazie ancora !

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si, purtroppo l’ho finita la 3 e mi arrangio in quel modo ma come ho scritto nell’articolo va bene anche la 3 a doppio.

  • diogene

    Perfetto , riproverò, l’altra volta non so perchè ma non si alimentava bene,poco vapore. Questa volta voglio provare queste famose resistenze da 1.8 di fasttech che mi sono arrivate. Spero di non essere d’accordo con te almeno per una volta 😀

  • Hulot

    scusa Michele, sbaglio o piano piano vogliono eliminare le single coil classiche per le dual coil, più difficili da rigenerare?

  • Filomeno

    Ciao Michele, visto che si parla di BCC spero di non essere troppo OT;
    ho trovato questi atom a poco prezzo: http://www.buyincoins.com/item/43211.html
    sapresti dirmi secondo te se vanno bene sul T3S o l’X10 o su cosa si possono utilizzare?
    Ho provato a chiedere al venditore ma non capisce di cosa si parla

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Pare di si, però sai non avendoli in mano … è difficile. vedendo la foto sono molto simili.

      • Filomeno

        Grazie Michele, intanto ne ordino una decina qui e prendo T3S e X10 da FT
        ora sto usando il T3 dove gli atom vengono forniti assieme alla ghiera, con questi invece il prezzo si ridurrebbe a 0,40€. Ho visto che salendo sopra i 6w non durano molto e vorrei cambiarli settimanalmente o anche meno e non avrei costanza nel riavvorgerli
        Veramente cercavo anche un clearom piu grande, spero che l’X10 di FT vada bene

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Le head si fanno quei 25-30 ml l’una, oltre perdono troppo.
          Nel bene o nel male è cosi.
          L’unica, come faccio io, è imparare a rigenerare. Risparmi un sacco di soldini e funzionano meglio.

  • playjamb88

    Ciao Michele, ho appena acquistato il t3d che lo abbinero’ al vision spinner v2 e sicuramente andrò a rigenerarlo in single con wick da 3 a doppio…giusto per info tu dome mi consigli di comprare una buona wick?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Svapobar, la 2.5 mm in silica, se non ha cambiato fornitore è ottima.

  • guus

    Ciao Michele,
    ho acquistato un paio di giorni fa l’EVOD BCC glass per poterlo utilizzare con i liquidi organici. Altro non è che l’EVOD 2 che hai recensito ma con il tank in vetro.
    Non ho ancora smontato la testina per rigenerarlo perchè volevo provarla prima in dual coil, ma ho notato che invece delle classiche fessure laterali da dove normalmente sporge la wick, presenta due piccoli buchini per lato (dai quali invece la wick non esce). Da quello che dice svapoweb dovrebbero essere le stesse del Protank 3, ma sono la nuova versione (https://www.svapoweb.it/new-dual-coil-kanger-sub-ohm)
    Secondo te come posso fare a rigenerarle? Potrei avere delle difficoltà?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io una volta le ho rigenerate ma è troppo palloso, preferisco le dual coil normali.

      • guus

        Io intendevo rigenerarlo in single coil col metodo che spiegavi nel video. Dici che è troppo complicato con questo tipo di head?

          • guus

            cavolo che fregatura! Non ho comprato le head di ricambio perchè puntavo tutto sulla rigenerazione…. ma la head del t3d si può riciclare sull’EVOD Glass o EVOD 2?

                • guus

                  Michele, perdonami se riprendo di nuovo questa discussione. Mi sono accorto che anche il T3D (che avevo preso insieme al Glass) ha le testine “upgraded”. Vorrei evitare di fare un nuovo acquisto solo per le testine classiche (che tra l’altro sono diventate difficili da trovare) e quindi volevo farti 2 domande veloci:
                  – le head single coil dell’evod vanno bene sul Glass/T3D?
                  – smontando la “maledetta” testina uograded mi sono accorto che non si può sfilare il camino. Ho capito che è complicato da rigenerare ma, giusto per curiosità, come si fa se la coil è accessibile solo dal buchino di sotto?

                  Grazie!

I commenti sono chiusi.