Foggatti T22 Clone 12


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4386 volte.

Stiamo parlando di questo articolo qua di Fasttech.com.

Questo prodotto è il clone di un famoso prodotto dal costo decisamente proibitivo. L’originale è apparso nel mercato oramai un annetto fa e costava sui 250 € e passa.
Il clone, e che clone, costa molto meno. Con poco meno di 20 €, pari a 1/12 rispetto all’originale, ve lo portate a casa.

Intanto il responso: promosso !

Poi una sub-premessa: diciamocelo non mi serviva assolutamente un oggetto del genere ma ero curioso di provarlo e l’ho preso. Tant’è che ora che pubblico l’articolo il mio Foggatti T22 è già diretto verso il nuovo proprietario.

Motivo ? Troppo limitato.
Sia perché meccanico e io l’unico meccanico che stimo (e spero di vederlo meno spesso possibile) è quello che mi mette le mani nel motore.
E poi, anche ipotizzando per un pò di sacrificarsi a svapare in meccanico, c’è il problema autonomia e scarsa costanza di svapo.

In effetti le 18350 per quanto se ne dica sono batterie troppo limitate e quindi tant’è.

I pregi …

Il prodotto in sé, parlo del clone, è fatto veramente molto ma molto bene.
Tutte le parti sono in acciaio.
La finitura esterna (vedi foto sotto) favorisce il grip ed è piacevole al tatto.
Il pin di battuta della batteria è regolabile.
La dotazione (il corredo) è completa e sufficiente.
Il tank, in pirex, è tagliato perfettamente e l’intero clone costa come il pyrex di ricambio da solo di qualche blasonato genesis … (meditateci sù).
Una volta rigenerato, cercando di stare trai 0.7 e gli 0.9 ohm, si alimenta bene e funziona anche bene. Non capisco perché sia nato per essere dual coils ma di fatto il foro dell’aria è da una parte sola. Onestamente non ci ho manco provato a farlo andare in dual coils e l’ho usato solo in single.
L’ariosità è giusta, a me piace.
La capienza è nella media dei genesis, circa 2.5 ml.
Ma forse è meglio svapare 1.5 ml circa, cambiare batterie e poi riempire ancora. 20 minuti di svapo compulsivo (forse).
L’ho provato con le Efest Purple. Non saranno di certo AW ma leggendo qua e la ne parlan bene.
Sia chiaro che non c’ho svapato mille mila ml … anche perché cambiare batteria ogni 3×2 è una gran rottura di pelotas.

I difetti

L’unico difetto che ho riscontrato è il pulsante.
Non si impunta ma durante lo svapo come si allenta (ma parlo di poco !) la pressione salta il contatto. Quindi bisogna premerlo con decisione.
Lo segnalo come difetto perché per me tale è rispetto ad altri device dove questo non capita.
Sempre sul pulsante, ogni tanto il blocco pulsante è duro da inserire. Non ho capito come mai alcune volte si e altre no ma ve lo segnalo.

Quindi ?

Quindi nel complesso è un clone che funziona bene.
Nei suoi limiti dovuti alla batteria, sia chiaro, ma che funziona bene.
Indubbiamente se qualcuno che già conosce la mesh vuol togliersi lo sfizio di provare un ibrido cosi “piccino” mi sento di consigliarlo.
Se al contrario la mesh non la conoscete lasciate pure perdere.

Un pò di foto …

20141118_213120

20141118_213129

20141118_213157

20141118_213204

20141118_213212

20141118_213224

20141118_213234

20141118_213318

20141118_213351

20141118_213357

20141118_213422

20141118_213445

E la consueta video-recensione:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


12 commenti su “Foggatti T22 Clone

  • pico

    Ciao Michele,
    veramente interssante l’articolo. Avedo la e-pipe di Limelights, la 18350 è la “mia” batteria. E questo ibrido potrebbe essere un’alternativa da auto (…sulla e-pipe uso quasi esclusivamente l’RDA, un pochino scomodo mentre si guida).
    Sai dirmi per caso che differenza c’è tra questi due articoli? Sinceramente mi sfugge qualcosa…

    http://www.fasttech.com/products/3026/10007205/1865801

    http://www.fasttech.com/products/3026/10007205/1596400

    Ciao e grazie come sempre!!

  • pico

    Una domanda invece non strettamente pertinente con l’oggetto in questione.
    Mi sai indicare dove prendere quei tondini metallici (sembrano di alluminio o acciaio) che vedo spesso utilizzare per avvolgere le coil (compreso te in questo video).
    Su fasttech ho trovato questo:

    http://www.fasttech.com/products/0/10010836/1926001-vaping-coil-winding-jig-tool-for-rebuildable

    Che però nel caso di genesis…lo vedo difficoltoso.

    Grazie e scusa l’OT.

  • carminoh

    Mannaggia, mannaggia, aspettavo da un monte questa recensione per vedere come facevi la mesh a ” U “.
    Si perchè sul tubo la stragrande maggioranza delle rigenerazioni sono a U e con la mesh, diciamo fatta in modo ” normale “, sembrava che funzionasse parecchio male, ed io coglione, non c’ho nemmeno provato.
    Adesso provo così che sarebbe una bella rottura di scatole in meno.
    Per il tasto di blocco consiglierei di avvitare invece che svitare, cioè girare in senso orario, intanto non si rischia che si sviti, eppoi fa proprio uno scattino sia quando si blocca che quando si sblocca, almeno il mio fa così.
    Aldilà dell’autonomia, mi pare che le 18650 spingano parecchio di più rispetto alle 18350, così mi sono ingegnato:
    viene uno schifo e restano degli spazi, ma usando la parte centrale in metallo, allargandola dentro, e un pezzo del kayfun, si ottiene una sorta di prolunga per montarci, giocando anche con il pin inferiore regolabile, batterie più lunghe. Brutto brutto ma funziona.
    Poi mi sono fatto fare una prolunga di 3cm e a quel punto ho provato anche a metterci il kick con le 18500, ma non mi ha funzionato.
    Sarà perchè gli ohm sono toppo bassi?
    Grazie e un salutone

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non so che dirti, il kick lo setti come preferisci, prova ad abbassare i watt 😀

  • pico

    Scusate la domanda forse banale, ma non essendo un amante della mesh…..un sistema genesis tipo questo, secondo te/voi, potrebbe essere con la mitica accoppiata microcoil-cotone?

I commenti sono chiusi.