Fuel Clone, not bad. Agg. x1 Video 4


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 3111 volte.

Il clone di cui vi parlero’ in questo articolo è questo e viene dal solito Fasticchio.
Costa meno di 10 dollaroni e secondo me è un ottimo clone.
Stiamo parlando di un atomizzatore da dripping e tiro di polmone.

Mi ha incuriosito per i seguenti motivi:
– compattezza delle dimensioni;
– struttura interna molto simile al Velocity (che mi piace assai);
– facilmente modificabile per essere utilizzato in bottom feeder (diciamo che l’ho adocchiato specialmente per questo motivo).

Prima di parlare di pro e contro andiamo a vedere qualche foto dell’atomizzatore.

Tutto smontato, eccetto gli isolanti che sono in peek:

20160107_181125

20160107_181129

Particolari della base:

20160107_181317

20160107_181325

Particolari delle due parti che compongono il cap:

20160107_181333

20160107_181340

Il tippone che è composto di due parti:

20160107_181350

20160107_181357

Assemblaggio con aria tutta aperta:

20160107_181447

20160107_181505

20160107_181526

A corredo una brugola, 2 grani e le solite orings.

L’atomizzatore per quanto riguarda l’aria in ingresso è pensato per funzionare:
– con la sola asola inferiore aperta (che ha quella specie di “scivolo” che invita l’aria a salire;
– con la sola asola superiore aperta;
– con entrambe le asole aperte (esempio foto sopra).
Chiaramente con queste possibilità l’atomizzazione si presta benissimo per essere utilizzato a wattaggi umani (es. 50-70w) con una sola asola aperta mentre chi vorrà usarlo intorno ai 100w e anche oltre potrà aprire entrambe le asole e quindi sfruttare appieno le potenzialità che l’atomizzatore offre.

Volendo si può usare la sola asola superiore e parzializzarla oppure l’inferiore aperta e la superiore parzializzata: insomma volendo ci sono anche le “mezze” strade.

Per quanto riguarda invece la rigenerazione ho optato per le classiche macro coils e NiCR 0.50:

20160107_183240

Da notare il taglio del cotone ai lati, con angolo di 45°: questo tipo di taglio me lo ha suggerito l’amico Duccio alias Duch e devo dire che ha il suo perché.
In pratica quando si ripiega il cotone e appoggia alla base la superficie di appoggio totale sarà superiore rispetto ad un taglio a 90° gradi.
E’ difficile da credere che possa migliorare qualcosa e anche io ero dubbioso ma poi una volta provato ho subito constatato che da i suoi vantaggi.

20160107_183559

20160107_183805

Il fissaggio del filo resistivo non è proprio uguale al Velocity ma grosso modo siamo li.
L’unica cosa è che bisogna tenere un filo alte le coil per facilitare l’inserimento del cotone ma anche per farlo funzionare meglio (secondo me).

Come funziona ?

Bene. Nel complesso questo clone fa il suo. Potendo giocare con svariate possibilità di aria permette di trovare agilmente il giusto settaggio.
Tuttavia va detto che essendo piccoletto se si alzano di parecchio i watt pur aprendo tutta l’aria l’atom tende a scaldare abbastanza e forse, dico forse, il suo utilizzo ideale è compreso trai 60w ed i 90w.
Appagamento e resa aromatica sono sulla stessa lunghezza d’onda del Velocity. Poi magari piccole differenze e sfumature ci saranno ma io non ho ancora le capacità per “scoprirle” almeno in questa tipologia di svapo.
Nel complesso a me è molto piaciuto e mi sento di consigliarlo vivamente.

Prossimamente pubblicherò il video.

Aggiornamento del 04/02/2016 – Agg. x1 Video

Ecco il video:

Mi scuso per il “gracchìo” random del microfono, ho provato in tutti i modi a toglierlo ma non ci sono riuscito (!).

L’atom si è conferma un grande atom, moddato in BF è fisso sulla mia box BF per cloud chasing.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


4 commenti su “Fuel Clone, not bad. Agg. x1 Video

  • e-gut
    e-gut

    Ciao Michele, probabilmente se n’è parlato a lungo,
    quali requisiti deve avere un atom per essere modificato in BF?
    In pratica come si deve operare? Grazie!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Beh è semplice, in atom del genere poi lo è ancora di più.
      In linea di massima ci si deve accertare che il pin sia un tutt’uno che arriva fino alla vasca dell’atom e che non ci siano rimandi (come ci sono nel tilemahos, nel phenomenon e similari).
      Poi una volta che siamo sicuri della cosa bisogna fare un foro passante che sia di un minimo sindacale di 1.50 mm.
      In questo caso è facile modificarlo perché è appunto una sola vite.
      Basta trovare una M2.5 forata o forare quella che c’è ma senza tornio è dura ovviamente.

  • eliot68

    Ciao Michele
    Ho notato che non hai Provato/recensito l’atom 571 clone fasticchiano

    https://www.fasttech.com/products/3028/10017121/3482401

    E’ anche uno di quelli che piacerebbero a te perché prende aria da sotto.
    Ma poi con quella ventolina che gira e quel corpo superiore tutto intrecciato…..
    ….. possibile che non ti è venuto un desiderio???
    ^_^
    eliot68

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh l’ho visto l’ho visto ma non mi ispira ahah sembra un reattore 😀

I commenti sono chiusi.