Il boosterino di Ciro82, comunque, è ottimo :) 8


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5247 volte.

Questa settimana, anche per mettere un pò a riposto la Vamo Box e soprattutto in attesa di mettere le mani nella DNA Box, ho ripreso in mano Alpha (o Beta, chi se lo ricorda …) con il boosterino di Ciro.

DSC_1396

Questa box era nata proprio per testare il Booster di Ciro. Il circuito poi muori, alla pace sua, per verificare che senza protezione un AW fosse in grado di romperlo e fu cosi, infatti !

Quindi ci montai il deswadj3 e c’è rimasto per tanto. Poi un mesetto fa ho deciso di rimontarci il booster di Ciro.

Come vedete la dislocazione è un pelo diverso dalla prima volta (nel blog ci sono le foto alla sezione Alpha e Beta) e ho messo il potenziometro di fianco, visto che lo spazio non mancava.

Resistenza da 1.5 ohm (al centesimo) e box impostata a 4.3 effettivi sotto carico (circa 12.3 watt).

Il bello di questa configurazione è che lo svapo è soddisfacente (nel senso che la potenza non manca) e si ha un’autonomia interessante, superiore ai 4.5 ml.

Per fare un esempio, la Vamo Box con 2×18350 non arriva neanche a 4 ml pieni a parità di wattaggio e soddisfazione allo svapo.

La resa è diversa da quella della Vamo Box, il tipo di friggio è diverso. In un caso (Vamo Box) si sente bene la pulsazione PWM mentre nel caso del Booster di Ciro è un friggio più convenzionale.

A parità di wattaggio secondo me il Booster di Ciro ha un pelo di resa superiore, ma siamo grosso modo li.

Sono comunque curioso di avere tra le mani il DNA20d per capire come si comporterà.

In ogni caso ho un altro Booster di Ciro pronto per essere montato … 🙂

Vi faccio sentire il tipo di friggio dei 2 circuitini …

ciro

vamo


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


8 commenti su “Il boosterino di Ciro82, comunque, è ottimo :)

  • carbys

    Ciao ho realizzato il boosterino come indicato ma sembra che non renda abbastanza , cambiando i valori delle resistenze pensi si possa migliorare?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Cosa intendi per non rende abbastanza ?
      A cosa eri abituato ?
      Quale batteria stai usando ?
      A che wattaggio ti arriva ?

  • lordgeny

    Ciao michele ho terminato la mia hammond col booster di ciro ho dei dubbi 😀

    Con una batteria non totalmente carica il circuito fa un sibilio ma funziona.

    con una carica al 100% invece riscalda tantissimo sopratutto il diodo a protezione dell inversione ( al punto da sciogliere la colla)
    e ho una resa aromatica bruciacchiata.

    premesso che ho una microcoil a 1.3 e ho settato il booster a 3.7 quindi 10 watt…

    Leggendo il datasheet pero ho letto che l’output minimo è dato da voltaggio di ingresso +0,5.

    Quindi se io ho una batteria carica al 100% avrei 4.2 quindi 4.7

    The PTN04050C may be set to
    any value within the range, 5V to 15V. The output voltage of the PTN04050C can be as little as 0.5V higher than
    the input, allowing an output voltage of 5V, with an input voltage of 4.5V.
    The PTN04050C modules are suited to a wide variety of general-purpose applications that operate off 3.3-V or 5-
    V dc power.
    The maximum VI
    is 5.5V or (VO- 0.5V) whichever is less. If the difference in VO to VIN is ≥ 0.5V and ≤ 1.4V, the device will operate in
    asynchronous mode. In this condition, there may be multiple output voltage ripple frequencies and the total output voltage variation may
    increase by up to 2%.

    Al momento non posso leggere effettivamente cosa esce dal connettore pero gia vedo la differenza di aroma ….

    tu che l hai usato cosa sai di piu????

    io cmq il circuito l ho provato l altro gorno e andava da 3.6 a 6 e qualcosa .

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Quel booster con il potenziometro eroga da 3.7v fino a 6.17v limitato mi pare a 2.5A quindi circa 12.5w.
      I booster servono proprio per “estrarre” da una 3.7v un voltaggio maggiore.
      Il diodo è vero, riscalda. Ma se ne può fare a meno.
      Ma il potenziometro è fondamentale altrimenti spari sempre al massimo !

  • lordgeny

    Un convertitore boost (o convertitore step-up) è un convertitore DC-DC con una tensione di uscita maggiore dell’ingresso. È una classe di alimentatori a commutazione contenenti almeno due commutatori a semiconduttore (un diodo e un transistor) e almeno un elemento accumulatore di energia. Filtri composti da combinazioni di induttori e capacità sono spesso aggiunti ad un convertitore boost per migliorarne le caratteristiche.

    vout maggiore a vin quindi??????? a batteria carica (4.2) non puo certo uscirmi 3.7 o no ???

  • lordgeny

    The maximum VI
    is 5.5V or (VO- 0.5V) whichever is less. If the difference in VO to VIN is ≥ 0.5V and ≤ 1.4V, the device will operate in
    asynchronous mode. In this condition, there may be multiple output voltage ripple frequencies and the total output voltage variation may
    increase by up to 2%.

  • lordgeny

    ho fatto le misurazioni col tester ovviamente col carico 🙂

    A Batteria scarica escono 3.7 ma fa il sibilio.

    A Batteria carica escono 3.7 pure e non fa sibilio.

    Credo che tutto il problema sia di resistenza troppo bassa per questo circuito lo fa lavorare male.

    Mentre ho il problema della colla.

    Ho fissato il circuito a un listello ritagliato con colla a caldo . Proprio sotto il diodo diventa liquida durante l uso ….

    Cmq resta il fatto che con la microcoil a 1.3 non so saranno i watt quando ho la batteria carica e il circuito non fa il sibilio l’aroma (pera avvelenata es) diventa piu amara 😀 . Su vapers mi hanno consigliato di fare resistenze da 2 ohm in su per farlo lavorare bene .

    Tu hai scritto che a 1.5 ti lavorava da dio XD sara il setup diverso o magari il liquido chissa 😀

I commenti sono chiusi.