Il Grail, accessorio che rende il Diver un atomizzatore rigenerabile per sistemi bottom feeder 7


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 25450 volte.

Ringrazio nuovamente Andrea (Martino) per avermelo prestato e qualche giorno fa finalmente sono riuscito a provarlo e quindi ve lo faccio vedere in un breve video.

Non è una recensione, sono prime (e ultime) impressioni. Non il tempo per fare una recensione completa purtroppo.

L’accoppiata grail + diver produce un buon atomizzatore rigenerabile per sistemi bottom feeder con le seguenti caratteristiche:
– presenza della ceramica (la stessa degli eBaron);
– necessità di impiego del filo non resistivo;
– entrata dell’aria da sotto (come negli eBaron).

L’atom quindi a regime non è poi troppo diverso dell’eBaron Spiral: da quello che ho potuto vedere per quel poco che l’ho provato si differenzia dallo Spiral per un tiro un pò più chiuso (leggasi “contrastato”) che favorisce una produzione di vapore più “corposa” e “densa”.

All’atto pratico se vi serve un atom per sistemi BF e basta, secondo me ha poco senso spendere 50+30 € per il Diver ed il Grail mentre ha più senso andare diretti allo Spiral.
Se invece vi piace smanettare anche con i tank per cartom, allora ha senso prendere il Diver + Grail.

Diciamo che la forte differenza è solo l’ariosità del tiro.

Mettendoci in mezzo l’ARB si può dire che è il più arioso del 3, a seguire Spiral e quindi Grail.

Per quanto riguarda la rigenerazione continuo a preferire quella dell’eBaron, perché nel Diver può capitare di dover tirare giù qualche santo dal calendario per togliere la ceramica che s’incastra fin troppo bene mentre nell’eBaron viene via senza troppi problemi.

Parlando di valori di svapo direi che …
– produzione di vapore: ottima;
– hit: buono;
– resa aromatica: buona.

Concludo dicendo che se anche l’ho provato poco tanto mi è bastato per farmi un’idea, piuttosto positiva, dell’oggetto. Sicuramente molto meglio il Diver+Grail in un sistema BF che il Diver in un tank per cartom, tanto per capirsi.

Buona visione.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


7 commenti su “Il Grail, accessorio che rende il Diver un atomizzatore rigenerabile per sistemi bottom feeder

  • kerz

    Alla faccia delle prime impressioni Michele 🙂 hai detto tutto quello io ho impiegato un mese per capire!

    Pensa che sul diver+grail tolgo le ceramiche molto più facilmente che sullo spiral (3 ceramiche già andate)

    Sfilo il pin positivo e poi da sotto spingo con un cacciavitino e viene via facile facile.

    C’è da dire che questo è meno ingombrante dello spira e su una box piccola l’estetica ne giadagna.

    Per contro c’è meno spazio per lavorare. E’ un po’ delicato il setup perchè il non resistivo che si incastra fra ceramica e massa si spezza facilmente, bisogna usare un non res da 0.23

    Faccio 3 wick da 1,5mm su ceramica limata generando degli anelli laterali, un 8 in pratica e poi i 2 anelli li incrocio

  • homme

    il più grande abbaglio da me preso, a suo tempo mi lasciai fuorviare dal mondo dei forum su internet che incensavano stò diver, avessi scoperto prima il tuo dettagliatissimo blog e la tua recensione sul diver, mi sarei fatto un’idea diversa. Grazie per ituoi video, comunque io non sono mai riuscito a far funzionare a dovere questo diver nel tank, alla fine, per non svenderlo, ho dovuto riaprire il portafogli e prendere il grail, circa una 70ina di euri buttati, spero almeno che mi serva di lezione.

  • alexx3c

    Ma dove è andato l’articolo sulle esig delle lobby?? Quelle con i liquidi con scritto il fumo uccide?

  • pulpbari

    Ciao Michele, grazie per i tuoi video, ho un problema con i sistemi bottom feeder con ceramica, in pratica appena squonko al primo tiro che facccio gorgoglia, poi e’ come se si sblocca ma al primo tiro ho questo problema, come posso risolvere? PS ho provato Ebaron dripper spiral e Diver con Grail.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non è un problema, è una caratteristica comune ai sistemi con aria e liquido che entrano da sotto.
      I vecchi atom 510 o i gloriosi e attuali mitici Cisco funzionano cosi.

I commenti sono chiusi.