Il Monopolio fa sul serio. 13


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4057 volte.

agenziadelledogane

Ieri L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha diffuso questo comunicato:

Controlli liquidi da inalazione
Roma, 18.3.2015 – L’Agenzia delle Dogane e Monopoli ha pubblicato una circolare (Prot. R.U.
31986 del 18.3.2015 in www.agenziadoganemonopoli.gov.it) relativa ai controlli in materia di
liquidi per sigarette elettroniche.
In particolare, anche al fine di evitare interpretazioni distorte, che potrebbero confondere
consumatori ed operatori in ordine all’applicazione dell’imposta di consumo introdotta dal decreto
delegato n. 188 del 2014, l’Agenzia precisa che gli operatori del settore possono acquistare i
liquidi solo presso depositi o rappresentanti fiscali autorizzati, che sono tenuti a versare
l’imposta di consumo applicabile su tali prodotti. In ogni caso, la circolare ribadisce che la vendita
di liquidi acquistati nel 2014 ed in “magazzino” non è esente dal tributo.
Nel caso in cui presso gli esercizi commerciali siano rinvenuti prodotti che non risultino acquistati
da depositi autorizzati o da rappresentati fiscali e di cui non sia possibile accertarne la provenienza,
i prodotti dovranno scontare l’imposta di consumo e troveranno applicazione le sanzioni prescritte
dal Testo unico accise.
L’Agenzia rende anche noto di aver avviato il monitoraggio delle comunicazioni provenienti da
aziende italiane ed estere, ivi comprese quelle che operano a mezzo dei canali di
commercializzazione a distanza (stampa, web, social network, blog e forum specializzati), e che
sono in corso, d’intesa con la Guardia di Finanza, i necessari controlli volti a monitorare la corretta
circolazione dei prodotti ed il versamento dei tributi previsti dalla legge.

Questo comunicato è molto interessante. Merita leggerlo con attenzione.
E’ corto ma è un concentrato di informazioni che non lascia aperto alcun fraintendimento.

Prima cosa: tassazione su cosa e da quando.
Chiarisce infatti un aspetto sulla tassazione che aveva suscitato animate discussioni nei forum. Vale a dire che la tassazione è da intendersi applicabile ANCHE ai prodotti a magazzino acquistati prima del 2015.
Ma, se ci pensate, non poteva essere altrimenti. Basta ragionarci, riflettere e pensare a cosa avviene con gli aumenti delle sigarette. Non è che quando aumentano le sigarette i pacchetti che sono nello scaffale mantengono il prezzo pre-tassazione … e infatti vengono aumentati istantaneamente a partire dal giorno dell’entrata in vigore dell’aumento.

Seconda cosa: deposito fiscale.
Si chiarisce che nessun liquido può essere venduto in Italia se non passa dal deposito fiscale. Qualora non ci fosse passato deve comunque “pagare” le accise pena multe che presumo siano salatissime. Questo mi fa pensare che probabilmente molti liquidi “particolari” che fino ad oggi arrivavano nei negozi direttamente dagli States o chi per loro d’ora in avanti spariranno di circolazione.
In linea di massima io penso, ma spero di sbagliarmi, che comunque i liquidi spariranno dai negozi perché il loro costo diventerà proibitivo. Immagino (spero) che sopravviveranno gli aromi, almeno quelli alimentari che non sono soggetti ad alcuna tassazione.

Terzo cosa: forum specializzati, social e blogs.
E’ indicativo e deve far riflettere che proprio il Monopolio abbia usate queste parole: forum specializzati, blogs e social. Chi fino ad oggi pensava, o presumeva, che “noi” dei blogs o “noi” dei forums o “noi” dei social potessimo vivere in un’isola felice si stava sbagliando di grosso.
Il messaggio è abbastanza chiaro, palese e io lo leggo in questo modo “occhio, sappiamo che ci siete, vi osserviamo …“.
Quindi per come la vedo chi fino ad oggi ha favorito il contrabbando (è contrabbando, chiamiamolo con il suo VERO nome) di liquidi tramite social o tramite forum secondo me deve stare parecchio attento da ora in avanti sempre che non sia già troppo tardi e che alcuni controlli non siano già iniziati da tempo.
Lo stesso vale per le mod che proprio grazie ai social eludono il fisco e di cui ho già parlato nell’articolo “L’Ultima Moda” di qualche giorno fa.
Insomma per farla breve d’ora in avanti a certi livelli lo svapo diventerà ancora più “carbonaro”.

Riflessione: perché questo comunicato ?
Per quale motivo, secondo voi, è stato necessario divulgare questo comunicato ?
Secondo me il motivo è abbastanza semplice: ci sono alcune aziende italiane che dal 1° gennaio 2015 hanno adeguato il listino prezzi alla nuova tassazione mentre altre si sono nascoste dietro al discorso “merce acquistate nel 2014” per tenere “bassi” i prezzi.
Se questo poteva essere giustificabile e ragionevole fino a metà/fine gennaio … diventava ridicolo il fatto che ai primi di marzo ci fossero ancora il 90% dei negozi con dichiarato che i loro liquidi erano stati acquistati nel 2014 e quindi immagino che a qualche produttore/negozio in regola già dal 1° Gennaio siano girate le palle e siano partite le segnalazioni al Monopolio che con il suo comunicato farà stringere le chiappe a tanta gente immagino.

Mesci mesci o mio piccolo chimico !!!
C’è un’azienda italiana (di cui non vi dico il nome perché se è vero che fatta la legge si trova l’inganno è altrettanto vero che se la notizia la si diffonde tramite passaparola e sottovoce magari non trovano il modo di tassare pure quella) che ha trovato il modo di ovviare alla tassazione dei liquidi o meglio pur rispettando la legge e applicando la tassa permette ai vapers di non rivendere un rene per continuare a svapare.
In pratica questa aziende vende piccole boccette di liquido pronto ad alto contenuto di nicotina che possono essere diluite fino a 3 volte in glicole e glicerolo FU facilmente acquistabili in Farmacia ed esenti tasse come sappiamo bene.
E’ un’ottima pensata e speriamo che sia adottata da altri produttori.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


13 commenti su “Il Monopolio fa sul serio.

  • Avatar
    gasber

    ciao michele ma secondo te i controlli ci saranno anche per chi compra on line nei siti polacchi tedeschi o comunità europea magari ovviando al fatto che il controllo doganale in Europa va a campione o viceversa proprio perchè siamo in Europa si accentueranno di più il fiscalmente?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Non lo so, ma spero di no. Comunque presto lo sapremo tanto il web è piccolo e le notizie girano.

  • Avatar
    perazze80

    Il controllo e’sul venditore e non su chi acquista;ci sono tabacchi da pipa che in Italia non sono commercializzati,ovviamente e’diverao acquistare per uso personale o per rivendita;comunque se posso esprimere un parere puramente personale forse e’arrivato il momento di diventare “carbonari”veri.;dopo tre anni di svapo e parecchi soldi buttati in liquidi ed aromi ho finalmente trovato un liquido che mi appaga veramente ed ora non potro’piu’permettermelo.

  • Avatar
    Stefano M.

    Ciao Michele

    Sembra solo a me o i prezzi si sono già allineati? Mi spiego prima 100 ml a 9 mg di nico costava senza tassa circa 9 Euri, ora con la tassa (senza fare nomi Flavouart che é in regola dal 1 Gennaio) costa 10 quindi penso che o guadagnavano un botto prima oppure …..non so, comunque non credo che cambino troppo le cose, per noi credo…

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Qualcosa non torna, 100 ml a 9 mg/ml dovrebbero costare sui 45-50 €. FA ha riaggiornato i prezzi esentassa ….

      • Avatar
        Stefano M.

        E alcuni siti hanno tolto la dicitura delle scorte “prodotto acquistato nel 2014”, quindi qualcosa sta accadendo.
        Io credo che il prodotto senza nico costi quasi zero industrialmente..

  • Avatar
    miky83

    una domanda: ma per acquisti fatti sui noti siti crucco/polacchi e arrivati a casa…e che stiamo già svapando…., dobbiamo aspettarci un funzionario di Equitalia che ci chiede il pagamento della tassa?!?

  • Avatar
    gigetto

    Boh circolari retroattive mai sentito prima, si vendeva esentassa sulla base di una circolare che autorizzava l’esaurimento scorte penso…..

  • Avatar
    DOMENICO1983

    Chi dice che c’è la democrazia ?Questa e solo dittatura lo stato dice domani c’è una nuova tassa e noi cogli……. Paghiamo come si fa? Se io potessi andrei via dall’Italia mi sono rotto

I commenti sono chiusi.