Il sistema bottom feeder, il presente e il futuro dello svapo 53


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 84122 volte.

Faccio questo articolo cercando di spiegare i motivi che mi portano a pensare che il sistema bottom feeder rappresenti, oggi, la migliore prospettiva per lo svapo nel futuro.
Nel presente, cioè oggi, già è un sistema quasi perfetto.
La speranza è che nel futuro raggiunta la perfezione ma se continuano cosi sono più che sicuro che questo accadrà.
E lo dico a ragion veduta considerando l’evoluzione che questo sistema ha avuto da un anno a questa parte.

COS’E’ IL SISTEMA BOTTOM FEEDER ?

Tralasciando la traduzione da inglese a italiano quando si parla di sistema bottom feeder (d’ora in avanti BF) si intende un sistema di alimentazione dove la pressione manuale di una boccetta fa salire il nostro liquido nell’atom nella quantità che vogliamo noi.
Quindi avrete capito che di fatto andremo ad utilizzare un classico atomizzatore, un banalissimo atomizzatore, 510, 306, 901 … quello che volete.

Niente tank vari, niente CE vari. Un semplice atom.

Un’altra cosa: quando si parla di BF in genere viene spontaneo pensare ad una box mod e questo è sostanzialmente corretto poiché quasi tutte le box mod in circolazione funzionano in questo modo.

Devo precisare che ci sono anche delle box mod, anzi delle scatolette di legno fatte appositamente per contenere tank con cartom o similari. Queste ovviamente non sono sistemi BF, sono solo improbabili esercizi di modders vari che personalmente consiglierei di evitare poiché se volete svapare un cartom in un tank con soddisfazione avete solo bisogno di un ottimo Provari e non di altro.

COME FUNZIONA IL BF ?

Il principio come ho detto nel parafrago precedente è molto semplice: quando si vuole svapare si preme la boccetta quanto basta, si attiva la nostra box tramite l’apposito pulsante e si svapa.
Questa tecnica, sicuramente più diffusa, si chiama tecnica dello squonk.
Il liquido viene spinto all’interno dell’atom e poi al rilascio della boccetta viene in parte risucchiato dalla stessa boccetta, lasciando però la wick ben bagnata di liquido.

Ma si può anche premere la boccetta mentre si sta tirando: è una tecnica un pò più raffinata che consiglio di provare quando uno ha preso dimestichezza con lo squonk classico e prende il nome di blind squonk.

Le prime volte che si preme la boccetta non è affatto improbabile allagare l’atom perché si è premuto troppo forte o troppo a lungo ma vi posso assicurare che dopo mezz’ora di utilizzo avrete già preso le “misure” allo squonk e non si allagherà più l’atom.

E’ veramente facile, non serve essere dei geni. Non serve fare corsi.
Una volta tanto non serve vedere video guide tutorial.
Ma, soprattutto, non serve diventare scemi con ghiere o ghierine di regolazione.

Come tutti avrete notato in qualunque box mod, o sistema BF, è sempre presente una tazza all’interno della quale è avvitato il vostro atom: chiamatela catch cap, vaschetta di raccolta, tazza o come volete voi ma il suo scopo è semplicemente quello di contenere il liquido che dall’atom caldo, dopo aver svapato, tenderà a scendere verso il basso.
Al successivo tiro questo liquido verrà ri-aspirato passando dai forellini dell’aria dell’atom e quindi alla fine lo scopo della tazza è quello di evitare che il liquido in eccesso possa farvi “sbrodolare” liquido addosso.

Delle varie box che ho avuto ho notato che solo la Bogger VV aveva una tazza veramente piccola che conteneva pochissimo liquido. Per il resto ogni altro produttore o modder assicura ai proprio prodotti tazze di misure giuste che prevengono sbrodolamenti vari.
E quindi non dovete temere per questo, non ci sono assolumente rischi.
Quando vado in auto con il Grand VV svapo tenendolo quasi orizzontale e mai, dico mai, mi sono versato liquido addosso. Mi è successo solo con il Bogger, per l’appunto.
Tuttavia all’inizio, quando dovrete ancor imparare ad usarlo bene, fate attenzione, mi raccomando.

AUTONOMIA DI SVAPO

Il bello del sistema BF è che non dovete stare li a pigiare la boccetta ad ogni tiro.
Generalmente, ma questo dipende dall’atom che state usando, con uno squonk si riesce a fare un numero importante di tiri, da un minimo 3-4 ad un massimo di 7-8.
L’autonomia dipende oltre che dall’atom anche dal wattaggio con cui state svapando.
Chiaramente se state usando un atom da 2.0 ohm con batteria da 3.7v avrete un consumo di liquido, mentre se usate un atom da 1.5 ohm sempre a 3.7v dunque avrete un consumo maggiore di liquido e quindi l’autonomia tra uno squonk e l’altro si ridurrà sensibilmente.

Mentre state svapando sentirete perfettamente quando è il momento di ri-premere la boccetta, è un qualcosa che viene istintivo. All’inizio, come per ogni cosa, dovrete imparare a percepirlo e non è escluso che prendiate qualche steccata da atom rimasto a secco ma, ribadisco, vi basterà poco tempo per imparare il meccanismo.

QUALITA’ DELLO SVAPO

Avete mai provato il dripping ?
Ebbene il BF è un dripping NO STOP.
Un dripping continuo.
Questo non è un paragone “metaforico”, questo è reale. D’altronde il principio è il medesimo, in un caso si drippano le goccioline da sotto, nell’altro si spinge liquido da sotto, ma il risultato finale è esattamente lo stesso.

Insomma, lo svapo in modalità BF è uno svapo di qualità.

PRATICITA’ DELLO SVAPO

Il sistema BF è tremendamente pratico.
Caricate la boccetta, mettere le batterie e pigiate il pulsante.
Non serve fare altro.
Non esiste altro sistema che abbia la stessa praticità del BF.
In una scola di dimensioni piuttosto ridotte (pacchetto di sigarette, + o -) avete tutto: batterie e liquido.

LA PRIMA VARIABILE, VV O MECCANICO ?

Come in ogni altro sistema che si rispetti (LOL) ecco che anche nelle box viene l’amletico dubbio: meccanico o VV ?
O tutte e due ?
Io vi dico che svapo dalle 8 del mattino alle 17-18 del pomeriggio con il Grand VV, poi prendo il Vinci con 2×18350 (meccanico) e uso quello fino a che non vado a letto.
Se potete permettervi una sola box vi consiglio senza ombra di dubbio un qualcosa di VV.
Questo non vuol dire che i meccanici siano da scartare, ci mancherebbe: è soggettiva come cosa, se non vi importa niente del calo della prestazione del meccanico potete tranquillamente pensare ad un Grand, o un Vinci o un qualunque box di legno artigianale come la Puzzle Box o le RSM meccaniche e altre similari.

Io ho iniziato con un Grand meccanico e poi mi sono costruito la box con il circuito del Provari e da li nello svapo della giornata ho sempre e solo usato sistemi VV. La sera “esagero” con il meccanico, alla ricerca di qualcosa di ancor più performante (ma solo perché uso due batterie 18350 in serie, un tipo di svapo abbastanza “cattivo” che sconsiglierei vivamente a chi ha iniziato da poco).

Comunque che sia meccanico o vv l’importante, comunque, è che usiate sempre e solo batterie di qualità. Quindi, se siete nel dubbio, solo AW. In alternativa le NCR Panasonic.

LA SECONDA VARIABILE: L’ATOM

Ecco il primo vero grande problema che quasi tutti incontrano quando impattano nel sistema BF: l’atom.
Non è un caso che quando qualcuno mi chiede un consiglio io suggerisco sempre e solo atom Cisco.

L’atom nel sistema BF ricopre un’importanza fondamentale.

Svapare un sistema BF con atom di scarsa qualità o peggio ancora con dei cartom a lanetta è una cosa veramente poco sensata perché l’atom è il carburatore del nostro sistema e se non carbura come dovrebbe la qualità del nostro svapo calerà drasticamente.

A chi vuole partire alla grande con il BF io suggerisco gli atom Cisco, sia 510 che 306.
Ma non ci sono solo i Cisco che fanno bene, per esempio anche gli Olympian fanno bene e si trovano degli ottimi, ed economici, atom anche in alcuni shop in Polonia e Romania (Etigara, per esempio).
I cartom non li prendo in considerazione per la box, come ho già detto se volete svapare un cartom vi serve un chiodo per farci 2 o 3 fori, un tank e un provari.
Tuttavia all’inizio per evitare di rovinare gli atom potrete comunque mettere sopra alla vostra box dei cartom giusto per prenderci la mano anche se il cartom frega in quanto la sua autonomia è ben diversa da quella di un atom e quindi lo squonk sarà molto meno frequente.

SI OK, BELLO … MA QUANTO COSTA ?

Non poco. Le varie box costicchiano abbastanza.
In più ora come ora c’è un pò di moda e dunque il prezzo di questi oggetti è ancora piuttosto elevato.

Ma sareste disposti a spendere qualcosina in più sapendo che non dovrete spendere altri soldi per provare tutti i sistemi in circolazione tank e tankhettini vari ? O BB ?

Ad oggi il riferimento per le Box VV è indubbiamente il Grand VV e preso direttamente da ReosMods ha un costo di circa 170 € tutto compreso.
Per le meccaniche ci sono molte + varianti: si va dal Vinci (170 €) ad altre box di legno come la Puzzle Box (170 €) al Grand Meccanico (140 €) e cosi via.
Insomma si va dai 120-130 a poco sotto i 200.

Presa la box avrete bisogno di un numero intelligente di batterie AW, che costano dai 7 ai 15 € cadauna a seconda del modello. E poi il charger di qualità, altri 15-25 €.

Per finire gli atom: se andate su Cisco in Italia siamo sui 10-12 € a pezzo, contro i 3.50 € di quelli che vendono in Romania che pur fanno bene lo stesso. In alternativa a 7-8 € l’uno potrete prenderli in USA direttamente da Avidvapers.

Tenete presente che comunque ci sono anche gli atom rigenerabili: Chalice, ERA, cloni vari cinesi sono solo alcuni degli atom rigenerabili ora in commercio e il mercato è in espansione e grazie a questi si possono risparmiare diversi soldi sugli atom.
Anche in questo caso occhio a quello che comprate, specie sui cloni cinesi alcuni funzionano, altri no, informatevi prima nei forums.

IL NEO AD OGGI, IL PASSEGGIO

L’unico neo che trovo in questo sistema è che ad oggi non c’è una piccola box, ben performante, che si possa usare nel classico passeggio.
C’è l’ottimo reo mini, è vero, è carino ma è comunque meccanico e usa batterie molto piccole e poco performanti. Ci vorrebbe qualcosa di elettronico, studiato ad hoc.
Sono più che sicuro che a breve vedremo qualcosa di interessante a riguardo.
Sono convinto che un qualcosa di fatto veramente bene potrebbe decretare la morte della ego …

A CHI E’ RIVOLTO IL SISTEMA BF ?

Qua bisogna andare cauti.
Non consiglierei mai ad uno che vuole iniziare con la sigaretta elettronica un sistema BF perché per quanto possa essere semplice necessita comunque che uno conosca abbastanza bene la sigaretta elettronica in ogni sua parte e sia consapevole della funzione delle varie parti.
Uno svapatore che ha già provato la ego e che maneggia con sicurezza un provari o altro BB magari con un sistema di alimentazione può tranquillamente provare anche il BF e non ne rimarrà deluso, senza dubbio.
Chi è all’inizio potrebbe incontrare dei problemi, indubbiamente questo è vero. Problemi che potrebbero causare una sorta di rigetto e per questo consiglio di andarci cauti.

BOICOTTAGGIO ?

Per quale motivo i maggiori produttori cinesi hanno provato a clonare tutto, Provari incluso, e ancora non hanno clonato o fatto dei loro sistemi BF propri ?
Pensateci su qualche minuto.
Su cosa guadagnano oggi ?
Senza OMBRA di dubbio il grosso del loro guadagno viene dai vari sistemini per ego, CExx vari.
Ne possono fare una variante al mese, con nomi diversi, riciclarli e cosi via.
Ma se facessero una box cosa accadrebbe ?

Già … si taglierebbero le gambe da soli.
E quindi meglio lasciar perdere.
Oltretutto con le microtecnologie che hanno sono sicuro che riuscirebbero a fare delle box molto piccole …

CONCLUDENDO

Consiglio il sistema BF a tutti, a prescindere.
Non siate scettici, dovete provarlo.
Poi quando lo avrete provato e lo apprezzerete rimpiangerete il non averlo provato prima o almeno cosi è successo a me.

Tenete presente che in giro ci sono diverse tipologie di Box, si va dalle mini alle maxi, da quelle che entrnao in tasca a quelle che si possono usare solo davanti al PC e cosi via.

In pratica non avrete di sicuro problemi a trovare la box che fa al caso vostro !

Vi lascio per finire un pò di foto di varie box presenti nel mercato, alcuni commerciali altre artiginali !


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


53 commenti su “Il sistema bottom feeder, il presente e il futuro dello svapo

  • contegeorge

    bell’articolo!
    In effetti, amando il dripping, farei bene a passare ad una box mod. L’unica cosa è che pare difficile trovarne una con un buon circuito tale da mantenere stabile la tensione.

  • kepke

    Complimenti per l’articolo, davvero esemplare molto ben curato nell’informazione anche per i neofiti.
    Anche io sto ragionando seriamente di passare ad una box da alternare al provari mini.
    Mi piacerebbe prenderla anche meccanica, alla fine non è che io svapi molti ml per cui credo che il calo di tensione potrebbe essere un problema marginale.
    Secondo te le 18500 potrebbero essere una valida alternativa alle 18650 per ridurre ulteriormente le dimensioni di una box? Esistono box con addirittura una 18350?

      • kepke

        Ciao, grazie per la risposta, in effetti forse le 18350 sono decisamente piccole soprattutto se poi ci andassi a montare un cisco da 1,5 ohm 🙂
        Credo che a questo punto mi orienterò verso le 18500 per avere discreta autonomia (3ml vanno benone) nella giornata.

      • Handler46

        Ciao Michele, in attesa di darti i risultati circa l’aggiunta dell’o ring sul Protank ne approfitto per porti qualche domanda sul sistema BF. Son attratto da tempo ma ho le idee abbastanza confuse. Inizialmente pensavo di acquistare l’Innokin iTaste o il Sigelei V8 o ancora il Sigelei TMax V5
        http://www.sigelei.com/goods.php?id=144
        http://www.sigelei.com/goods.php?id=297
        Ok, questi non sono propriamente dei BF ma volevo inizialmente sapere cosa ne pensi di questi oggetti. Considera che uso regolarmente il PV, questi mi sembrano delle alternative solo con forme diverse. Fermo restando la bontà del circuito del PV nei confronti di quelli della concorrenza.
        Per quanto riguarda invece più propriamente i BF ti elenco i miei dubbi (perdona l’ignoranza):
        – il BF può anche essere utilizzato eventualmente come uno dei tre sistemi di cui sopra, ovvero togliendo la boccetta e mettendo eventualmente un normale tank o similare?
        – Non mi piace il sistema meccanico preferendo di gran lunga il VV. Ma quali sarebbero i VV in circolazione, dove trovarli e a che prezzi soprattutto?
        – Infine gli atom da montare su questi sistemi. Mi indicheresti qualche link per avere un’idea più chiara del componente in questione?
        Attendo tue quando ti è possibile. Un grazie di cuore.

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Quei cosi li io non li prendo in considerazione.
          Sono dei BB in pratica, lasciali perdere.
          Il BF lo puoi anche usare mettendoci sopra un dc tank, nessuno te lo impedisce … ci avviti sopra un 510>ego e sei apposto. Ma ha senso ? Secondo me no.

          Ora come ora a prezzi abbordabili c’è il Reo VV, che si trova bene anche nell’usato.
          Altrimenti si sale con le DNA di Del Sole (le Sunbox) passando per le SVA sempre DNA per arrivare alle Lukkos con Orione.
          Ci sarebbe anche Bogger con il DNA, ma ora come ora sembra latitante, aspettiamo che succede !

          Per l’atom da montare sopra ?
          Semplice, eBaron !
          Oppure l’Hornet che funge benone e se la tazza della box lo permette anche il Cyclone 🙂

          • Handler46

            Ok Michele, inizio a vedere più chiaro. Riepilogando quindi come VV abbiamo il Reo Grand VV (194 $) e l’E7 di Del Sole (Eur. 255,00). Costa più del PV… Per gli atom ok però, prima di spendere cifre considerevoli se provassi l’RDA di Smoke? Fa schifo? Oppure esiste qualche atom usa e getta da usare inizialmente come un normale cartomizzatore per tank? Gli atom rigenerabili o no esistono anche a mesh oltre che a wick?

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              L’RDA NON è per bottom feeder, va moddato (vedi nel blog).

              Devi valutare tra hornet, cyclone, ebaron spiral questi qua insomma.

              Ho fatto anche un mod (vedi blog) per trasformare un cartom in un rigenerabile bottom feeder … giusto per iniziare.

              A mesh puri non ne conosco.

              • Handler46

                Ciao Michele, ho già capito che mi stai instradando su una strada disgraziata… eheheh. Scherzo ovviamente anche se noto che l’utilizzo di questo sistema implica una spesa non da poco. Ho dato un’occhiata agli atom che mi hai suggerito. Devo dire che il preferito è senz’altro l’eBaron Spiral Il motivo: la presenza della ceramica. Come hai avuto modo di affermare anche tu in qualche recensione che ho letto la sua presenza cambia lo svapo di molto. Segue il Cyclone e l’Hornet. Per quanto riguarda la box sono propenso tra il Reo Grand VV (come il tuo) e l’E7 Sunbox di Del sole. Che ne dici?

                • mc0676 L'autore dell'articolo

                  L’E7 è italiana, se hai un problema la rimandi a Volpi e sei apposto.
                  Il reo anche, però se lo prendi in italia ti costa un botto …

                  Io farei E7, considerando appunto l’ottimo DNA20D.

  • NewZealand
    NewZealand

    Complimenti Michele, ottimo articolo !!!
    Anche secondo me le box sono il futuro, anche perchè, come già dicevi tu, grazie ai nuovi atom rigenerabili
    (e soprattutto all’ mcARB 😉 ) si può avere un HW eterno e veramente performante.

  • gavazzi75

    mi viene da ridere…non per l’articolo intendiamoci, ma perchè ricordo una chiacchierata con lordbyron da franz…
    al tempo avevo appena preso il juis…ero troppo intrippato…e lui a dire…”vedrai che alla fine si arriva alle box”…”ti rompi le palle dei sistemi complicati, la box è troppo comoda e da grande soddisfazione”…
    e io “mai, svapare da una scatola? ah ah ah ah…”, chiude lui “so che mi darai ragione…ne riparleremo”…
    arriviamo ad oggi…e…gli do pienamente ragione.. lol …
    continuano a non piacermi in quanto a forma…ma come sostanza ragazzi, non ce n’è…è goduria pura, a patto, come dici, di usare atom degni…unica nota, per me, dolente, sono le box in metallo: quelle di certo non le prenderò, il calore del legno in mano non ha paragone, ma sono gusti…
    eccetto il vinci, che però fatico a categorizzare tra le box…lo definirei tube mod bottom feed…un unico ad oggi…e con un ‘estetica spettacolare, pur con qualche difettuccio 😉

    saluti

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh i vecchi c’hanno battuto il cranio prima di noi, l’esperienza vuole anch’essa la sua parte mannaggia !

      per il discorso del calore hai pienamente ragione, il legno è legno e NON ci piove ! 🙂

  • axelshow

    Fui convinto da un tuo video 3 mesi fa ad iniziare a svapare. Quello che mi colpii fu la tua passione per lo svapo (e non una smodata ricerca del “solo” smettere di fumare). Morale della favola: dopo due settimane abbandonate le analogiche senza minimo sforzo!!
    Ora…vorrei unire alle elips di ovale e alla Alips Ego (della quale non parla mai nessuno) un sistema che dia più divertimento e di un altro livello. Sono dell’opinione che più spendi e meno spendi,quindi voglio fare un acquisto mirato nonostante il costo elevato. Mi consigli di procedere con l’acquisto di un Provari oppure ti do retta anche stavolta e vado con il vvReoGrand??
    Accetto anche di prendere in considerazione altri tipi di dispositivi…

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Alex e grazie per le belle parole :).
      Mi fai una bella domanda ehehe.
      Un annetto fa ti avrei detto Provari … ma è passato un anno, appunto !
      Vuoi fare davvero un salto di qualità ?
      Reo Grand VV e qualche atom cisco 510 (o 306) da 2.0 ohm.
      Poi appena ci hai preso la mano con i Cisco e vedi che ti piace dopo ti prendi un bell’atom rigenerabile e sei apposto 🙂

      • axelshow

        Guarda..Non volevo leccarti troppo ma ti seguo sempre e saprai già quale atom rigenerabile stò aspettando! 🙂
        Grazie ancora del consiglio!

  • Atars

    Ma lo sai miki che aspettavo da tempo un articolo di questo tipo? Ora la mia indecisione è come quella descritta poco sopra: provari o reo? E se mi buttassi su zmax e reo? Alla fine spenderei 30/40 euro di più ma avrei entrambi i sistemi… Ho visto dal vivo il reo grand vv ma il sistema colla rotellina e la mancanza di display non è una scomodità ? Poi ho una domanda… C’è una cosa che non ho ancora capito degli atom Cisco o non: quanto durano? So che dipende da noi, da quanto svapi ma non ho capito come ti accorgi che sono arrivati

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io farei una cosa per volta … sia ZMax che Reo sono comunque impegnativi come dimensioni … quindi andrei all’inizio con il Grand VV.
      La rotellina è comodissima, altro ché. Sono un fermo sostenitore del fatto che il display è carino ma non serve a niente. Sei tu che sai quando è il caso di aumentare o ridurre e con la rotella fai molto veloce.
      Un atom cisco ti dura dai 40 ai 60 ml e senti che non gliela fa + quando la resa aromatica, cosi come la produzione di vapore e l’ht, calano drasticamente.

      • Atars

        Grazie! Resta nella mia testa il VinCi ma tra chi dice che va pulito ogni 10 svapate, chi sostiene che non essendo un
        Vv non soddisfa e, comunque, il fatto che non si trova da nessuna parte, mi passa la voglia… 🙁

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Il Vinci va pulito quando è sporco, se lo usi tuttii giorni per 6-7 ml quindi ogni 2-3 settimane altrimenti meno spesso.
          Per pulirlo non serve smontarlo …. io lo metto a mollo in acqua bollente poi lo sciaquo e lo faccio asciugare.
          Come resa è un meccanico, se lo usi con una 3.7v non è il massimo, se lo usi con due life po da 3.0v o due 18350 non c’è reo grand vv che regga il confronto 🙂

          • Atars

            A trovarlo però…. Purtropponon c’è niente daffare. Mi buttero sul vv reo woodche almeno è di legno(ma anche qui mi sa che sono tutti out of stock, che 00!!!)

          • 80teo

            questo è interessante.punto decisamente a favore del vinci.
            due 18530 o life po da 3.0v.
            prendo nota!

  • Atars

    Miki ma non avevo chiesto prima: ma tra il reo grand vv e il woodvill vv, l’unica differenza che corre è che il primo è in alluminio e il secondo in legno vero? Perchè preferirei il secondo. Su reo i wood sono tutti out. Ma possibile che tutto ciò che potrebbe piacermi non c’è mai? 😀

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si esatto, cambia solo il materiale.
      Inoltre nel legno qualcuno ha lamentato retro gusti “verniciosi” anche alla lunga. Pensaci.
      E bada che quello di alluminio non è male è ! 😀

  • mraffa

    Ciao Michele,

    come dettato dal tuo articolo, vorrei fare un passettino in avanti sullo svapo, vorrei comprare il mio primo bottom feeder, sapresti consigliarmi qualche prodotto con qualit/prezzo senza fare un mutuo….potrei stare intorno a euro 130/140 , eventualmente anche che tipo di atom montare, visto che quelli tuoi sono esauriti.
    Spero solo quando sarà il momento di riuscire a fare le wick con la resistemza.

    Attendo un tuo cortese riscontro.

    Complimenti per il Logo, bellissimo.

    Saluti
    Raffa.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie per il logo 🙂

      Fossi in te, ora come ora, vedendone i prezzi (umani) e le qualità, mi orienterei su una SunBox, le vedi sul sito di Del-Sole e adesso stanno per uscire meccaniche e a breve ci saranno pure VV.
      Fossi in te chiamerei, o scriverei ed eventualmente prenoti.

      Il mio ARB non mi risulta che sia esaurito 🙂

      • mraffa

        Qualche giorno fa non era disponibile, adesso si, mi porto avanti e prendo prima l’Atom.

        Poi visto che Del Sole è nella mia zona, Sabato ci faccio un giro, vediamo cosa mi propone.

        Solo il pensiero che mi devo fare le resistenze mi viene da piangere, speriamo di riuscirci.

        Ciao
        Raffa.

        • mraffa

          Acquisto fatto! ho comprato anche il Kit wick e fili , cosi incomicia a farmi due risate, vediamo cosa combino.
          In attesa di decidere quale box prendere, posso provarlo sul mio Zmax?.

          • mc0676 L'autore dell'articolo

            Certo che si 🙂
            Max 5-6 gocce 🙂
            Potenza a tuo gradimento

  • carnil666

    Son passati quasi due mesi dall’ultimo commento a questo articolo, perchè scrivo ora?
    Perchè questo articolo l’ho letto e riletto più volte e anche grazie a “lui” se oggi sono il felice possessore di una box meccanica che mi sta facendo scoprire un mondo diverso per quanto riguarda lo svapo. La box in questione è la M7 di Del Sole, quella in alluminio, un oggetto bellissimo (come il 99% dell box di qualsiai forma o materiale siano fatte..) dalla resa aromotica sorprendente per chi come me era abituato ai vari “CE x” montati su ego e al vivinova sullo Zmax.
    E’ un piacere che non avevo sperimantato prima, nemmeno provando a drippare con un atom LR sul mio Zmax, lo stesso atom messo sulla box rende il triplo.. Perchè la M7? Perchè ero propenso a prendere un ReoGrand, un oggetto che mi tentava tantissimo anche grazie ad una paio di video tuoi e di Lordbyron77. Sabato vado a fare visita al negozio Del Sole e mi ritrovo davanti alla M7, colpo di fulmine.. Ora ho in mano (letteralmente, la sto usando anche adesso che scrivo..) un PV bellissimo, comodo da impugnare nonostante i “calchi” per le dita che suggeribbero un sistema preciso (io ho le mani piccole e cicciotte e non ho problemi a squonkare in qualsiasi “posizione” impugno la box) e con prestazioni che mi soddisfano in pieno, considera che dell’hit non me ne faccio nulla essendo riuscito a smettere con la nicotina da quasi un mese oramai..
    Il prossimo passo sarà un atom rigenerabile, magari il tuo ARB se ne esistono ancora in giro..

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Bella testimonianza, grazie 🙂
      In effetti le Sun Box sono davvero molto ma molto belle, Paolo sta lavorando molto bene 🙂

  • svapo-max

    Ciao complimenti per le tue guide.
    Mi sto autocostruendo il sistema bottom feeder pero’ noto che pigiando la boccetta il liquido invece di entrare direttamente nell’atom fuoriesce dai fori laterali.
    E’ normale cio’?
    Sto testando con un vision eternity smontato per vedere se incamera liquido quando si “squonka”.
    E’ normate che l’atom gorgogli dopo ogni premuta di boccetta?
    Quanto e’ importante la tenuta del pin centrale forato?
    Ho autocostruito il connettore 510 forato usando un attacco ego 510, gli ho sfilato il pin centrale e gli ho inserito il pin di un atom phantom dopo aver accuratamente spianato la testa forata.
    Se perde dal pin centrale potrei provare a stagnarlo leggermente facendo attenzione a non tappare il buco che porta alla boccetta?
    Grazie se mi dai dei consigli su come autocostruire l’attacco 510 forato.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ normale e non è normale che esca liquido dai fori dell’atom … dipende dall’atom che usi ovviamente.

      Ti suggerisco di guardare l’articole “come costruisco una box” troverai risposta ad ogni tuo dubbio, l’ho fatto apposta.

      • svapo-max

        ma usando il pin dell’atom phantom per autocostruirmi l’attacco forato la testat aveva una scanalatira che ho spianato senza attrezzi di pecisione.
        Potrebbe essere che non sia in piano e non convogli il liquido all’interno dell’atom?

  • Stefano17
    Stefano17

    Ciao Michele,
    Prima di tutto volevo farti i miei complimenti per tutto il lavoro che stai portando avanti… sono un tuo assiduo fann e seguo le tue recensioni…
    Ho provato parecchi sistemi in questi 10 mesi di svapo, e attualmente utilizzo il MAGOO (con grandi risultati) e i cartom boge e smok (xche mi richiedono meno tempo di preparazione)…..

    Volevo chiederti un consiglio, perchè ho intenzione di provare il sistema BF e quindi BOX MOD VV, ma nella mia zona non ci sono grandi shop attrezzati, nemmeno per le prove di svapo di questi sistemi.

    Non mi resta altro da fare che prenderne una, ma visto il costo abbastanza alto e non vorrei fare un buco nell’acqua….
    Ti chiedevo se conosci qualche persona fidata che ha una BOX usata da vendere così posso smanettarci un pochino senza spendere un cifrone…..

    Ti ringrazio e rinnovo i complimenti

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Cieo e grazie 🙂
      Guarda purtroppo al momento non mi viene in mente nessuno 🙁
      Ti consiglio di appostarti nei mercatini dei vari forum e vedere cosa passa.
      Fossi in te cercherei per una delle seguenti:
      – reo grand VV
      – E7 o E10 (Sunbox con DNA20D)
      – Lukkos con Orione
      – SVA con DNA20D o Saphira
      – Nipples Three con Saphira

      • Stefano17
        Stefano17

        Ok.
        Mal che vada comprerò i pezzi e me la faccio di sana pianta…. ho fatto due conti e con 70-80E dovrei farcela, poi ci resta la rottura di montarla e fare la BOX (ma è anche quello il bello e il divertimento).

        Su svapobar il Circuito Regolazione DE-SWADJ3, cosa ne dici, è un buon prodotto?
        in alternativa che circuito mi consigli…

        Grazie ancora di tutto…

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          E’ un ottimo punto di partenza, l’ho usato per tanto tempo 🙂

  • polly

    Svapo felicemente da un anno e mezzo, ho fatto pochi acquisti ma ben fatti, da novembre sono proprietaria di una e7 modulo e cyclone, da un po’ di giorni pure di un graal, che trovo ottimo, seppur con un leggero difetto (cap dell’aria che utilizzo solo con forellino piccolo e che crea condensa sulla campana). Niente di allarmante, però può essere sicuramente migliorato. Quello che mi da fastidio abbastanza del bottom feeding è appunto la totale assenza di clonacci cinesi a basso costo. Ok, il materiale che ho mi piace ed è ben fatto, lo avrei preso comunque, però i prezzi sono altissimi e una seconda box piccolina in alluminio predisposta kick da battaglia che se le succede qualcosa non mi strappo i capelli l’avrei presa… Se esistesse! O si ha una manualità come la tua (bellissima la hammond, complimenti) o si paga una caterba di soldi, sempre che si riesca a trovare ciò che si cerca. Tipo se vado a ballare la mia mica me la posso portare dietro, è grandicella ma soprattutto fra atom e box sono 400 euro di roba! I cinesi servirebbero ma non lo faranno, condivido in toto il tuo pensiero.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Polly, giusta la tua riflessione.
      Purtroppo è un mercato di nicchia quello delle Box e non attira l’attenzione dei clonatori cinesi.
      Però io sono fiducioso che prima o poi ci arriveranno.

      • Filomeno

        Mercato di nicchia fino a un certo punto, con tutti gli strozzini che ne sfornano in continuazione rivendendole in nero a peso d’oro non mi sembra tanto di nicchia. Poi questo è quello che vediamo in Italia, e all’estero? mi sembra di avere capito che in Italia il BF sia piu diffuso che all’estero vero? In ogni caso ci deve essere un buon mercato anche negli USA visto che ci sono diversi produttori.
        L’importante è che non sia una moda passeggera che verrà definitivamente superata da BB e rigenerabili ma se non è così mi sembra che i numeri ci siano per una produzione industriale che potrebbe accaparrasi una enorme fetta sull’entry level.

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Beh di nicchia se considerata la scala nazionale.
          In USA andavano molto un annetto e due annetti fa, poi tutto fermo o quasi.
          Resomods non si è rinnovato. BoggerBoxMod ha truffato i suoi clienti (cosi pare).
          Alla fine il BF è spinto molto da noi italiani.
          Io cmq sono il primo a sperare che venga industrializzato il sistema BF.

  • cosimo bar

    Ciao Michele,
    Ma con le batterie al litio per risparmiare spazio non si possono fare dei BF?
    Che ne pensi?

  • cosimo bar

    Il guadagno che ci sarebbe tra litio e normale a livello di spazio e durata sarebbe ottimo, il problema sarebbe la differenza di costi
    È pochissimo che svapo ma mi piacerebbe produrre qualcosa di innovativo.. E credo che il BF possa essere un ottima base di partenza ma mi blocca un pochino la dimensione complessiva della box…

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Comunque stanno uscendo ora i sistemi con le batterie pacco a litio, vedi su svapobar l’ultima box battery con DNA30D.
      Sicuramente si guadagna in spazio, poco ma sicuro.

  • frank@m

    SALVE ,MI SONO ISCRITTO PROPRIO ORA PERCHE’ LO TROVO MOLTO INTERESSANTE
    MI POTETE CONSIGLIARE COME DEVO FARE X ACQUISTARE UNA DI QUESTE BF CON UN BELL’ATOMIZZATORE ADATTO

    GRAZIE

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ti consiglio i seguenti shop dove puoi trovare delle box mod e degli atom: del-sole.it, svapamo.it, svapiamo.org.
      A te la scelta.

I commenti sono chiusi.