Kanger T3D: promosso ! 18


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 7185 volte.

Il Kanger T3D lo avevo preso diverso tempo fa.

Alla fine il T3D, successore del T3, non è poi troppo diverso dai vari sistemini Kanger finora provati ma ho voluto dedicargli un articolo perché, secondo me, in ottica eGo probabilmente è il miglior sistema che abbia provato fino ad oggi.
Il T3D infatti è lungo come l’AeroTank Mini ma ha oltre il doppio di capienza ed è appena più lungo dell’Evod v2.
Nella base sono presenti 3 fori che tutti aperti offrono un’ariosità tutto sommato appena generosa. Se usandolo vi accorgerete che è troppo arioso sarà sufficiente coprire uno dei 3 fori con un piccolo pezzo di nastro trasparente, cosa che ho sempre vado negli Evod BCC.
Per quanto mi riguarda, e lo ripeto, il T3D ora come ora rappresenta il top per chi a passeggio si porta la eGo, possibilmente twist.
Anche se le testine “di serie” non sono male io consiglio di rigenerarle in single coils con doppia wick da 2.5 mm sfilacciata. Otterrete un qualcosa di estremamente performante considerando appunto che nasce per una eGo.

Al pari di tutti i sistemi Kanger ad ogni ricarica non sarebbe male “spurgarli” della condensa accumulata durante lo svuotamento del tank e questo, probabilmente, è l’unico difetto (persistente, tra l’altro) dei sistemi Kanger BCC.

Poi come resa funziona bene, c’è poco da dire.
Si alimenta bene dall’inizio alla fine, buona produzione di vapore, buona resa aromatica e buon appagamento generale.
Il tutto con testina originale.
Perché se ve la rigenerate come suggerito tutti i valori tendono a migliorare sensibilmente rendendo il sistema ancor più performante.

Il tip 510 è intercambiabile e questo è un indubbio plus del sistema.

Qualche foto:

DSC_3411

DSC_3413

DSC_3414

Infine la video-recensione:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


18 commenti su “Kanger T3D: promosso !

  • lordgeny

    Ciao Michele, ma se uno lo rigenera in single coil perchè non comprare direttamente il t3s 😀 che ora sta a 4 euro.

    Cmq il mio t3s dopo 7 mesi si è scollato e ho preso il protank mini 2 , appunto non ho preso il 3 perche tanto vado di single coil .

    Unico difetto la capienza solo 1.5ml pero è tutto smontabile ed in pirex.

    Ho pure fatto una microcoil in cotone

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non hai tutti i torti, il T3D ha il grande vantaggio del tip intercambiabile che non è trascurabile 🙂
      Hai fatto bene a usare il cotone, funge benone. Ma le foto non si vedono 😀

  • guus

    come al solito mi hai convinto subito… lo prenderó! Una domanda: ma secondo te il tank del T3D ce la fa con i liquidi organici o rischia di rompersi?

  • lordgeny

    Guus Per gli organici , prendi protank mini stesse head ma ha il tank in pyrex ed è tutto smontabili e il tip intercambiabile.

    Prendi il v2 se non ti interessano le dual coil , altrimenti il v3.

    Unico difetta capienza 1,5. Non si può avere tutto!

  • lordgeny

    Michele una domanda:
    La microcoil me l ha fatta un negoziante amico poi io ho saldato il no res e infilato il cotone.
    Io ho provato e hi avuto un problema:
    Per scaldarla tenendola pressata la pinza si scalda e si brucia rilasciando un materiale nero ( che si toglie passando un tovagliolo) ma non si scalda la res. Colpa del cromo vanadio? Serve pinza in acciaio?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Colpa della fiamma ! Devi usare un carammellizzatore e sparare alla giusta distanza, altrimenti annerisce, è normale 😀

  • falcodicamelot

    Vorrei inserire il mio parere, non ho il kanger T3D, ma ho l’aerotank mini, che secondo me è il miglior sistema kanger, per adesso mai una bevuta ne nessun gorgoglio, a differenza dell’unitank mini, dove tra l’altro mi si è rotto il tank, nella parte inferiore dove c’è la filettatura per avvitarlo alla base si è formata una crepa, purtroppo la filettatura è di plastica.Ho anche il protank v2, e anche quello gorgoglia alquanto, forse è anche colpa mia che non lo rigenero a modino. appena mi sarà possibile compro il kanger T3D. Un salutone a tutti 😉

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Il mini e il mega sono fenomenali, ma il mini ha una capienza scarsa purtroppo 🙂

  • lucareale

    data la mia pigrizia nell iniziare la rigenerazione delle resistenze sto utilizzando quelle del miniprotank anche su protank3, e devo dire che mi trovo molto meglio. le nuove davvero bruciano dopo troppo poco utilizzo, appunto i 15-20 da te indicati .
    Puoi confermarmi che posso utilizzare quindi le resistenze bottomcoil evod-mini-uni anche su questo t3d ?
    grazie

  • p.davide2

    Ciao Michele, ho acquistato questo T3D, in realtà cercavo il T3S ma il negozio in cui mi servo lo aveva terminato, le testine dual coil in dotazione sono quelle di nuovo tipo, ovvero quelle con i forellini sulla cassa, provato e…. wow che roba ragazzi, hit e sapore mai gustati prima anche con i rigenerabili da dripping, unico neo purtroppo e che dopo 15 ml le testine iniziano a perdere aroma e hit e vanno sostituite.

  • guus

    Ciao Michele, sto usando il t3d da un paio di mesi e ho un problema che non riesco a risolvere. Rigenero in single coil come hai suggerito tu (doppia wick sfilacciata da 2,5 mm) ma in questo modo mi si allaga tutto all’istante. Ho provato anche con doppia da 3 mm ma stesso problema. L’unico modo con cui riesco a usarlo è mettendo una flavor wick sfilacciata sopra la resistenza, però mi sembra che l’alimentazione sia decisamente incostante (alcuni momenti è fenomenale e in altri quasi fatica a tirare).
    Un’altra cosa strana è che se rigenero allo stesso modo (doppia wick + flavor wick) su un evod glass (che usa le stesse testine) l’alimentazione è regolare dall’inizio alla fine.
    Dove sbaglio secondo te?

I commenti sono chiusi.