La prossima Box Battery (agg. x3 press + video) 40


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 8968 volte.

Era incerto se scrivere uno articoletto step-by-step o se postare solo le foto di fine lavoro ma ho deciso alla fine di narrare il work in progress, anche per documentarlo un pò.

E’ da un pò di tempo che pensavo di rifare il mio BB Hammond DNA30 non perché non funzionasse bene quanto perché 2 mesi fa mi sono arrivati maschio e femmina M7x0.5 di alibaba e quindi volevo farmi un tazza ad hoc tutta fatta a mano.
Il problema del mio BB semplicemente è che lo avevo fatto, stupidamente, troppo poco spesso (è 20 mm !) quindi in ogni caso un atom da 22 mm avrebbe sbordato e quindi dovevo rifarlo.
Inoltre aveva un grosso difetto, vale a dire che purtroppo l’hammond 1550A ha i lati stretti “in pendenza” e quindi se da un lato il tutto rimane “in piedi” è anche vero che sulla scrivania il tutto fa molto “torre pendente” di Pisa. E siccome io sono senese di Siena, questo non è buono. Sapete come diciamo a Siena ? Meglio un morto in casa che un pisano all’uscio !
Tralasciando questa breve vena ironico-toscana ho deciso quindi di rifare da zero il nuovo BB, partendo proprio da una 1550A.

In questo nuovo “lavoretto” di fatto sto portando avanti due Battery Box, una per me e una per un amico e quindi nelle foto via via ne vedrete apparire due.

Prima di spianare i lati corti ho “abbassato” la profondità dell’hammond, portandola a 24 mm circa contro i circa 26.5 iniziali (tutto senza sportello, chiaramente). Inoltre ho scavato le torrette come di solito faccio per permettere l’incasso dello sportello e liberare un pò di spazio negli angoli.
Dopodiché con la Proxxon MF70 ho spianato le facce corte come vedete qui:

20141024_213203

Chiaramente questo ha portato, come conseguenza, una riduzione dello spessore dell’alluminio a centro lato da 1.5 mm iniziali a circa 0.6 mm, come vedete qui:

20141024_213239

La riduzione di spessore non comporta niente di preoccapante ma come potete constatare da questa foto dove metto la “nuova” accanto alla “vecchia” si nota bene come una sia pendente e l’altra no:

20141024_213316

E mettendo di fianco le due “nuove” ecco che sono ben più dritte:

20141024_213332

Per il fissaggio del circuito ho deciso di sfruttare gli switch a bordo del circuito, che sarà un DNA40. E’ la prima volta in assoluto che provo a fare una roba del genere all’interno di una hammond e spero tanto che il risultato sia quello sperato.
Nella foto sopra vedete la foratura e la disposizione: di fatto realizzerò i pulsanti che azionano gli switch al tornio utilizzando come materiale l’ottone in modo da riprendere la tazza e per creare un piacevole contrasto con l’alluminio dell’hammond.
Per poter forare la hammond nel posto giusto e non a caso ho dovuto, sfruttando il datasheet ufficiale di evolv, caddare il tutto accorciando la posizione del display poi dopo averlo stampato 1:1 l’ho attaccato addosso all’hammond per avere una dima di foratura precisa:

20141024_222230

20141024_222832

Lo switch di attivazione principale avrà una superficie di contatto pari a 7 mm mentre gli altri 2 di 3 mm.
Il DNA, quando tutto sarà finito, si presenterà grosso modo messo cosi:

20141024_214210

Quindi in pratica piega a “Z” del flat del display e questo si è reso necessario per accorciare la sua lunghezza totale perché altrimenti non mi ci sarebbe entrato.
Per farlo stare in posizione sfrutterò la novità del DNA40, vale a dire le due alette aggiuntive che portano la larghezza totale del circuito a circa 20 mm, con 2 mm extra per lato da utilizzare per infilarlo in un binario (per esempio).
In pratica, visto in sezione, farò qualcosa del genere:

22Appunti Windows-1

In grigio scuro vedere le pareti dell’hammond. Le proporzioni sono reali.
In giallo i 3 pulsanti, che dovranno essere fatti in ottone.
In celeste due lastrine di lexan con un binario all’interno del quale alloggerà il DNA.
Una lastra si fissa sul fondo, si fa tutto il lavoro di cablaggio quindi per ultima si mette la lastra superiore fissandola in parete.

Tutto questo per ora è solo puro teoria, è da capire poi se funzionerà veramente oppure no.

L’altra cosa su cui ho lavorato per il momento è appunto la tazza.
Ho fatto una tazza in ottone diametro esterno da 22 mm con la parte che si incassa di 16 mm.
Sopra sporge di 5 mm e dentro la box di 6 mm.
Ho dovuto per forza di cose stare “sopra” di 5 mm perché poi dentro veramente rischiavo di fare le cose troppo precise.
La tazza ha un pin centrale (fatto a mano in ottone) “furbo”:
– è regolabile da sopra con vite a croce (anch’essa realizzata a mano);
– sotto ha una specie di grano forato dove si infila il filo del positivo e girando da sopra (non la vite di regolazione, ma il corpo pin) “tira” il grano sotto e serra il positivo.

Tutto smontato il pin è cosi fatto:

20141024_215419

20141024_215529

PS Siate clementi nel giudicare che è tutto ancora zozzo di tornio (:D).

Il negativo si fissa sul corpo tazza con grano M3 che è l’unica cosa che ho usato di commerciale.

Qualche foto della tazza:

20141022_194619

20141022_194637

Dopo aver realizzato un isolante in delrin con maschio M7x05 (che si avvita da sotto) e averlo sigillato/fissato con bicomponente ho provveduto a montare la prima tazza, fissandola anch’essa con del bicomponente:

20141024_201251

20141024_201301

Come si nota purtroppo in questa Box (la mia personale) la tazza sporge di circa 0.5 mm verso l’esterno lato sportello ma quando ci sarà lo sportello non dovrebbero esserci problemi estetici a riguardo.

Una volta tutto montato con un Russian sopra si presenta cosi, cioè dritta (quindi missione compiuta riguardo questo “obiettivo”):

20141022_194854

Aggiungo alcuni dettagli di costruzione:
– la finitura dell’alluminio sarà con scotch brite della 3M: in pratica graffia appena l’alluminio restituendo un effetto simil satin che nasconde (camuffa) i graffi;
– lo sportello sarà in legno, presumo in mogano, spessore 4.5 mm di cui 2.5 mm di sporgenza: quindi la box sarà spessa 26.5 mm circa (contro i 20 dell’attuale, sob :();
– la molla negativo sarà quella del provari, quella argentata che fa miracoli in quanto a qualità del contatto;
– il contatto positivo sarà in rame;
– utilizzerò cavo normale foderato e non rame smaltato per il cablaggio.

Prossimo step: realizzazione pulsanti in ottone e lastre in lexan per il DNA.

Aggiornamento del 25/10/2014

Ho realizzato i due pezzi in lexan (che è una specie di plexyglass che si lavora molto meglio alla fresa) che dovranno sostenere il circuito:

20141025_161257

Lo spessore di questi due pezzi è di 2.5 mm e il circuito entra per 1.5 mm quindi rimane circa 1 mm di spessore utile nella zona del binario: non è molto ma considerando la tipologia di materiale e di utilizzo non dovrebbero sussistere problemi di tenuta/durata nel tempo.
Mi sono venuto opachi perché non avevo uno spessore di 2.5 mm e sono dovuto partire da 4 mm e spianare fino a 2.5 mm.

Ho quindi fatto anche i pulsanti in ottone:

20141025_161339

Mi ci è voluto un sacco di tempo perché teorie a parte ho dovuto, uno per uno, partire da una certa quota e poi togliere 0.25 mm per volta fino a che non ero soddisfatto.
Però l’importante è che una volta messo tutto in posizione sembrano funzionare bene nel senso che il feedback tattile c’è e il pulsanti non sono troppo “pigiati” quindi non mettono sotto pressione gli switch: questo comporta un piccolo difetto, vale a dire che in posizione di riposo agitando la box si percepisce un leggero tentennio perché un minimo di gioco chiaramente gliel’ho dovuto lasciare.

Qualche scatto dell’assemblaggio parziale del tutto.

20141025_161429

20141025_161505

20141025_161622

20141025_161631

Forse entro domani la cablo.

Aggiornamento del 26/10/2014

Poiché avevo la serata libera, l’ho cablata:

20141025_210529

Prima di tutto ho stagnato 4 cavi (servono solo 4 cavi in questo modo, urrà !):

20141025_210823

Quindi ho saltato i cavi al circuito usando del buon flussante …

20141025_211553

… assicurandomi che lo stagno passasse da parte a parte.
Un paio di cavi non sono venuti bellissima, pace.

20141025_212150

Dopo averlo saldato l’ho tenuto 10 minuti a bagno maria nell’alcool isopropilico. Lo faccio sempre semplicemente per ripulire il circuito dai residui della saldatura: dopo 10 minuti lo spennello mentre è sempre a bagno per assicurarmi di pulirlo il meglio possibile:

20141025_212338

Quindi ho iniziato a cablare, accorciando i cavi quanto basta.
Il pin positivo ho estratto il “grano” artigianale e ho saldato nel buco il filo del positivo e poi girando il pin da sopra con un cacciavite a taglio l’ho messo in tensione per avere un ottimo contatto.
Ho fissato anche il negativo con un grano ad hoc.

20141025_220033

Quindi ho messo il distanziale in lexan per il positivo e ho usato come contatto un “tappo da cartelle” (questa definizione me l’ha data chi mi ha regalato una manciata di quei tappini di rame che gli idraulici conoscono bene) e ho saldato il filo positivo batteria.

20141025_225948

Quindi ho incollato una molla del provari (ottima molla, iperconsigliata !) e ci ho saldato il filo del negativo. Tutto scoperto, non è bellissimo, pazienza.

20141025_225956

Vista da sopra senza batteria si presenta cosi:

20141025_231801

Con batteria:

20141025_231831

Prima accensione.

20141025_231844

Sembra funzionare.
Adesso almeno a questa prima manca il distanziale di protezione dalla batteria, la finiture interne degli incollaggi e lo sportello ma intanto posso giocare con il DNA40.

Aggiornamento del 26/10/2014 (Bis): Press

Oggi ho potuto completare (praticamente) il lavoro, realizzando lo sportello in mogano.
Lo sportello dopo averlo rifinito l’ho messo a bagno maria nell’acetone con paraloid al 6% come ultimamente faccio.
Adesso manca solo il distanziale interno tra telaio e batteria (per evitare che nelle cadute accidentali la batteria finisca addosso al circuito) e poi qualche aggiunta di colla qua e la ma il grosso è fatto.

Qualche foto.

DSC_6083

DSC_6084

DSC_6085

DSC_6086

DSC_6087

E un breve video:

PS A chi serve: allego il file (serve Open Office) da stampare in A4. La dimensioni del circuito sono REALI fatta eccezione per la distanza display-circuito che nel caso dell’allegato è stata “ridotta” perché ho piegato il flat.

CLICCA QUI PER SCARICARE DISEGNO DNA40


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


40 commenti su “La prossima Box Battery (agg. x3 press + video)

  • Avatar
    devil

    Che altezza di fresa hai usato per pareggiare l’hammond? O sei andato per tentativi?
    Comunque attendono altre foto di questa piccolina

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Sono andato di lato: l’hammond era appoggiato sul lato lungo, ho messo in perpendicolare l’asse Y e ho fatto avanti e indietro con una normalissima fresa fino a che non toglievo qualcosa anche fino alla parte bassa del lato.
      Non so se mi sono spiegato, spero di si anche se temo di no LOL.

  • Avatar
    ROBY289

    La descrizione di questa tua ennesima realizzazione è talmente dettagliata che parrebbe semplice realizzarla , ma non per me !
    Per cui, sarà un piacere vederla in video quando la userai per i tuoi test.

  • Avatar
    creedrob

    Complimenti sta venendo fuori molto bene, ottima la soluzione di spianare i 2 lati corti per farla stare diritta, non vedo l’ora di vedere i prossimi steps .

  • Avatar
    CLONE

    michele se non ti e di troppo disturbo prima di montare il circuito potresti postare una foto con i cavi collegati cosi da farmi un idea grazie…..

  • angelox
    angelox

    Oooohhhh, che bella !!! Grazie Michele di esserti ricordato del tuo amico !!! L’aspetterò con ansia. 😀

  • Avatar
    baciocco

    posso suggerirti due miglioramenti
    Se vuoi far diventare il lexan ancora trasparente basta che lo passi velocemente su una fiamma.
    per quanto riguarda i pulsanti specialmente quelli del + e- , visto che hanno una lamina in metallo che preme non so se sono isolati internamente e forse ti fanno massa con i tuoi pulsanti, potresti risolvere forando i tuoi pulsanti e inserire nel foro un pezzo di gomma dura cosi risolveresti due problemi uno di non agire direttamente con l’ottone sui pulsanti l’altro di evitare il gioco che anno i pulsanti tra il tuo e l’originale ( anche se cosi fofrse diventerebbero un bel po sensibili).
    ciao e complimenti per i lavori che fai

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Per il lexan lo sapevo … ma non l’ho fatto LOL 🙁
      Per l’altro suggerimento è interessante, ma sicuramente laborioso e non poco 🙁
      Cmq non ho problemi di negativo con i 2 switchini nel senso che sono stato molto preciso 🙂

  • Avatar
    xciurax

    Complimenti sinceri Michele, sono contento che alla fine lo hai preso subito anche Tu, non è poco poter avere a disposizione la documentazione dei tuoi “giochetti” con questo circuito 🙂 il filo in nickel lo hai trovato? mi dici dove?
    Ciao notte 😉

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Sto per postare su esigforum, per ora uso quello di zivipf, sto aspettando il ni200 dagli states 🙂

      • Avatar
        Massimiliano

        Wow…Michi come al solito i tuoi lavori sono arte…bravo… le gratificazioni sembrano sprecarsi con te, ma come si dice “quando ce vo ce’ vo!!”
        Un’osservazione ma il cavo che stai aspettando provenienza oltre oceano, non ha le caratteristiche di quello tedesco? io uso il nikel non resistivo 0.28, e il fornitore teutonico garantisce una composizione di 99.5% di Nikel, quello americano 99.6% …insomma siamo li…sbaglio?
        Mentre se proprio vogliamo esagerare, un’azienda italiana torinese, ha in catalogo un cavo in Nikel con purezza 99.97 denominato ni270…in spolette da 7.5 metri…
        Buon proseguimento con la tua passione, sei un grande…
        -Max-

        • Avatar
          mc0676 L'autore dell'articolo

          Da quello che vedo anche lo zivipf 99.5% sembra andare bene, poi scriverò nel blog con calma tutto quanto.

  • Avatar
    Stefano M.

    Sei il migliore!!! Preciso e molto meticoloso….bravo…

    Tieni informati noi tutti di come funziona questo circuito…

    Stefano M.

  • Avatar
    devil

    Ho capito come lai pareggiata.
    Bellissimo lavoro comunque, quel cap e i pulsantini in ottone sono una sciccheria

  • Avatar
    Mamba

    Da ex modellista capisco bene il lavorone che hai fatto e in tal proposito no posso altro che dirti BRAVO!!!

  • angelox
    angelox

    Michele … un’ottimo lavoro … come sempre.
    Per i rumori dei pulsantini … è difficile reperire delle guarnizioni in plastica simili a quelle usate per il pulsante del Roller?
    Son certo che ora non si potrebbero più mettere … solo per info.

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Si in teoria si potrebbero fare delle guide in delrin, anche se da fuori non sarebbero bellissime da vedere.
      Cmq il rumore si sente se si scuote, altrimenti durante l’uso normale non si percepisce.

  • Avatar
    KillJoy

    http://www.svapamo.it/store/box_mod/box_mod_fai_da_te
    Michele gentilmente mi potresti dire se va bene prender queste cose
    una scatoletta
    un drip cup mav 3 kit
    un pulsante
    un portabatterie
    oras ti chiedo quali cavi dovrei prender (sempre se servono e quanti?
    cosa altro servirebbe ( oltre al dna40 )

    se volessi anche una BF cosa dovrei prender in più
    grazie di cuore per l’aiuto

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Il portabatterie lo eviterei come la peste perché seppur comodo è molto limitato nella qualità dei contatti, molto meglio la molla e un contatto positivo normale.
      I cavi devi prenderli a specifica, vedi sheet dna (18-22-24 awg).
      Per una bf ti serve la boccetta :D.

  • Avatar
    formicatossica

    Sappiamo che non te ne frega niente ma ormai con le tue box hai raggiunto un livello tale di manualità che puoi competere con i vari “batteryboxettari” e secondo me li batteresti pure. Questa Hammondina è una vera figata, altro che ZNA o Wapari.
    Dovresti pensare a farne qualcuna anche su commissione ma dato che non lo farai, permettimi di farti almeno i complimenti, gran bella realizzazione.

  • Avatar
    CLONE

    michele con cosa ai fissato il display alla box , comunque complimenti e bellissima bravo.

  • Avatar
    Stefano M.

    Ciao Michele, come sempre hai fatto un BB bellissimo, come ti trovi con i pulsanti originali?
    Come tatto sono uguali al pulsante esterno oppure sono più “giocattolo”…

    Stefano M.

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      L’attivazione è notevole, corsa breve e gommosamente contrastata.
      Gli altri 2 sono + giocattolosi.

  • Avatar
    shortlex

    Ciao Michele,
    mi daresti per cortesia le misure dei pulsanti perlopiu il diametro interno che se trovo qualcuno che ha il tornio vorrei prendere spunto (cioe copiare ) il tuo sistema per realizzarmi (aiutato) una hammond.
    Alessandro

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Il diametro della zona di contatto di up e down è 2 mm, mentre il fire è 3 mm 🙂

  • Avatar
    Leonardo Volta

    Ciao Michele,
    Ho intenzione di fare la mia prima BB, vorrei utilizzare il DNA40. Essendo la mia prima box sono totalmente inesperto e la mia domanda potrebbe risultare stupida. Ho letto dal datasheet di evolv che sono consigliati due cavi diversi: uno da 22 a 18 gauge e l’altro da 28 a 22 gauge. Su internet ho trovato: cavo unipolare di rame rigido con diametro da 1 mm (circa 19 gauge) e un cavo unipolare di rame tefzel con diametro da 0.4 mm (circa 28 gauge). Mi sembravano quelli che si avvicinano di più. Non so cosa significhi tefzel e non so se si utilizza un solo tipo di cavo. Saresti così gentile da indicarmi un cavo adeguato ? Quale hai utilizzato tu ? Sono inadeguati quelli che ho visto su internet ?
    Grazie mille.
    Leonardo

  • Avatar
    fedemod87

    complimenti!! riusciresti a girarmi le dimensioni dei pulsanti che hai realizzato. Io vorrei sfruttare i pulsanti del circuito ma non ne trovo in giro già fatti e pensavo di crearmeli da solo.
    grazie

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Guarda devo rifarli (a livello di cad) tempo 5 max 10 gg dovrei postare tutto.

I commenti sono chiusi.