Le Magister clone by Fasticchio: rimandato a settembre 26


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 3568 volte.

Vi avevo già parlato di questo atomizzatore in questo articolo quando l’amico Nino me lo aveva inviato per modificarlo per essere utilizzato in sistemi bottom feeder: dopo averlo toccato con mano ho deciso di prenderlo non tanto per come è fatto bensi per come funziona.
Sia chiaro, forse dedicargli un video è troppo ma ho preso la palla al balzo per mettere a frutto gli insegnamenti e gli aiuti che Mattia, un lettore del blog, mi ha dato in privato al fine di migliorare il più possibile l’audio dei miei video. Grazie Mattia ! :).

Questo clonazzo l’ho preso da Fasticchio e il link prodotto è questo: costa 11 dollaroni e vale i soldi che costa anche se purtroppo qualche difettuccio c’è.
Per le foto vi rimando all’altro articolo, il mio è esattamente come quello di Nino, soliti pregi … soliti difetti.

Difetti riscontrati:
– l’attacco 510 è troppo lungo, oltre 1.50 mm rispetto allo standard: ne consegue che su certi PV non andrà mai in battuta con il corpo box creando un fastidioso anti-estetismo;
– il cap principale viene via troppo facilmente poiché le 2 orings rosse non fanno una tenuta adeguata.

Ci sono però anche dei bei pregi:
– è possibile utilizzarlo in single coil e dual coils;
– è possibile utilizzarlo previa regolazione dell’aria con un tiro contrastato;
– è facile da rigenerare;
– ha un serbatoio interessante (sui 1.5 – 2.0 ml effettivi).

Come funziona ?

Funziona bene. In particolare resa aromatica e hit non deludono.
E’ un atom da assaggio/degustazione per chi ama il tiro di bocca. Chi predilige il tiro di polmone lasci perdere perché questo atom non offre spazio a questo tipo di tiro.
Per la rigenerazione si può optare per due soluzioni:
– rigenerazione in verticale: è la più difficile e pallosa ma più appagante in termini di alimentazione e funzionamento;
– rigenerazione in orizzontale: è la più facile ma non permette uno svapo compulsivo continuato perché il cotone necessità del suo tempo tecnico per riassorbire liquido.
Come notate ho omesso la mesh: non è un errore, è una scelta. La mesh oramai per quanto mi riguarda è finita nel cassetto dei ricordi e li resterà per un bel pò di tempo.
Nel video vi mostrerò la rigenerazione in orizzontale che è anche la più facile: con questa rigenerazione si riescono a fare 4-5 tiri “buoni” a 16-18w dopodiché se si insiste il controllo di temperatura taglia troppo e bisogna dare all’atom il tempo di “ricaricarsi”. Con la verticale il problema tende praticamente a sparire.
Scegliete voi, in base alle vostre abilità, quella più adatta.
In ogni caso l’atom regge bene i 16-18w e non tende a surriscaldare.

Il mio non l’ho moddato in BF perché non lo ritengo adatto per questo tipo di svapo:
– è pesante e grosso;
– non è pratico: non lo è perché rimane troppo liquido a spasso per il tank e se si mette il PV sdraiato da qualche parte il liquido esce …

Lo consiglierei ? Se avete bisogno di un atom che funziona bene per assaggiare i liquidi ve lo consiglio ma non sottovalutate i difetti menzionati perché a qualcuno potrebbero non piacere.

Io nel complesso l’ho giudicato come rimandato a settembre proprio per quei difetti.

Vi lascio al video, fatemi sapere per l’audio, grazie 🙂


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


26 commenti su “Le Magister clone by Fasticchio: rimandato a settembre

  • vanni93

    Ciao Michele. L’audio è migliorato indubbiamente! In particolare c’è molto meno fruscìo e a me sembra che tu abbia anche diminuito le frequenze basse, in particolare me ne sono accorto nella sigla, ma anche durante il parlato.
    Insomma è un audio molto più da “parlato” prima era diciamo più da “discoteca” ahahahah

  • Rudys

    Ciao Michele
    si l’audio è migliorato. Secondo te questo va bene? https://www.fasttech.com/products/3028/10015824/3759900
    solo per il motivo che è già disponibile. Ancora una cosa. Mi sono procurato un bullone da 3 mmm per fare la bullocoil ma le spire ho notato che non si avvolgono bene nella filettatura e comunque tengono la resistenza ferma senza problemi. Ciao e grazie.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Come non si avvolgono bene ? Si deve avvolgere in senso antiorario mi raccomando 🙂
      Quello sku dovrebbe essere il B, cioè migliorato :).

  • Stefano17
    Stefano17

    Audio OK.
    Per quanto riguarda il problema dell’attacco 510 lungo, si potrebbe recuperare quel millimetro aumentando lo spessore dell’isolante interno, dove viene avvitato il corpo pin, o questa mod. provoca un innalzamento della posizione coil da non poterlo più utilizzare??

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Secondo me non ce la fai con un or, ci vorrebbe un pezzettino rigido, tipo delrin.

      • Stefano17
        Stefano17

        Ma con la stampante non ce la fai a farne uno per prova?
        Sempre se il PLA è indicato, ma giusto per provare.

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Beh semmai si potrebbe fare in ABS, con quello non dovrebbero esserci problemi 🙂

  • Nessuno89

    Ciao Michele, audio limpido, tutto OK.
    Avevo letto in giro qualcosa riguardo quest’atom, sai che nell’originale in molti lamentano il problema opposto? ovvero gli or fanno troppa tenuta e in molti non sono riuscito a togliere il cup se non mettendolo in morsa… questa volta i cinesi hanno tentato di risolvere (forse con un risultato troppo importante) il difetto. Mi sorprende che non hai tirato fuori il sacchetto degli or per cambiarli all’istante, hanno un passo particolare?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      No, sono dei normalissimi 1 mm x 20 ma ci vorrebbero dei 1.10 mm x 20 (non esistono) per migliorare la tenuta, non so se mi spiego.

  • maxc

    Ciao Michele… L’audio è perfetto,ma ti sentivo bene anche prima :D…..
    X quanto riguarda le magister hai fatto caso che rispetto all’originale, le viti dei negativi rispetto ai canali che vanno nel serbatoio sono invertite?
    X il discorso di svapo compulsivo con questo atom,che dici abbia bisogno di auto irrorarsi il cotone lasciandolo riposare,mi chiedevo come mai non fai la classica “sciarpetta” inserendo il cotone nei canali opposti.
    Per gli or troppo ciottoloni del cap forse si potrebbe risolvere con quelli originali verdi,probabilmente sono più spessi,forse anche troppo perché a corredo nell’originale ce ne sono un paio di scorta di diverso colore (neri mi sembra) e tolleranza
    E come ultima cosa,x risolvere l’attacco 510 con filettatura troppo lunga si potrebbe fare una rondella,anche in ottone,da mettere sotto,ad avere il maschio m7x0.5 anche filettata…perché a mettere uno spessore sopra secondo me si rischia di non riuscire a chiudere col cap…. Malidetti clonacci
    Ciao

  • ninok0

    Ciao Michele io lo tenevo montato sulla hana modz one e l’atomizzatore andava a battuta cosi’ come con la box bf che ha il pin regolabile.Evidentemente con i cloni ,si sa,è questione di cu… fortuna.

  • morningrain

    ho preso la versione da 5 dollari.. tra i ricambi ci sono 2 rondelline del positivo oltre le due viti, cacciavitino e due res gia pronte su wick…. ma si sono dimenticati di mettere l’isolante sulla base dell attacco 510.. ho risolto con un grosso oring… in questo modo va perfettamente a battuta sul dicodes dani…

  • prag

    Ciao michele! Dai sono contento che alla fine siamo riusciti a fare le cose per bene!
    In ogni caso i Grazie vanno solo a te e alla tua dedizione per questo blog! È grazie a te e ai tuoi video che è nata la mia passione cronica per lo svapo quindi… Per qualsiasi cosa non farti problemi!!

  • c.nando

    Ciao Michele, bella recensione. Anche io ho il le magister clone e devo dire che mi trovo benissimo, specialmente con i tabaccosi in tc a 18 w e temp. a 245c.
    Preferisco la sigle coil orizzontale con il cotone che pesca direttamente nei buchi e non la sciarpa intorno al positivo; per questo motivo ti volevo chiedere se non avevi pensato di fare con la stampante 3d una riduzione per la camera. Penso che lo potrebbe migliorare ulteriormente! Nel caso visto che io la stampante non ce l’ho, potresti come fai per tutti i tuoi progetti condividere il file così che lo posso far stampare da qualche parte?
    Grazie!!!
    Nando

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Nando, grazie.
      Purtroppo non mi fido ad usare l’ABS o il PLA per ridurre la camera internamente … fa troppo caldo li !
      OK per il drip tip che sta sopra, ma internamente, vicino alla coil, l’ABS io non ce le metterei mai … 🙂
      L’idea è buona ma non è la 3d che fa al caso in questa specifica situazione.

  • Tobar

    Ciao Michele!
    Ti scrivo qua sotto solo perchè stavo valutando se prendere pure io un Le Magister, dato che cercavo un dripper con tiro abbastanza chiuso.
    La mia domanda però è più generale: ho visto che ultimamente (e giustamente, visto cosa offre il mercato) fai rigenerazioni in Ni200 per sfruttare il TC.
    Per curiosità ho voluto provare pure io a rigenerare il mio Taifun GT2, che uso con aria chiusa, tirando di guancia e sempre rigenerato col classico Kanthal 0.3. Ho usato Ni200 0.25 su punta da 3, 6/7 spire, risultato 0.16 ohm. Utilizzato su VTC mini a 15w e 210/220 gradi ha una ottima resa abbinata a tutti i vantaggi del TC, ma a parità di tiro ed utilizzo,scalda molto di più!
    Secondo te può essere un problema per gli isolatori di un atomizzatore “nato” per essere usato con coil piuttosto tranquille?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Assolutamente no, stiamo parlando di 15w. Fossero 70-80w allora potremmo parlarne.

I commenti sono chiusi.