L’Immortalizer di Fasttech. Una supercagata pazzesca. 15


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 2240 volte.

Oggi è arrivato il clone dell’Immortalizer, ossia un atom da dripping.

Avrei tanto voluto provarlo, tuttavia, purtroppo, non si svitava la base. Inchiodata.

Il prodotto è questo.

Neanche con 2 “pappagalli” sono riuscito a smuoverlo, addirittura si è spezzato il tappo d’alluminio quando, persa la pazienza, ho aumentato la forza …

IMG_20140331_210748

IMG_20140331_210913

Insomma, una perfettissima cagata pazzesca.

Ho mandato un ticket al Fasttech.com, vediamo che dicono …

Aggiorno il riepilogo degli ordini su Fasttech.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


15 commenti su “L’Immortalizer di Fasttech. Una supercagata pazzesca.

  • Gabriele Chervatin

    A me arrivò qualche mese, integro e funzionante. Tira delle bordate mega galattiche, roba da sputare le tonsille per l’hit che riesce a produrre. Ci ho giocato solo qualche sera, poi è finito nel cassetto, ma forse un giorno lo riprenderò per sfizio. All’epoca lo pagai 17 dollari, ora vedo che lo si porta a casa con 12, boh forse è cambiato il produttore o forse lo fanno semplicemente peggio.

    Mi spiace che tu non sia riuscito ad usarlo almeno una volta, ma di sicuro non hai perso granché. Spero ti rimborsino …

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Gabriele, il tiro com’era nel tuo ? (parlo di ariosità)
      Questo pezzo era praticamente chiuso il tiro, ma chiuso forte.

      • Gabriele Chervatin

        Quell’atom ha una gestione dell’aria tutta particolare, vado a memoria perché è passato del tempo e non c’è l’ho a mano. L’aria fa un bel giro: entra dai fori del guscio esterno in alluminio, scende tra guscio esterno e corpo interno, si infila nei 3 canali della base, che conducono poi al centro della ceramica.

        All’epoca confrontando alcune immagini su internet, mi parve di notare che il diametro dei canali della base era inferiore rispetto all’originale. Mancava pure l’oring alla base, dove va a battuta il corpo interno. Ce ne misi uno, ma onestamente non ricordo se era meglio con o senza. Mi pare fosse un po’ troppo spesso ed occludesse parzialmente i 3 canali.

        Fintanto che utilizzi solo i fori sul guscio (ed a meno di allargarli), il tiro è molto duro, praticamente chiuso. Devi regolare l’altezza del guscio esterno, in modo che non vada a battuta con la base,. Il procedimento era un po’ macchinoso e nel mio esemplare trovavo la regolazione corretta aprendo quasi tutto il possibile (penso mi rimaneva solo mezzo giro di filettatura a far presa).

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Avevo intuito che il cup avesse qualche regolazione in tal senso ma di fatto non ce l’aveva, anche se l’intero cup superiore passava davvero pochissima aria.
          Eppure i fori erano 2 da 1.0 mm ed erano aperti, mi sa che è come dici te che i canali sotto li han fatti più stretti o forse l’oring (che in ogni caso non so se ci fosse o meno).

  • chef cloud

    Ciao Michele ma non ti sei accorto che la base dell’imortalizer gira in senso diverso?
    i filetti sono opposti rispetto al pezzo superiore

  • chef cloud

    la base si svitava ne le senso opposto ahahahahah strano non te ne sia accorto

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      chef, ora scemo si ma non fino a questo punto.
      Se ti dico che era inchiodato, era inchiodato.
      Con le mani, in nessun modo, lo avresti smontato.
      Ti dirò di più, senza fare nulla, provando cosi tanto per fare l’ariosità, passava un pelo di aria ma credi a me, un pelo appena. Sarebbe stato inutilizzabile cosi come proposto.

  • MarcelloR

    Io sono ancora più brutale: una “super-ultra-mega” perfettissima cagata pazzesca. Sappi che le vitine della torretta si spanano come fosse burro. Una cosa indecente. Non vale manco i soldi delle materie prime.

  • chef cloud

    Ma a parte questo io dico ma come cazzo è che sempre a te ti capitino prodotti fallati? Non è possibile che ogni volta tu abbia un prodotto con problemi, per me ci godi a far parlare di te.
    .

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Chef, a dire il vero se leggi i commenti degli altri noterai che tanto solo non sono.
      Se non ti bastano questi, vai nel forum di fasttech e leggi cosa dicono di questo atom riguardo la qualità con cui è costruito.

      Detto questo, esigblog è il mio diario, ci annoto ogni singola stronzata che mi viene in mente.

      Nessun ti obbliga a venire qui a leggere né tanto meno a scrivere. Quindi se vuoi farlo cerca di farlo con rispetto ed educazione.

      GRAZIE.

  • automan

    Io dico la mia. Tra amici vari ne abbiamo presi 3 in più mandate. Devo dire che mi sono trovato decisamente bene. Come già detto la filettatura della parte di sotto è inversa e non ho mai avuto problemi a svitarla, neanche ho dovuto fare troppa forza. E’ vero che le vitine rischiano di spanarsi, ma sono sempre stato attento e non ho mai avuto problemi. Il tiro è troppo chiuso, per questo motivo ho allargato i 2 fori fino a 1.2 mm su tutti e 3 gli esemplari e così vanno alla grande. Ho avuto anche modo di paragonarlo all’originale: ariosità identica (dopo la modifica dei fori); le viti nell’originale sono di certo più robuste; la ceramica è incompatibile, la misura differisce di pochissimo. Aroma, fumosità, hit etc… esattamente identici tra clone e originale. A conti fatti lo uso spessissimo e mi ci trovo molto bene, soprattutto per l’aroma che restituisce che, secondo me, è veramente ai vertici.

  • aroset100

    Ciao Michele
    vorrei insistere su questo oggetto per un motivo molto semplice:
    desidererei che tu non ti privassi del piacere e dell’appagamento che riesce a darti questo atomizzatore , naturalmente sei stato sfortunato però ,credimi ,
    vale la pena ritentare, per quello che costa .Riguardo il tiro è molto semplice ,basta allargare un solo foro della camicia in alluminio ripeto un solo foro .
    Questo atomizzatore ha un solo “difetto” : ha una resa aromatica talmente eccezionale da non poterne più fare a meno e riporre nel cassetto i vari Origen,
    Quasar , Trident , Nimbus ecc.

  • aroset100

    Fasttech tutta la vita.
    Il cap superiore non c`entra nulla con l`aria,il dispositivo non e’ provvisto di regolazione aria , bisogna aumentare il diametro di uno dei due fori posti nella camicia in alluminio in base alle proprie abitudini .

I commenti sono chiusi.