L’importanza del negativo (ok faccio pubblica ammenda !) 7


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4658 volte.

In questo articolo vi avevo parlato dei nuovi DNA dicendovi che secondo me avevano un’autonomia minore.

In quest’altro vi segnalavo dove acquistare i contatti a molla, li stessi che ho usato nella mia Hammond Box.

Dopo un commento di Microchip (Roberto) nel Blog dove segnalava che cambiando la molla aveva ottenuto un guadagno in termini di autonomia visto che c’ero ho voluto provare.

Ho sradicato la molla del contatto e ci ho saldato sopra, a stagno, una molla del Provari (ne ho qualcuna che presi di scorta) ottenendo questo risultato:

IMG_20130823_143424

Ho provato quindi a svapare la box e ho fatto 3 pieni.

E il risultato medio che ho ottenuto è questo:

IMG_20130823_143407

IMG_20130823_143412

In questo caso specifico ancora avrei avuto una tacca di batteria ma non veniva più liquido e quindi ho ricaricato la boccetta e cambiato batteria.

Sto parlando di circa 1 ml – 1.5 ml di guadagno tra questa soluzione di molla e la molla cosi come viene fornita.

L’autonomia si allinea alle altre comodino Box, dove ho usato una soluzione simile, ossia ho mantenuto la base quadrata ma ho montato sopra una molla presa da un porta-batterie AA.

Insomma Roberto aveva ragione e almeno nel mio caso questa piccola modifica ha portato un grande vantaggio in termini di autonomia.

Se avete una box autocostruita con il DNA come riferimento posso darvi, con le CHR18650CH 4C sui 5.5 ml a 12.2-12.4 watt.

Se siete sui 4.5 ml in questa configurazione forse la molla è sotto dimensionata.

Insomma come vedete c’è sempre da imparare e qualche volta le cose ti vanno bene per “culo”, altre no ;).


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


7 commenti su “L’importanza del negativo (ok faccio pubblica ammenda !)

  • Avatar
    Cus2k

    effettivamente avevo una batteria vecchia e stavo sui 4ml, ma anche con la AW (due mesi di vita) non vado oltre i 4,5ml (12w) , ho utilizzato una base+molla AA. Devo fare anche io qualche prova in merito.
    grazie della segnalazione

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      io eviterei, sentendo qua e la 4.5 ml con l’aw 2000 mah sono normali per il dna.
      fossero stati 3 avrei provato, ma 4.5 sono ottimi

  • Avatar
    Zerobollas

    Molto interessante, ho da poco scritto una recensione sul forum riguardo un bb meccanico e sostengo che con questo bb, abbinandolo al kick e batteria efest 18500, svapo circa 1/1.5 ml in più rispetto ad un altro meccanico che posseggo…. Quindi è la molla probabilmente!!!

  • Avatar
    creedrob

    infatti come ti ho scritto con le mie solite batterie sono a 3 ml, x la solita fatica che mi perseguita adesso non la cambio la molla ma il giorno che tiro fuori il saldatore x altro, lo faccio sicuro grazie x l’info 🙂

  • Avatar
    carlomod

    Confermo in pieno, Michele, difatti ho costruito una box dna 30 e non performava molto bene. Ho contattato la evolv, e loro mi hanno chiesto le foto del cablaggio. Mi hanno consigliato di cambiare la molla del negativo. Difatti da allora uso o molle argento, o molle in ottone fosforoso, quelle solitamente usate nei meccanici. E devo dire che con quelle molle il,dna va alla grande, e arriva a prestazioni elevate anche con batterie con una capacità di scarica medio bassa.

I commenti sono chiusi.