mc DNA Box, prima ipotesi di progetto 14


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 3220 volte.

Stanno per arrivare i DNA20D che ho preso con il GDA di Vapers.it e quindi devo iniziare a pensare come realizzerò la mia prossima box.

Quando ho ricevuto la D&C Box e l’ho presa in mano mi ha subito colpito per una sua dimensione particolarmente generosa, ossia lo spessore.

Infatti questa box è spessa circa 8-9 mm oltre quelle che solitamente mi realizzo.

Se all’inizio mi ha fatto impressione devo dire che con il tempo, usandola, ho apprezzato questo aspetto che conferisce solidità e importanza alla box e che, almeno a me che ho le mani grandicelle, da la sensazione di tenere qualcosa di robusto in mano.

E’ per questo che ho pensato di sfruttare lo spessore per alloggiare il circuito DNA20D.

L’idea è quello di seppellirlo nella parete grande opposta allo sportello.

Questa soluzione, visto che il DNA è spesso 8 mm circa, mi costa uno spessore importante della box che, chiaramente, impatterà anche nel peso.

Il riscontro positivo è che farò passare tutti i cavi proprio nella parete dove incasserò il circuito, andando a scavare i binari di passaggio, in modo da non avere fili volanti nel vano batterie e boccetta.

La box, esternamente, avrà quindi una dimensione pari a 96 x 48 x 34 mm.

La realizzerò su noce nazionale, scavandola dal pieno.

Vi allego il primo progettino che ho fatto:
– vedete sopra e sotto 4 tasselli (che saranno dal pieno, non incollati come nella Vamo Box) e dove collocherò i magnetini;
– vedete i 2 switch (rossi) che installerò per le regolazioni;
– il display sarà a vista sotto, è da capire cosa vedrò con la boccetta sopra, sarà il male, a limite, di spostarla quando vado a regolare la potenza.

Tra circuito e batteria e boccetta ci sarà una pellicola di quelle che si usano per stampare i lucidi, questo per prevenire pericolose infiltrazioni di sporco o liquido. Sarò comunque costretto a farci 2 o 3 fori nei pressi del circuito per farlo respirare.

A sinistra vista frontale, a destra vista di fianco.

dna20dbox


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


14 commenti su “mc DNA Box, prima ipotesi di progetto

  • Avatar
    bayron2

    Ciao Michele anche a me sono in arrivo 2 DNA20 per fare 2 box;
    1) quali tastini usare per i comandi e dove reperirli
    2) semmai sistemare il DNA20 sul fondo della box incassandolo in esso, che ne pensi?
    aspetto con ansia i circuiti……

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Puoi usare dei microswitch, su ebay ne trovi quanti ne vuoi, misure 6×6 🙂

      Si la soluzione d’incasso nel fondo è senza dubbio la migliore 🙂

  • Avatar
    hamlin

    ciao michele. ti scrivo perchè in settimana con un amico abbiamo realizzato la nostra provari box mod prendendo spunto dal tuo progetto originario. la decisione di smontare il mio provari è stata abbastanza sofferta ma piuttosto che spendere 200 e per una box vv in cui se va bene c’è un chip da 2 $…… quindi se sei interessato sarei contento di mostrarti un po di foto. è una box scavata dal pieno con corpo in ebano e sportellino in palissandro.
    ciao

  • Avatar
    hamlin

    ti ringrazio per le risposte. se sei interessato ti manderò qualche foto dei prototipi meccanici appena pronti.
    ciao buon lavoro

  • Avatar
    Alessandra

    Ciao Michele,
    svapo da poco più di 2 mesi e ti volevo ringraziare, il tuo blog è un punto di partenza basilare che insegna tantissimo!
    Ieri mi è arrivato il reogrand vv e sono arrivata ad uno svapo molto soddisfacente con il tuo a.r.b. (il migliore per me!)…oramai sono anche diventata brava a fare le giunzioni res-non res.! 🙂
    ..presa da un grande entusiasmo ho ordinato il DNA 20..perchè qualche saldatura a stagno nella mia vita l’ho già fatta..e quando mi arriverà ci sarà da divertirsi..
    ..per ora grazie davvero per il tuo lavoro..e magari più avanti quando sarò immersa nella mia box se non ti disturberò troppo ti chiederò qualche consiglio…
    ciao e buona giornata 🙂
    Alessandra

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      del-sole.it a 69 €
      oppure alla fonte, evolvvapor, a 69 $ compresa spedizione.

I commenti sono chiusi.