mc Hammond Kick Box Mod “Calli Ediscion” 39


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 8029 volte.

Sono stato incerto fino all’ultimo se pubblicare questo lavoro ma poi ho deciso di farlo vedere, non perché è bello ma perché penso che possa tornare utile a qualcuno per prenderci spunto.
Ero nel dubbio se farlo vedere perché come sapete io non faccio, salvo rarissime e giustificate situazione, lavori per altri.
Perché fare lavori per altri comporta tempo e soprattutto rottura di pelotas quando le cose non funzionano e magari manco ne ho la colpa.
(La morale della favola è: non chiedetemene una, perché la risposta sarà “NO, grazie”).

Ad ogni modo questa Box l’ho fatta per un caro amico, un concittadino senese (ma solo quanto studia LOL) che conosco oramai da un annetto e con cui ogni tanto ci vediamo e ci prendiamo un sano caffé assieme.

Per realizzare questa Box ho usato una Hammond 1590g, dimensioni esterne 100×50 mm.

E’ una Box meccanica che nasce per essere utilizzata con il Kick v2 e una 18650.
E’ molto rustica, nasce con lo scopo di essere quasi indistruttibile.

Per comprimere gli spazi interni ho usato il Lexan, una specie di plexyglass veramente bello e piacevole da lavorare. Resiste bene alle altre temperature sprigionate dall’attrito con l’utensile e non si fonde come il plexyglass. Insomma permette di modellare facilmente forme a piacimento.
L’ho incollato con del semplice attack.

L’interruttore agisce sul negativo e quindi il Kick v2 NON sarà sempre attivo come in quelle Box dove l’interruzione è sul positivo.

La Box può ospitare le classiche boccette da 6 ml con tappo oppure le quadrate piccoline, il foro di squonk è calibrato su entrambe.

Lo sportello, in mogano, è la parte peggio riuscita e purtroppo, e non è una scusa, dipende dalla mia sega circolare che è proprio una pippa di sega tanto per capirsi e dopo che gli ho fatto conoscere il carbonio ha smesso di funzionare bene. Provvederemo.

Il pulsante è un classico in acciaio e la tazza, sempre in acciaio, ospita atom fino a 15.5 mm di diametro esterno.

In alto è alloggiata la piastrina, in ottone, per il contatto del kick che rimane compresso tra le pareti e non si muove al cambio batteria (soluzione introdotta nella Ulivo Kicked Box Mod).

Confermo la bontà di questa scatola, la 1590g. Costa 9 € circa e permette diversi layout interni.
Non è piccola, ma non è neanche enorme e la consiglio vivamente a chi vuole farsi una box ma ha un’attrezzatura limitata.
Iper promosso anche il Lexan che se tanto mi da tanto troverete in uso spesso nei miei prossimi “accrocchi” per svapo.

Qualche foto:

IMG_20140218_110056

IMG_20140218_110108

IMG_20140218_110257

IMG_20140218_110325

IMG_20140218_110351

IMG_20140218_110359

IMG_20140218_110431


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


39 commenti su “mc Hammond Kick Box Mod “Calli Ediscion”

  • Massimiliano

    Come sempre un lavoro lodevole…quanto la febbre da tubo mi si abbassa un pochino mi sa che ci metto le mani su qualche progettino, e sicuramente i tuoi spunti sono i primi a cui mi rivolgo…ciaooooooo

  • ciro

    non poteva essere bellissima come tutte le altre sei sempre più bravo e grazie per i tuoi importantissimi suggerimenti, volevo solo chiederti il tuo segreto per fare quelle belle e pulite saldature sulla vaschetta e pin in acciaio ,lo stagno o un saldatore particolare? quando cerco di farle io lo stagno scivola e non attacca.grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie.
      Uso un normalissimo saldatore da banco (economico) ma nel connettore prima di montarlo con la carta vetrata vado a grattare un pochino e poi sgrasso bene con alcool isopropilico.
      E comunque uso il disossidante quando saldo, ci tufo lo stagno e poi saldo. Penso che trick a parte il merito sia proprio del disossidante.

  • danrevella

    Salve a tutti!
    Avrei da richiedere un consiglio…
    Vorrei passare ad un sistema boxmod, però:
    -) non m’importa nulla dell’estetica, delle dimensioni o se essa debba essere in legno e/o in metallo
    -) la vorrei variWatt e con il display
    -) dovrebbe montare atom rigenerabili
    -) penso che neanche in una seconda vita sarei in grado oppure avrei il tempo di costruirla da solo
    -) la cosa determinante per me è solo la qualità dello svapo.
    Mi potreste gentilmente indicare se e dove ne potrei acquistare una?
    Grazie, gentilissimi per avermi letto.
    Danrevella

  • automan

    Ciao Michele, potresti indicarmi dove hai reperito il lexan ? Io purtroppo sono ancora alla ricerca di un buon materiale “da interno” e perchè no anche da esterno. Nella mia futura box sto facendo lo sportello di plexiglas così da vedere il display del dna30 e rivestito di carbonio da 0.5mm (molto più economico).

    Grazie.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io da un venditore locale, alcune ferramente lo hanno. Altrimenti su ebay (lexan lastre cerca).

  • paolo4579

    Ciao Michele, le fai sempre meglio queste box altro chè se posso chiedere tu le hammond dove le acquisti? In legno non ho l’attrezzatura adatta e anche se l’ultima e venuta “carina” vorrei provare questo tipo di soluzione .Poi per quanto riguarda lo sportellino di solito come fai per eseguirlo così pulito e preciso?

    Grazie per le tue recensioni e i tuoi consigli.

    Paolo

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Conrad.it

      io uso una fresa, ma per iniziare puoi usare lo sportello di alluminio a corredo, va benissimo.

  • danrevella

    Grazie Michele per la velocità di risposta.
    Ho dato un’occhiata, ed ora inizio a mettere i soldini da parte.
    Però….. ehm….
    Non bisogna mai far del bene a qualcuno se poi non sei disposto a sopportarne l’ingratitudine…..
    Ti disturbo ancora……
    Visto che hai capito che parto da zero con la box mod, nel mio budget di quali accessori e/o ricambi è bene tener conto?
    Grazie ancora!!!

    danrevella

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sicuramente:
      – 2 batterie 18650 di qualità (cgr18650ch 4c o inr18650-20r o 25r)
      – 1 charger di qualità (soshine o i4)
      – 1 atom rigenerabile buono (ebaron spiral)

  • devil

    Una curiosità , quando saldi i vari filetti di rame verniciato non perdono il loro isolante? Non sarebbe meglio normale cordina rigida fg7?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non è verniciato, è smaltato !
      La smaltatura regge tranquillo al saldatore a stagno 😉

  • alex77

    Complimenti Michele sei diventato davvero bravo a fare le box,prima o poi me la faccio pure io una bella box,sto solo aspettando che fai un tutorial sul montaggio del dna30 ,sai non so dove saldare i fili ed i collegamenti,purtroppo io con i circuiti ecc… sono una frana,ma per il contenitore in legno credo di farcela dato che sono falegname. 🙂

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Beato te cazzarola !!!

      Guarda, è una cagata immensa cablare il dna. Sul sito di evolv c’è lo sheet dei collagamenti. è facilissimo 🙂

      • alex77

        Grazie Michele,pur entrandoci varie volte nel sito
        dell’evolv non ho mai notato che c’era un
        sheet riguardante i circuiti ,Grazie 🙂

  • frik

    Bravo michele sei una persona molto positiva e così ti riescono delle belle opere d’arte, bravo ancora ciao.

  • homme

    Ciao Michele, ho visto su alcuni shop su svapoteca ad essere precisi una nuova vaschetta con dei grani a vite per fissare i fili senza saldare, secondo te è una soluzione valida o è meglio lo stagno, sono in procinto di farmi la mia prima hammond e francamente non stagnare sull’ago pin mi pare una cosa buona, sempre sperando che lo shop in questione c’è l’abbia disponibile a breve.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ quella di Del Sole.
      Indubbiamente risparmi 2 saldature che ti costano sui 15 €, vedi te 🙂

  • N0OB

    ciao Michele, vorrei capire meglio il collegamento per non tenere sempre attivo il kick… il filo parte dal negativo, passa dal kick e poi va al tasto giusto?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sbagliato 🙂
      Il negativo batteria va diretto ad un pin del pulsante.
      Mentre all’altro pin del pulsante c’è collegato il negativo “kick” (quello della piattina laterale dove appoggiano i perni del kick).

      • N0OB

        e dalla piattina del kick mi collego alla vaschetta? quindi negativo-pulsante-kick-vaschetta?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          esatto 🙂

          il positivo invece va diretto dalla piattina al pin centrale 🙂

  • polly

    Ciao michele, mi piace molto questa e potrei aver trovato chi più o meno riuscirebbe a farla. Secondo te, farne una simile ma con una 18500 è fattibile/funzionale? Che scatoletta potrei usare? Mi piace molto quella col dna30 ma, se viene piccolina ed economica pure una con il kick e batteria più piccola non sarebbe affatto male! Consigli?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Con questa fai 18650+Kick, con la 1550P (vedi nel blog) ci fai 18650 e DNA oppure 18500 e kick.

  • polly

    Ah,quindi di scatoletta che funge bene allo scopo ce n’è una per tutte e 2 le configurazioni, a questo punto è meglio col dna direttamente. Grazie mille, sempre molto gentile

  • carlomod

    Ciao, ho visto che nel cablaggio utilizzi del filo di rame unipolare, che sicuramente rimane più comodo da sistemare e il lavoro rimane molto pulito, ma no crea problemi il fatto che non sia schermato a contatto sul metallo?
    I cavi multi fillo sono migliori come efficenza elettrica , dato che la corrente non passa nel cavo ma sulla superficie del cavo, quindi a parità di sezione si ha una portata elettrica maggio e minor riscaldamento.. Mi chiedevo come mai usano quasi tutti i cavi uni polari ?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      I motivi sono 2:
      – ridurre gli spazi;
      – di fatto oggi chi fa le box è un qualcuno che faceva il falegname o si dilettava nel lavorarlo o cose affini … di sicuro non c’è mai stato da parte di nessuno uno studio di efficienza o ricerca di soluzioni “perfette”.

  • carlomod

    Comunque bel lavoro, io ci metterei anche un supporto per bloccare la batteria;) , io li ricavo tagliando i classici porta batterie e devo dire che offre una ottima tenuta e guida alla batteria stessa,
    [img]http://i.pgu.me/VcOq-6Cm_original.jpg[/img]

  • carlomod

    Si non sono molto amante del bf , però la prossima quasi quasi la faccio in bf.

  • carlomod

    Ciao, ma che materiale e quello trasparente , che usi per supporto molla, piattina kick …. E dove si compra .

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ lexan.
      Una specie di plexiglass, lo trovi in ogni brico center, spessore 3 o 4 mm.

I commenti sono chiusi.