NiFe ?!?!?!?!?!? TCR !!! Agg. x3 Conferme. Anzi no, smentite. 28


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 6663 volte.

Dopo l’uscita dell’aggiornamento v2.32 del SX350J di cui arriverà il video nei prossimi giorni ho subito ordinato da Zivipf (il mio spacciatore di fili res e no res) il NiFe.

Ho preso il NiFe30 (e non il NiFe48) perché prima di ordinare il tutto avevo chiesto una consulenza al tizio di Zivipf chiedendogli in che unità di misura avrei dovuto inserire nel SX350J il valore di coefficiente temperatura dichiarato per ogni filo, cioè questo:

Appunti Windows-1

Lui mi ha risposto in questo modo:

Appunti Windows-2

e considerando che l’SX350J non permette di impostare valori di TCR inferiori a 0,00050 dunque non ho preso il NiFe48 perché ha un TCR pari a 400 e seguendo la risposta di Scholl non avrei potuto impostare 0,00040.

In realtà l’informazione (comunque preceduta da un “I think”, cioè io penso, non sono sicuro) non era corretta e il valore che avrei dovuto inserire nel SX350J è 0,00520.
Quindi con un zero in meno.
Questo mi ha tratto in inganno e infatti nel video che uscirà dell’SX350J vi darò un’informazione falsa e tendenziosa (però ho messo le scritte bianche su fondo nero quindi non mi dovete rompere le pelotas 😀). Ho dato il giusto feedback a Thomas che mi ha ringraziato a riguardo.

In pratica sul sito di Zivipf i TCR sono espressi in centinaia (es. 520) e nell’SX350J si devono impostare cosi: 0,00520.

Il TCR, se a questo punto del video il lettore si fosse perso (e lo comprenderei perché tra Ni200, TP, TC, TI, TI01, assoreta … tra poco servirà uno Zingarelli ad hoc per lo svapo) nient’altro è che un parametro che si può impostare nell’SX350J per poter utilizzare tutti i fili che si vuole a patto che si conosca il TCR ossia il Temperature Coefficient of Resistance: in pratica alcuni fili metallici variano la loro resistenza in funziona del calore e lo fanno tramite un coefficiente. Ebbene questo si chiama TCR.
Quindi potremo utilizzare il Ni200 o il Titanio preimpostandoli oppure qualunque altro filo di cui è noto il TCR. A grandi linee nel video vi dirò più o meno queste cose senza scendere in ulteriori dettagli che non mi interessano molto e di cui mi informerò solo se non riuscissi a svaparci.
Non mi fraintendete però: non ho detto che potete rubare le molle alle mollette di vostra moglie e svaparci, attenzione ! Servono dei fili che variano la loro resistenza interna man mano che si scaldano e serve che abbiano un TCR che l’SX350J può gestire.

I fili che mi sono comprato sono questi:

20151028_154959

Ho preso lo 0,25 lo 0,32 ed infine lo 0,40.
Il NiFe30 è un filo composto al 70% da Nickel e dal 30% Ferro.
Al colore sembra Nickel.
Al tatto e alla rigenerazione ha come vantaggio quello di essere più robusto, più corposo. Di contro però risente un attimino del famoso effetto molla quando si avvolge la coil ma non è al livello del Khantal, sia chiaro.
Ma non solo: non essendo Nickel puro il NiFe a parità di spire e diametro avrà una resistenza finale maggiore.
Potrebbe quindi piacere e far comodo a tutti quelli che vogliono usare una dual coil (o quadri-coil) in un sistema con controllo di temperatura ma che oggi non possono per due motivi:
– il Ni200 0.25 è molto palloso per infilare il cotone poiché si deforma a guardarlo;
– il Ni200 in generale è molto resistivo e quindi se si va in dual coil esce una coil troppo piccola per poter essere gestita dai vari DNA o SX: ovviamente il trucco c’è, basta fare mille mila spire ma capite bene che è un attimino … palloso.
Ma non solo: essendo questo filo ben più robusto rispetto al Ni200 permetterà di fare quello che si faceva con il mitico Khantal ossia si potrà togliere il cotone e rimetterlo nuovo.
Io, ad onor del vero, non l’ho mai fatto perché preferisco cambiare tutto ma siccome non tutti abbiamo lo stesso tempo a disposizione ebbene sappiate se con il Ni200 non avete mai potuto cambiare cotone o se lo facevate era un’operazione chirurgica dunque oggi con il NiFe non ci saranno grossi problemi.

Il NiFe48, che non ho preso, è composto al 50% di Nickel e poi ferro.

Prima di andare a provarlo sulla mitica SX350J ovviamente, siccome sono curioso, ho rigenerato il Little 16 e l’ho piazzato sul DNA40 con il NiFe30 0,25: funzionare funziona per carità però boh … non c’ho capito molto e secondo me l’intervento del controllo di temperatura NON è corretto e tende cioè a intervenire troppo presto anche quando la coil di liquido ancora ne avrebbe. Approfondiremo con calma: per ora il DNA40 sappiamo che va con il Ni200 e a questo ci dobbiamo attenere. Chiaramente aggiungendo ferro al filo … il DNA potrebbe andare, a ragione, nel pallone.

Quindi ho preso il mio bel Tilemahos e l’ho rigenerato. Questa volta ho usato il NiFe30 0.32, bullone M3 e le spire che vedete:

20151028_154935

20151028_155013

20151028_155024

In prima battuta ho impostato il TCR suggerito …

20151028_155445

La coil per info era da 0,27 ohm:

20151028_155545

E cosi l’ho provato.
Dopo un pò ho realizzato che il controllo di temperatura interveniva troppo facilmente nonostante la coil fosse bagnata e quindi con coil (deck) a vista sono arrivato ad impostare questo valore di TCR:

20151028_164843

E ancora probabilmente non è quello giusto.
Come mai questa differenza rispetto al valore dichiarato ?
Bella domanda, ci potrebbero essere tanti fattori:
– il valore dichiarato magari ha una tolleranza: ipotizzando che sia del 5% potrebbe oscillare tra 560 e 480 circa; se fosse del 10% ancor di più;
– l’elettronica, nel TCR, non è ancora ottimizzata e questo è probabile trattandosi della prima release che porta il TCR.

Insomma c’è da giocarci su un pò. Il TP funziona, cioè interviene. Bisogna solo capire come impostare il TCR affinché funzione correttamente e non sarà facile.

Come resa per ora non mi sbilancio. Il NiFe30 sembra fungere bene, ma mi riservo di provarlo e riprovarlo.
Per ora queste sono semplicemente primissime impressioni dei primi esperimenti con il NiFe.

Aggiornamento del 29/10/2015 – Agg. x1 Day One

Oggi ho usato praticamente tutto il giorno il Tilemahos originale e il NiFe30 con la res di cui sopra.
Alla fine di 2 tank e mezzo a 18J la resistenza si presenta cosi:

20151029_213810

20151029_213828

Insomma, forse troppo “protettivo”. Insomma c’è un mah. Un però. Un boh.
Non sono convinto del funzionamento perché il TC è intervenuto troppo spesso eppure secondo me il Tilemahos cosi rigenerato 18J con il Ni200 li tiene senza battere ciglio.
Non convinto ho provato a fare una coil al volo, a cielo aperto e ho provato a mettere dentro cotone senza liquido per capire.
Ho dovuto alzare il TCR al massimo (0,00700) per riuscire a far diventare appena appena grigio il cotone.
Segno che, secondo me, l’intervento del TC è troppo “protettivo”. Chiaramente abbassando il valore del TCR le cose non migliorano, anzi tutt’altro.
Allo svapo francamente parlando di resa grosse differenze rispetto al Ni200 non le ho avvertite, però il dover alzare il TCR di parecchio rispetto al nominale (520, ricordo) è un qualquadra che non cosa, tanto per capirsi.
Riproverò, con calma, a rigenerarlo e usarlo con TCR a 0,00700 per capire cosa succede. Ripeto, con calma perché svapare una giornata senza essere troppo soddisfatti nel 2015 rasenta l’assurdo, se vogliamo :D.

Aggiornamento del 02/11/2015 – Agg. x2 Altre prove … forse …

Un piccolo aggiornamento di questo diario di bordo del TCR del SX350J con il NiFe30.
Dopo essermi goduto un paio di giorni il Tilemahos con Ni200 ho rigenerato con NiFe30 e ora lo sto usando.
Ho preso tutte le premure del caso rigenerando ad hoc e sembrerebbe, adesso, funzionare molto meglio. Sono partito con TCR impostato a 0,00520 come da dato dichiarato.
Secondo me ancora “taglia” un pelo presto però rispetto alla primissima impressione che avevo avuto sembrerebbe decisamente meglio. Potrebbe essere che al primo tentativo avessi rigenerato non benissimo, ma lo scopriremo col tempo.
Vi posso però dare qualche indicazioni sui fili:
– 0,25: è rognoso, perché ha un marcato effetto molla che può risultare palloso per chi si è abituato bene con il Ni200;
– 0,32: lo spessore giusto perché l’effetto molla tende quasi a sparire e i valori di resistenza che si ottengono sono di tutto rispetto e non si rischia di stare troppo bassi;
– 0,40: per chi ama il dripping … è abbastanza duro, poco o punto effetto molla e nonostante sia 0,40 si riesce ad ottenere una resistenza di un valore tutto sommato accettabile.

Come resa, come scritto in precedenza, diciamo che questo NiFe non è troppo diverso dal Ni200. Se lo volete ordinare, io andrei a dritto sullo 0,32 o a limite 0,30. Diametri inferiori non li prenderei in considerazione.

Ho anche ordinato, sempre da Zivipf, il filo in Aisi 316L. Vedremo com’è.

Aggiornamento del 05/11/2015 – Agg. x3 Conferme. Anzi no, smentite.

Vi faccio vedere la coil dopo 4 tank (sui 10-11 ml) a 18J …

20151104_161545~2_resized

20151104_161559~2_resized

La riprova che il sistema ha funzionato male.
Purtroppo dopo un inizio “effetto placebo” positivo usando la nuova ho spesso avuto la sensazione che il controllo della temperatura non funzionasse bene.
E la riprova è in queste foto: praticamente il controllo per come la vedo io è stato troppo invasivo !
Ricordo che è una coil in NiFe30 con il TCR impostato nel circuito a 0,00520 (il dato dichiarato da Zivipf).
Insomma secondo me c’è qualcosa che non va o nel filo o nel circuito ma sono propenso a pensare che sia “colpa” del circuito.
Speriamo che con l’acciaio 316L che ho preso vada meglio perché questo NiFe30 al momento nel SX350J non ho potuto sfruttarlo per niente (mentre nel DNA200 si) e quindi se avete l’SX350J non mi sento di consigliarvelo !


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


28 commenti su “NiFe ?!?!?!?!?!? TCR !!! Agg. x3 Conferme. Anzi no, smentite.

  • La Brucaliffa

    Questi sistemi con controllo di temperatura mi incuriosiscono, riuscire a trovare sempre l’ideale con il solo wattaggio variabile non è sempre agevolissimo: ogni volta che si cambia build si deve stare un poco a trovare il punto giusto per la nuova resistenza ma per ora sono troppo novellina per fidarmi a buttarmi a provare con il nickel (se mai mi fiderò a provare), considerando anche che resistenze così basse non sono nei miei gusti. Già ho provato con una .4 ed era un po’ troppo per me, dai .6 agli 1 è il mio ideale, massimo 1.2. Più su o più giù mi gusta già un po’ meno.
    Ce la faranno a fare TC per il kanthal? (ammesso che freghi a qualcuno che ne facciano… magari sono la sola potenzialmente interessata)

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Considera però che una 0,15 ohm te la svapi ai soliti 15w, non è che la svapi a 150w.
      Non devi guardare gli ohm, devi guardare i watt.
      Il khantal non potrà mai essere usato nei TC perché varia di poco o nulla la sua res interna al variare della sua temperatura.

      • La Brucaliffa

        Peccato. Sarebbe ugualmente comodo avere un sistema in cui imposti la temperatura ideale e te la tieni fissa qualunque tipo di filo e resistenza ci metti di volta in volta.
        E’ la mia insita pigrizia che lo chiede 😀

  • Lbrt

    Molto interessante, e capiti proprio a fagiolo: ho riempito il carrello da Zivipf già da qualche settimana, ma fino ad adesso ho aspettato per saperne di più, in attesa di riscontri riguardo all’ultimo upgrade dell’SX 350J.
    Mi sa che come al solito sarai tu la cavia. 🙂

  • frik

    Ciao, una domanda fuori tema res 2 ohm a 13,5 watt, 5,2 volt svapo 5/6 ml a 6 mg questo voltaggio da circa 10 giorni da circa 5 giorni mi fa male la testa potrebbe essere il voltaggio troppo alto?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Tecnicamente si … nel senso. Più alzi i w + liquido fai evaporare e + nico assorbi.
      Anziché abbassare i w potresti ridurre la nico …

      • frik

        siccome a mezzo litro di liquido a 6 e non ho altro aroma potrei abbassare la res. e ottenere lo stesso risultato?

  • stizza62

    Come sempre molto dettagliato,anche se non uso il TC la curiosità è tanta.Scusa la mia curiosità visto che hai comprato l’Origen little, hai provato il NO PAIN? Perchè stavo cercando un ATOM BF che abbia un po’ di hit.
    Siccome ho preso un po’ ti tempo fa lo JUPITER, che è un GENESIS MESH, per come faccio io le resistenze non ha nessun hit. Sono così tutti i GENESIS o sono io che faccio male la resistenza?
    Grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Del nopain non ho letto benissimo, mentre ho letto bene del nogain a mesh, personalmente non ho provato nessuno dei due.
      I sistemi a mesh se ben rigenerati offrono un buon hit che può variare dal secco al grasso a secondo di come si sono rigenerati 🙂

      • stizza62

        Personalmente preferisco lo svapo grasso(come te se ho bencapito),è forse per questo che l’hit si sente pochissimo o niente?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          No, assolutamente. E’ un diverso, ma presente. Sicuramente meno graffiante ma più pieno :).

  • fregad

    Grazie, molto interessante.

    Puoi chiarirmi un dubbio? l’AISI 316L, su zivipf, qual’è? V2A o V4A? e l’altro è il 317L?

    Grazie

  • chinasky

    Ciao Michele,

    premetto che non ho la tua esperienza, ma leggo gli aggiornamenti di questo post con molto interesse, visto che uso una sx mini m class ed ero interessato a “sperimentare” qualche altro metallo, oltre il nichel ed il titanio.
    Nelle foto del terzo aggiornamento il cotone sembra perfetto; Tieni presente la mia “inesperienza” ma non pensi che potrebbe essere anceh inidice di un funzionamento ottimale? Cioè se il cotone non si bruciacchia nemmeno dove è a contatto e se la vaporizzazione è consistente al pari del nichel non può voler dire che il tc stà funzionando come dovrebbe? Potrebbe magari essere un pò troppo conservativo il valore di temperatura impostato come limite, però ad occhio a me il cotone bello pulito sembra un vantaggio non il contrario. Sempre a patto che la vaporizzazione dell’atom non peggiori.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ quello che ho pensato anche io e non è affatto scontato che non sia come dici, anzi !
      Però significherebbe che fino ad oggi abbiamo svapato veramente da cani ! 😀

      • chinasky

        Bè, prima ancora fumavamo …. 😉

        E comunque ho notato che col Ni200 il cotone lo sostituisco con meno frequenza che col khantal. Ed anche quando lo sostituisco c’è giusto qualche annerimento leggero, mentre con coil in khantal è molto più evidente….

  • whassuphomie

    scusa michele, io sono un newbie per tutto quello che riguarda il tc, ho fatto la res usando il ni200 e mi è venuta da 0.11 ohm, l’ho “locckata” e qui arriva la mia domanda, quando attivo la è normale che il valore ( 0.11 ) arrivi fino a 0.23 e poi ritorni a 0.11?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Certo che è normale. Il Ni200 scaldandosi aumenta la sua resistenza interna. Ed è questa variazione che permette all’elettronica di capire a che temperatura sei arrivato.

  • Darioz

    Ho avuto sia il Tilemahos V1 che il V2, avuto sempre problemi di corretto “afflusso corrente”.
    Le torrette si surriscaldavano un po’ troppo, per me la prova che hai fatto tu Michele andrebbe fatta in un altro atom impostando sempre il valore TCR corretto.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      OK grazie per la segnalazione, proverò.
      Però se cosi fosse mi dispiacerebbe per il Tilemahos 🙁

  • gepporl

    ciao scusami se sono fuori tema.
    devo incollare una vaschetta bf di metallo su una box in legno…
    che colla devo usare?
    in passato ne hai gia parlato ma non trovo piu’ il link.
    grazie in anticipo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Assolutamente bicomponente 🙂
      Io uso quello della pattex ma uno vale l’altro.

  • gepporl

    ho provato con il bicomponente ma la vaschetta si e’ scollata.
    ho utilizzato bostik acciao rapido mixer.

I commenti sono chiusi.