NoFear Again by Noname Mods 3


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 7587 volte.

Questo atomizzatore per sistemi bottom feeder ero davvero curioso di provarlo e cosi quando l’amico Fabio alias Lubok mi ha proposto di provarlo io ho accettato di buon grado.
Questo NoFear Again viene da Svapobar e il suo costo è di 85 €.
Questo atomizzatore per sistemi BF è progettato e prodotto dal modder italiano Noname Mods ed è uscito un paio di mesi fa circa ed è una “naturale” evoluzione del NoFear.
Questo atomizzatore promette caratteristiche interessanti:
– regolazione dell’aria;
– personalizzazione della posizione delle torrette, da contrapposte centralmente stile chalice v1/v2 a spostate verso un lato in stile chalice v3;
– pin regolabile.
Purtroppo non conosco la dotazione di serie perché ho ricevuto il solo atomizzatore da Fabio.

Qualche foto dell’oggetto:

20150701_202656

20150701_202713

20150701_202730

20150701_202745

20150701_202756

Come si nota dalle foto questo atomizzatore è fatto nel complesso piuttosto bene.
Per cambiare la disposizione delle torrette si deve allentare la vite principale e quindi muovere le torrette mentre per regolare la posizione del pin occorre una chiave a brugola.
Riguardo la regolazione del pin il modder ha attuato un’ottima soluzione ossia la filettatura è contraria vale a dire che avvitandolo … si svita. Questo impedisce al pin di muoversi nel momento in cui andiamo a serrare l’atomizzatore nella box e indubbiamente il poter regolare il pin è un valore aggiunto rispetto a tanti altri atomizzatori similari in quanto ci permette di indirizzare il foro di entrata dell’aria dalla parte “giusta” che come sapete dovrà essere serve “verso l’alto”.

In questo bel video diffuso dal modder potete vedere le varie caratteristiche:

Ogni parte s’incastra molto bene e anche la resistenza dalle orings è ragionevole. Insomma progettato e realizzato davvero molto bene.
La base e la parte centrale sono in acciaio mentre il cap superiore è alluminio nero anodizzato con un fregio che richiama il logo del modder e l’asola di regolazione dell’aria.
Il tutto in una dimensione veramente molto molto compatta, forse anche troppo.

Rigenerazione

Alla fine dopo aver effettuato alcune prove sono giunto a questa rigenerazione che ritengo la migliore per questo atomizzatore:

20150707_214313

In pratica sono andato ad utilizzare una microcoil con le torrette contrapposte a metà atomizzatore.
Questo setup è quello meno rognoso:
– sia per fissare il filo resistivo in quanto le due estremità del filo resistivo vengono a trovarsi nel posto giusto anziché uno sotto e una sopra come nel chalice v3;
– sia perché il posizionamento del cotone risulta nel complesso più naturale e agevole.

L’atom come vedete dispone di una sorta di tank all’interno del qualche è possibile inserire una discreta quantità di cotone. Si dovrà comunque stare attenti a non abbondare dalla parte in cui faremo entrare l’aria per evitare che il foro dell’aria venga occluso.

Ovviamente ho provato anche un paio di setup con le torrette da parte ma a fronte di un incasinamento complessivo nel fissaggio del filo resistivo e nel posizionamento del cotone non si riesce ad ottenere un reale miglioramento della performance rispetto al classico setup in stile chalice v1/v2.

Come funziona ?

L’atom ho avuto modo di confrontarlo con un cyclone (il clone 1:1 venduto da Svapiamo) e sono giunto alle seguenti conclusioni:
– rispetto al Cyclone risulta nel complesso più hittoso;
– rispetto al Cyclone paga nella resa aromatica: questo credo dipenda dal fatto che la camera di evaporazione è davvero molto molto piccola;
– la regolazione dell’aria a me è piaciuta: personalmente sono riuscito a trovare il mio “giusto” tiro senza troppi problemi;
– l’autonomia di squonk è sensibilmente inferiore rispetto al Cyclone.

Insomma l’atom nel complesso funziona discretamente e unica cosa è che pecca in resa aromatica anche se rispetto al cyclone si riscatta con l’hit.
Inoltre ho notato che rispetto ad altri atom simili (che hanno un unico foro di entrata dell’aria) con il NoFear Again si deve prestare particolare attenzione allo squonk per evitare che il liquido esca dal foro di entrata. Niente di impossibile o difficile, basta abituarcisi.

L’atomizzatore costa 85 € e il suo prezzo, seppur alto (sapete come la penso) è comunque adeguato perché si colloca a mezza strada tra un Cyclone e un Chalice v3 ma rispetto al Cyclone ha delle caratteristiche aggiuntive che possono giustificare il prezzo. Indubbiamente è un ulteriore passo avanti verso il miglioramento di questi atomizzatori per bottom feeder ma, vedi resa aromatica, oramai il 14 mm esterno è una misura troppo piccola per poter salvare capra e cavoli e penso che un atom del genere se fosse stato pensato sui 16-18 mm sarebbe stato probabilmente perfetto. In alternativa se si vuole rimanere sui 14 mm forse è meglio non complicarsi troppo la vita con funzioni extra che riducono la camera a discapito della resa aromatica. Se ci pensate anche il chalice v3 sotto questo punto di vista non ha soddisfatto molti vapers.

Video:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


3 commenti su “NoFear Again by Noname Mods

  • Manuel78

    Ciao Michele, io ho avuto modo di provare il nofear (la prima versione) e la cosa che mi aveva stupito era proprio la resa aromatica mentre mancava di hit ed era troppo arioso per i miei gusti, ma non aveva la regolazione dell’aria; pensavo che il no fear again fosse un evoluzione, ma se mi dici che l’aroma non è al top secondo me mettendo dentro troppe cose hanno fatto un passo indietro

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Un paio di amici che avevano la prima versione hanno provato l’again e l’hanno subito rivenduto per tenere la v1. Io però la v1 non l’ho provata.

  • snupi
    snupi

    ciao michele.tempo fà presi il no tank no name (quello a mesch).oltre che averlo pagato uno stonfo,90 EURI,non sono mai riuscito a farlo andare con le mie rigenerazioni.troppo piccolo per quello che deve fare.il no tank noname non è un atom da bf è un accendino!!!!!di fatti bastava insistere con le attivazioni di svapo,che usciva la fiamma dal drip. CESTINATO! quindi mi spiace per il nostro modders,ma i suoi atom non fanno per me

I commenti sono chiusi.