Odin v2 by LokiLab, BF da 22 mm


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 3287 volte.

Questo atomizzatore me lo ha mandato Alberto alias LBRT assieme al Calix per provarlo e quindi dopo averlo provato abbastanza rapidamente in attesa del Little 16 di Norbert vado a scriverci qualche riga come di consueto.
Non è una recensione sia chiaro, sono semplici prime impressioni.

L’atomizzatore era insieme alla sua Sunbox E8 (vedi logo SunBox) ed è un atomizzatore che è venduto ad un prezzo tutto sommato onesto, vale a dire 75 dollari (sito del produttore).
E in acciaio e nel complesso è fatto piuttosto bene e trasmette una sensazione di robustezza e indistruttibilità e questo probabilmente è dovuto anche al peso: montandolo in una BF “leggera” si sente pesare “di testa” (idem Hobo v3, per capirsi).
L’atomizzatore nasce per essere rigenerato sia in dual coils che single coil e ha una regolazione dell’aria.

Qualche scatto delle varie parti:

20151024_122731

20151024_122755

Come vedete ci sono due slot contrapposti per l’utilizzo in dual coils e uno “da solo” per l’utilizzo in single coil.
Io come sapete in BF cerco solo atomizzatori che possano offrire un tiro abbastanza contrastato e quindi ho optato per la rigenerazione in single coil.

Ho usato una bullo-coil su M3.5 (corpo 3.0 mm) con Ni200 per controllo temperatura (0,25) in questo modo qui:

20151024_123116

20151024_123122

20151024_123255

20151024_123309

20151024_123442

20151024_123456

Indubbiamente ci va tantissimo cotone e questo è senza dubbio positivo per l’autonomia di svapo.
Come notate il positivo non l’ho serrato nel foro del pin centrale ma l’ho messo sotto la vite e questo perché diciamo mi veniva “più naturale” e comunque all’atto pratico non cambia poi molto, probabilmente questo fissaggio permette di avere la coil mediamente più alta rispetto al foro di entrata dell’aria, che non guasta.

Come funziona ?

Parliamo di prime impressioni, dopo una boccetta (6 ml circa) svapata a 16w circa.
Intanto lo squonk funziona bene e non ci sono perdite esterne di liquido.
Ma per quanto concerne il funzionamento è un atomizzatore senza lode né infamia: ha una resa aromatica nella media cosi come l’hit.
Non eccelle in niente ma è bilanciato in tutto e indubbiamente utilizzato cosi come l’ho utilizzato io è sicuramente “castrato”.
Il mio personalissimo pensiero verso questo tipi di atomizzatori è che per quanto i modder si sforzino di fare atom che accontentino gli uni e gli altri (single vs dual, tiro di bocca vs tiro di polmone) NON SARA’ mai possibile fare un atom che accontenti gli uni e gli altri. Un atom deve nascere per tiro di bocca o per tiro di polmone. Le soluzioni ibride solitamente non accontentano né gli uni né gli altri.

In effetti io ho cercato la regolazione dell’aria più chiusa e a conti fatti si riesce ad avere un tiro anche abbastanza contrastato volendo ma le dimensioni della camera e le quantità di cotone in gioco fanno si che questo atomizzatore voglia più aria in ingresso e sicuramente qualche watt in più. Insomma andrebbe usato in un modo in cui a me non piace usare il bottom feeder.

Ricordo che io svapo a 9 mg/ml.

In buona sostanza per come l’ho usato io funziona ma non è niente di eclatante, gli preferisco di gran lungo il Cyclone e inoltre non lo comprerei mai per il BF solo perché pesa un botto.
Diciamo che si colloca subito dietro all’Hobo v3 come qualità di funzionamento se parliamo di BF 22 (anche l’Hobo pensa un botto).
E probabilmente, vedi Hstone Pentakill, è facile che aprendo l’aria e andando verso un tiro soft di polmone l’atomizzatore risponda meglio.

Di sicuro è fatto bene, è robusto e costa il giusto.

20151024_123555

20151024_123949


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.