Poveri tabaccari … 5


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 1819 volte.

Ecco che non sanno più ‘ndo cazzo appigliarsi …

Un tabaccaro che attacca la sigaretta elettronica dovrebbe vergognarsi, dovrebbe sbattere la testa violentemente nel muro fino a rompersela …

Che tristezza.

Ma che dico …

… che tenerezza !!!

Quando ci godo a vedere questi tabaccari che non sanno più cosa dire e cosa fare … s’inventano le cazzate più assurde pur di aver qualcosa da dire.

E intanto con le loro sigarette certificano ogni giorno la morte di centinaia di persone in tutto il mondo e solo per questo meriterebbero dio solo sa cosa.

Facci è un grande.

Chi si fosse perso la puntata di TG5 Punto Notte del 13 giugno può rivederla da questo link:

http://www.video.mediaset.it/video/tg5/puntonotte/394706/giovedi-13-giugno.html


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


5 commenti su “Poveri tabaccari …

  • automan

    Io dico solo una cosa: parere medico o no basta applicare un po’ di logica, ovvero:
    – Sigaretta tradizionale –> Fa male e provoca cancro mortale ai polmoni
    – Sigaretta elettronica –> Diciamo che non si sa niente.

    Detto ciò, cosa mai potrebbe farmi la sigaretta elettronica più che uccidermi ?

    Conclusioni: tra l’essere sicuro di morirre a causa del tabacco oppure rischiare di morire a causa della sigaretta elettronica voi che scegliete ?

    Procedendo sempre per logica l’unica possibilità che renderebbe peggiore quella elettronica sono le tempistiche, ovvero ?

    Preferisci morire di cancro in 20 anni a causa della sigaretta tradizionale o in 10 giorni a causa di quella elettronica che potenzialmente potrebbe ucciderti anche in 30 secondi ?

    Io personalmente non sono ancora morto e sono passati anni e non giorni o secondi, quindi continuo a rischiare tutta la vita con quella elettronica visto che è un dato di fatto che più male di quella tradizionale non fa.

  • Fabioeur

    Ho visto l’intero servizio…. Oltre ad alcune sciocchezze dette ho avuto un nervoso che non so cosa gli avrei fatto a quello pseudo presidente delle puzzone! È chiaro come l’acqua dove questi signori vogliono andare a parare e il loro intento è solo business garantito. Di certo ovale non resterà a guardare e si batterà per il libero mercato e, se tutto rimarrà come spero, un tabacchino NON MI VEDRÀ MAI COMPRARE NULLA DA LORO! Possono fare la muffa, mi dispiace, ma ormai per colpa di alcuni pagheranno tutti.

  • mascian

    Vero Fabioeur, vero…:(
    Personalmente non ho visto differenze tra le due controparti: a ruoli inversi avrebbero recitato ognuno la stessa identica solfa, a difesa del business e non certo della salute.
    Quello che penso è che sono tutti bravi con il culo degli altri…e questa è una massima che rimarrà sempre in vigore, purtroppo; che si tratti di politici (ed oramai li conosciamo fin troppo bene TUTTI) o altro, quando si arriva a maneggiare capitali ingenti non ci sono santi che tengano: il culo si trasferisce al posto della faccia e la faccia va a fare contorno all’ano.
    Che tristezza…(scusate se uso parole forti per un blog, ma con certi individui non c’è altro modo di farsi capire se non scendere al loro livello, inc******rli, e risalire!!).

  • otogy2002

    Certo che ieri abbiam visto come tengano solo ai soldi persi sti cialtroni di tabaccai,io da quando svapo ed e’ ormai quasi 1 anno godo al pensiero di non ingrassare piu’ sta banda di merde!!!!!
    La cosa davvero vergognosa e’ che comunque si continua a trasmettere info su come la esig faccia di tutto e di piu’ e che comunque non si ha certezza di nulla sul male che potrebbe procurare,insomma stronzate su stronzate senza un minimo di umanita’ verso i fumatori che continuano a rimpinzare le tasche di ripeto ste merde di tabaccai,pagando per avere morte certa!!!!!!!
    L’ovale col suo rappresentante inesistente ci ha fatto la sua bella figura
    Chiamassero in tv a contrastare le castronerie di sti omini e presunte dottoresse,svapatori e dottori preparati ed onesti cosi’ da smerdarli e magari riuscire a trasmettere agli ascoltatori interessati realmente la gigantesca differenza che c’e’ tra la sigaretta classica e l’esig.
    Sempre piu’ triste di essere cittadino di sto paese delle banane,ma orgoglioso di essere come molti qui,italiano pulito

  • vit zanoni

    Leggo e rileggo..sento e risento…
    Io ho chiuso ,da par mio, il mio amore maledetto.

    Che tristezza
    Mi hai chiuso in una scatoletta e messa sopra una mensola.

    ‘Rompere il vetro in caso di emergenza’ hai scritto sul biglietto incollato sul fianco.
    Ti guardo e provo invidia nel vedere del fumo uscire dalla tua bocca.
    Ma con cosa mi hai sostituita? Con un patetico tubo metallico che sembra una torcia.
    Eppure..ti ho conosciuto che avevi ancora i calzoni corti.
    Spiavi di nascosto i grandi di casa che avevano sempre la sigaretta in bocca. Quasi inseguivi il fumo per poterlo sentire. Giocavi a fare il grande ,arrotolando foglietti di carta ..la tenevi tra le dita e la rigiravi come vedevi fare ai divi del cinema.
    Bella banda di amici che avevi. Rubavate i mozziconi che trovavate per casa per poi assaporare il gusto della libertà. La voglia di fare i ‘grandi’ nella capanna costruita nel bosco. Poi di corsa dal lattaio a prendere le mentine per far sparire l’odore.
    Tu sei diventato grande e io,ti sono sempre stata vicina. Nei momenti di gioia e nei momenti di sconforto non sei mai riuscito a stare senza di me.
    Ti lasciava la ragazza ? Io c’ero.
    Passavi splendidi momenti d’amore ?…subito dopo..io c’ero
    La mattina , appena sveglio, mi cercavi ad occhi chiusi . Ero il tuo primo pensiero e l’ultimo della notte. Sempre a morire tra le tue labbra.
    E ti sei forse scordato quando ,di notte, ti accorgevi di non avermi vicina? Facevi kilometri per..venire a prendermi.

    Ora mi hai chiuso in una gabbia. Hai sciolto le tue catene e ti sei liberato di me.

    Sono una sigaretta incazzata : si sarebbe potuto continuare la nostra storia per molto ancora.
    Ti avrei ancora tenuto incatenato alle mie spire di fumo.

    Lentamente avrei saputo ucciderti giorno per giorno..fino a toglierti il respiro.

I commenti sono chiusi.