Prime impressioni, o quasi, dello ZMax v3 Telescopico 12


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5110 volte.

Preso in un GDA (gruppo di acquisto) direttamente da Sigelei su Esigforum mi è venuto a costare poco più di 40 € tutto compreso.

E’ il Sigelei ZMax v3, telescopico, versione flat head.

Qualche foto:

DSC_2162

DSC_2163

DSC_2164

DSC_2165

DSC_2166

L’oggetto in sé sembra fatto abbastanza bene.

E’ leggero e compatto e le filettature, seppur rumorose (avran bisogno di noalox) sembrano fatte bene.

Il display è grande il giusto, ma il contenuto è piccolo ma si legge bene.

Visto che ho detto abbastanza nel video, non vi scrivo altro (per ora).

Buona visione.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


12 commenti su “Prime impressioni, o quasi, dello ZMax v3 Telescopico

  • fabio2765

    ma è fatto in ottone o in acciaio? cmq complimenti avevo letto parecchie recenzioni e rapporto qualità prezzo secondo me è al primo posto, se poi lo paghi 40-50 euro non ci si pensa 2 volte

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      In ottone non direi, loro lo spacciano per acciaio.

  • 2slow4u

    Si, sul RSST ci devi lavorare ancora un po’, io ottengo lo stesso vapore a 8.5 watts! 😉

      • 2slow4u

        ahahah!
        Beh, si…c’e’ poco da fare, il genesis e’ da “deviati mentali”, devi avere davvero tanta pazienza e voglia di sperimentare…
        Personalmente io mi ci diverto, ma capisco benissimo che per molti sia un supplizio. 😀
        Devi fare tante prove, capire quanta mesh rollare, quanto farla stretta, se farla cava o piena, che sezione di filo, quante spire….son tutte cose che condizionano la resa e l’unica e’ provare, se c’e’ la voglia di farlo.
        Ma magari ne riparleremo quando ci parlerai del tuo RSST, per adesso mi limito a notare che la mesh non e’ orientata correttamente.
        Mi spiego meglio, la mesh deve essere SEMPRE in basso, altrimenti stenta ad alimentarsi bene, non e’ un CE2 ma…quasi.
        Io sfrutto il fatto che e’ possibile regolare il pin, facendo in modo che, avvitando l’atom, la mesh risulti esattamente dalla parte opposta al pulsante.
        In questo modo, quando impugno il pv, mi ritrovo la mesh sempre ben immersa nel liquido. 😉

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          è lo so, temo di non avere tutta questa voglia di sperimentare LOL.

          Per il pin si ho visto qualche video e stasera lo sistemo, però mi sembra che il liquido lo pesca bene cosi come lo uso ora.

          Dimmi qualcosa sul tuo setup preferito:
          – ossia: mesh (400 ?) dimensioni del quadrotto di partenza ?
          – khantal normale o ribbon ? numero spire ?

          Grazie 😀

          • 2slow4u

            mesh 500, parto da una pezza di circa 35×70 mm e cerco di ottenere una wick abbastanza larga da sfruttare le generose dimensioni del foro (il che e’ bene!) ma che entri comunque agevolmente nel foro stesso.
            In buona sostanza, tra la wick e l’acciaio, deve passare aria, altrimenti non pesca bene.
            Le mie wick sono cave, in mezzo faccio si che ci passi il tondino di una clip srotolata (diamentro: 1.2mm)
            Sto sperimentando anche wick “piene”, con foro centrale piccolissimo (35×85 mm di mesh), come previsto, funzionano meglio lato capillarita, ma….per effetto della depressione che si crea tirando, mi si allaga spesso il camino!
            Per adesso uso khantal A1 da 0.20 (4 spire) , ma provero’ prossimamente anche il 30 awg e il ribbon.

  • Doc Trudy

    Se posso, ti aiuto io, la modalità RMS tenta di erogare la potenza impostata a livello costante, la modalità MEAN, eroga la botta iniziale e poi va a calare nei secondi successivi.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie 🙂
      La mean infatti non mi piace come erogazione, si sente che non è piatto 🙂
      Poi sai, è soggettivo 🙂

      • Doc Trudy

        Concordo anch’io, infatti a potenza costante riesci a gustarti meglio l’aroma

  • 2slow4u

    Giusto per comunicarvi che anche mio pulsante dello zmax v3, dopo un mese di utilizzo, da ieri ha cominciato a perdere colpi.
    E me lo merito, dovevo prendere un secondo provari, invece ho voluto dare fiducia ai cinesini, altri soldi buttati insomma.

I commenti sono chiusi.