Recensione cartomizzatori Kanger 2.0 ohm short – single coil (resistenza orizzontale) 5


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 6608 volte.

Circa 2 mesi fa avevo acquistato su consiglio di @tilt i cartomizzatori oggetto della recensione e li avevo comprati per usarli nel reo grand (box mod bottom feeder).
Avevo chiesto consiglio su quali cartom provare in alternativa ai dual coil smocktech perché questi ultimi non so il motivo ma mi causavano bruciore di stomaco.
I kanger sono dei cartomizzatori che a differenza dei dual coils hanno la resistenza posta in passo e in orizzantale e soprattutto la resistenza non è fasciata da quella specie di “nastro” che c’è nei dual coils con resistenza in verticale e che diventa nera dopo 2 ml svapati.
All’epoca avevo smontato un kanger dopo una giornata di utilizzo e la resistenza era appena scura (come in un CE2, niente di diverso) e intorno nulla era sbruciacchiato, al contrario di un dual coils.
In effetti sul reo grand non avevo avuto questo problema del bruciore dello stomaco ma li avevo accantonati perchè la resa sul reo grand e una batteria da 3.7v non mi era sembrata ottima.
In particolare si salvava solo la resa aromatica, poi hit e vapore erano abbastanza “scarsi”.
L’altro giorno ho realizzato un dc tank proprio per cartomizzatori short e cosi visto che avevo ancora dei kanger nuovi ho deciso di provarli in un altro contesto, questa volta con un hardware più ideoneo allo scopo, ossia il provari.
Ho quindi fatto 2 fori nel cartom (semplicemente con un martello e un chiodo ben appuntito) e ho iniziato ad usarlo.
Una volta affinato il voltaggio ideale (per me, è inteso) ossia 4.3v ho dovuto ricredermi su questa tipologia di cartomizzatori.
Aumentando il voltaggio rispetto all’uso sul reo grand (stiamo parlando di 4.3v effettivi sotto carico contro circa 3.8-3.9 del reo grand, anche se ignori il reale dato sotto carico di questa box mod) in effetti:
– la resa aromatica è leggermente peggiorata, rimanendo comunque ad un buon livello;
– l’hit è buono, non esagerato ma neanche scarso;
– la produzione di vapore sufficiente/buona.

L’unico neo che ho trovato a questo cartom è il tiro, particolarmente duro: infatti mi sa che proverò ad allargare con una punta da 1.5 mm i 2 fori di aerazione.

Per il resto trovo che siano ottimi cartom e quindi confermo quello che mi aveva detto @tilt e lo ringrazio tanto per avermeli suggeriti.

Personalmente li consiglierei a:
– chi possiede un provari/lavatube quindi un bb a voltaggio variabile (ma anche box mod, perché no);
– chi intende usarli con un sistema di alimentazione grasso, quindi una box mod o un tank (*).

(*): questo perché ho notato che la resa cala drasticamente nel momento in cui la wick non è bella pregna di liquido, cosa che si può ottenere solo con un tank o la box mod. Se usati cosi per come sono, ossia carica da sopra con gocce e via a svapare, secondo me offrono un piacere di svapo molto limitato e non permettono un svapo continuato e compulsivo, cosa che è invece possibile con lo squonq di una box mod o un tank di alimentazione continua.

I cartom li ho presi su LF, qua.

Al momento sempre su suggerimento di @tilt ho ordinato anche quelli XXXL, per provarli in un meta tank la cui capienza potrebbe sfiorare gli 8 ml. Vi farò sapere.

Rimane da scoprire la durata nel tempo di questi cartom, anche su questo vi tengo aggiornati dato che lo sto usando intensivamente per 7-8 ml al giorno (3 cariche circa del mini tank che gli ho costruito addosso).

Grazie a @tilt :).


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


5 commenti su “Recensione cartomizzatori Kanger 2.0 ohm short – single coil (resistenza orizzontale)

  • 2slow4u

    I Kanger sono in assoluto i miei cartomizzatori preferiti, a seguire i Boge.
    I DC, per me sono semplicemente una tamarrata, gran botta ma resa aromatica assolutamente inferiore.
    Last but not least, quasi impossibile non bruciacchiare la lanetta che circonda la resistenza superiore, peggio che mai in tank, dove la depressione non e’ sufficiente a far risalire l’eliquid fino in cima.
    Alla fine si svapa sempre con quel retrogusto vagamente bruciacchiaticcio, che ad alcuni evidentemente piace perche’ da quel che’ di “combusto”, che puo’ ricordare un po’ la catramosa…:P
    In ogni caso i Kanger sono IMHO fantastici.
    Vapore denso, “caldo” e abbondante (relativamente ai cartomizzatori single coil comparabili), resa molto elevata rispetto agli altri single coil (Boge compresi).
    Rendono bene anche su una semplice 510, dove un Boge quasi neanche si “accende”…:)
    Io li uso in tank sul provari, ma considerando il fatto che oltre i 3.8V cominciano a sbarellare un pochetto sulla resa aromatica (altrimenti, decisamente buona secondo me), penso che l’hw sia abbastanza sovradimensionato.
    I difetti?
    1)Sono delicati, parecchio.
    Non sopportano strapazzamenti, coi Boge NR vado tranquillamente a 4.5-4.6V e non fanno una piega, i Kanger a quei voltaggi, semplicemente danno di matto.
    Sono nati per le mini e-cig, e si vede.
    2)La durata.
    Coi Boge ci svapo senza troppi problemi 35ml, dopodiche’ li cestino, ma spesso capita il cartom che potrebbe andare avanti ancora per giorni.
    I Kanger, quando monti l’esemplare fortunato, reggono bene per una ventina di ml, poi cominciano a dare quel retrogusto bruciacchioso che ti fa capire che sono ormai alla frutta.
    Altre volte, semplicemente si ingolfano, si strozza il tiro e non c’e’ piu’ verso di recuperarli.
    Quando trovi l’esemplare meno fortunato, potenzialmente ti dura 10ml, dopodiche’, degenerano rapidamente.
    Questo e’ per me in assoluto l’aspetto piu’ negativo di questi cartomizzatori.
    3)Sono un pochino piu’ corti dei cartomizzatori standard (Boge, Smok, etc…), e questo con alcuni tanks puo’ creare qualche problemino…
    Su tutti gli altri aspetti, da “fan” dei cartomizzatori, considero i Kanger una spanna sopra gli altri, in particolare per la resa aromatica, ottima, in particolare con gli aromi dolci.
    Purtroppo durano pochetto, un po’ troppo pochetto…:-/

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ammazza, grazie per il commento super mega preciso !

      • 2slow4u

        Li uso (ovviamente alternando con mille altri sistemi) dal mio primo giorno di svapo, me ne sono innamorato da subito e li ho cercati per due mesi.
        Inizialmente me li spacciava il negoziante sotto casa, li trovavo davvero molto superiori agli altri cartomizzatori ma…non c’era verso di riuscire a capire chi li producesse, il rivenditore aveva le labbra cucite e neanche sotto torura ha mai voluto dirmelo.
        Poi mi e’ capitato di aprirne uno e…surprise, surprise, la resistenza in basso!
        Ho fatto 1+1, esistono solo due produttori che fanno cartomizzatori bottom coil.
        Ho visto poi la foto di una confezione di Kanger, venduti nel classico blister, e li ho avuto la certezza.
        Ne ho acquistato qualcuno in UK da LF e iVapour, ma recentemente, tramite GDA, ho fatto incetta acquistando direttamente dalla Cina, al prezzo delle patate…:)
        direi che li conosco abbastanza bene! 😉

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Ora ho preso quelli XXXL da 65 mm 🙂 vediamo se fanno bene uguale.
          Cmq hai ragione, dopo 3 giorni di uso intenso, circa 24 ml svapati, calano di resa.
          Provo a smontarlo e fare un dry burn magari ripiglia.

          • 2slow4u

            Sarebbe bello, ma riassemblarlo mi sa che e’ un po’ un casino, anche perche’ si va alla cieca…

I commenti sono chiusi.