Recensione RDA by Smoktech 16


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4841 volte.

L’RDA è un atomizzatore nato per il dripping ed è completamente rigenerabile.

Costa meno di 5 € e si trova in diversi shop.

Esiste in due formati, piccolo e grande e quello che andrò a recensire è la versione “cicciona”.

Devo ringraziare Claudia, alias PrettyBull, che me lo ha regalato in occasione della svapocena organizzata su ESP.

Img0022

Img0023

All’interno della video recensione vado ad illustrare l’atom e la sua rigenerazione.

Buona visione.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


16 commenti su “Recensione RDA by Smoktech

  • contegeorge

    Pare andare benone e per uno come me che non vuole abbandonare il dripping penso possa costituire una valida soluzione (in ogni caso mi trovo già da dio col tuo ARB).
    Ne ho presi due lo scorso lunedi da ego2…. attendo in gloria che mi arrivi.

  • chef cloud

    Io non amo molto il dripping però questo atom lo uso parecchio e mi appaga molto

  • Alessandro Mazzi

    Ciao Michele, una domanda:
    Nel video monti l’RDA sul SVD senza anello, dicendo che se no non fa contatto.
    Poi quando drippi ricompare.
    Con, senza , o non ho capito bene?

    Grazie 🙂

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Dovevo serrarlo un pelino di + per fargli fare contatto, veramente questione di decimi di mm 🙂

  • ermanno Dibiase

    ciao michele volevo dirti di una mia piccola mod che senbrerebbe funzionare molto bene

    ho preso rda plus con regolazione dell aria e funziona molto bene essendo molto piu piccolo
    del rda normale in cui fai la recensione.(la svapoteca)

    in poche parole ho inserito la mesh dove si fa la resistenza.
    ho preso 3 wick da 1 mm le ho unite, ho arrotolato un pezzetto di mesh 1 cmt ho fatto sopra la
    resistenza,ti posso garantire che la resa aromatica e migliorata ancora di piu anche la capienza delle gocce
    la mesh deve rodarsi prima di avere un buon rapporto di aroma ma appena e finito il rodaggio
    va una meraviglia..prova e un cosa interessante ciao ermanno parma
    (e inutile dirlo che la mesh va lavorata al solito modo per non far fare contatto)

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      buono a sapersi 🙂

      hai un link dove posso vedere questo rda plus ?

  • lucky4

    Grazie ancora per le ottime recensioni,una vera miniera di suggerimenti e quanto altro,in particolare

    quella sull’RDA.

    Appena mi è arrivato,lo ho aperto e non mi è piaciuta la configurazione(disposizione originale della

    resistenza-wick etc.).

    Sono riuscito ad avvolgere 4 spire di Khantal D da 0,22(lente,si,grazie)su una wick Ekowool da 3 mm.

    il tutto preso da ego2store.pl ottenendo 1,6 ohm(funziona anche con un 7-7,5W nello Zmax)ed ad ottenere
    un tiro chiuso tipo i cartomizer,da me così amati.

    Questo,nonostante abbia poi allargato il foro esterno ed un pò quelli interni col Dremel(vedi immagine).

    Certo il sapore è un pò”pannoso”non “fresco”come il cartom,ma credo questo sia il massimo possibile con

    un dripper,cioè non ti spara più in gola quell’amaro di nicotina,e non so se una seconda volta ci riuscirò.

    Comunque mi sa tanto che ogni atomizzatore necessiti di un liquido diverso.

    Pqr la manutenzione,dopo circa 15 cc di liquido era un pò incrostato ma(come da immagine)sono riuscito

    a pulire senza”toccare”resistenza e wick,con la candeggina diluita 1/10(tipo amuchina) 🙁 sparata con

    siringa e lasciata agire alcuni minuti,poi naturalmente risciacquato il tutto,ed asciugata la wick con

    carta e soffiando in zona resistenza.

    Si rivede il metallo della res,che era nascosto dalle incrostazioni e la wick di nuovo chiara.

    Ho rimesso liquido e dopo cinque minuti ad alta potenza(13 W)ha ripreso a fare un bel fumo.

    Ps.:in dettaglio gli estremi del filo resistivo attorcigliati sulla vite,per evitare falsi contatti;

    idea non mia,era così disposta la resistenza originale.

    http://imageshack.us/g/1/10227491/

    Ciao.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ma perché ti metti a pulire la res ? La butti via e stop tanto il costo è minimo 🙂

  • lucky4

    Cioè,ho detto che l’ho realizzata;
    però,non so da Voi,ma qui quel giorno…ha rannuvolato. 🙂

    Non che non ci veda bene,non che mi manchi la manualità fine,ma la pazienza….
    O forse era la delusione-rabbia di come era stato realizzato dal vendor.

    Insomma,se mi durasse un pò,e come ripeto non se se mi viene due volte…

    Ciao.

  • compay

    Ciao Michele, dato che mi serve un atom della corsa per testare gli aromi e molti mi hanno consigliato questo RDA (anche in versione mini: che cosa cambia secondo te?) volevo capire una cosa: scartata, mi pare di capire la dotazione iniziale fatta da una wick prova a 8 braccia e anche la ecowool che hai usato tu nel video e che tu stesso definisci non il massimo, secondo te con una Silca da 2 mm come devo fare? Nel senso, va tagliata e accostata verso le estremità per avvolgerla col khantal i va ripiegata (quante volte?) come hai fatto tu con la ecowool da 2mm. Se non erro 1mm di ecowool=2mm di silca, quindi la tua doppia eco equivale a 8mm di silca… ergo devo fare 4 spezzoni di silca da 2 e legarli insiame oppure piegarne uno solo quattro volte… cosa consigli? Altra cosa: ho visto che hai usato khantal D… io ho khantal A o,20 comprato da Svapobar… va bene lo stesso?
    Grazie in anticipo per i tuoi suggerimenti… Sei davvero un immancabile punto di riferimento 😉
    Ciao
    Paolo (compay)

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io lo rigenero con la ekowool da 2 e avvolgo 3 fili di wick e poi li faccio girare dietro alle torrette.

      Tra i due, io preferisco per il dripping quello grosso e li ho provati entrambi.

      Il khantal D non lo uso +, uso solo l’A che ritengo superiore 🙂

      • compay

        quindi per capire: rispetto al video cosa fai in più o in meno? perché ecowool e non silca quando tu stesso dici che silca è meglio di eco? nel video ripieghi la ecowool in due, come fai i tre fili di wick?
        grazie e scusa se ti pongo altre domande
        Buona giornata

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Allora la ekowool secondo me come ho scritto in un articolo nel blog è una wick che si presta bene a questi usi, ossia in dripping mentre dentro ad un magoo o kayfun non rende come dovrebbe.
          La wick da 2 faccio una S in pratica, partendo da uno spezzone di circa 10 cm faccio la S e mi ritrovi con 3 fili.

          • compay

            Capito, quindi fare S, montare la resistenza su uno dei 2 capi della S prendendo 3 fili insieme, tagliare la curva della S dove c’è la resistenza (questo è necessario o posso lasciare la curva come nel filmato?), ripiegare intorno ai due nottolini e tagliare a misura l’altro capo della S… correct?

            Sempre a proposito di ekowool, visto che devo acquistare da Thomas di Zivipf.de la silca da 2mm, volevo prendere da lui per ottimizzare anche la eko 2 mm, solo che ce l’ha di due tipi: una normale e una nuova che chiama intrecciata con dentro 9-10 fili (https://shop.strato.de/epages/63862298.sf/sec6ddd957e56/?ObjectPath=/Shops/63862298/Products/EKO-SCN2/SubProducts/EKO-SCN2-1m)… secondo te per l’RDA quale prendo, tenendo conto che mi serve soprattutto per testare gli aromi “di mia prouzione”?

            Grazie ancora Miche’ e buona giornata.

I commenti sono chiusi.