Respirare polvere o plastica riscaldata ? 17


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5096 volte.

Dopo aver riempito nel corso degli anni il mio box con abbastanza attrezzi e giocattoli per il fai da té era inevitabile che prima o poi sarei andato a finire nel tunnel dei 3 assi.
In effetti meccanicamente parlando è bello realizzarsi qualcosa con le proprie mani utilizzando una macchina ma è altrettanto gratificante progettarlo prima e farlo realizzare ad una macchina poi.
E in questo caso le opzioni erano due: fresa CNC o stampante 3D. Cioè respirare polvere o plastica riscaldata ?
Erano mesi che ci stavo pensando anche per colpa di alcuni miei amici smanettoni dotati dell’uno e dell’altra e dovevo solo scegliere.
Alla fine dopo lunghe riflessioni ho optato per la stampante 3D.
Qualcuno di voi dirà: e questo cosa c’entra con lo svapo ?
Beh c’entra perché ovviamente la userò anche per lo svapo.
Soprattutto nello svapo perché se parliamo ad esempio di box molto spesso anzi … troppo spesso … ho dovuto accontentarmi di alcune soluzioni perché non avevo i mezzi per poter fare diversamente ed ora grazie alla stampa 3D potrò finalmente togliermi qualche sfizio.
A tal proposito vi faccio vedere le prime due creazioni che mi sono disegnato al cad. Ho utilizzato Freecad, un software 3D gratuito (disponibile anche in italiano) che non richiede particolari conoscenze e imparati 4 o 5 meccanismi in poco tempo vi permette di disegnare e progettare quello che più vi piace.
Chiaramente Freecad ha alcune limitazioni ma per iniziare va benissimo.
Le prime che stamperò quando arriverà la mia stampante 3D saranno una BF e una BB.

La BF è chiaramente ispirata alla Quadra di Gille, una piccola BF realizzata in alluminio.
Io ho rivisto alcune cose di questo progetto e l’ho pensata per la boccetta quadrata.
In pratica è una box nata per ospitare il DNA40 con scarichi per i fili su misura e senza passaggi strani.
La box misura 88 in altezza, 48 in larghezza e 25 in larghezza. Strutturalmente è pompata (in PLA o ABS si poteva anche scendere come spessori) e quindi è molto compatta.
Come l’ho disegnata nasce per ospitare una tazza fatta “home made” ma quando diffonderò i disegni definitivi lo farò con uno scarico di una tazza “standard”.

Appunti Windows-1

FreeCAD 2015-03-31 21-37-15-79

FreeCAD 2015-03-31 21-38-40-29 (1)

FreeCAD 2015-03-31 21-38-52-96

FreeCAD 2015-03-31 21-39-08-05

Per ora c’è anche chi ha già provato a stamparla con una Prusa Hephestos e il risultato non è affatto male (HyperLeo):

photo_2015-04-02_10-49-03

Se la mia 3D dovesse raggiungere questo risultato sarei più che soddisfatto. Ovviamente è grezza, da rifinire.

La BB è molto simile come concetto ma è diversa nelle dimensioni: è alta 93, larga 33 e spessa 25 e lo sportello è completo anziché parziale.

Appunti Windows-1 (1)

Appunti Windows-3

Appunti Windows-4

In linea di massima una stampate tutte le parti ci sarebbe da:
– rifinire i pezzi (perché come escono dalle 3D sono grezzi);
– raggiare gli angoli a piacimento (si parte da r1.5);
– allargare quanto basta tutti i fori dei magneti (io li ho disegnati in modo che ci venga un punto di riferimento e stop);
– montare il DNA40, la tazza, contatti e cablare.

Per iniziare con questo nuovo e divertentissimo gioco ho scelto di usare schemi tradizionali (senza incastri e forme particolarmente strane) ma chiaramente poi l’appetito verrà mangiando e cercheremo nuove soluzioni anche più divertenti.

Di sicuro non appena avrò potuto stampare direttamente il pezzo e una volta che avrò verificato che tutto è ok diffonderò i file (STL) necessari per realizzare il pezzo.
Con questi file:
– chi ha una stampante 3D potrà stamparsela;
– chi non ha una stampante 3D potrà prendere i file e inviarli ad uno dei tanti servizi di stampa online dove con 15-30 € a pezzi di stampano quello che vuoi però ad una qualità di stampa decisamente superiore rispetto a quella che potresti ottenere con una stampante di queste in kit a 500-600 € che solitamente.

Poi quando arriverà la stampante nei prox giorni ve la farò vedere all’opera.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


17 commenti su “Respirare polvere o plastica riscaldata ?

  • Avatar
    kepke

    Oh mio Dio…
    ma questa cosa è davvero figa.

    Tra l’altro non ero a conoscenza che esistessero servizi di stampa 3D, ottimo a sapersi.

  • Avatar
    Adriano

    Già ti vedo anche la notte a lume di candela trafficare tra unalogico e digitale , complimenti che novità !!!!!

  • Avatar
    Sting71

    Si apre una nuova frontiera dello svapo!
    La condivisione della passione dello svapo non accresce il tuo portafoglio,
    ma sicuramente ti fa onore.
    Di questi tempi (visti gli ultimi esempi su fb),
    è difficile trovare altrettanta generosità.

    (Y)

    • Avatar
      maury

      Verissimo!
      Pur non conoscendolo personalmente ho una grande stima di michele perché condivide ‘senza scopo di lucro’
      Visto il tempo che dedica al blog e come lo impiega ( foto, video, fix e cazzeggi vari ) per alcuni è un folle non monetizzando la “Passione”.
      Sei un Grande!

  • Avatar
    automan

    Caspita mi hai rubato l’idea ! A me era venuta mesi fa e mi ero scaricato tutti i possibili sw di modellazione ma al massimo ero riuscito a creare un semplice parallelepipedo e nulla di più. Ho quiendi desistito in attesa di un sw più “user friendly”. Adesso invece il discorso è differente… la modellazione l’hai fatta tu !
    Posso chiederti che tipo di stampante hai ordinato ? In kit o plug’n play ? Sito ? Prezzo ?

  • Avatar
    esigice

    Mittticooo! non vedo l’ora di seguire l’evoluzione. Non so perché ma mi sa che riuscirà bene 🙂

  • Avatar
    parsek10

    Ciao Michele e buona Pasqua,so che non centra niente con questo articolo ma vorrei sapere dove trovare il famoso aroma Old West di Luciano,grazie e di nuovo Buona Pasqua.A fammi sapere come farti domandi senza usare la sezione commenti.

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh grazie conosco molto bene quell’ambiente 🙂
      ma tieni presente che ho deciso di acquistare la 3d solo dopo aver capito che potevo caddare in 3d perché altrimenti concettualmente mi sarei rifiutato di comprarla per stampare robe disegnate da altri, non so se mi spiego (disse il paracadute ! :)).

  • Avatar
    lucky4

    Pqr il PLA(polilattato)Vai tranquillo!
    Oltre che atossico è pure biocompatibile.

I commenti sono chiusi.