Riflessioni sull’eRoll … bocciata 4


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 9770 volte.

In due parole: VIVAMENTE SCONSIGLIATA.

Dopo un paio di giorni di utilizzo in modalità passeggio … mi sento di sconsigliarla vivamente a chi nel passeggio predilige anche un minimo di praticità.

E’ completamente insensato fare una mini:
– con una capienza ridicola (0.3-0.4 ml);
– con un PCC che NON ha spazio per una o due cartucce di scorta.

Chi opta per portarsi l’eRoll a spasso per lo svapo da passeggio deve mettere in pista:
– di ricaricare la cartuccia o cambiarla almeno ogni 2 al massimo 3 sessioni di svapo;
– ad ogni ricarica o cambio asciugare la cartuccia per evitare sbrodolamenti;
– avere una boccetta, con ago, dietro.

Se permettete preferisco, di gran lunga, una ego (twist) con un sistema ego-c tipo B, se non altro in una dimensione accettabile ho ben 2 ml di liquido, una resa decisamente superiore e se poi in tasca mi metto una cartuccia di scorta ho ben 4 ml di scorta totali.

Forse l’unico modo per dare una logica all’eRoll è quello di usare un liquido (dico una cazzata) a 36 mg/ml … allora fai 4 tiri e sei apposto, ma trovo abbastanza stupido solo “il pensare” ad una soluzione del genere.

Tra l’altro la cartuccia è stata fatta male, è molto lunga e l’ultimo cm (10 mm) sono “a perdere”, avrebbero potuto aumentare lo spazio per il liquido, portarlo per esempio anche a 0.7 – 0.8 ml ma anche in questo caso sarebbe stato comunque poco, sia chiaro ma sicuramente meglio di 0.4 come ora.

Peccato perché l’esig funziona, nel senso che nella sua “minutezza” regala comunque una buona svapata, forse debole hit, ma nel complesso accettabile.

Basta mini, è la seconda volta che ci provo ed è la seconda volta che butto via soldi !

Per il passeggio ci vuole la eGo, almeno per me, stop :D.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


4 commenti su “Riflessioni sull’eRoll … bocciata

  • Walanto

    Dopo 40 gg di goduriose svapate con la ego provando un pò di atom fino al dctank da 3,5 ho deciso: prossimo acquisto sistema ego-c tipo b, dato che sono quasi sempre outdoor, sovente col fastidiosissimo ma utile collare.
    In ogni caso ho già capito dove arriverò, essendo stato fumatore di sigari e pipe…un bel box, ma andiamo per gradi.
    Grazie per la videorecensione, stai proprio diventando un discreto collezionista di esig!!!!

  • microchip

    Dopo questo quando mi arriva nemmeno la sballo 🙂
    Scherzo, comunque se ricordi bene le prime cartucce tank della 510 erano da 0,5 ml (c’è l’ho ancora nel museo 🙂 ), poi hanno fatto quelle da 1,2 ml, magari rivedono le cartucce e le faranno più capienti.
    così avremmo anche i tank v2 🙂

  • cludit

    Io utilizzo eroll tutti i giorni con head tipo A LR 1,7ohm (testata su provari) e vi assicuro che va una bombetta! L’unica cosa che condivido come “difetto” se cosí lo possiamo chiamare, è la cartuccia, e il case che potrebbe avere degli alloggiamenti per contenere piú cartucce.
    Poi è solo una questione di abitudine.

I commenti sono chiusi.