Sigaretta Elettronica: il Testo della Gazzetta Ufficiale 54


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 11436 volte.

lobbying_thumb

Fonte.

In pratica ci finisce dentro tutto, dalle ego ai tubi meccanici, alle box mod e tutto quanto.

Fine del ruzzino, in parole povere.

IL MINISTRO
DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il testo unico delle disposizioni legislative concernenti le
imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali ed
amministrative, di cui al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n.
504, e successive modificazioni;
Visto il regolamento recante norme concernenti l’istituzione ed il
regime dei depositi fiscali e la circolazione nonche’ le attivita’ di
accertamento e di controllo delle imposte riguardanti i tabacchi
lavorati, di cui al decreto del Ministro delle finanze 22 febbraio
1999, n. 67, e successive modificazioni;
Visto l’articolo 11, comma 22, del decreto-legge 28 giugno 2013, n.
76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99,
recante novella del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504;
Visto l’articolo 62-quater del citato decreto legislativo n. 504
del 1995 concernente “imposta di consumo sui prodotti succedanei dei
prodotti da fumo”;
Visto, in particolare, il comma 4 dell’articolo 62-quater del
decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, che dispone che, con
decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi
entro il 31 ottobre 2013, sono stabiliti il contenuto e le modalita’
di presentazione dell’istanza ai fini dell’autorizzazione di cui al
comma 2, le procedure per la variazione dei prezzi di vendita al
pubblico dei prodotti di cui al comma 1, nonche’ le modalita’ di
prestazione della cauzione di cui al comma 3, di tenuta dei registri
e documenti contabili, di liquidazione e versamento dell’imposta di
consumo, anche in caso di vendita a distanza, di comunicazione degli
esercizi che effettuano la vendita al pubblico, in conformita’, per
quanto applicabili, a quelle vigenti per i tabacchi lavorati;
Ritenuto che per quanto non previsto dal presente decreto valgano,
per quanto applicabili, le disposizioni in materia di tabacchi
lavorati di cui all’articolo 61 del decreto legislativo n. 504 del
1995, e successive modificazioni, e al decreto del Ministro delle
finanze 22 febbraio 1999, n. 67, e successive modificazioni.
Considerato che e’ necessario provvedere all’adozione del citato
provvedimento per la regolare distribuzione dei prodotti succedanei
dei prodotti da fumo;

Decreta:

Art. 1

Ambito applicativo e definizioni

1. Il presente decreto disciplina, ai sensi dell’articolo
62-quater, comma 4, del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504,
e successive modificazioni, il regime della commercializzazione dei
prodotti contenenti nicotina o altre sostanze idonei a sostituire il
consumo dei tabacchi lavorati nonche’ i dispostivi meccanici ed
elettronici, comprese le parti di ricambio, che ne consentono il
consumo.
2. Ai fini del presente regolamento si intende per:
a) “Agenzia”, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli;
b) “prodotti succedanei del tabacco”, i prodotti contenenti
nicotina o altre sostanze idonei a sostituire il consumo dei tabacchi
lavorati nonche’ i dispostivi meccanici ed elettronici, comprese le
parti di ricambio, che ne consentono il consumo;
c) “ricariche”, i prodotti contenenti nicotina o altre sostanze
il cui consumo richiede l’impiego di dispositivi meccanici od
elettronici;
d) “dispositivi”, i dispositivi meccanici ed elettronici che
consentono il consumo delle ricariche;
e) “parti di ricambio”, i componenti dei dispositivi che possono
essere sostituiti e che consentono il funzionamento dei dispositivi
medesimi;
f) “prodotti monouso”, i dispositivi che consentono il consumo
esclusivamente della ricarica contenuta, che non puo’ essere
sostituita una volta consumata;
g) “deposito”, l’impianto in cui vengono fabbricati o introdotti
i prodotti succedanei del tabacco destinati ad essere forniti ai
punti che ne effettuano la vendita al pubblico;
h) “soggetto autorizzato”, il soggetto autorizzato dall’Agenzia
alla istituzione ed esercizio di un deposito;
i) “quindicina”, i giorni dal 1° al 15° di ogni mese (prima
quindicina) e i giorni dal 16° all’ultimo di ogni mese (seconda
quindicina);
l) “modello F24 accise”, la delega irrevocabile ad un istituto di
credito per il versamento al bilancio dello Stato, secondo le
modalita’ stabilite dall’articolo 19 del decreto legislativo 9 luglio
1997, n. 241, dell’imposta di consumo dovuta dal soggetto
autorizzato.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.

0

54 commenti su “Sigaretta Elettronica: il Testo della Gazzetta Ufficiale

  • Avatar
    Massimiliano

    E’ proprio vero…siamo governati da una massa di incompetenti…
    tutti…nessuno escluso..
    Vergogna???
    Per vergognarsi dovrebbero avere un cervello e relativa intelligenza…
    Ragazzi che dire…
    conoscete l’espressione: “cavar el sangue dal muro” …impossibile…
    Asta la vista…
    Che caproni!!!
    Ciao Michele, ciao ragazzi…
    Vado a comprarmi un tornio…diventeremo una massoneria?? hehe

  • Avatar
    simone27

    Solo vergogna? ben ci sta purtroppo è finchè le persone stanno zitte o altro (intendo in tutti i livelli di argomento) faranno sempre così

  • Avatar
    illuminato67

    Finalmente!
    Era ora che si facesse un pò di chiarezza!
    Questi prodotti devono esere tassati in maniera adeguata, altrimenti lo Stato dove andrà a finire?
    E finiamola di rovinarci la salute con lo svapo! Smettiamola di farci scoppiare in faccia le batterie! Se proprio vogliamo continuare a farci del male, allora paghiamo le giuste tasse.
    Finalmente capiremo che è giusto e soprattutto salutare ritornare a fumare 30-40 sigarette al giorno.
    ERA ORA!!!!

    BRAVA ITALIA!!!!

    … Ma questi simpatici ragazzi con le divise bianche e la camicia con le maniche che si legano sulla schiena cercano proprio me??? Non mi sembra di aver detto assurdità!!!

  • Avatar
    antogiar83

    Ma portasigarette, accendini e posacenere sono tassati come le sigarette? I vostri politici, dico “vostri perché non vivo + in Italia da 5 anni”, invece di trovare un soluzione strutturale al problema dell’Italia, continuano a distruggerla sperando di poterla salvare.

  • Avatar
    Jack Palladilegno

    mmm… io è un mese che non tocco sigarette.
    Il mio futuro problema sarà trovare basi con nicotina. Per quanto riguarda i sistemi di alimentazione addio spese compulsive ok però con un buon bb e con un minimo di pratica in elettronica una box mod la si costruisce anche da soli. Non varivolt la spesa è veramente minima.
    Ok le prestazioni vanno a farsi fottere è vero ma se il mio obiettivo è non tornare alle sigarette su questo campo posso stare relativamente tranquillo.
    Stessa cosa per quanto riguarda i sistemi di alimentazione. Grazie a Michele ho scoperto gli evod bcc.
    Ne ho 3. So rigenerarli da solo quindi l’acquisto di un altro sistema di alimentazione è ipotesi remota.
    Anche qui addio ai vari acquisti di “test” ma se il mio obiettivo è non tornare alle sigarette, anche qui posso stare relativamente tranquillo.
    Il vero problema sono i liquidi. Le basi.
    Ho paura che di “basi” con nicotina non se ne troveranno più (anche a volerle pagare il doppio). Si troveranno secondo me boccettine da 20ml con varie gradazioni di nicotina. Il problema è che 20ml non mi durano niente.
    Non ho idea di quello che si prospetta per il futuro anche se un’idea me la sono fatta.
    Il vero danno, purtroppo, sarà per tutti quegli esercizi aperti fino ad oggi che saranno costretti a chiudere perchè vedranno i loro prezzi raddoppiare, mantenendo lo stesso incasso.
    Insomma… staremo a vedere.

  • Avatar
    creedrob

    Mettano la tassa tutti ad acquistare prima per evitarla, poi non si mette più e si ferma la corsa alle scorte, adesso che manca poco alla fine del’ anno … rimettiamo la tassa cosi chi non ha fatto scorte lo becchiamo .
    Anche questa sembra una manovra studiata a dovere 😉
    Come sempre un ottimo paese a mettere tasse, un po meno a rilanciare l’economia 🙁

  • Avatar
    luca70

    Mi lascia molto da pensare la seguente frase del decreto: “sostanze idonei a sostituire il
    consumo dei tabacchi lavorati” ??!! Allora perché non tassare anche i chewingum e i bastoncini di liquirizia a stò punto! SIETE OSCENI

  • Avatar
    Kanarus

    Scusate la mia ignoranza, ma non ho capito una cosa fondamentale, tutto ciò significa che
    si passa in regime di monopolio?

    • Avatar
      Jack Palladilegno

      si.
      il fumo elettronico sarà da considerarsi ne più ne meno come il fumo normale quindi soggetto al 58,5%.
      Non solo il fumo elettronico attenzione… visto che ci avrebbero guadagnato troppo poco e perso troppo tanto (se la gente iniziasse a fumare elettronico) tassano tutto, hardware compresi.
      Nel fumo analogico non c’è un grande mondo dietro… anzi diciamo che di strumenti per fumare il tabacco esiste solo la pipa, il resto fa tutto parte di confezioni di sigarette/sigari ecc…
      Visto che nel fumo digitale hanno visto che c’è una enorme varietà di oggetti hanno pensato bene di tassare tutto (cosa logicamente inspiegabile se non per fare quattrini).

      DOVE si troveranno le ricariche e gli eventuali oggetti credo che sia ancora da definire. Se qualche intrepido negoziante se la sentisse di mantenere aperto un negozio con questi prezzi sarebbe da dargli un premio.

      • Avatar
        Kanarus

        Ma quindi se è regime di monopolio vigerà la norma di importazione limitata? Ricordo quando andavo in slovenia potevo portare in Italia solo una stecca di sigarette (una a persona) altrimenti dovevo pagare l’accisa

      • Avatar
        ludovico

        NO assolutamente, viene applicata una tassa (accise) pari a quella che esiste già sulle sigarette e tutti i prodotti contenenti tabacco, sui fiammifei, sugli accendini etc etc. Comunque poche ore fà ho ricevuto 3 litri di base INAWERA 25 flaconcini di aromi, ho 2 bb meccanici, un SVD, parecchi sistemi di alimentazione, aspetto il KAYFUN (( spero arrivi questo mese, per un anno credo che non pagherò l’ accise. dopo si vedrà

  • Avatar
    tirex

    Il sogno di un Italia Democratica e libera è ormai vano, l’Italia libera i cui padri fondatori della costituzione avevano in modo lungimirante pensato ad una nazione del popolo ormai non esiste più, pensare che che nel corso degli anni molti uomini che vivevano in questa nazione si sono fatti ammazzare per i propri ideali e per i propri diritti fa riempire l’animo di orgoglio ad essere un Italiano discendente di quegli avi, ma ormai tutto questo e solo un ricordo perché l’ Italia è un altra cosa, benvenuti in the real word, per tanto vi lascio una descrizione presa pari pari da wickipedia che descrive a quale regime siamo assoggettati anche se mascherato da una pseudo democrazia.

    Buona lettura

    DITTATURA:

    La dittatura è una forma autoritaria di governo in cui il potere è accentrato in un solo organo, se non addirittura nelle mani del solo dittatore, non limitato da leggi, costituzioni, o altri fattori politici e sociali interni allo Stato.[1][2]
    In senso lato, dittatura ha quindi il significato di predominio assoluto e perlopiù incontrastabile di un individuo (o di un ristretto gruppo di persone) che detiene un potere imposto con la forza. In questo senso la dittatura coincide spesso con l’autoritarismo e con il totalitarismo. Sua caratteristica è anche la negazione della libertà di espressione e di stampa. La dittatura è considerata il contrario della democrazia. Va inoltre detto che il dittatore può giungere al potere anche democraticamente e senza violenza (valga l’esempio di Adolf Hitler, eletto dal popolo tedesco). La salita al potere di una dittatura è favorita da situazioni di grave crisi economica – per esempio dopo una guerra – sociali – lotte di classi – politiche – instabilità del regime precedentemente esistente. Altre due forme di dittatura sono l’assolutismo monarchico e la teocrazia (vedi Ebraismo, Cattolicesimo e Islam).

    Fonte :Wikipedia, un mio modesto pensiero.

    • Avatar
      ludovico

      Ma che ci azzecca. Siamo nelle mani di un branco di incapaci, ladri, per nulla dediti alla RES PUBBLICA ( cosa pubblica), traditori dei padri fondatori, che tutto si aspettavano tranne che portassero l’ITALIA in questo PANTANO. MA CON LA DITTATURA NON CI AZZECCA NIENTE e se prima di pubblicare quanto sopra lo avessi letto ti saresti reso conto (ma forse hai fatto copia e incolla senza neanche leggere). Scusami ma era necessario corregere bisogna stare attenti a cosa si dice e mai aizzare gli animi già abbastanza INCAZZATI-

    • Avatar
      creedrob

      giustissimo ma non lavora più nessuno, gente a fatica poteva permetterselo adesso, dopo sarà impossibile !!

      • Avatar
        marco.c

        hai ragione…. ma se penso che con le marlboro per 30 anni gli ho dato il 72% circa di tasse allo stato e spendevo ultimamente circa 230 euro al mese…… e adesso con 80 euro circa (fatto la media di quello che ho speso fino ad adesso ) al mese me la cavo, c’e’ da dire che anche con la tassa la cosa mi conviene…. poi se siamo vittime della scimmia la questione e’ diversa…. e non ne possiamo fare un problema sociale…. il dilemma del lavoro e’altra cosa, che non ci incastra nulla con i vizi che ha la gente….. ma con le necessita’!!!!

        • Avatar
          creedrob

          Hai perfettamente ragione se uno si compra il suo kit di 2 esig e il liquido, e non si fa prendere dalla scimmia cè la fa, sono 80 il kit 30 euro di liquidi presi in polonia il mese, poi da gennaio sara un po di più ma ok, tanto si lavora apposta per pagare tutto quello che gli gira di farci pagare 😉

  • Avatar
    homme

    Non ho ancora capito come funzioerà con gli acquisti all’estero, questa tassa è tipo le accise o no, ad esempio : mediamente in Italia 100 ml di base a 9mg di nicotina costa 10 euro da gennaio la pagheremo 15,85 euro

    • Avatar
      pippofly

      purtroppo no… la pagherai 25-30 euro…
      il conto va fatto al contrario….
      alla fine tra accisa, iva e regime normale di tassazione lo stato incamerererà circa 85-90% del fatturato.. insomma le famose 0.50 che il tabacchino si intasca sul singolo pacchetto!

      • Avatar
        liuc

        è perchè al contrario scusa? homme ha ragione o i commercianti hanno capito che devono guadagnarci anche sulla tassa? perchè l’ iva viene già pagata bisogna mettere in più la tassa da come la vedo io la tassa graverà sulle tasche dell’ utente finale ( grossista vende ce4 a 3 euro più tassa al negoziante che a sua volta lo rivende a 6 più tassa) ora o sbaglio io o i commercianti ci vorranno guadagnare anche sulla tassa

        • Avatar
          luigi-joy

          I conti vanno fatti più o meno così.
          Su 10,00€ di prodotto venduto dal negoziante, 1,40€ va al produttore/importatore, 1,00€ va al negoziante e 7,60€ vanno allo stato/monopolio tra iva e accise….

    • Avatar
      ludovico

      In teoria SI il conto matematico è giustissimo, in pratica vedremo. Molti negozi fisici della mia città dicono che buona parte della nuova tassa l’assorbiranno loro è di certo sarà così se vogliono continuare a vendere qualcosa. Del resto finora hanno praticato dei ricarichi VERGOGNOSI, non devono fare altro che allinearsi alla normalità quindi anche se assorbissero in TOTO l’ accise continuerebbero a vendere con un ricarico del 100% circa e non del 200% come hanno fatto fin’ ora. del resto la bottiglietta di liquido che hanno venduto 10 euro loro l’hanno pagata circa 3 euro, adesso con la nuova tassa quei 3 euro diventeranno 4.75 continuando a vendere 10 euro rimarrà loro più del 100% che è un ricarico esageratramente sproporzionato in momenti come questo in cui tutto il commercio stà riducendo i ricarichi pur di sopravvivere

  • Avatar
    MarcelloR

    Dubbio.
    Cerotti e gomme da masticare “alla nicotina” sono già sottoposte ad accisa? Se non lo sono, da quel che leggo nell’articolo 1, primo comma (prodotti contenenti nicotina o altre sostanze idonei a sostituire il consumo dei tabacchi lavorati – n.d.r.) con l’entrata in vigore del decreto finiranno anche loro sotto regime di monopolio.

  • crysdgt
    crysdgt

    Mi vergogno sempre di più di esesre italiano..!!!!!!

    facciamo ancora in tempo per fare scorte?

  • Avatar
    ermanno Dibiase

    fate schifo, da parte mia siete delle persone incopetenti.
    altro che grillo ci vuole una rivoluzione di massa ad osso a questi bastardi.

    non sanno che mettere tasse e delle persone se ne fregano,come se ne fregano dei 18.000 poveri
    bastardi,e compatisco le persone che votano ancora questa marmaglia,che te lo mette nel di dietro
    ogni volta che si va a votare. sveglia ragazzi e ora di cambiare queste canaglie.
    votare 5 stelle vuol dire anche questo. TUTTI A CASA razza maledetta.

  • Avatar
    Sting71

    Ma tassano anche l’acqua che mettiamo nei liquidi?
    🙂
    X fare scorta compreremo la merce di tutti i negozi che falliranno e svenderanno,
    Poi Ci sarà un incremento inverosimile di nero….
    Già si vedevano pochi scontrini, chissà dopo….

  • Avatar
    pippofly

    piccola domanda…
    ma se faccio un minimo (ah!) di scorta e la tengo in casa…. cosa sono un potenziale contrabbandiere?

  • Avatar
    gasber

    ciao michele le mie domande sono queste
    A) ma per le compere nei siti stranieri che fanno parte dell unione europea alla dogana verranno fermate e tassate oppure lascieranno passare perchè c e il libero mercato ed ogni paese dell unione è soggetto alla propria tassazione interna sua dell IVA?
    B) per gli acquisti dai siti extra cee quindi cina o stati uniti il discorso e diverso e quindi oltre ai soliti dazi e iva metteranno anche l ‘accisa ? raga illuminatemi perche comincio a non capire più niente. a meno che credo che faranno la solita mossa e cioè oscurare i siti delle relative ecig prego a voi la risposta

  • Avatar
    automan

    Ragazzi… ma perchè vi scaldate tanto ? Come dice un vecchi detto: fatta la legge… trovato l’inganno.
    A breve vedremo circolare un’infinità di torce elettriche con attacco 510 e avranno anche la possibilità di regolare l’intensità della luce modificanto la tensione da 3 a 6 volt. Certo che se poi sviti la lampadina fulminata e la sostituisci con qualche altra cosa…. Da che mondo e mondo non si può tassare una batteria con un interruttore a prescindere dall’uso che se ne voglia fare. Anche un detonatore è una semplice batteria con del filo elettrico e un pulsante, non mi pare sia vietata la vendita. L’unico accorgimento è venderli evitando di scriverci sopra “Detonatore per TNT” 🙂

  • Avatar
    seba78

    Ciao MIchele, scusa se scrivo qui, quando tornerà disponibile il forum? Sono due giorni che dice migrazione del forum e che sarà disponibile ad un indirizzo ip che in realtà non è scritto. Ciaooo, buona domenica 🙂

  • snupi
    snupi

    ragazzi!dal 1/6/2013 ho abbandonato le analogiche per lo SVAPO. non esisterà nessuna tassa che mi farà abbandonare le E-CIG. come dice AUTOMAN,fatta la legge….trovato l’inganno! “siamo italiani”,ragazzi!non ce lo dimentichiamo

  • Avatar
    Jack Palladilegno

    concordo….
    forse per l’hardware qualche escamotage verrà trovato.
    Il vero problema ripeto, sarà trovare la nicotina.
    Il succo è chiaro a tutto. Al governo della nostra salute non gliene frega un beneamato cazzo, scusate il francesismo.
    Se vogliono che io torni alle analogiche perchè ci stanno rimettendo troppo possono stare freschi.
    Il fatto è che purtroppo tante persone ci torneranno veramente.
    Pensate a tutte quelle persone che non hanno idea di che cosa ci sia dentro i liquidi per le sigarette elettroniche. Persone che andavano in negozio a comprare il loro buon liquido della dea flavor.
    Noi “smanettoni” che ci mixiamo i liquidi da soli con le basi ce la possiamo cavare perchè siamo appunto mediamente più esperti. Ma loro che non troveranno più il negozio oppure che dovranno pagare la ricarica a peso d’oro inevitabilmente torneranno alle analogiche.
    Beh, spero che questa manovra faccia pensare tante persone su chi ci governa (se mai ce ne fosse bisogno) e sull’effettivo interesse che questi hanno nei confronti della nostra salute.

  • Avatar
    luna

    ho comprato per mia figlia, con i suoi occhi chiari, come regalo per natale due ego….fuma già due pacchetti di emme esse bianche, a basso dosaggio di nicotina ma piene di catrame e prodotti della combustione….vive lontano da me, ma gliele porterò le ego, con la speranza nel cuore di vederla svapare
    e non fumare…..invece di prevenire il cancro ai polmoni, dove una alternativa valida non solo per me è lo svapo, si permettono di tassare anche le sigarette elettroniche e i loro derivati, provo pena e vergogna…

  • Avatar
    alex77

    No comment..!!!! tanto si fa sempre BLA…BLA..BLA…blaaaa, è basta, però vi voglio vedere fra un anno quando metteranno nuove tasse,si perderà il lavoro quello che ancora resiste, inizierà la guerra civile, ed allora??… vi nascondete o combatterete??,ho i miei dubbi ha proposito che combatterete L’Italiani siamo vigliacchi e fifoni nel DNA per tanto non c’è da meravigliarsi.
    SVEGLIA dobbiamo combattere come hanno fatto i nostri antenati è non accontentarci tipo; “vabè….tanto io non compro più dei nuovi vaporizzatori sto bene con quelli che ho,pertanto non me ne frega se ci mettono la tassa” è assolutamente sbagliato ragionare così,come le case,tanta fatica di una vita per farsi una piccola casa è poi dobbiamo pagare la tassa , come se io l’avessi in affitto invece che mia,è assurdo !!!,sono invece d’accordo a pagare i servizi ,come la luce,l’immondezza ecc…,ma che devo pagare una tassa per la casa ( a vita) è assolutamente assurdo come lo svapo,ripeto E ASSOLUTAMENTE ASSURDO…!!!!!

  • Avatar
    lucky4

    Scusate,ma almeno pqr il nostro(purtroppo)ristretto gruppo,ce fanno una pi…ppata.
    Grazie sempre Michele:”Tu sei lo mio maestro e’l mio autore,Tu sei ‘l solo colui da cui io tolsi
    lo bello stilo che m’ha fatto onore”.

  • Avatar
    araizir

    Quasi tutti i negozi fisici di e-sig in Italia chiuderanno (unico paese in Europa ad avere una tassa cosi assurda) ed in pratica l’erario incasserà pochissimo, ma avrà fatto tabula rasa dell’unica attività commerciale con un tasso di crescita a due cifre degli ultimi anni.
    Questo è quello che propagandano come aiuto alle imprese per il rilancio dell’economia!

  • Avatar
    giannicar

    Da http://www.worldvaping.org/index.php/news

    The Italian Job(Il lavoro italiano)

    The-Italia-job-Glorious-Europe-2013

    Dopo mesi di fitti controlli sulle importazioni, su liquidi e relative etichette, fra un “blocco” e l’altro alle dogane (molti importatori hanno investito denaro in acquisti di merce per poi trovarsela bloccata in dogana per due o tre mesi, nonostante fossero in possesso di tutta la documentazione necessaria, semplicemente perché le dogane non riuscivano a gestire la mole di lavoro dovuta ai controlli cui dovevano obbligatoriamente sottoporre tutti i prodotti in entrata nel nostro paese) il Governo Italiano ha emanato un Decreto Legge che, se verrà effettivamente applicato così come è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, segnerà la fine di tutti noi Importatori, Rivenditori e Commercianti dello Svapo Italiani.

    The Italian JobThe-Italia-job-Glorious-Europe-2013

    After months of strict controls on imports , liquids and their labels , between a “block ” at the customs and the other ( many importers have invested money in the purchase of goods and then had their goods stuck at the customs for two or three months, despite being possession of all necessary documentation , simply because the customs could not handle the amount of work due to the controls which were obliged to effect on all products coming into our country ), the Italian Government issued a Decree Law is that, if effectively implemented so as published in the Official Gazette of the Italian Republic , will mark the end of us all Italian Importers , Retailers and Traders of the world of Vaping.

    • Avatar
      lucky4

      Registratomi or ora(World vaping):
      invito gli utenti di questo ed altri blog o forum a fare altrettanto.

  • Avatar
    Kanarus

    Tratto da wallstreet italia, datato 17-12-2013:

    Il Coreper, il comitato dei rappresentati europei permanenti, ha approvato una proposta emersa dal trilogo fra la presidenza di turno lituana e rappresentanti del Parlamento e della Commissione. L’obiettivo principale della revisione della direttiva, si spiega dal Consiglio, “è quello di rendere i prodotti del tabacco meno attraenti, rafforzando le regole su come i prodotti del tabacco possono essere realizzati, presentati e venduti”.

    Il testo di compromesso approvato oggi prevede, fra le misure che dovranno essere adottate nelle legislazioni nazionali, il divieto di immissione sul mercato delle sigarette e di tabacco trinciato con i sapori di frutta, mentolo e vaniglia. Il divieto sui prodotti al mentolo si applicherà solo quattro anni dopo il recepimento della direttiva da parte degli Stati membri.Le avvertenze e le immagini sui rischi per la salute, secondo l’accordo, dovranno coprire il 65% del fronte e del retro delle confezioni dei prodotti del tabacco da fumare.

    E’ vietata inoltre qualsiasi etichettatura ingannevole sui pacchetti, come “naturale” o “biologico”. L’accordo prevede inoltre l’introduzione di un sistema per la tracciabilità dei prodotti del tabacco, per rafforzare la lotta contro il contrabbando e i prodotti contraffatti. Gli Stati membri, secondo il testo dell’accordo, possono introdurre norme più rigorose in materia di additivi o per le confezioni dei prodotti del tabacco.

    Il campo di applicazione della direttiva è esteso alle sigarette elettroniche, che saranno oggetto di una serie di misure di sicurezza, come la concentrazione massima di nicotina di 20 milligrammi per millilitro e la dimensione massima di una cartuccia monouso da 2 ml.

    Per quanto riguarda le sigarette elettroniche ricaricabili, l’esecutivo di Bruxelles dovrà riferire sul loro potenziale rischio per la salute al massimo due anni dopo l’entrata in vigore della direttiva. “Se, per motivi giustificati connessi a un grave rischio per la salute umana, almeno tre Stati membri vieteranno le sigarette elettroniche ricaricabili, la Commissione potrà estendere il divieto a tutti gli Stati membri”

  • Avatar
    lucky4

    Oggi vado in negoizio fisico per comprarmi gli ultimi liquidi pronti,prima della tassa,dico io;
    “no,non ci sarà nessuna tassa”mi risponde un commesso;poi aveva da fare e non ho potuto chiedere di più.
    Boh! Ne sapete qualcosa?

    • Avatar
      Jack Palladilegno

      Anche io sono stato in negozio oggi.
      Anche a me dicono chebper ora non è chiaro e che probabilmente ci sarà unabproroga di 6 mesi perchè lalegge va ridiscussa in quanto incostituzionale…. bah.. non so che pensare ma speri sia vero.

I commenti sono chiusi.