Silica Wick “Braided”: testiamola. Agg.x1: conclusioni. 8


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5336 volte.

Ossia questa.

Onestamente ho in casa un certo stock di wick da 2.5 mm (quella di Svapobar) che per me è ottima ed era davvero tanto (forse troppo ?) tempo che non provavo una nuova wick e cosi in corrispondenza di un’ordine con un amico da Zivipf e grazie proprio alla sua segnalazione mi è entrata nell’occhio questa “braided” wick.

Braided sta per intrecciato: in pratica è una wick in silica intrecciata anziché avvolta su sé stessa come quella che tutti conoscono molto bene. In pratica come “costruzione” non è troppo diversa dalla Ekowool.

Io ho preso la 2 mm, ossia questa:

DSC_3415

Come noterete dal link che ho messo il costo è … diciamo … altino. Vedremo se ha un senso spendere in più per questa wick o se il gioco non vale la candela.

Per testarla ho deciso di usare il solito ARB in bottom feeder, d’altronde è la soluzione che meglio conosco e che posso confrontare “direttamente”.

Questa wick da 2 mm come vedete è davvero cicciottella, è grossa praticamente come la 3 “non braided”.
Al tatto è robusta, scricchiolosa e infilarci l’ago dentro non è poi neanche tanto facile.
Durante le operazioni di rigenerazione si mantiene robusta, sembra non cedere né sfilacciarsi (cosa che invece succede alla cugina Ekowool).

DSC_3416

DSC_3417

DSC_3421

La res come vedete è venuta da 1.9 ohm e come rodaggio parto da 12.4w.
La res è fatta con Khantal A1 da 0.20.

Adesso ci svaperò i canonici 30 ml e l’obiettivo è capire se permette di svaparci più liquido rispetto all’altra, se ha una capacità assorbente maggiore, se la resa aromatica è migliore etc etc etc.

Cosi a primo impatto funziona bene, ma niente di particolarmente eclatante rispetto alla tradizionale, tanto per capirsi.

Vedremo.

Aggiornamento del 24/07/2014 – Agg.x1: conclusioni.

Ho testato questa wick con 2 rigenerazioni complete. Anzi 3.
Due, quelle a cui mi affido per trarre le seguenti conclusioni, nell’ARB in BF usandola con i canonici 25-30 ml, l’altra, la terza, in dripping con l’Origen Clone.

La conclusione è molto semplice: questa wick funziona grosso modo come come la silica wick normale, ci sono probabilmente delle piccole sfumature nella resa che si possono considerare come appena percettibili e proprio per questo non mi sento di consigliarne l’acquisto.

Si può continuare ad utilizzare la silica normale per capirsi.
Personalmente, a riguardo, consiglio vivamente quella di Svapobar che vende in set pronti da 3 metri e che in proporzione costa la metà rispetto a quella “recensita” in questo articolo (diciamocelo, Zivipf conviene per i fili resistiti e non, un pò meno per le wick).


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


8 commenti su “Silica Wick “Braided”: testiamola. Agg.x1: conclusioni.

  • alex

    ciao michele! già provata e a mio parere, a parte il fatto che è bella tosta quindi maltrattabile, l’unica differenza tra questa e quella “classica” è solo che questa costa di più…
    fortunati voi che riuscite a comprare da svapobar!

  • ramsat

    Buongiorno Michele, anche io la presi tempo fa’ non e’ male, e il suo intreccio si presta bene al ripetuto tocco durante la res,piccola correzione al tuo post 1,9 ohm ok va bene ma parto da 2.4 ohm magari no forse 12,4 watt e’ meglio ( errore di battitura) 😀

  • hackerino

    Ciao Michele,solo per dire la mia,da circa 20 gg svapo con la Braided Silica Wick di fasttech 3,72$ x 5 metri,con grande meraviglia da parte mia la trovo ottima.Svapo con 2 kayfun ,stesso liquido wick diverse uno monta la 0,3 di zivifit l’altro quella di fasttech ,non noto differenza.volendo la consiglierei.Ciao e grazie per le cose che mi ai insegnato in questo mio anno di svapo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie 🙂
      Ecco a codesto prezzo ha un senso !
      Puoi postare il link del prodotto ?

  • tony.vaper
    tony.vaper

    Ciao Michele stavo pensando di fare un ordine da .zivipf e ho visto questo khantal http://www.zivipf.com/epages/63862298.sf/de_DE/?ObjectPath=/Shops/63862298/Categories/%22Kanthal%20Heizdraht%22/Kanthal_D_Flachdraht essendo flat dovrebbe occupare una superficie maggiore della wick, di conseguenza aumentare la quantità di vapore. OK! Questo è il punto essendo ignorante in materie scientifiche e annesse poiché mi occupo di tutt’altro non riesco a capire che tipo di filo devo prendere per fare le solite 5 spire visto che io rigenero con khantal 0.22. Ti volevo chiede anche un’altra cosa avevo un progetto, una box mod tipo la tua comodino ossia 2 18650 con boccetta ecc tipo quella di svapiamo.org con circuito annesso solo che sono impedito una mano? grazie in anticipo qualsiasi sia l’esito della risposta alla seconda domanda 😀

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Se usi lo 0.22 ti suggerisco di provare lo 0.4×0.1. Tieni presente che lo 0.5×0.1 è più resistivo per metro rispetto allo 0.3×0.1.
      In pratica più è largo e più è resistivo e quindi meno te ne serve per ottenere la solita resistenza.
      A me il D flat (ribbon) non ha fatto impazzire, però è un’esperienza da fare.

      Per la box guarda, purtroppo il tempo libero è quello che è e ne ho davvero poco per riuscire a fare quello che vorrei fare per questo non posso aiutarti mi spiace anche perché tutto sommato oggi una box finita, parlo di svapiamo, non costa cifre assurde e non pensare che un lavoro del genere io lo farei “gratis” e alla fine spenderesti forse di più perché non essendo “industrializzato” ci metterei comunque un bel pò 🙂

I commenti sono chiusi.