SS Dripper Atomizer by Leo 15


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 6981 volte.

Al costo di 35 € su Ecig.eu mi sono preso questo atomizzatore.

Un atom rigenerabile per dripping e per sistemi bottom feedeer.
Fondamentalmente si tratta di un eBaron Dripper Spiral con un cap superiore diverso, probabilmente meno bello ma che costa circa 25 € in meno.

E’ in acciaio e al suo interno trova posto una ceramica, la stessa di tutti gli atom di Leo e dell’ARB.
Questo atom, al pari dell’ARB e degli altri di Leo, necessita di filo resistivo e filo non resistivo ma a differenza dell’ARB non ha antipatici tubicini in silicone.

Come fattura è fatto bene, niente da dare. Vale i soldi che costa.

IMG_20140214_150314

IMG_20140214_150322

IMG_20140214_150329

IMG_20140214_150350

Come vedete arriva rigenerato e pronto all’uso ma per una questione “igienica” ho preferito smontarlo e lavarlo.
Come notate il pin è piuttosto sporgente, non so perché ma non mi piaceva per niente e cosi ho preso la palla al balzo visto che qualcuno mi aveva chiesto info a riguardo e ho rimosso il pin centrale che è montato a pressione.

IMG_20140214_150723

Come si nota l’isolante è un banale pezzo di qualcosa tipo PVC piuttosto spesso e rigido e che se montato male (come questo esemplare) impedisce al pin di ruotare.
La rotazione del pin fa comodo quando si deve rimuovere la ceramica, poi ne parleremo.

Come si nota dalla foto sotto il pin non è poi troppo diverso da quello di ARB, ricavato da un CE2:

IMG_20140214_150917

Poiché il principio di aggancio è il medesimo ho preso una guarnizione di quelle che avevo preso su Internet tempo fa e ho deciso di usare quella.
A scanso di equivoci vi dico che qualsiasi guarnizione di atom vecchi o connettori 510 o CE2 va bene per lo scopo.

IMG_20140214_151110

L’unica piccola modifica che si deve fare, aiutandosi con una fustellatrice, è quella di fare 2 asole contrapposte nella parte larga (lato attacco) nella guarnizione di silicone per essere sicuri che i fori dell’aria non vengano occlusi, in questo modo:

IMG_20140214_151218

IMG_20140214_151256

Una volta montato come vedere il pin fuori esce una cosa giusta !

IMG_20140214_151348

A questo punto sono passato alla rigenerazione.
Ho utilizzato una wick da 3 mm di Zivipf (gran bella wick, scricchiola tra le mani), filo non resistivo nichel da 0.20 e resistivo khantal A1 da 0.20.
Ho fatto 2 spire e mi sono aiutato con il joiner.

IMG_20140214_152019

IMG_20140214_152127

La wick l’ho infilata intorno alla ceramica alla meno peggio ma in questo tipo di atom il corretto posizionamento della wick può fare la differenza, in particolare ridurre la frequenza di squonkata.

IMG_20140214_152339

Montato nell’Hammond DNA30D si presenta cosi:

IMG_20140214_152702

Prime impressioni

E’ a tutti gli effetti un eBaron Dripper Spiral.
L’ariosità è buona, è sensibilmente meno arioso rispetto all’ARB, ma poca roba.
La produzione di vapore è buona, cosi come la resa aromatica e l’hit.
Temperatura del vapore buona.
Insomma, funziona praticamente come l’ARB.
L’unico difetto che ha è l’autonomia di squonk, la frequenza di squonk è abbastanza alta (lo avevo detto e notato anche per lo Spiral) ma ora che me lo sono comprato ci studierò sopra per vedere se ci sono margini di manovra.
L’altro difetto che ha è il discorso della ceramica che va pigiata nel pin centrale e poi a toglierla può a volte essere una gran rottura.

Ma di sicuro vale i soldi che costa e siccome spesso mi viene chiesto dove e come fare per trovare un ARB vi dico apertamente … prendetevi questo e non avrete bisogno di cercare un ARB.

Continuerò ad usarlo per recensirlo ma non mi aspetto sorprese.

Aggiornamento del 15/02/2014: Seconde impressioni

Dopo una boccetta svapate confermo le mie prime impressioni.
A parte una frequenza di squonk altina (ma conto di fixarla alla prossima rigenerazione, vedremo) l’atom funge veramente bene.

Aggiornamento del 19/02/2014

OK, promosso.
Dopo aver modificato ulteriormente il gommino del pin ritengo di promuovere questo atom.
Cosi come viene fornito soffre di ariosità … ridotta e cosi mi sono attrezzato per risolvere il problema.
In pratica ho usato il gommino bianco delle Head degli Evod BCC, è perfetta.
Di fatto va tenuto il pin un pò sporgente e si deve moddare il gommino affinché non copra i fori dell’aria nel connettore.
Cosi diventa arioso come piace a me.
L’unico difettuccio che rimane è che la frequenza di squonk è elevata ma non lo vedo come un grosso difetto.
Il discorso dell’ariosità è soggettivo e a qualcuno potrebbe piacere pure cosi.

Video recensione e rigenerazione e tutorial sostituzione guarnizione pin:


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


15 commenti su “SS Dripper Atomizer by Leo

  • creedrob

    Bello e a un buon prezzo, io per lo più uso l’Arb mi piace l’ariosita quindi con la fresina diamantata ho allargato tutte le ceramiche per farle entrare bene nel Arb senza il tubettino di silicone, l’inconveniente è che ora nello spiral ci sguazzano e per fargli fare contatto devo mettere a doppio il no res dentro 🙂 male da poco….
    Pensi basti allargare un pochino i fori sul 510 dello spiral per farlo diventare più arioso?
    che poi va bene diciamo solo che un po più arioso sarebbe ottimo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      No, è una questione di diametro interno del pin.
      Dovresti recuperare un pin di un ce2 … 😉

  • Vapoelkann

    ….mi permetto….per rimuovere la ceramica io inserisco un cacciavitino a taglio (o anche una graffetta puo’ andar bene) sotto il “bicchierino” di ceramica passando nelle asole (dove passa il negativo ) e faccio delicatamente leva da un lato e poi dall altro

  • v-ss

    Ciao Michele,seguo il consiglio,come ho fatto con lo Spiral e mi ci trovo,l’ho ordinato ieri.I coccodrilli nuovi del Joiner invece dove li hai presi?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Devi chiedere a winky su esigforum, me li ha dati lui e ti assicuro che sono una figata spaziale 🙂

  • v-ss

    Ok provo,mi devo ancora iscrivere.Ti ringrazio,nei negozi di elettronica nella mia zona hanno solo quelli normali non piatti come quelli …..

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Idem da me 🙁
      Con quelli li stringi la wick avvolta con il resistivo e non gli fai un solo graffio 🙂
      Idem il no res non gli fa nessuna tacca.

I commenti sono chiusi.