SX Mini by YiHi – Agg. x2 Recensione 33


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 15001 volte.

Ordinata ieri sera verso le 18 qua da Teknosvapo è arrivata questa mattina alle 10.
Prima di parlare dell’oggetto due annotazioni:
– ho deciso di prenderla in Italia in questo negozio perché il prezzo era il medesimo negli shop europei “polacchi” dove solitamente “acquisto” ma a parità di prezzo preferisco comprare in Italia e questo da sempre: va detto, a riguardo, che purtroppo molti shop italiani nell’ultimo anno hanno chiuso i battenti ma quelli che sono rimasti aperti, quasi tutti, si sono allineati come prezzi al resto d’Europea mentre fino ad un annetto e passa fa c’era una forbice di prezzo spesso ampia;
– parliamo di SDA: ordinata ieri alle 18 oggi alle 10 è arrivata; nel web si leggono tante robe negative di questo corriere purtroppo ma io, ad onor del vero, posso solo parlarne che bene perché mai, dico mai, ho avuto problemi. E lo stesso con Bartolini, GLS … DHL e tutto gli altri. Qua a Siena probabilmente viviamo in un “isola” felice (!).

Parliamo adesso di questa box battery di YiHi.

Non vi nascondo che da quando mi sono fatto l’Hammond con l’SX350 ho iniziato ad apprezzare il circuito SX in maniera importante e quindi l’idea era quella di avere anche una box con tale circuito ad uso esclusivo “Box Battery”.
Poiché l’SX350 normale già lo avevo l’idea era quella di provare la versione “Mini” … ma il discorso era: spendere 80 € per un circuito e girarsi le scatole per montarlo in una box oppure prenderla già fatta ? Ho optato per la seconda soluzione e da qui l’acquisto della SX Mini.

Ma perché l’hanno chiamata SX Mini ?
Io l’avrei chiamata solo SX … perché di Mini ha poco o nulla.
Ma questo non è un problema, è solo una constatazione.
Forse l’avran chiamata “Mini” perché monta il circuito SX Mini.

Press Fotografico

DSC_6935

DSC_6938

DSC_6939

DSC_6940

DSC_6941

DSC_6942

DSC_6943

DSC_6944

DSC_6945

DSC_6946

DSC_6947

DSC_6948

DSC_6949

DSC_6950

DSC_6951

DSC_6952

DSC_6954

Caratteristiche Tecniche

Non vi sto ad elencare tutte le caratteristiche tecniche mi limito a citare quelle che ritengo più interessanti:
– 60w di potenza massima con una batteria;
– 0.15 ohm di resistenza minima ammessa;
– 195 gr di peso con batteria;
– pin non è regolabile, è a molla;
– 3 tipi di erogazione: soft, standard e powerfull.

La scocca è tutta in alluminio anodizzato veramente piacevole al tatto. Il connettore è in acciaio e le parti di contatto in ottone.

Prime impressioni

L’oggetto, indubbiamente, trasmette positive sensazioni di solidità.
La fattura sembra di buon livello e l’unico difetto (peccato) riguarda una leggera magagna nell cover “nera” (vedi foto sopra) ma per il resto è fatta davvero molto bene.
Il display indica anche i joule ma siccome ancora non ho capito a cosa servono (sia chiaro, neanche mi sono informato a riguardo) per ora resterà un numerino senza significato :D.
L’impugnatura è gradevole: la dimensione “giusta” per le mie mani assicura un ottimo grip e anche al tatto la sensazione è positiva ma purtroppo anche in questo caso devo segnalare due cose che a primo impatto non mi sono proprio piaciute tantissimo:
– il fatto che la parte inferiore presenta TROPPI angoli vivi che quando si tiene il mignolino sotto si fanno sentire e grazie al peso complessivo dell’oggetto risultano anche fastidiose: se il mignolo sotto non si mette ma si impugna come una pistola non ci sono problemi;
– il tasto di attivazione al momento è duretto ma diversamente dalla Cloupor Mini qua la superficie di appoggio è enorme per cui si riesce a spalmarci sopra il pollice e con una forza giusta si attiva senza problemi: invece quando si tiene al contrario e l’attivazione la si fa con l’indice dunque lo sforzo diventa importante.
Il tipo di erogazione (soft, standard e powerfull) a parità di watt restituisce realmente una sensazione diversa e per ora è presto per parlarne ma sono sicuro (cosi a naso) che per quanto concerne la resa aromatica questa funzione su alcuni atom potrebbe rilevarsi davvero molto molto utile. Vedremo.

Il pin non è regolabile e qui mi è caduto un pò l’asino … cosa gli costava farlo regolabile ?
Indubbiamente:
– chi non usa sistemi a mesh non ha problemi;
– chi usa sistemi a mesh ma senza pin regolabile avrà dei problemi !.

In conclusione le prime impressioni sono neutre … nel senso che la box è bella, è fatta bene, ha uno spunto in erogazione immediato, erogazione piacevole e regolabile, si impugna bene ma quegli angoli vivi sotto sarebbe stato meglio arrotondarli un pò … e anche il pulsante un pelo più morbido non avrebbe guastato.

Considerazioni sul prezzo

160 euro per una box cinese made in china non sono pochi. Assolutamente no.
Questa Yihi è entrata a gamba-tesa nel mercato proponendo ottimi circuiti a prezzi stellari. Io all’inizio pensavo che avrebbero presto rivisto al ribasso i loro prezzi ma il tempo gli ha dato ragione poiché i circuiti SX si stanno dimostrando molto affidabili e anche i modder più quotati li stanno adottando. Indubbiamente il fatto che si possano aggiornare è un bel plus. O forse, semplicemente, è la stessa Evolv (che non li fa aggiornabili e che ogni 2 giorni esce con una variante diversa …) che con il suo modo di fare ha favorito YiHi.
Fatto sta che il prezzo io lo ritengo un pò alto considerato l’oggetto.
Il prezzo giusto secondo me sarebbe dovuto essere sui 120-130 €.
Ma c’è di peggio, sia chiaro.
Indubbiamente una box cosi non ha nulla da invidiare alle prime ANAL-Modz che costavano quasi 300 € ed avevano il connettore 510 cinese da 1$ venduto da Alibaba. Giusto per dire le cose come stanno senza peli sulla lingua come sono solito fare :D.

Aggiornamento del 12/02/2015 – Modifica

Ho rimosso la parte in cui dicevo che se si ha un pin regolabile si può comunque usare un sistema genesis dopo aver smontato la box e aver visto com’è l’impianto interno del connettore.
In pratica il pin positivo è all’interno di un cilindro in delrin sostenuto da una molla. Se si preme forte il pin prima si muove per 1 mm circa solo il pin centrale (ottone) mentre, insistendo, si muove tutto l’impianto in delrin.
Più si preme più aumenta la forza della molla e quindi se è vero che regolando il pin di un genesis si trova la posizione giusta è anche vero che si fa a sforzare in modo innaturale il blocco del pin centrale che evidentemente non è pensato per uno scopo del genere.
Uno scatto della box smontata.

20150212_221013

Per smontarla è facile, si tolgono le 3 piccole torx e si apre facilmente. Ottima cosa questa per eventualmente programmare una pulizia accurata con isopropilico dopo un bel pò che la si usa.

Aggiornamento del 14/02/2015 – Agg. x1 Prime Impressioni

L’ho usata tutto ieri e tutto oggi.
Con una INR18650-25R Samsung a 15w e 1.39 ohm su Kayfun v4 ho svapato circa 8 ml di liquido: un’ottima autonomia, allineata al SX350 normale e al DNA40.
Ho avuto modo di giocare con le tre modalità di erogazione soft, standard e powerfull e effettivamente c’è una differenza marcata almeno tra soft e powerfull: addirittura l’hit è diverso.
Purtroppo in questo stato post-influenzale e ancora semi-raffreddato non posso dirvi di più riguardo la resa aromatica a riguardo ma sicuramente ne verrà impattata e ne riparlerò più avanti.

Per ora posso dire che arrotondati gli spigoli vivi sotto l’unico difetto rimane il discorso del pin flottante e del pulsante di attivazione un pelo duretto (mi sto abituando) ma per il resto sembra essere un buon oggetto solito e piacevole da tenere in mano.

Video Prime Impressioni:

Aggiornamento del 11/03/2015 – Recensione

A distanza di un mese dall’acquisto ho rivenduto l’SX Mini.
Ho preferito venderla per monetizzare dato che comunque la roba per svapare non mi manca.
L’ho usata parecchio e sono pronto a dare il verdetto finale: rimandata a settembre.
La promozione manca perché:
– alcuni angoli, nativamente non arrotondati, la rendono scomoda a tenerla in mano (come l’ho fixata io è perfetta invece);
– il pulsante di attivazione, seppur grande, è comunque un pelo troppo duro da premere;
– il pin non è regolabile.
Per il resto è un’ottima box battery.
Robusta, costruita e realizzata con cura e con un circuito che davvero nulla ha da invidiare ai vari DNA di Evolv anzi … se ora come ora dovessi scegliere tra DNA30 e SX 350 Mini sceglierei ad occhi chiusi il circuito di casa YiHi.
E’ efficiente come il DNA e con le 3 regolazioni di erogazione permette di adattarlo ad ogni tipologia di svapo e tank.
Il peso è un peso normale. Certo non è leggera ma neanche esagerata.
Anche le dimensioni sono perfette.

La consiglierei ? Solo se dovessero aggiornarla con almeno gli angoli arrotondati e il pulsante meno duro. Altrimenti no.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


33 commenti su “SX Mini by YiHi – Agg. x2 Recensione

  • gigetto

    Michele ma secondo te in un rapporto Q/P quindi slegando mode e miti, questa vale 160€ oppure stavolta anche i cinesi han capito come gira il mondo? Ossia se la Istick 30w qua da noi costa 50€ centodieci dindi in più per questa sono giustificati/giustificabili?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Diciamo che i cinesi sia con queste che con l’istick hanno iniziato a capire come lavorare piuttosto bene.
      Istick e SX Mini però non sono paragonabili come tipologia di prodotti e anche come prestazioni di elettronica.
      Chiaramente il rapporto qualità prezzo verte decisamente a favore dell’Istick.

  • Sotomayor

    Grazie per avermi fatto finalmente capire l’utilità del supporto per atom di FT! 😀

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      LOOOOOOOOOOOL
      Ho dovuto rileggere il tuo commento 3 volte per capire !!!

  • gandalf2000

    Michele riguardo al pin regolabile purtroppo devo rilevare che, contrariamente a quanto tu dici, chi ha il genny col pin regolabile NON SÌ SALVA. Infatti, con questo attacco a molla, regolare il pin dell’atom non fa sì che si possa orientare il foro dell’aria a piacimento. Quello che conta é l’attacco 510 dell’atom e quello purtroppo è fisso. Si va culo e stop.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Boh ! Io ho provato al volo con il Vektor e non ho avuto problemi … è ovvio che l’atom sotto non va in battuta, resta sollevato di circa mezzo millimetro. Il pin non scende all’infinito, ha una corsa di 2-3 mm max.

      • Stefano M.

        Vado un po’ fuori tema , ma secondo te la funzione temperatura è utilie oppure se ne può fare a meno…

  • Roberto-Francesco

    Michele ottima box questa,sai io la volevo prendere e da un pò che ci faccio il pensiero,giuro che se fosse costata tra i 100 o i 120 euro non avrei perso tempo,pultroppo per ben 3 volte su 3fvape che costava 47 dollari mi è sfuggita,perciò dico,cavolo perchè la devono vendere tanto? se 3fvape la vendeva 47 dollari quando la avranno pagata loro? siccome la cinese Gina di 3fvape mi ha detto che la yihi da solo 100 pezzi a negozio,quindi da loro non sarebbe stata più disponibile.Ora mi riallaccio al discorso che facevo prima: i negozianti ci marciano perchè hanno capito che noi e la nostra scimmia non la sappiamo tenere ha bada,capisco spese,luce,tasse ma cavolo 160 euro na cinesata mi fa girare le p…..,pultroppo io ho provato ad acquistarla in cina a 47 dollari ma non ci sono riuscito.Ora ti chiedo a te Michele: tu cosa mi consigli, di comunque acquistarla nonostande il suo prezzo oppure non e una grande perdita.Grazie mille per la tua grande disponibilità.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Peró ocio da 3fvape é un clone … ho scritto sia a Yihi sia a 3fvaper per fonferma ed entrambi hanno confermato … circuito e scocca ‘clone’. Altrimenti l’avrei già presa :).

  • Alberto1969
    Alberto1969

    Ciao Michele scusa se vado in OT.
    Che tipo di dip tip stai usando sul Kay in questo video? (Mi piace parecchio……..)
    Complimenti per il video!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Uno in delrin che mi sono fatto al tornio e che riprende grosso modo la forma del tip del kay v3.1.

  • Nicola Zener

    Ciao Michele, seguo con interesse la recensione di questa SX mini già in mio possesso, ti faccio i miei complimenti effettivamente i difetti che hai citato ci sono ma rimane una box di tutti rispetto :), si parla anche dell’uscita della SX Mini M Class con il controllo della temperatura come il DNA40, mi sono visto fregato perché se avessi aspettato qualche mese, avrei preso direttamente quella 🙂 Spero di poter leggere un recensione anche su quella box 🙂 Continua così Michele!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sarebbe interessante riuscire a sostituire il circuito 🙂

  • Desmoboss

    Ti seguo da parecchio e mi stavo proprio chiedendo quando avresti fatto la recensione di questo prodotto.
    Ne sono felice possessore da una settimana, ma ci tenevo parecchi a sentire un tuo parere, come ero certo
    che ne avresti parlato bene. E’ un buon prodotto.
    Tutte queste chiacchiere per farti complimenti sinceri, sei un faro per molti.

    Vai Michele e, buona guarigione 😉

  • gasber

    ciao Michele
    dopo un continuo peregrinare all estero per lavoro (6 mesi) sono tornato a casa quindi eccomi qua a salutarti e congratularmi con te per la tua continua dedizione allo svapo. volevo chiederti una cosa scusami per off topic ho una sva meccanica versione 4 e volevo farla diventare elettronica e mettere su una vaschetta ufo in modo che potrei usarla sia in BF che in versione BB. Secondo te è possibile? purtroppo io questi lavori non so proprio come farli e mi servirebbe un tuo consiglio.
    A proposito le hammond che ti costruisci sono davvero belle peccato che senza offesa tu non ne scambieresti una delle tue bf con la mia o si?
    Ciao Michele buona guarigione

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie 🙂

      Se da meccanica BF vuoi renderla “solo box battery” elettronica secondo me è un lavoro che si può fare 🙂
      Però cosi la rovini, secondo me ti conviene rivenderla prendendoci dei buoni soldini da reinvestire con qualcosa che faccia al caso tuo.
      Tra l’altro in pochi si fiderebbero a metterci le mani per paura di rovinarla, forse ti farebbe il lavoro Giacomo, lo hai sentito ?
      Per lo scambio ti ringrazio ma con una meccanica davvero non saprei che farci 🙂

      • gasber

        No Michele Giacomo non l’ho sentito ma tra l ‘altro non lo farebbe poichè è pieno di impegni comunque io volevo farla diventare big battery ma sempre bottom feeder però. Comunque forse farò come dici la venderò e magari ne prenderò una con circuito, immaginavo che non ne avessi bisogno grazie lo stesso io ci ho provato ciao michele vai sempre alla grande

  • Vessi7

    Ma come fai a fare quelle mega svapate tipo vaporella? Provo a studiare la tua tecnica da settimane ma nulla

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Per ora mi ci sto trovando bene, in futuro vedremo.

  • murcino

    Dopo aver visto il tuo articolo mi son fiondato ad acquistare la versione nuova M class.
    Non lo so se i cinesini della Yihi ti leggono il blog ma si sono accorti degli angoli vivi ed hanno provveduto… ora è stondata anche sugli angoli in basso che prima erano a 90°.
    Ed io che mi ero preparato con la tanto di lima e carta abrasiva… 😛 😛

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheeh ho visto, ora è perfetta
      ottimo acquisto 😉

      • murcino

        a tal proposito hai avuto modo di testare le modalità di erogazione soft, standard, power, power+ ed ora hanno anche aggiunto una ulteriore “Eco”… A me le due power danno l’impressione di spingere tanto in alto, ma proprio tanto…

I commenti sono chiusi.