Taifun GT v2 (GT-T V2) Clone by Fasttech – agg.x3 Video Recensione 43


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 11161 volte.

Con il Taifun ci eravamo lasciati alla prima versione che ebbi modo di provare sia originale che clone.
Con l’originale tutto ok mentre il clone (uno dei primi cloni che prendevo su Fasttech.com) se ricordate non mi entusiasmo per niente.
IL Taifun v2 originale non ho avuto mai modo di provarlo anche perché come sistema, ell’epoca della wick, non è che mi avesse particolarmente impressionato ma considerando il cotone ho deciso di provare questo v2 … clone.
Lo Sku che ho preso io è questo.
Oltre al clone ho preso anche un pò di ricambi, in particolare:
– una base di ricambio che non è proprio identica a quella del clone ma nel complesso è fatta discretamente: questa;
– due tank stile “Bell Cup” che sono fatta davvero stupendamente e l’unico difetto che hanno è che ti fanno perdere un pò di capienza: questo;
– un tank in pirex “opaco” che sembra fatto piuttosto bene: questo;
– un tank in pirex “scuro” che vi SCONSIGLIO vivamente poiché scolorisce (vedi foto sotto): questo.

Un pò di foto di questo clone.

Questo è quello che riceverete con lo Sku del clone (nella foto manca l’anello di regolazione dell’aria, my fault):
– kit orings di ricambio (con il solito cacciavite a croce blu, wick e filo resistivo);
– il Taifun completo;
– un plexy di ricambio.

DSC_7328

Questo è quello che ho preso “extra” (vedi sopra). Da notare il tank “scuro” che ho fotografato proprio dal lato dello scolorimento e ve lo risconsiglio vivamente:

DSC_7329

La base:

DSC_7330

DSC_7331

La parte superiore:

DSC_7332

DSC_7333

Per la prima rigenerazione in assoluto mi sono affidato ad un semplicissima bullo coil (M3) con khantal A1 0.28 e 6-7 spire.

DSC_7335

DSC_7336

La torre pendente … (colpa mia, non lo avevo messo dritto me ne sono accorto solo dopo …):

DSC_7337

Una volta caricato si presenta cosi:

DSC_7338

DSC_7339

A confronto con il Kayfun v4 clone Infinite:

DSC_7340

Indubbiamente come clone è fatto realmente molto bene.
Qualche segno di lavorazione qua e la c’è ma veramente niente di importante. Le filettature sono tutte ok e le orings pure (ironia della sorta ci sono 2 nel kit ricambio che sono praticamente inutilizzabili). Insomma dal punto di vista di fattura nulla da dire.
Per quanto riguarda il funzionamento ora che scrivo queste poche righe sono a metà del primo tank. Sono a 13w con l’Istick e sta iniziando a rendere discretamente (resa aromatica).

Comunque, un breve riepilogo “prime impressioni”:
– la regolazione dell’aria c’è ed è viva e vegeta (!): sto usando 3 fori su 5 scoperti;
– si alimenta bene (a 13w);
– la produzione di vapore a questo wattaggio non è importante come quella di un Kay v4 a 16w ovviamente, è soddisfacente;
– come hit e come resa non sembra male;
– unico neo la temperatura del vapore che a questo wattaggio non è elevata e risulta un pò tiepida.
Ma ripeto, siamo alle primissime impressione che nel complesso sono soddisfacenti.
Avremo modo di riparlarne con calma.

Aggiornamento del 06/04/2015 – Agg.x1 Cotone wick e mesh … mah …

Sfruttando questi giorni di festività mi sono divertito a provare vari setup con questo clone. In realtà ho buttato un bel pò di tempo perché a conti fatti sono tornato al punto di partenza.

Con il cotone ho provato anche la soluzione del “tutto dentro” senza cotone che esce dalle asole. Si alimenta piuttosto bene e permette di svapare sui 14-16w senza grossi problemi.
Probabilmente questo setup assieme al cotone “passante” è il miglior setup per questo clone.

Versione “tutto dentro”:
001

Versione “passante”:
007

Visto c’ero ho provato anche con la mesh.
Ero terrorizzato dal fatto che si sarebbe potuto allagare. Macchè, ho avuto l’esatto opposto problema … non si alimenta ! Ho provato con mesh 500 prima e mesh 325 dopo, un rotolino largo 17 mm e lungo quanto bastava.
Il problema è che se si pretendo uno svapo compulsivo continuato dopo 3-4 tiri va in secca a neanche 12w. Tiene i 10w continuati, a pelo.
Chiaramente sono troppo pochi 10w per un sistema del genere cosi lungo poiché l’aria arriva pseudo freddina e comunque tutte le prestazioni sono in linea di massima castrate.

002

003

004

Con la wick speravo di avere un pò di fortuna e invece ho riscontrato grosso modo gli stessi problemi che avevo trovato all’epoca con la v1. Ossia che non è affatto regolare.
A volte si alimenta a volte no … se si ha la pretesa di salire con i watt bisogna arrendersi anzitempo perché anche qui tenere i 12w con svapo compulsivo è davvero difficile.
Ho provato con la 2.5 sfilacciata e con la singola da 3 ma non ci sono grosse differenze proprio si alimenta a stento.

005

006

Di questo clone si salva la regolazione dell’aria che c’è e funziona discretamente.
Per il resto secondo me l’asola è troppo piccola (è a malapena 2 mm) per dare spazio alla fantasia e ogni setup è praticamente obbligato. Tra l’altro osservando le foto dell’originale sembra proprio che abbia le asole ben più grandi di questo clone e chiaramente con le asole più grandi il liquido passa meglio c’è poco da fare.
Solo a cotone funzione in modo quasi decente ma nel complesso non cambierei mai il Kay v4 per questo Taifun.
Proverò a moddare le sedi delle asole per portarle sui 2.5 mm per capire se cambia qualcosa oppure no.
Il cap superiore del camino non lo si può tenere “più aperto” perché altrimenti quando si svita il tank per ricaricarlo il pezzo viene via quindi in fase di rigenerazione va serrato a battuta, non ci sono alternative :).

Aggiornamento del 07/04/2015 – agg.x2 Asole allargate

Ieri sera ho deciso di procedere con l’allargamento delle asole.
Per allargarle ho usato il dremel (clone) con una punta diamantata ossia una di queste:

76-361-thickbox

L’asola originale era in grado di ospitare una punta di 2.00 mm (al pelo).
Dopo la modifica per la quale ho impiegato circa 5-6 minuti (è veloce e facile) nella sede ci passa (precisa) una punta da 3 mm.

Ho quindi provato le seguenti rigenerazioni:
1) Tripla wick da 1.5 mm.
Con questo setup, alleluia, si allaga. Quindi c’è margine di lavoro.

20150406_203828

20150406_203836

20150406_204006

2) Tripla wick da 2.5 mm.
Con questo setup si alimenta bene per reggere sui 12-12.5w con svapo compulsivo-continuato.
Ne deduco (ma non ho ancora provato) che con una tripla da 2.0 mm si raggiunga la “perfezione” per un’alimentazione bella grassa con wick.
Con calma proverò.

20150406_204838

3) Cotone su coil passante diametro 3 mm.
Ero curioso di vedere come andasse con il cotone e l’asola allargata e la modifica secondo me è da fare a occhi chiusi.
Se è vero che non mi sono spinto oltre i 15w (per il liquido che uso sono sufficienti) è vero che l’afflusso di liquido alla coil è decisamente maggiore e questo rende lo svapo più grasso e “pannoso”.
Nell’occasione ho montato anche il tank corto in plastica. Questo porta la capienza da circa 4.5 ml a poco meno di 3 ml. In compenso il tutto viene molto più corto e decisamente meno peso. Ma non solo, accorciando il tutto e togliendo metallo sopra il camino ne consegue che la temperatura del vapore arriva in bocca ad una temperatura decisamente più piacevole rispetto ad un pari wattaggio e tank in metallo.

20150406_214716

Insomma con la piccola modifica sembrerebbe che questo clone possa diventare piacevolmente utilizzabile, vedremo.

Aggiornamento del 11/04/2015 – Video Recensione

Verdetto: rimandato a settembre.
Questo perché cosi come arriva è castrato nelle prestazioni.
Tuttavia una volta moddato (vedi sopra) il suo funzionamento è davvero ottimo e poco o nulla ha da invidiare in termini di resa (hit, resa aromatica) al Kayfun v4.
Nel setup del video, come vedrete, io metto a doppio il cotone: lo consiglio a chi come me usa basi 55/35/10 o comunque poco dense mentre se usate 50:50 o giù di li non serve la doppia piega.
Lo consiglierei solo se siete in grado di moddarvelo: si tratta di portale le asole a 3 mm di larghezza contro i 2 mm con le quali arriva da Fasttech.
L’unico vero difetto che ha è il camino che non ha una posizione di blocco stabile e questo obbliga ad essere delicati quando si mette il tank: suggerisco di bagnare il tutto con liquido la prima volta in modo da ridurre gli attriti e poi dalla seconda ricarica tutto fila liscio.
La regolazione dell’aria è ottima ma tutto aperto non vi aspettate un tiro particolarmente arioso.

Buona visione (audio di migliore qualità, poi ditemi se effettivamente notate differenze a riguardo oppure no …).


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


43 commenti su “Taifun GT v2 (GT-T V2) Clone by Fasttech – agg.x3 Video Recensione

  • Stefano M.

    Ciao Michele, io sono un po’ di parte perché sono innamorato del Taifun GT clone, l’originale costa troppo per le mie finanze, e secondo me questo funzionerà sicuramente meglio..
    Per la rigenerazione dai un’occhiata qui http://www.smokerstore.de dove troverai sul pdf del taifun II tre varianti a cotone, io sto usando la C, provala per curiosità..

    Ciao

      • Stefano M.

        Ciao Michele, sbaglio o il tuo clone non ha la regolazione del liquido come l’originale? Praticamente puoi regolare il tappo della coil per aumentare l’apertura?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Il tappo sopra è a vite e lo sistemi a piacimento regolamento l’altezza della finestra ma non è che c’è tutta questa regolazione sia chiaro.

          • Stefano M.

            Si infatti, io ho il taifun vecchio ed è come il tuo, quello nuovo ha l’oring che ha 3-4 mm di regolazione per aggiustare l’apertura secondo la grandezza della wick, vai a vedere l’originale e vedi bene di cosa parlo, chiaramente sono piccolezze che non comporteranno il buon funzionamento credo..facci sapere come va che voglio prenderlo anche io……
            Come sempre grazie Michele.
            Ciao

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              No, non c’è nel clone codesta possibilità 🙁 però si alimenta bene e non perde e non si allaga.

  • falch3tto

    Ciao Michele,
    A quanto vedo il funzionamento è simile ad un bcc kanger giusto? Però ho un dubbio. Vedo dalle foto che il cotone che sta nel tank non è in basso, ma un po più in alto. Quando il liquido scende sotto al cotone?

    Inoltre volevo chiederti un parere…. Su ft ci sono un sacco di box vw con potenze enormi, con batterie estraibili o senza, di ogni forma e dimensione e con circuiti che lavorano in subohm e con tanto di controllo di temperatura e prezzi dai 30 ai 60$…. Secondo te sono validi oppure meglio evolv o sx?

    Grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Il funzionamento è tipo i kanger, il cotone è sullo stello livello della coil.
      Per i circuiti indubbiamente sx e evolv sono i migliori ma per esempio quelli delle istick sono anche loro ottimi circuiti. Diciamo che oramai, cloni compresi, tutti i circuiti sono su ottimi livelli.

  • xxxfabioxxx

    Ciao Michele il tuo ha le scritte Taifun Gt 2? Su Fasttech lo fanno vedere senza scritte.
    Io ho il Taifun vecchio modello e mi ci trovo benissimo.
    Lo volevo comprare anche io ma poi su dei tutorial su youtube ho visto che le o-ring non tenevano bene e che per non farle perdere occorre metterci sotto del teflon e non mi va di svapare il teflon.
    Allora ho ripiegato su questo http://www.fasttech.com/products/2035100 che dovrebbe essere un simile : la copia della copia della copia che ne pensi ?
    Ma se dici che a te funziona bene senza sbrodola menti me ne pento.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Non sbrodola ma ancora è presto per tirare le conclusioni.
      Diciamo che per il momento non lo trovo particolarmente performante. Si funziona, ma il Kay v4 funziona meglio. Ma sono solo all’inizio, dammi tempo :).

  • angelox
    angelox

    Michele, sul mio clone v1 arrivo tranquillamente a 15 watt senza alcuna perdita di resa aromatica … anzi.
    Se posso permettermi di darti un consiglio, appena avrai modo, prova lo stesso setup a wick che hai usato nel Kay4, wick rigorosamente da 3mm. In ogni caso, cerca di farla a microcoil, ti garantisco che il risultato cambia.

  • Stefano M.

    Ciao Michele, come ti avevo accennato il nuovo Taifun V2 ha la regolazione del liquido proprio per farlo alimentare bene, sicuramente il tuo è identico al vecchio, se aumenti le asole avrai un miglioramento… Nel nuovo poi hanno anche fatto una testina con asole ancora maggiori per l’uso con il cotone, comunque quando riesci a farlo andare questo atom è eccezionale secondo me chiaramente…

  • Sting71

    Michele ricordo che ai tempi del test dell’Eviva avevi fatto una tabella di comparazione tra i vari atom.
    sarebbe interessante aggiornarla, aggiungendo questo Taifun, il Kayfun 4, il Rose…….
    Che ne pensi?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      🙁 hai ragione ma il tempo purtroppo è maledetto 🙁

  • Stefano M.

    Ero sicuro che ti sarebbe piaciuto, bella modifica proverò a farla anche nel mio vecchio Taifun GT..

    Ciao

  • batista04

    Ciao Michele bella recensione come al solito, saresti così gentile da darmi il link dei tip che hai preso da ft? (Quello bianco)
    Grazie

  • Roberto-Francesco

    Ciao Michele,coma al solito ottima recensione,volevo chiederti se mi dai un consiglio per acquistare una box botton feeder la mia prima box bf x provare le varie differenze,io per non spendere troppo e comunque avere un circuito(le box o tubi meccanici li odio) avevo pensato a queste due box:n1 NEW S-CA1 Box Mod link: http://www.teknosvapo.it/it/elettronici/493-new-s-ca1-box-mod.html
    Oppure n2 questa: Geyscano MOD 50w BF link: http://www.teknosvapo.it/it/home/915-geyscano-mod-50w-bf.html
    Ha dire la verità la geyscano 50 watt mi attira per iniziare.ti da insieme alla box anche l’atomizzatore ed il resto,quindi basta che metto una batteria,coil e svapo.Ho anche pensato che in caso il circuito lo posso usare su una vecchia hana o box,c’è solo un video ( https://www.youtube.com/watch?v=37DKDmdLZW4) ma questa box mi attira per iniziare perchè se poi non mi piace potrei usare i pezzi tu che ne pensi che sei esperto sul bf e box bf.?Poi mi sembra per mano sinistra e no dx come me.Mi piace ma ho dei dubbi,mi aiuti per favore,grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Roberto,
      dovessi scegliere opterei per la seconda. Non so che elettronica monti e come funzioni ma osservando le foto sembra fatta abbastanza bene (ovviamente è cinese) e nel complesso sembra che sia ok.
      Unico “difetto” è che non ha tazza raccolta liquido quindi gioco forza devi usare atom che prendono aria dal cap ma tanto oggi giorno sono tutti cosi.
      Poi come hai detto a limite cambi elettronica e anche tazza volendo …
      La boccetta è da 10 ml ed è di quelle morbide, tra l’altro sembra avere molto spazio quindi squonk morbido.

      • xxxfabioxxx

        Ciao Michele, i tuoi video sono sempre molto utili, come tanti anche io ho imparato a rigenerare grazie a te, il Taifun gt lo considero uno dei migliori atomizzatori in circolazione anche se devo dire che non ne ho provati molti altri, anche per che quando ho provato questo mi è piaciuto molto e come si dice squadra che vince non si cambia, anche se preferisco 100 volte una rigenerazione a wick di Zivipf al cotone.
        Volevo chiederti una cosa anche se non centra niente con il Taifun ma non sapevo dove postare la domanda; svapo con lo Stingray + kick, e volevo sapere se con il multimetro (e aumentando/diminuendo le tacche del kick) è possibile misurare i WATT, per vedere se il kick è preciso, impostandolo sui volt e alzando o abbassando la potenza del Kick mi da sempre come valore 3.42 volt ma montandoci il Taifun, aumentando e diminuendo la potenza del Kick la differenza c’è e si sente!!!

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Con nessuno dei miei lcd meter (neanche l’eleaf) riesco a vedere cosa esce purtroppo. E’ un PWM, ci vuole l’oscilloscopio …

      • Roberto-Francesco

        Grazie mille di vero cuore per i tuoi preziosi consigli,vai sempre forte e ti ammiro perchè quello che fai per te e noi tutti lo fai con le tue finanze,oltre che sei una persona che si suda da se quello che fai ed impari,ciao

  • oddoss

    Tiratina d’orecchi affettuosa,.Amico, carissimo….di questo atomizzatore a me non piace il modo adottato per la ricarica del liquido, ma vedo che anche in questo video parli del rumore caratteristico del Kayfun 4, io a suo tempo lo chiamai “orchestra” e esaltavo il Lemo “modificato”, credo di poter dare un cosiglio anch’io che sono l’ultimo arrivato, o no? Bene il Lemo che ho modificato ,si carica dall’alto, silenziosissimo e rimane quello più usato, ma il Kayfun 4 con le modifiche apportate ora è entrato a pieno titolo tra i miei preferiti, quello che voglio dire, visto che ne hai due, che ti costa provare ( tappare tre dei 4 fori dell’aria, rendere più piccolo quello lasciato libero ) non si sente nulla! come il Lemo che però per i miei gusti ha una resa aromatica forse migliore ….e prendi tre “stuzzicadenti” e fa sta prova….ma che ce vò.
    Ciao con tanta simpatia.
    Paolo

    • Roberto-Francesco

      Ciao Paolo e scusami se ti disturbo,sarei curioso di sapere come e questa modifica per il lemo,infatti esso e un buon atomizzatore ma ogni volta che lo devo ricaricare mi viene la febbre,quindi se per favore mi diresti come fare questa modifica te ne sarei grato,oppure un video o altro,grazie.
      Chiedo scusa a Michele x ot sui commenti,grazie

  • leandro1977

    Buongiorno,

    volevo segnalare che il clone da me acquistato, da altro sito ma sempre in estremo oriente, ha già le asole di alloggiamento wick/cotone di misura 2,5 mm circa. questo evita quindi di dover eseguire la modifica per svapo compulsivo 😀

    Non so se posso segnalare dove ho effettuato l’acquisto.

    Saluti

  • Riccardo Foti

    ok….arrivato….bello, bel lavoro……ma…da dove si carica st’aggeggio? (so che è una domanda stupida….ma mica l’ho capito….) 🙂

  • Riccardo Foti

    rigenerato a wick con kanthal 0.3, su 2,5, tutto perfetto….piange liquido come un ossesso!!!!! l’ho dovuto svuotare e mettere da parte…e riprendere il buon vecchio kay 4 🙂
    Mike hai qualche soluzione per favore? o faccio il lancio dal balcone? 🙂
    grazie in anticipo mio GURU!
    PS: è arrivato il kraken….ora ci gioco un po e ti fò sapere

  • xxxfabioxxx

    Ciao Michele, secondo te quale ha più resa aromatica parlando di cloni fasttech , il taifun gt 2 o l’ithacka.
    Ho visto una tua vecchia recensione sull’ ithacka e mi piacerebbe provarlo; ho visto anche che ai provato un modello di fasttech che allora costava 30€ adesso lo vendono a 10€, secondo te nel clone di fasttech la ceramica è veramente ceramica o robaccia visto che costa solo 10€ ?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      La ceramica di ft è ceramica vera, tranquillo. Costa molto meno di quello che vorrebbero farti credere.
      Tra i due, premesso che non ho mai provato il clone di ft, ti dico che l’ithaka è ben più aromatico.
      Ma prendi un magoo scusa !

  • xxxfabioxxx

    Ciao michele, è possibile che mi sia andato in corto un clone del Taifun per che sono logorati gli isolatori delle viti della torreta ?
    Per pulirlo ho tolto le o-ring e l’isolatote della vite pin/positivo, ma gli isolatori delle
    viti della torretta sembravano incollate o fuse li sopra e non c’è stato verso di toglierli
    praticamente erano imparentati insieme isolatori+tubetti alloggio viti, allora ho bollito
    tutto senza rimuoverli, la bollitura può averli danneggiati ?
    Ti è mai successo di mandare in corto un Taifun? Sembrerebbe impossibile.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Io non bollisco mai niente, la bollitura è eccessiva per certi device.
      E in merito al taifun l’ho usato talmente poco che davvero non saprei :).
      Magari un pezzettino di filo ti è andato dentro e ti fa corto …

  • xxxfabioxxx

    Michele una volta per pulirli li bollivi , lo hai scritto qui nel blog in diverse parti.

    uno a caso scritto da te :Poiché contestualmente mi è arrivata anche un’ottica nuova visto che c’ero ho bollito il kayfun clone dopo averlo smontato all’ennesimo pezzo (con il solito limone) e mi sono messo a fare la solita comparazione fotografica con l’originale.
    Non cominciate a dire cose assurde del tipo “ma se avessi fatto la comparativa a 3 con il clone EhPro sarebbe stato meglio”. Grazie. LOL !
    link :http://www.esigblog.com/kayfun-v4-clone-by-fasttech/

    Poi ti volevo chiedere se hai provato questo, una nuova versione del Taifun GT2,
    link :www.youtube.com/watch?v=H7mzfDyqCG8

    link :

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      eheh vero, ma ho smesso perché:
      – le or, se non di qualità, si rovinano;
      – le parti plastiche, se non si qualità, tendono a vetrificarsi.
      Ha senso bollire solo il metallo, quindi andrebbe smontato tutto e bollire solo le parti metalliche e cercare di essere + gentili con le parti non metalliche (parlo dei cloni).
      Quel GT li non ho avuto modo di provarlo 🙂

I commenti sono chiusi.