Test TC in bianco e ammollo (CCCT) ! 41


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4001 volte.

Metti 5 circuito dotati di controllo temperatura …
– Evolv DNA40 “Gold”
– Evolv DNA200
– Eleaf iStick TC40w
– Jiguan 500-T
– YiHi SX350J

… con un atomizzatore rigenerato con Nickel Ni200 0.30 mm …

… prima con cotone a secco (in bianco) attivando a 40w con limite a 450 F / 230 C …

… e dopo con cotone bagnato con acqua (ammollo) attivando a 40w sempre con limite a 450 F / 230 C …

… e poi per puro cazzeggio fai un video e qualche scatto …

ecco che il risultato è questo:

Senza titolo-1

Lo scopo del test era quello di trarre conclusioni certe.
Dunque il test è fallito alla grande perché è impossibile trarre conclusioni certe. Si può solo teorizzare ma niente di più.
Alla fine la spunta il solito DNA della solita Evolv. E a sorpresa chi deluse è la VTC Mini.

Ma in sostanza, all’atto pratico, tutti (escluso il Jiguan, ovviamente) fanno il loro mestiere nello svapo quotidiano e il controllo di temperatura, magari non allo stesso modo, ma fa il suo mestiere !

Meglio non scrivere altro e passare al video !


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


41 commenti su “Test TC in bianco e ammollo (CCCT) !

  • ascott79

    Ciao Matteo,

    cosa pensi della idea di usare il Glicole propilenico per effettuare lo stesso test.
    Visto che esso ha una Temperatura di ebollizione di 188,2 °C ? ( fonte WikipediA )
    cosi da avere delle temperature vicine ai 200e+ °C , che sono quelle che si usano generalmente nel controllo di temp. nello svappo?

    Ciao P.C

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Chi è Matteo ? 😀
      E’ vero anche il glicole a 188 gradi è giusto come test, quando ho due minuti riprovo anche quello.

      • Pernicepx

        Salve!
        Sono un nuovo iscritto ancora nn so bene come funziona qui quindi correggetemi se sbaglio qualcosa! Grazie.
        Riguardo al video citato su, avevo da fare un piccolo accorgimento che é sfuggito al nostro caro michele.

        Nel test fatto con la Evic vtc mini si nota dal video che la lettura della resistenza non e stata bloccata quando e stata inserito l’atomizzatore.
        Quindi suppongo che il motivo per cui e successo quel disastro sia prorio per quest’ultimo.

        Cmq complimenti per il lavoro svolto.

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Ciao 🙂
          Non ne sono per niente convinto. Prova con la tua VTC Mini e vedi 😉
          Tutte le altre elettroniche non erano bloccate, eppure 🙂

          • Pernicepx

            Come non detto! Purtroppo non conosco bene tutte le box!
            Questo pero fa capire benissimo che il DNA ancora una volta risulta infallibile.

      • Fev83

        Ciao oggi è uscito il firmware 3.0 per evic vtc… potresti per caso provare con questo nuovo firmware come va?

  • rugtib
    rugtib

    Bel lavoro.
    Avrei voluto farlo anch’io ma purtroppo non posseggo tutti i tuoi circuiti.
    Volevo anch’io suggerire di fare delle prove con materiali con punti di ebollizione noti come, appunto il glicole propilenico (188°C), ma anche spingendosi a T più alte in modo da avere il range completo, con il glicerolo (290°C).
    Ciao

  • carminoh

    Ora, probabilmente, dico una grandissima ca..ss..ata.
    Secondo me questi circuiti sono stati progettati per esprimere valori in gradi fahrenheit, quando gli si chiede di mostrare i celsius fanno un calcolino, un po’ come si fa per passare da watt a volt.
    Però non è così semplice e matematico.
    Intanto da fahrenheit a celsius, se ricordo bene ci sono almeno 4 decimali che se li arrotondi per eccesso o per difetto ti sfalsa tutto il calcolo, poi i gradi celsius sono calcolato sulla scala Kelvin, altri calcoli da fare con un mare di decimali dove intervengono anche altri fattori, tipo la pressione, e dove non tutti gli intervalli della scala hanno lo stesso tipo di parametri di calcolo.
    Insomma se metti 100 °C come fai ad essere sicuro che lui calcola 212 °F? O viceversa

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Oddio ci sta tutto ma pensa te come sarebbe assurdo !
      Se non fossero stati in grado di far fare al circuito questo calcolo che mio figlio faceva in prima elementare c’è da star freschi ! 😀

  • kalos

    Salve a tutti.
    Io non ho chiaro un aspetto. Perché considerare corretta l’indicazione di 100°? Capisco che l’acqua evapora a quella temperatura, ma evapora anche a 110, 120 o 130°. Perché il circuito dovrebbe fermarsi a quella temperatura? Magari mi sbaglio, ma credo che il compito del circuito sia di regolare l’erogazione in modo di ottenere il valore impostato (nel test era 230°) pertanto, che sia acqua o liquido, il circuito cercherà di spingere fino a quando non raggiungerà la temperatura limite, salvo rimodulare l’erogazione quando questa, a causa dell’assenza di liquido, salirà in modo consistente.
    Magari avrò detto delle grandi castronerie e pertanto mi scuso in anticipo.

  • kalos

    Preciso che il mio commento è motivato solo dalla voglia di capirci qualcosa (mi sto cimentando per la prima volta con il TC) e pertanto non nasconde nessuna vena polemica. Magari, non avendo seguito sin dall’inizio l’evoluzione del TC, non ne ho capito bene le finalità. Ciao a tutti

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Le tue riflessioni sono giuste, proprio per questo nel video dico che non si possono trarre conclusioni … in linea di massima se una volta regolata la temp che ti piace:
      1) lo svapo è costante
      2) non prendi steccate
      allora l’elettronica funziona bene :).

  • Pier Giorgio

    Ciao Michele io con la istick 60 ho il problema che il TC impostato a 230c interviene sempre significa che il circuito ha un difetto o sbaglio qualcosa ?
    Ho provato a fare la prova dell’acqua con istick 60 e Dna 40 entrambi mi passano in automatico in VW devo avere qualche accorgimento diverso……..
    Ciao e grazie

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      C’è qualcosa che non va nella coil … NON devono passare a vari watt.
      Stai usando Ni200 ???

        • Pier Giorgio

          Sono riuscito a fare la prova con l’acqua è la istick 60 e da circa 92 gradi C ho rifatto la resistenza e sembra ok probabile resistenza fatta male

      • stefanoc

        Non Firmware.!!!! HW!!! dorante l’aggiornamento, il programma ti dice anche la versione HW! Nella mia per esempio è la 1.00. Girovagando ho letto di risultati parecchio diversi tra versioni diverse di HW. In giro c’e’ la 1.00, la 1.02 e la 1.03 (fin dove sono arrivato).
        Per esempio, nella mia con acqua si sta fissi sui 102°C. E la prova cotone, fatta a suo tempo, cambia di risultato tenendo l’impostazione i °C o F!!
        Sembra assurdo!

  • NewLife

    Ciao Michele. Guardato e riguardato e ho notato che il Test sul VTC Mini è falsato. Ti viene sì il cotone bruciato. Appeno lo hai attivato la resistenza è impazzita prima a 0,33 poi oltre i 0,40 ohm. Ed infatti se ti guardi il Voltaggio sale a 4,9 o 5 Volt. Mentre nei DNA sia il 40 che il 200 la resistenza non ti ha fatto nessuno scherzo ed il voltaggio si è stabilizzato a 3,6 Volt. C’è stato qualcosa che non è andato nella lettura della resistenza con il VTC Mini per cui il circuito ha erogato un wattaggio superiore ai 40W pur leggendone 40.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      La VTC durante la pressione del fire mostra il valore a cui arriva la resistenza riscaldandosi.
      Solo se la blocchi non ti mostra cosa succede :).

      • NewLife

        Ok, ho compreso questo Michele, ma perchè nei DNA Evolv la lettura della resistenza rimane a 0,13 fissa? Non ci sono sbalzi in questi due circuiti. 0,3 ohm non sono pochi(evic arriva e supera 0,40). Tu dici quindi che è solo una lettura quella che fa l’EVIC?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Perché sono circuiti costruiti da costruttori diversi :).

  • Altair

    Ciao Michele, da varie fonti leggo che il cotone comincia a danneggiarsi già a 204° C. per arrivare a bruciare a 230 e a prendere fuoco a 250°.
    Se così fosse, questo cambierebbe il risultato del test, nel senso che se a 230° impostati si annerisce il cotone forse il circuito sta effettivamente lavorando bene.

    Ti linko due delle fonti da cui ho preso spunto.
    A pagina 8 di questo .pdf http://www.dmfci.unict.it/siracusa/web1/overview_file/doctorate%20thesis.pdf

    e in Tabella 1 a metà di questa pagina:
    http://exallievi.itispaleocapa.it/esperia-2012/trattamenti-chimici-per-tessili-tecnici-antifiamma

    Per quanto riguarda il test con l’ acqua, che l’ acqua non possa superare i 100° e innegabile, ma il metallo che deve portare l’ acqua a quella temperatura non è che deve andare un po’ sopra per poter cedere abbastanza calore da mantenerla in evaporazione?
    Perché la coil non è proprio immersa nell’ acqua, su un lato è a contatto con l’ aria, e siccome il circuito le fornisce una bella spinta per arrivare a 230°, forse a 125 ci potrebbe arrivare-

    Comunque alla fine credo che quello che conta sia la rapidità di calcolo e la stabilità della temperatura, non sono certo i 10 o 20° che fanno la differenza.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Quello che dici è tutto vero ma tutto contestabile, volendo.
      Nel senso: perché allora il DNA40 preserva il cotone a 230 gradi ? Non funziona bene ?
      E’ forse la VTC l’unica che si avvicina alla realtà ?
      Per l’acqua concordo perfettamente, i 10-20 gradi vanno e vengono.

      • Altair

        Non posso sapere quella che funziona bene, volevo solo capire se hai impostato 230° perché conosci le caratteristiche del materiale che hai usato ( magari non è cotone puro ma una fibra particolare creata per lo svapo quindi ha una resistenza superiore ) perché se non c’è questo dato come si fa a dire chi è nel giusto?

        • Altair

          Mi spiego meglio, intendo dire che per avere una conferma della temperatura raggiunta bisognerebbe sapere con precisione a che temperatura si degrada in quel modo il materiale che hai usato.

          • mc0676 L'autore dell'articolo

            Ho fatto qualche ricerca nei forum ammerigani e parlano di 450F come punto di riferimento.
            Sul web tanti youtubers stranieri provano proprio a 450F (232 gradi).
            Al di là comunque del fatto che siano 230 o che siano 210 è comunque un confronto diretto pari impostazioni tra circuiti diversi, almeno questo è vero :).

          • Altair

            Ho fatto qualche ricerca, alcuni materiali specifici per svapo sembrano cotone, ma sono di altra fibra, quindi potrebbero reggere qualche decina di gradi in più senza deteriorarsi.
            Se hai usato uno di quelli forse la temperatura a cui cambiano colore è più elevata rispetto al cotone puro.
            Scusa se sono stato un po’ “pignolo”, ma hai parlato di cotone e quello che uso io a 210° già diventa color… vabbè, diciamo nocciola scuro 😉

            Buona notte, vado a vedere se funziona il TC della caldaia, mi sto gelando i piedi!

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              Io uso del normalissimo muji, niente di specifico per lo svapo. Con quali device ti diventa color nocciola a 450F ?

                • mc0676 L'autore dell'articolo

                  Visto il video, pensa il DNA40 a 450F non lo “macchia” in quel modo li ! Azz a capirci qualcosa !
                  Buona notte speriamo calda !

                  • Altair

                    Oggi ho provato con il Muji, regge almeno 15° in più rispetto al cotone che uso di solito prima di cambiare colore; questo potrebbe spiegare i risultati differenti che si trovano in rete.
                    Se è così la temperatura che hai impostato nel test è giusta per quel tipo di cotone. Scusa se ti ho fatto perdere tempo, ma almeno ora ne sappiamo di più… 😉

            • Altair

              Leggo solo ora il post sopra, abbiamo scritto assieme…
              Si certo, nessun dubbio sull’ utilità della prova ( e ci mancherebbe altro ) è un’ottima comparazione. Chi ha più circuiti a disposizione potrà in questo modo “tararsi” di conseguenza sapendo quali tendono a scaldare di più o di meno.

  • KeaneCox

    Ciao Michele! Ti seguo da tanto tempo ormai e sei uno dei miei punti di riferimento nel mondo dello svapo. Questo significa che è anche grazie a te che da ormai due anni non tocco più una bionda. E questo è molto importante per me e motivo di profonda riconoscenza.

    Vengo alla domanda. Ho comprato da poco una VTC Mini e volevo provare il controllo della temperatura. Ciò che mi lascia perplesso è l’uso del nickel come materiale per fare le resistenze. Ti sei posto il problema dei rischi per la salute che l’utilizzo di questo materiale potrebbe dare? Leggendo online si trovano diversi punti di vista: chi sostiene che il nickel riscaldato libera sostanze altamente tossiche, chi dice che le temperature dello svapo non portano a questo tipo di comportamento… tu come ti sei regolato da questo punto di vista?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao, grazie e benvenuto.
      Sinceramente anche la coca cola fa male eppure tutti la bevono.
      Il discorso del nickel l’ho letto ma francamente al momento non gli sto dando peso.
      Non dico che devi fare come me però sappi che nella VTC puoi usare anche l’acciaio 316 e con quello non dovrebbero esserci problemi (fino a che qualcuno non si sveglia e non dice che fa male pure quello).

I commenti sono chiusi.