The Russian v2.0. Piccole migliorie per un sistema quasi perfetto (Agg. x2 – Recensione: promosso) 25


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 10523 volte.

Come i miei lettori sanno e se ancora non lo sanno d’ora in poi non avranno più scuse, tra i tantissimi sistemi di alimentazione che nel corso del tempo ho provato solo uno non è mai uscito di casa mia e tutt’oggi lo uso con soddisfazione: il Russian 91%.
Prima di lui era stato il Magoo a far breccia nel mio cuore ma per una serie di motivi alla fine ho ritenuto il Russian 91% nel complesso superiore al Magoo e siccome non sono il tipo che tiene oggetti a prendere polvere il Magoo l’ho rivenduto oramai diversi mesi fa.

Il Russian 91% nient’altro è che un Kayfun Lite Plus.

Ma facciamo un pò di cronostoria, per chi non sapesse come i fatti si sono realmente svolti.

Un bel giorno Svoemesto lancia il Kayfun 3.1. Questo sistema di alimentazione nasceva con attacco 510 oppure per andare in ibrido con il Semovar.
Dopo qualche mese, quando trovare una banconota da 100 € in terra in mezzo a Piazza del Campo era più facile che trovare disponibile un Kayfun 3.1 in uno shop, in un negozio tedesco, ossia questo, compaiono due cloni del Kayfun: il Russian 91% e il Russian 100%.
Il Russian 100%, poco conosciuto, era il clone 1:1 (circa) del Kayfun 3.1.
Il Russian 91% era il clone (anche se ancora non esisteva …) del Kayfun Lite.
Il Russian 91% era a tutti gli effetti un Russian 100%/Kayfun 3.1, aveva la regolazione dell’aria e la capienza era la stessa. Però non poteva essere usato in ibrido. Ma era ben più corto.
Poi Svoemesto si svegliò e usci con il Lite Plus, aggiungendo la regolazione dell’aria (pensarci prima no ?).

Oramai è più di un anno che uso il mio Russian 91% e posso garantire che come fattura e finitura pur essendo un clone è ancor oggi come nuovo. Un prodotto che ricomprerei a occhi chiusi.

E cosi appena ho visto il Russian 2.0 ho deciso di comprarlo.
Il 2.0 altro non è che l’evoluzione del Russian 100%, quindi del Kayfun 3.1.
I cambiamenti non sono interni, ma sono esterni.
Infatti, finalmente, non ci sono più stupide valvoline che smettono di funzionare dopo 2 mesi e neanche stupide vitine da ritoccare per regolare l’aria.
C’è una ghiera, bella grande, che si ruota e che ha la duplice funzione di regolare l’aria e permettere la ricarica.
Quando l’ho preso ero scettico: per come è fatto temevo che avrebbe perso liquido. Ma oramai sono quasi 2 settimane che ce l’ho e nell’ultima specialmente ci stò dando sotto e vi posso assicurare che il sistema è asciutto.

Qua è montato sopra la mia Hammondina DNA:

20141018_114906

Come vedete l’ho ripreso color matte perché questa finitura a me piace e nel tempo dura.

Chiaramente non sono tutte rose e fiori.
Lo scotto da pagare rispetto alla versione 91% è la lunghezza.
Lo avrete già visto in questo articolo (vedi foto) ci balla oltre 1 cm tra versione 91% e versione 2.0.
Ne va di peso e di lunghezza.
Però vi dico: cosi questo sistema diventa dannatamente comodo.
Per dire, si carica senza toglierlo dal BB come vedete in questo “ebete” video:

riducendo tempi, imbrattamenti e quant’altro.

E’ pulito, è asciutto. Dopo la ricarica si forse una microgoccia nel foro di ricarica la vedete ma li resta. Non crea problemi. Insomma è tutto dannatamente asciuto.
Questo perché all’interno della ghiera dell’aria c’è una guarnizione, molto spessa, che fa una gran tenuta.
La domanda potrebbe essere: quanto durerà ?
Tra l’altro c’è una finezza: per evitare di ruotare per sbaglio la ghiera e aprire il foro di carica (se lo fatte con il sistema dritto in piedi si svuota !) la zona di ricarica è bloccata, tramite una piccola sfera che fa fare uno scatto alla ghiera, impedendole di ruotare da sola verso il foro di ricarica. Bell’accorgimento, ottima finezza.

Il prezzo ?
Quasi 90 €.

Vi dico: è pur sempre un clone, certo migliorato, certo venduto da uno shop tedesco che vende anche roba di qualità, ma pur sempre clone è. Un clone dovrebbe costare MINIMO la metà, non poco meno dell’originale. Questo è solo il mio pensiero.
Certo è che i soldi che costa li vale tutti per carità però sarebbe dovuto costare un pò meno poiché di clone trattasi. IMHO.

Prossimamente farò il solito foto-reportage dettagliato e il solito video.
Come molti di voi avranno visto dal video di Busardo ci sono da prendere alcune precauzioni per lo smontaggio per evitare di fare danni. Niente di grave ma se non si rispetta una certa sequenza di operazioni il rischio di rovinarlo c’è. Basta saperlo.

Se la lunghezza per voi non è un problema … e da tempo ci pensavate, io ve lo stra-consiglio al momento. Se lo prendete e volete smontare la base sotto prima va tolto il pin inferiore, mi raccomando (!).

Tenete anche presente che presto arriverà anche il Kayfun 4.0 per cui forse è il caso di domare la scimmia e osservare in silenzio.

Aggiornamento del 22/10/2014 – Agg.x1 Un pò di Foto

Un pò di foto commentate di questo Russian 2.0.

Particolare del corpo base smontato senza ghiera dell’aria e senza attacco 510.

20141021_175825

Solito particolare visto di traverso: si intravede la microsfera che serve a bloccare la ghiera dell’aria/ricarica e si vede il foro dell’aria con quella specie di asola/scavo che funge da pre-regolazione dell’aria.

20141021_175907

20141021_175923

Pin centrale, torretta positivo e isolante in delrin.
L’isolante in delrin che come vedrete nel video tende a cedere e causa un non perfetto centraggio del pin stesso (vedi foto sotto).

20141021_175946

La ghiera dell’aria.
Da notare:
– la guarnizione in gomma interna che è la garante della tenuta;
– i 2 spacchi in alto necessari per il blocco della corsa della ghiera quando incontra la microsfera di cui sopra.

20141021_180005

Il camino, lucido:

20141021_180039

Gli altri particolari identici al Russian 91%:

20141021_180125

Particolare della base parzialmente assemblata:

20141021_180316

Vista interna della base parzialmente assemblata, con il pin centrale che come vedete non è centrato per colpa dell’isolante che tende a cedere:

20141021_180329

Vista della base assemblata:

20141021_180601

Base con camino:

20141021_180622

Tutto montato con tip originale:

20141021_180722

Foro di ricarica:

20141021_180811

Foro dell’aria:

20141021_180840

Prossima settimana pubblico la video recensione.

Aggiornamento del 31/10/2014 – Agg.x2 – Recensione

Ecco la video-recensione.

Il sistema è promosso. Ad oggi che oramai è diverso tempo che lo stò usando conferma il suo ottimo funzionamento e la sua ottima praticità.
Il prezzo da pagare è una maggiore lunghezza.
Se avete già un Russian 91% non serve spendere altro.
Se dovete ancor oggi acquistare un sistema Kayfun … forse vale la pena pensare al Russian 2.0.
Nell’insieme solo 2 piccoli difettucci, che segnalo nel video e di cui vi ho già parlato di cui sopra.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


25 commenti su “The Russian v2.0. Piccole migliorie per un sistema quasi perfetto (Agg. x2 – Recensione: promosso)

  • doncamillo

    Guardando il video “Cazzeggio time” vien voglia di spendere ste 90 euro anche solo per tornare ad utilizzare il cazzarillo per caricarlo …. cosa che il mio 3.1 non mi permette più da mesi ormai …. Aspetto il video completo 😀

  • Marco Fabbri

    Ciao Michele,

    sono anch’io di Siena. Ho appena comprato un Dani (usato) ed ora sono in fase di “studio” per un atomizzatore rigenerabile (ho un rda smok che uso per fare esperienza….). Dopo i tuoi commenti non potrei non indirizzarmi su un Russian 91%….
    Un applauso per le info che ci fornisci e se una sera ti va di fare 2 chiacchiere di persona dovresti avere i miei dati di iscrizione (siamo anche coetanei ma io ho meno capelli….).
    Un saluto

    Marco

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Ciao Marco, grazie 🙂
      Per vedersi, volentieri 🙂

      Appro, ottimo acquisto 🙂

  • devil

    Amo il Russian91% da quando me lo hai consigliato sono passati cinque sei giorni perché mi arrivasse, poi……….. una goduria svaparlo
    Grazie Michele
    Mi sa Che mi ordino anche il 91% due mi attira troppo, il primo lo preso matte, non so decidermi per il due

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Aspetta la video rece la prox week, cosi sarai + o – convinto.

  • diogene

    Ciao Michele, meticoloso come sempre nelle descrizioni, complimenti! Ti volevo chiedere come mai non sei caduto nella moda attuale dei genesis, leggendo qua e la nei forum e guardando altri youtubers sembra che ormai rigenerabili come questo e simili siano preistoria 😀

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Perché per quanto possano funzionare bene hanno dei limiti:
      – capienze limitate;
      – obbligo di svapo “direzionale”;
      – scarsa portabilità (perdite se li capovolgi);
      – complessità di rigenerazione.

      Poi chiaramente ognuno predilige quello che + fa al caso suo.
      Del resto un iphon-ista non ammetterà mai che un android è meglio e viceversa.

      Non commettere l’errore di pensare che anche un solo youtubers o un gruppo di youtubers possa essere il detentore della verità assoluta, mi raccomando.

  • diogene

    no Michele, ma quali verità assolute per carità, la mia era una semplice curiosità, io la penso esattamente come te, senza parlare poi dei prezzi di alcuni di questi atom

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Si dovrebbe essere sempre lo stesso.
      Non è il clone del clone.

  • Arnaldo Zanchi

    Ciao Michele ottime considerazioni come sempre.
    Se non fosse che possiedo già un kayfun 3.1 e un kayfun lite plus non me lo farei scappare di certo.
    Più che ottimo il sistema di ricarica

  • Nessuno89

    Buongiorno Michele,
    Sono semore stato attratto dal russian, poi a febbraio ho acquistato un lite+, come hai detto te nell’articolo è impensabile che un clone costi quasi quanto l’originale.
    Quasi mi vien da scommettere il il kf 4.0 non si scosterà molto da questo clone (o pre-clone). mi chiedevo: è necessario ricaricarlo con il cazzarillo, oppure si può utilizzare la boccetta con ago?
    il sistema in se funziona talmente bene, che non mi stupisce che internamente sia rimasto identico a prima.
    Grazie x le foto e per le tue recensioni.
    Buona giornata
    Luca

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Come vedrai nel video quando lo pubblicherò si carica anche con boccetta con ago.

  • art1964

    Ciao michele , comprai dietro tuo consiglio il russian 91% mi pare settembre 2013, finitura come la tua, dire che è nuovo non rende l”idea, non ti ringrazierò mai abbastanza del consiglio, uno dei migliori acquisti fatti in questi 20 mesi di svapo.

  • devil

    Ma …….. lo prendo matte è troppo bello.
    Michele fammi capire: che BB usi sul video, non la haamond

  • alefuz

    ciao michele, volevo farti una domanda : secondo te come funzionamento è meglio il kayfun 3.1 oppure il lite plus ?

  • ivanspina

    Riuscite a indicarmi un buon negozio online sul quale prendere un russian 91 al giusto prezzo ?

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Questo vende il vero Russian 91%:
      http://www.ezig-online.de/

      Poi esiste il clone (si, il clone del Russian 91% che a sua volta è il clone del Kayfun) che come fattura non è al livello del “vero” Russian 91% che è fatto bene come l’originale Kayfun.

      Quindi se devi prenderlo … prendilo da quel sito altrimenti prendi il clonazzo su Fasttech e spendi il giusto.

      • ivanspina

        Mi sono registrato al sito e sto cercando di capire come effettuare l’acquisto. Ma intanto volevo chiedere:

        qual è la casa che produce il russian 91 originale ? Kebo, tobeco ? Chi il rivenditore ufficiale ? La scatola è nera o bianca ?

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          E’ UCT, Upper Class Technology.
          Né Kebo né altri …

  • CLONE

    SALVE MICHELE O LETTO L’ARTICOLO MA VORREI UNA CERTEZZA O INTENZIONE DI PRENDERE IL RUSSIAN 91 V2 MI ASSICURI CHE SI ALIMENTA PERFETTAMENTE ,ULTIMAMENTE O ACQUSTATO 2 CLONI KAYFUN LITE CLONI TOBECO E UN ALTRA MARCA MA ENTRAMBI NON CE VERSO DI FARLI ALIMENTARE DEVO SEMPRE APRIRE IL CAP SUPERIORE PER FAR ENTRARE ARIA UNO ADIRITTURA O ALLARGATO IL FORO DOVE PESCA LIQUIDO MA NON CAMBIA NULLA SEMBRA CHE FANNO IL SOTTOVUOTO QUANDO LI RIEMPI DI LIQUIDO . GRAZIE

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      91% o v2 ?
      Ad ogni modo li ho avuti entrambi e funzionano molto bene 🙂

I commenti sono chiusi.