Una sfida tutta greca, Tilemahos v2 Plus vs Calix. Imeo vs Leo. 2


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 4982 volte.

Ho immaginato che tanti di voi prima o dopo mi avrebbero chiesto un parere su questo confronto e cosi ho deciso di scrivere questo breve articolo cercando di mettere di fianco, in modo obiettivo e neutrale, questi due sistemi di alimentazione che in questo momento storico dello svapo stanno facendo breccia nel cuore di molti vapers.

Partiamo da alcuni dettagli di massima ..

Tilemahos v2 Plus By Imeo
– costa 93 €;
– ha circa 3 ml di capienza;
– regolazione dell’aria e del liquido.

Calix By Leo
– costa 110 €
– ha circa 4,5 ml di capienza;
– regolazione dell’aria e del liquido.

Per entrambi gli atomizzatori sono disponibili svariati ricambi o soluzioni estetiche differenti ma in questo momento è un dettaglio, questo, che non ci interessa più di tanto.

Andiamo adesso ad analizzare i vari aspetti tecnici di questi due atomizzatori.

Regolazione del liquido: questi due atom non hanno una vera e propria regolazione del liquido nel senso che grosso modo si potrebbe asserire che basta aprirle il camino per ottenere il risultato atteso. Secondo me vanno aperti per quel che possono fare e vanno usati al massimo wattaggio che possono offrire senza cercare step intermedi. Tra questi due forse è il Tilemahos che grazie alle scanalature nel deck permette posizionamenti diversi del cotone e quindi consente, volendo, di giocare “meglio” con la regolazione del liquido ma io vedo un sostanziale pareggio tra questi due sistemi. Il liquido si chiude per caricare. Il liquido si apre per svapare. Non è una vera e propria regolazione, come il Kay v4 insomma.

Regolazione dell’aria: in questo caso il punto è per il Tilemahos ed il motivo è semplice … ossia l’aria si regola senza dover ricorrere a cacciavitini e non serve togliere completamente l’atomizzatore dal nostro PV.

Rigenerazione: anche in questo caso il punto è per il Tilemahos e questo perché il deck del Calix costringe ad un fissaggio del filo non particolarmente agevole e naturale. Per carità, niente di impossibile ma rigenerare il Tilemahos è una passeggiata da farsi quasi ad occhi chiusi.

Regolarità di alimentazione: sostanziale pareggio, entrambi si alimentano bene e in modo costante.

Autonomia/Capienza: in questo caso il punto è vinto a mani basse dal Calix perché offre almeno il 50% di autonomia in più rispetto al Tilemahos.

Rapporto Qualità/Prezzo: il punto in questo caso è per il Tilemahos che costa meno ma è fatto decisamente molto meglio. Ogni sua parte è curata e ben rifinita mentre il Calix è molto più spartano e ha soluzioni (es. colla nel tank) che non possono garantire durata nel tempo e affidabilità. Inoltre nei tank la plastica (PMMA) è da preferire al vetro/pirex/quarzo perché in caso di urti particolari la plastica flette o rimbalza mentre i vetri … si rompono.

Funzionamento: ci può stare che dopo averli usati due mesi per uno alla fine ne emerga un vincitore assoluto ma da quello che ho potuto vedere, confrontando gli utilizzi di una settimana cadauno non mi sento di poter dire che uno funziona meglio dell’altro, in linea di massima funzionano entrambi molto bene.

Insomma alla fine il vincitore è il Tilemahos v2 Plus di Imeo e questa vittoria è dovuta anche alla scarsa fattura del Calix che ho ricevuto io.
Per assurdo potrebbe far parte di una partita di atom venuti “meno bene” però mi devo basare su quello che ho toccato con mano.
Affinché il Calix potesse vince secondo me avrebbe avuto bisogno di:
– una regolazione dell’aria esterna senza vitine o grani;
– un tank in plastica senza colle ma solo con filettature: modder piantatela perfavore con sto cazzo di pirex/vetro/quarzo che è figo ma che si rompe a guardarlo !;
– un livello di fattura generale migliore.

In ultimo ma non per questo meno importante: tenendo in mano un Tilemahos si ha l’idea di aver in mano un qualcosa che vale quei soldi, tenendo in mano il Calix sembra di avere in mano un giocattolo :).

Ognuno di voi tiri fuori le proprie conclusioni in base alle proprie esigenze.

DSC_7841-2

P.S. Il Rapput di Bisio con sti cazzo di pescatori greci in apertura di articolo ci stava bene dai ! 😀


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


2 commenti su “Una sfida tutta greca, Tilemahos v2 Plus vs Calix. Imeo vs Leo.

  • Avatar
    falch3tto

    Ciao Michele,
    Grazie per la recensione, obiettiva ed imparziale come al solito.
    Ho deciso di acquistare il Tilemahos originale, il primo atomo originale che abbia mai comprato. Spero di aver fatto la scelta giusta, ma i “difetti” del calix mi hanno fatto desistere dal comprarlo benché la capienza sia senz’altro ottima.

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Secondo me non te ne pentirai 🙂
      All’inizio abbonda con il cotone, a ridurlo sei sempre in tempo.

I commenti sono chiusi.