Un’aggiustatina al surge tank e impressioni sul suo funzionamento 4


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 2873 volte.

L’amico Luca mi ha mandato, per provarlo, il famoso surge tank.
Tale tank permette di utilizzare un atom in un BB … in modalità bottom feeder come se in pratica si utilizzasse una box mod.
E’ tutto di alluminio e qui il problema … in pratica l’attacco 510 con il tempo si usura e dopo non lo si può più utilizzare.
Considerando che costa 100 € possiamo dire che la scelta progettuale di realizzare l’attacco 510 in alluminio è abbastanza discutibile. Anzi, cannata.

Comunque visto che c’ero chiesta l’autorizzazione a procedere ho sistemato il surge.

Qua vedete com’era ridotto l’attacco:

Pensavo di poter procedere togliendo la vaschetta interna dove appoggia la boccetta ma il tipo che ha montato questi surge tank ha pensato bene di fissare i pezzi con del collante (bicomponente ? termocolla ?) e quindi sono andato alla cieca da sotto.

In particolare per prima cosa ho tolto il filetto 510:

E poi dopo aver svitato il pin centrale sono entrato con la punta giusta e ho allargato il foro:

Come si vede tra la tazza interna (appena visibile dal foro) e il corpo ci sono circa 2 mm di aria e fa “capolino” il collante di cui parlavo prima.

Comunque finita la parte al tornio non ho dovuto fare altro che prendere un attacco 510 estirpato da un CE2 e accorciato quanto bastava al tornio e ce l’ho semplicemente “mazzolato”:

Infine la vista globale dell’oggetto:

Parlando di surge tank e di come funziona, assodato che sopra al provari è davvero enorme e inguardabile, onestamente devo dire che il suo lavoro lo fa.
Non si possono utilizzare i cartom e aggiungo per fortuna, poiché usare i cartom in sistemi bottom feeder equivale a bestemmiare 😀 e sfortunatamente anche il mio ARB non ci funziona sopra :D.
La boccetta, che è quella dei reosmods da 6 ml, con quelle fessure strette è abbastanza duretta da premere (semplicemente perché dalla parte di là la boccetta non può deformarsi come avviene in un Reo per esempio) ma lo squonk è efficace, l’atom viene ben irrorato.
Quello che è strano è come rende, aromaticamente parlando, questo surge tank.
L’aroma assume una tonalità particolare, più piacevole.
Quando mi è stato detto stentavo a crederlo, ma usandolo confermo che la resa aromatica è diversa rispetto ad utilizzare il medesimo atom in una box mod.
Il perché non lo so spiegare.
La butto là, fantasticando … il tubettino stretto che si inserisce nell’atom e spruzza il liquido funge da iniettore e il liquido viene “sparato” addosso alla resistenza, creando chissà qualche misterioso effetto tale per cui l’aroma è meglio restituito.
Ma comunque io per me non comprerei mai un oggetto del genere, neanche se fosse con un attacco in Inox :D.

Ringrazio Luca per avermi dato la possibilità di provarlo. 🙂


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


4 commenti su “Un’aggiustatina al surge tank e impressioni sul suo funzionamento

  • contegeorge

    però bel lavoretto! Hai up-gradato il punto debole di quel sistema in maniera professionale.

  • mad_trix

    Gran bel lavoro,come rendere un oggetto riutilizzabile. GRAZIE
    ARB ci va …….con adattatore e va anche molto bene LOL

I commenti sono chiusi.