Un’immagine che riassume l’idea che mi sono fatto, per ora, sul DNA … 21


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 3210 volte.

ws_Blood_thirsty_1280x1024

… semplicemente assetato di mah !

Si, ahimè purtroppo è cosi !

Chiunque deciderà di prendere il DNA20D si metta bene in testa che il Provari, a parità di batteria, lo bastona in lungo e largo per quel che riguarda l’autonomia a parità di batteria.

Ma non chiamiamola autonomia, il nome giusto è “efficienza“.

Dal DNA mi sarei aspettato uno squalo di sangue se fosse stato usato diciamo dai 15w in sù, ma già a 12w purtroppo è veramente scarso per quel che riguarda l’efficienza.

Indubbiamente è comodo, perché la regolazione del wattaggio è decisamente più comoda della regolazione del voltaggio.
Indubbiamente è stabile, preciso e costante.
Ma tutto ha un prezzo da pagare e guarda caso lo scotto da pagare è proprio l’autonomia.

Se prendete in mano i due circuiti in questione, DNA20d da una parte e Provari dall’altra, vi rendete conto che nel circuito del Provari ci sono circa il triplo dei componenti.

Evidentemente Provape non ce li ha messi a caso, ma con cognizione di causa e in termini di efficienza evidentemente assolveranno a qualche precisa funzione.

Ad ogni modo, cosi per dire, con 2 NCR 18650 da 3100 mah, atom da 2.0 ohm e utilizzo a 12.8w non si riesce a terminare la boccetta da 6 ml. Oserei dire squallido come risultato.
Questo è il limido che mi rimane in boccetta dopo aver “consumato” appunto 2 NCR verdi entrambe andate in CUT-OFF a 3.72v di carica residua (l’AW arriva a 3.62v, ma siccome ha metà amperaggio dura ben meno).

IMG_20130227_103312

Quindi se qualcuno ha in mente di farsi una box io onestamente tenderei a sconsigliare il circuito DNA20D.

Sia che uno voglia svapare a 8w oppure e a 14w, trovo che il circuito del Vamo sia veramente un ottimo circuito considerando quello che costa.

E’ grandicello, ma è molto performante e soprattutto efficiente.
Lo trovate su peleon.pl a 22 € da solo, quindi neanche dovete comprare un Vamo per distruggerlo.
L’unico “problema” di questo circuito è che se volete andare sopra i 12w dovete usare per forza 2X18350 mentre fino a 12w ci arrivate precisi “viscini viscini” anche con una singola 18650.

Io oramai ne ho presi 2 di DNA20D, di cui uno già montato e anche l’altro a sto punto lo destinerò in un’altra box.

A dire il vero ho anche un altro circuito di un Vamo li fermo. LOL.

Inizio tuttavia a maturare la convinzione che se voglio farmi una box booster decente dovrà sacrificare il mio Provari V2 anche se mi girano un pò le palle al solo pensiero (è un discorso affettivo).

E tutto questo, e ci tengo a precisarlo, è secondo il mio punto di vista e secondo le mie personali esigenze.

Negli States, per esempio, dove il DNA è utilizzato all’interno di scatolette per metterci sopra dei carto tank o simil vivi nova il DNA20D è molto apprezzato e quindi come capite è tutto direttamente proporzionale alle proprie esigenze.
Io se dovessi svaparmi un carto tank di sicuro non mi farei una scomodissima scatoletta, semplicemente utilizzerei il Provari però tutto il mondo è paese, si sa.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


21 commenti su “Un’immagine che riassume l’idea che mi sono fatto, per ora, sul DNA …

  • Avatar
    kepke

    A me il DNA lo hanno spedito oggi 🙂
    L’ho preso perchè contavo di avere un circuito da mandare a 8 watt consumando mediamente 2,5/3 ml al giorno e perchè mi sembra più piccolo del circuito del Vamo… Mi confermi?

    A proposito? Quali sono le dimensioni?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      A 8 watt probabilmente superi i 4 ml, sei apposto.
      E’ molto + piccolo del vamo.
      Cioè, è + lungo (7 cm vs 4.5 cm) però come avrai notato la parte del display la giri come ti pare e lo spessore del circuito è di appena 8 mm contro gli oltre 15 del vamo.
      Larghezza idem, DNA sui 17 mm, Vamo sui 18.

      • Avatar
        kepke

        Ottimo! Speravo proprio di farmi una box unnpo’ piú contenuta della attuale…bella anche la vaschetta che hai messo, ma è quella di Del Sole?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      non è fac simile, è proprio lui.
      Da evitare come la peste.
      Piuttosto prendi quello del Vamo su peleon …

  • Avatar
    gio.spi

    OK!!! Grazie e complimenti per le tue creazioni sono un perfetta fonte d’ispirazione per gli appassionati!!

  • Avatar
    valerio92

    Ciao Michele,
    ma parlando del circuito vamo , un datasheet completo , tipo quello che si trova sul sito di evolv er il DNA20d dove posso trovarlo?
    E soprattutto sulla tua box come ti regoli per capire il voltaggio che vai ad erogare?
    Grazie

      • Avatar
        valerio92

        ah si si … avevo letto. comunque però dovrai sapere a quanto è regolato il circuito per non rischiare di bruciare la resistenza o vai solo a senso? Ti prego dimmi di si sennò mi impicco con il filo non resistivo :D.

        • Avatar
          mc0676 L'autore dell'articolo

          allora laddove ho SOLO il voltaggio è ovvio che devo sapere quanti volts uso, proprio per non rompere l’atom subito, su questo non ci piove

          ma laddove ho il variwatt lo imposto a 12w e qualunque resistenza io abbia fatto sono apposto ! 😀

  • Avatar
    roby74ohms

    ciao, ti volevo chiedere un piccolo favore .
    sono uno a cui piace svapare comodo… con la box.
    dunque solo 510 LR, 10w circa, niente genesis.
    ho costruito parecchie box, con circuiti di tutti i generi, ma due le volevo modificare con il DNA20 e usarle solo con la 18650 anziche due da 18350 su un step down come ora.
    cosa vorrei chiederti ???
    leggo che il dna stacca a 3.6/3.7 v, lasciandoti in parole povere con poca autonomia, ma te stai sui 14w/15w.
    se non ti scoccia puoi provare per me con un 510 lr e vedere fino a dove arriva..

    grazie

    ciao

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Io svapo a 12w veramente 🙂

      Ho già provato, se gli chiedi meno stacca dopo, roba di poco. In ogni caso sotto ai 3.5v non ci va perché il circuito è proprio cosi 🙂

      • Avatar
        roby74ohms

        12w ??? scusa con l’inflazione ero andato un po piu’ su….

        3.5 v….
        quanta energia sprecata…

        grazie
        ciao

  • Avatar
    fabio2765

    comunque michè, da qualche parte ho letto che le imr per durare più a lungo nel tempo non dovrebbero essere scaricate al di sotto di 3,5v, quindi se è così da una parte c’è il cambio di batterie più frequente, dall’altro ci dovrebbe essere la rottamazione delle batterie un pò + lunga nel tempo, (spero di non aver detto una cazzata) è arrivato qualcosa, o ancora niente?

    • Avatar
      mc0676 L'autore dell'articolo

      Per ora niente 🙂

      Cmq questo articolo era riferito al DNA fallato che poi mi è stato cambiato in garanzia da Evolv 🙂

I commenti sono chiusi.