Unknow Atomizer by Fasttech. Questo sconosciuto ! – Agg. x1 Video recensione: rimandato a settembre. 26


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5103 volte.

INTRODUZIONE

Su segnalazione di un lettore del Blog ordinai tempo qua questo atom da Fasttech.com.
Costa sui 12 € spedito ed è un rigenerabile per BB o BoxB con regolazione dell’aria e del liquido.

Per il momento ci ho giochicchiato poco anche perché è un periodo abbastanza “intenso” ma devo dire che negli ultimi arrivi da Fasttech la qualità media dei prodotti si sta decisamente alzando e anche se alcune piccolezze persistono in linea di massima si vede che ci si impegnano. Il problema è che poi si perdono in sciocchezze che in qualche caso potrebbero far venire la voglia di prendere e buttare il tutto nel cestino (!).

Comunque questo sistema di alimentazione in pratica ha una zona di rigenerazione che ricorda vagamente il Taifun GT. C’è un camino che si chiude addosso alla resistenza con un foro che andiamo ad aprire (svitando appunto il camino tramite il tip proprietario) attraverso il quale il liquido entra nella camera della resistenza.
Si può rigenerare a wick e a cotone ovviamente.

FOTO

Un pò di foto delle varie parti:

20140926_172005

20140926_172036

20140926_172159

20140926_172237

20140926_172244

20140926_172252

20140926_172411

20140926_172418

20140926_172426

20140926_172431

20140926_172607

20140926_172622

20140926_173059

20140926_173108

20140926_173113

20140926_173153

20140926_173203

20140926_173214

20140926_173233

20140926_175344

20140926_175643

20140926_175829

Come si nota dalle foto il livello medio di fattura è decisamente buono.
E’ per questo che mi sono un pò incazzato nel constatare che c’erano due piccolezze che non rendevano utilizzabile l’oggetto e che ho dovuto modificare.

PROBLEMINI …

Intanto l’ariosità: come vedete l’aria si regola tramite il grano posto sotto. Il problema è che il foro di partenza è davvero troppo piccolo e anche tutto aperto il tiro risulta decisamente troppo contrastato per il tipo di sistema e quindi ho dovuto gioco forza allargare il foro portando da circa 1.4 mm a 1.75 mm. Oltre non si può andare (nel video che poi farò capirete anche il perché).

Il problema più grosso era che una volta montato tutto il camino era inchiodato e quindi ciao ciao alla regolazione del liquido !
Il problema era causato dal pezzo che contiene le torrette, in particolare dall’isolatore bianco in delrin (nella foto lo vedete ancora integro) e ho risolto semplicemente andando con il dremel a ridurne la sporgenza perché chi fa la tenuta del liquido è l’oring posta sopra di esso.

Due difettucci che con un minimo di accortezza potevano benissimo evitare …

COME FUNZIONA ?

Al momento l’ho rigenerato due volte, a cotone e a wick (giusto per capire, s’intende) e nel complesso mi sembra che funzioni bene.
In pratica la rigenerazione è facile e il funzionamento pure: per caricarlo si avvita tutto il camino, si toglie il cap superiore, si butta liquido, si rimette il cap superiore e quindi si riapre il camino tip.
Purtroppo il tip è proprietario e questo io lo “leggo” come un difetto. Non solo, nonostante la modifica di cui sopra rimane bello duro da ruotare: una volta sbloccato scorre bene ma per sbloccarlo …

Mi sembra che si alimenti bene sia a cotone che a wick. I 12w li regge bene insomma.
Tutti i valori di svapo sono discreti almeno appena rigenerato. Poi chiaramente vedremo in lungo come si comporta.

Una curiosità: nel tip c’è un foro laterale che non è comunicante con il foro centrale. Secondo me serve come riferimento per l’apertura del liquido e non trovo altre spiegazioni francamente.

Insomma le prime impressioni sono abbastanza positive eccezion fatta per quelle due “magagne” ma per il momento mi fermo qui e ovviamente ve ne riparlerò più avanti, come sempre.

Aggiornamento del 14/10/2014 – Agg.x1 Video Recensione

Alla fine il risultato del test è: rimandato a settembre.
Questo sistema di alimentazione (che poi grazie a Kanarus si è scoperto essere il clone del By-Ka v3 di un modder russo !) vale ampiamente i soldi che costa e nel complesso non è neanche fatto male.
Tuttavia ci sono dei dettagli che non sono stati curati benissimo.
In particolare il vero tallone di Achille di questo UnKnow sono gli accoppiamenti tra le varie oring del camino e il cap e il tank in plastica che di fatto rendono l’operazione di svitamento del camino un’operazione davvero ardua che richiede un certo sforzo fisico e che probabilmente non è alla portata di tutti.
Peccato perché poi, tolto questo difetto, il suo dovere lo fa.
Certo l’operazione di ricarica dal cap superiore non è delle migliori e ad ogni ricarica un minimo di liquido tra tank e cap esce e si deve asciugarlo.
La rigenerazione è facile e comunque si rigeneri lui si alimenta.
Non eccelle in senso assoluto in nessuno dei vari aspetti relativi allo svapo, quindi resa aromatica, hit e produzione di vapore ma nel complesso si difende bene.
Lo consiglierei ? Probabilmente no. Solo se siete li a piazzare un’ordine e 10 € non vi pesano e volete togliervi la curiosità di provarlo.
Come ho già scritto, se per assurdo il vostro esemplare non dovesse avere problemi di scorrimento del camino dunque il sistema potrebbe anche risultare gradevole e utilizzabile.

La video recensione.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


26 commenti su “Unknow Atomizer by Fasttech. Questo sconosciuto ! – Agg. x1 Video recensione: rimandato a settembre.

  • denisj

    Leggo con piacere un casino dei tuoi articoli (tempo permettendo) per aggiornarmi un po sulle ultime novità (non mi aggiorno da circa 2 anni)
    Ti ringrazio per tutti gli articoli che ci metti a disposizione.
    Una cosa vorrei chiederti, per te non dovrebbe essere un problema.

    Potresti mettere nei tuoi futuri articoli le misure dei vari pezzi che testi per favore ?
    Lo dico perché per molti di noi (penso) sarebbe comodo avere le varie dimensioni (altezza/larghezza)
    per capire come esteticamente potrebbe stare sui vari BB o altro.

    Grazie ancora
    Denis

      • denisj

        Si si … non dovrebbe essere difficile farlo, l’unica cosa, che con tutto quello che indexi in testa per completare l’articolo
        magari e facile scordarselo 🙂

        E molto comodo anche il link al produttore, dove comunque ci sono tutte le misure.
        Riporto qui per comodità
        diametro: 21.8 mm
        altezza: 84 mm
        volume liquido: 4.5 ml
        peso: 72 g

        🙂

  • Emiliano

    Ciao Michele!Volevo un consiglio da esperto io ho un Protank 3 e volevo comprare il russian 91% che mi consigli o meglio visto che li hai provati tutti e 2 qual’è secondo te meglio anzi che differenza c’è tra i 2?Parlo di caratteristiche di rendimento e non fisiche!Grazie!

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Guardati la video recensione del russian 91% cosi visivamente ti renderai conto di quali siano le differenze. Che non sono poche !
      Chiaramente il russian in senso assoluto è superiore, ma anche + difficile da gestire in quanto se non lo rigeneri bene non funziona bene mentre il protank metti la testina ed hai finito.
      Sono due concezioni diverse.

  • Sting71

    Direi che l’utilizzatore medio, non potendo individuare (e risolvere) come te questi “difettucci”, avrebbe sclerato mezz’oretta,
    e poi non avendo risultati l’avrebbe buttato nel cestino…..

    Quindi, grazie delle dritte Michele.

  • Emiliano

    Infatti i tuoi video li ho visti li ho studiati soprattutto la rigenerazione con wik a S e credo che comunque sia un atom da esperto!penso anche come prestazioni sia migliore ma volevo un tuo parere come resa aromatica hit e vapore…meglio di te che li hai provati entrambi non me lo può dire nessuno…

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Chiaramente è superiore in tutto rispetto al Pro Tank, c’è poco da fare.
      Non devi però aspettarti che uno è da voto 5 e l’altro da voto 9.
      Differenze ci sono, ma non particolarmente elevate, almeno all’inizio.
      Poi se inizi a rigenerarlo bene dunque migliora ancora.
      Ma se parlo per me, un ProTank 3 rigenerato in casa a modo non è poi cosi “tanto schifoso” rispetto ad un Russian/kayfun, insomma si difende bene.

      Consiglio: prenditi un kay clone da 15 € su fasttech, ci giochi un pò e se ti piace il sistema ti prendi l’originale 🙂

  • aroset100

    Ciao Michele
    vedo che l’oggettino misterioso ti è arrivato e come prima impressione non ti ha deluso .
    Quel foro sul drip tip serve proprio per poter far leva e regolare a piacimento il liquido , quindi dovrebbe farci pensare che sarà sempre duro ,e comunque darò qualche limata alla boccola in delrin per poterla addolcire un pò.
    Però ,dimmi la verita , che gusto ci sarebbe per persone come tè , se ti arrivasse un atomizzatore sconosciuto e fosse perfetto a tal punto da non dover fare la benchè minima modifica , non ci credo Michele tu troveresti sempre qualcosina da sistemare da aggiustare da perfezionare ;
    ecco questo atomizzatore si presta a tutto questo ti fa sentire soddisfatto ho perfino modificato le asoline dove si adagia il drip tip :
    con il dremel ho creato due scivoli ,nella testa del camino, per agevolare la discesa della condensa all’interno dello stesso .
    Be, posso asserire che questo atomizzatore ,per quanto mi riguarda, mi sta dando tante soddisfazioni soprattutto alla luce del fatto che
    costa solo 12 euro spedito a casa.
    Grazie Michele

  • Emiliano

    Ho visto su uno shop tedesco che è uscito il RUSSIAN 2.0 con air control e per caricarlo ha un foro di lato…che ne pensi di questo atom??

      • Sting71

        Michele perdonami l’OT, ma mi incuriosisce il fatto che tu prediliga un “clone” del Kayfun (che forse tanto clone non è),
        x giunta + costoso, al Kayfun originale.
        E’ una scelta estetica, di praticità o cosa???

        Anche perchè il nuovo KF dovrebbe essere in dirittura di arrivo…..

        • mc0676 L'autore dell'articolo

          Solo per sfizio di provarlo.
          Ho avuto e possiedo (è una delle poche cose che mi sono tenuto) il Russian 91% e sono curioso di vedere com’è questo v2.

          • Sting71

            ah quindi è x testarlo e poi infilarlo nel mercatino….
            beh, allora sarà interessante leggere la tua recensione.

            p.s.
            vuoi recensire/provare un kaiser atomizer?
            ho in arrivo anche da FT un Rose…..
            so che ti piace la ceramica………………………………….;)

            • mc0676 L'autore dell'articolo

              Ho anche il rose v2 clone, lo proverò dopo l’unknow.

  • Kanarus

    Mi aveva incuriosito per la possibilità di regolare il liquido ma obbiettivamente costa poco e vale meno. Intanto il cap è un pezzo solo e non due pezzi come l’originale così si può bestemmiare di più quando si ricarica, la regolazione del liquido è pessima in quanto il camino è durissimo, la filettatura è fatta con i piedi, la regolazione del aria c’è ma serve a poco infatti si passa da tutto chiuso, a duro da morire, per non parlare del grano che essendo troppo lungo sporge da sotto quando si apre tutta l aria. Ecco unica nota positiva è che è di gran lunga l atom più semplice da rigenerare che io abbia mai provato. Come va? Per andare va. Tenuto conto di tutto sono poco più di 10 euro.

    • Kanarus

      ps: per originale intendo il by-ka v3 atomizer, di un modder russo (guarda caso) 🙂

  • alefuz

    Ciao Michele, come sempre ottime recensioni. Volevo segnalarti, se poteva interessarti, che fastech ha inserito il taifun gt con
    Regolazione dell’aria, aspetto che affliggeva questo rigenerabile …. Ciao e come sempre complimenti

I commenti sono chiusi.