Usare la wick … “sfilacciata” 20


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 5215 volte.

Già qualche settimana fa vi avevo fatto vedere, nell’Hornet, un utilizzo oserei dire “improprio” della wick.
Ossia a partire da una normalissima wick andavo a ridurla ai “minimi termini” sfilacciandola letteralmente.
Ebbene poiché ero rimasto piacevolmente impressionato da quel setup, per vedere se poteva funzionare bene anche altrove ho deciso di provarlo nel mio atom di servizio che solitamente uso nella Box e dopo oltre 3 settimane di utilizzo (e 3 coils rifatte, perché ogni settimana la rifaccio, 30-40 ml circa cadauna) vi scrivo questo articolo per esortarvi a provare questa “soluzione”.

Alla fine, a prescindere dall’atom che si sta usando e quindi che sia con ceramica o senza, che sia da BF o da dripping, lo scopo è sfilacciare la wick, minimo 2 pezzi e quindi usarla come fosse un’unica wick.

Più volte ho provato, nell’ARB e non solo, a usare una doppia wick sovrapposta ma vi assicuro che, a meno che il mio palato stia perdendo colpi, non c’è paragone.
Andando a sfilacciare la wick si ottiene una resistenza, e parlo di sistemi bottom feeder, che:
– ha una durata nel tempo importante, sicuramente superiore alla singola wick, probabilmente superiore alla doppia wick sovrapposta;
– ha un buon hit;
– ha un’ottima resa aromatica;
– ha una capacità di trattenimento del liquido interessante e nel BF fa comodo;
– è progressiva durante il consumo del liquido al ché prendere una steccata è quasi impossibile.

Sicuramente aumenta la complessità di montaggio, poiché tutti quei piccoli fili che vogliono stare dritti in tutti i modi rompono abbastanza gli zebedei e questo, per fortuna, è l’unico difetto.

Ma per il resto, solo aspetti positivi. A partire dal fatto che la nostra resistenza sarà perfettamente tonda, anziché ovale come in una doppia wick sovrapposta.

Qualcuno mi domanderà: non è la stessa che usare una wick da 3 o 3.5 mm ?
No, per me è diversa la resa.
Insomma, è da provare senza dubbio e da apprezzarne, in primis, la longevità nel tempo.

Ad ogni modo, ripeto, a prescindere da dove la andrete a provare avrete bisogno di …

Un paio di pezzi di wick (nel mio caso da 2.5 mm in silica di Svapobar, che è una delle migliori wick che abbia mai provato).

DSC_2147

Questi due (o tre, come preferite, tutto dipende dallo spazio che avete a disposizione tanto il principio non cambia) pezzi di wick andrete a smontarli semplicemente prendendo tra le dita i due capi e ruotandoli in asse nel verso opposto a cui sono state avvolte. Nel dubbio vedete la recensione dell’Eviva Tank.

Vi ritroverete con tutti i fili che compongono le wick:

DSC_2148

E a questo punto andrete ad avvolgerle tutte insieme andando a fare le spire che ritenete opportuno fare.

DSC_2150

E poi la monterete dove preferite.

DSC_2151

Se qualcuno di voi avrà la voglia di provare … mi farebbe piacere avere un riscontro alle mie sensazioni. Grazie !

Con calma ho intenzione di provarla pure nel Kayfun e nell’Evod BCC: nel secondo sicuramente funzionerà bene, nel primo è da valutare bene.


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


20 commenti su “Usare la wick … “sfilacciata”

  • Massimiliano

    CIao Miki,
    questa “tecnica” la usavo con un proficuo aumento di capillarità sopratutto quando rigeneravo i vivi nova o comunque i “testa-alta”…ho notato, che aumentava incredibilmente l’apporto di liquido alla coil, potevo alzare i watt e all’interno il liquido si ‘fondeva’ con la wick in tal modo che a volte, ritornando dalla posizione di svapo -orrizontale- a quella verticale -di riposo- il liquido se ne rimaneva sospeso…la chiamavo la rigenerazione a corallo, in quando la silca così sistemata mi ricordava tanto le fiorescenze del corallo marino.
    Io mi sono sempre trovato benissimo, fin tanto la durata dei sistemi vivinova e similari, poi l’ho abbandonata quando sono passato a rigenerabili di altra natura e sistema…
    Ipotizzo che un sistema così fatto possa funzionare, migliorando il tutto, anche in sistemi diversi da quelli citati sopra.
    Non ultimo mi viene da fare una considerazione, una cosa analoga comunque molti la fanno, almeno io si, con il cotone, una volta sistemato la wick in cotone, io uso una tecnica che si chiama -in ambito parrucchieri,capelli- cotonatura, ovvero sfilaccio e bombo il cotone per appunto aumentarne la capillarità, mi pare di capire che il funzionamento non sia del tutto dissimile da quello da te e me provato, aprendo e sfilacciando la silca, chiaramente con la silca rimangono quei lunghi tentacoli, nel cotone sembra un Cocciante pronto per un concerto…
    Ciao Michele….

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Grazie per le conferme.
      Non ci avevo mai pensato, eppure è banale come cosa.
      Concordo sul fatto che la capillarità sembra migliorare.

  • frik

    Ciao michele ho rigenerato il taifun 3 volte ma tutte e 3 le volte mi risulta troppo arioso e non ci sono i tubicini quelli che contiene l’originale c’è qualcosa che posso fare per diminuire l’ariosità?
    grazie ciao

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sfilare il tubicino che c’è e stringerlo con un paio di pinze … auguri.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Però ti chiedo di smettere di postare domande a caso in qua e la, ci sono articoli specifici ove chiedere 🙂 Grazie.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      LOL, non è che non devi postare più, devi solo postare le domande che riguardano un prodotto nell’articolo di quel prodotto 🙂
      tanto io ricevo le notifiche, lo vedo il commento 🙂

  • Lbrt

    La sto provando da ieri su Cyclone e Wow: concordo sulla resa aromatica migliorata (almeno sul Cyclone, visto che il Wow ce l’ho solo da ieri e quindi non sono in grado di fare un confronto).
    Di sicuro, la frequenza di squonkata si abbass notevolmente: sul Wow si arriva tranquillamente a 8 o 10 tiri senza avvertire sapore di wick.

    Per la durata vedremo.

    Sono curioso di provarla sul Tayfun GT, per vedere se gli allagamenti diminuiscono.

  • Lbrt

    Ops, scusa Michele, il primo commento è partito involontariamente, e non riesco a cancellarlo. 😉

  • Kanarus

    Dopo due mesi di stallo… per la serie squadra che vince non si cambia, ho deciso di provare questo setup…., con risultati sorprendenti…
    – Divo: due wick da 3 mm sfilacciate, kantal 0.20, res 2.0 ohm, aroma decisamente migliorato, hit leggermente migliorato, fumosita nettamente aumentata, squonk ogni 6 aspirazioni
    – Cyclone: due wick 2.5 mm sfilacciate, kantal 0.18, res 2.2 ohm, aroma più pieno, hit anche troppo (più del divo) squonk ogni 4 aspirazioni, fumosita aumentata.
    – Aria: due wick da 2.5 mm sfilacciate, kantal 0.20, res 2 ohm, aroma nettamente migliorato, hit migliorato anche se ancora lontano dai suoi pari, squonk ogni 6 aspirazioni, fumosita aumentata

    – squape: con primo setup con due wick da 2.5 mm sfilacciate inizialmente sa di camino, poi migliora ma non da particolare aroma, ma un ottimo hit; con secondo setup con singola wick da 3 mm sfilacciata parte meglio l’aroma migliora ma dopo poco si allaga, devo provare con wick da 3 + 1.5 sembra sfilacciate
    – kayfun: provati vari setup ma non riesco a bilanciarlo, o sa di camino o si allaga, ma sono convinto che trovando un buon compromesso con le misure delle wick si possono ottenere buoni risultati, infatti quelle poche aspirazioni nelle quali posi si è allagato davano un aroma migliorato rispetto ai setup classici

    devo provare sul taifun anche se per come funziona credo sia difficile trovare il giusto compromesso.

    Riassumendo posso dire che di certo per gli atom bottom feeder userò (tranne sorprese che però non mi aspetto nei prossimi ml svappati) decisamente questa nuova configurazione.

    Come sempre grazie Michele.

  • microchip

    Funziona molto bene e se non si vuole rinunciare alle microcoil basta sfilacciarle con un ago una volta inserita la wick, prima su un lato poi ci si sposta dall’altro.
    In effetti dura di più, penso che derivi dal fatto che non sono più impaccate e sono costantemente più irrorate anche al centro.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Bello il suggerimento, lo provo subito ! 😀
      Penso anche io che durino di + per codesto motivo.

  • Fabio88

    Ciao michele e grazie per il consiglio o rigenerato il kayfun lite plus con la wich sfilacciata….12 cm di silica da 1.5 ripiegata 4 volte su se stessa e nichrom 0.20…anche se non e uscita molto alta a 2 ohm la resa e superiore e la svapata e molto piu “grassa” …. domani lo provero sul taifun gt moddato con la ceramica di un sistema phantom!!! chissa’….huhihuhu grazie e buona giornata!!

  • Lbrt

    Dopo alcuni giorni di utilizzo, devo dire che l’aroma è ancora molto buono (la resistenza è molto meno “caramellata” del solito).
    Non so se si tratti di un effetto placebo, ma anche il tempo di rodaggio mi pare nettamente inferiore.
    Sul Wow, resistenza da 1,8, anche l’hit è molto buono, devo dire.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Che la durata sia superiore per me è una certezza. Di un 20-30% minimo.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      E’ tutto tranne che tempo perso, procedi pure 🙂

  • lorcuci

    Procedere io? Al massimo posso copiare quello che fai e ci riesco pure male. Ci ho tentato comunque su protank mini. Wick da 1,5 + 2 mm sfilacciate e messo tutto insieme, poi ho avvolto il tutto con 3,5 cm di nichel crome a 0,17 con no res nichel 0,20, “che palle”. Non mi esprimo in primis però credo di aver messo troppa wick poi quella di zivipf è sempre di diametro maggiore. Però sto a vedere anzi aspetto la tua wick sfilacciata su protank. Son sicuro che l’hai provata e non ti convince.

    • mc0676 L'autore dell'articolo

      Sbagliato ! 😀
      Proprio ora sto svapando (oggi a dire il vero l’ho svapato tutto il di) l’Aerotank Mega con testina del ProTank v3 rigenerata con 2 wick da 2.5 mm sfilacciate e avvolte in un unica coil per 2.2 ohm 6 spire di kh 0.20.

      Nel tuo caso usa pure una singola 2.5 mm sfilacciata con 6-7 spire di 0.20 e ovviamente non resistivo.

I commenti sono chiusi.