Vi va di fare un test ? Come funziona il vostro controllo di temperatura ? 2


! Questo articolo non è aggiornato da oltre due anni e considerando quanto si sta evolvendo velocemente il mondo della sigaretta elettronica è probabile che il contenuto di questo articolo non sia più attendibile. Ti invito quindi a usare la funzione cerca per cercarne uno più recente e attuale.

Articolo letto 2708 volte.

m-its-hot_9951

Sulla scia di un commento lasciato da igipit che ringrazio per il prezioso contributo mi sono messo a fare qualche prova con i vari circuiti per controllo di temperatura che possiedo.
La prova è davvero molto semplice ed è a prova di stupido: probabilmente non è scientifica ma di sicuro è molto indicativa.
Si tratta in pratica di verificare come funziona il vostro device con controllo di temperatura.

La procedura è semplice:
– rigenerare un atomizzatore (a vostra scelta, ma potete provare con diversi atom) con Ni200;
– mettere cotone;
– bagnare il cotone di acqua (tanta acqua);
– far leggere la resistenza al vostro PV;
– impostare sui 20w / 20J e un limite di temperatura sui 200 C°;
– premere FIRE e osservare la temperatura “reale”.

Poiché è acqua come giustamente dice igipit almeno per i primi istanti e fino a quanto gran parte dell’acqua non è vaporizzata la temperatura reale dovrebbe essere molto prossima ai 100 gradi centigradi.

Mi piacerebbe che alcuni di voi facessero questo esperimento per poi riportare i risultati nei commenti di questo articolo nel formato, ad esempio:

Device / Atomizzatore / Filo – Diametro – Fornitore > Temperatura

Questi sono alcuni miei test:
– VTC Mini / cyclone clone svapiamo / ni200 0,25 zivipf > 102 C°
– Istick TC40w / cyclone clone svapiamo / ni200 0,25 zivip > 104 C°
– VTC Mini / KLP originale / V2a (SS 304 Zivipf) 0,32 > 128/130 C° – non ci siamo, proverò altri atom.
– SX350J su box autocostruita TCR a 105 (come da valore dichiarato da Zvipf) / KLP originale / V2a (SS 304 Zivipf) 0,32 > 90/92 C°
– SX350J su box autocostruita TCR a 98 (contro i 105 dichiarati) / KLP originale / V2a (SS 304 Zivipf) 0,32 > 98/102 C°
– SX350J su box autocostruita TCR a 105 (come da valore dichiarato da Zvipf) / Origen Little 16 / V2a (SS 304 Zivipf) 0,32 > 100/102 C°
– VTC Mini / Origen Little 16 / V2a (SS 304 Zivipf) 0,32 > 126/128 C°
– DNA40 su box autocostruita / Origen Little 16 / Ni200 0,25 Zivipf > 94/96 C°
– VTC Mini / Origen Little 16 / Ni200 0,25 Zivipf > 120 C°
– Istick TC40wi / Origen Little 16 / Ni200 0,25 Zivipf > 96/100 C°

Io ho fatto anche prove con altri fili e andando a toccare il TCR dell’SX350J ma già testare il Ni200 è più che sufficiente.

Su Esigforum ho aperto un 3D (link) e i risultati che stanno emergendo tra i vari vapers sono piuttosto contrastanti.
In particolare proprio il circuito SX350J, con Ni200, sembra dare valore di temperatura molto ma molto distanti dai 100 gradi centigradi.
E sia chiaro, a me interessa vedere i numeri di tutte le box e di tutti i circuiti, non solo del SX350J.

GRAZIE a chi darà il proprio contributo a questo articolo.

Vi allego un estratto del prossimo video (che durerà poco meno di un’ora e si parlerà di controllo temperatura per principianti) dove vi faccio vedere quello che va fatto (il video è low quality, tanto si capisce bene lo stesso):


Mi chiamo Michele e sono del '76.
Ho cominciato ad usare la sigaretta elettronica ad inizio 2011 e da allora non ho più acceso una bionda analogica.
A metà 2011 ho iniziato a raccontare la mia avventura nel mondo delle sigarette elettroniche attraverso Esigblog che rappresenta il mio diario personale dove annoto tutte le mie esperienze.
A dispetto di quello che i miei lettori possono immaginare io non sono affatto un esperto di sigarette elettroniche: se è vero che spendo parte del mio tempo libero per scrivere articoli e girare video è vero il fatto che non trascorre giornate intere a documentarmi su tutto quello che riguarda la sigaretta elettronica.
Ed è per questo motivo che i miei video o i miei articoli potrebbero contenere informazioni o notizie non attendibili o prive di fondamento.
Prendi atto di questo e se decidi di continuare a leggermi prendimi per quello che sono ossia un semplice appassionato di sigarette elettroniche.

Grazie, Michele/mc0676/svapators.


2 commenti su “Vi va di fare un test ? Come funziona il vostro controllo di temperatura ?

  • winky
    winky

    Grande Michele e grezie per queste continue e assidue info che condividi sempre.

    p.s. eWiwa gigi 😉

  • igipit

    Ciao Michele,
    ho letto il thread sul forum. La mia opinione è che molti dei lettori che hanno inviato i loro dati siano affetti da “resistenza statica”. La mia SX350 mini M-class sia con il titanio che con il Ni200 alla prova dell’acqua si comporta perfettamente con il KFL+. Con l’eXpromizer V2 è un disastro ma è colpa della costruzione approssimativa dell’atom. Ad esempio, poche ore fà ho fatto qualche tiro disastroso. Ho smontato ho messo in corto le torrette ed ho misurato la resistenza: 0.2 ohm! Robe da non credersi. ho smontato il pin di rame ed il perno centrale, lavati ed asciugati, spazzolati tutti i filetti e la testa del pin, rimontato tutto serrando saldamente, messo in corto, misurato: 0.02 ohm circa. non sono i 0.003 ohm del KFL+, ma adesso anche l’eXprom và come un treno, anche se sò che fra qualche settimana dovrò rifare la pulizia profonda.
    Quanti dei lettori che hanno fatto il test hanno l’atom a posto? Quanti hanno misurato la resistenza statica? Il Ni 200, contrariamente a quanto detto da un lettore, è il peggior materiale da TC, quello sul quale la resistenza statica ha l’effetto maggiore, perchè ai fini dell’errore conta il prodotto della resistenza per il TCR: più e piccolo il prodotto e maggiore è l’errore. Prova ad immaginare se avessi avuto una coil in Ni200 da 0.1 ohm sul mio eXprom prima della pulizia: la SX avrebbe assunto di avere una coil da 0.3 ohm ed alla prova dell’acqua mi avrebbe letto circa 40°C.

I commenti sono chiusi.